Ora Lonno ha perso la pazienza

Ne avevamo parlato su BergamoPost lo scorso novembre, e tutto lasciava presagire un intervento di routine e messa in sicurezza che avrebbe risolto in tempi relativamente brevi un disagio che invece continua ancora alle soglie di febbraio. Stiamo parlando del senso unico alternato istituito lungo la strada che dal centro di Nembro sale verso la frazione di Lonno dopo lo smottamento causato dal maltempo a fine ottobre, quando in due ravvicinate occasioni l strada fu addirittura chiusa al traffico per alcune ore. Nella frazione vivono poco meno di 500 persone, con molte famiglie che per lavoro, scuola e servizi utilizzano la strada anche più volte al giorno.

L’alternativa, ove però vige un divieto di transito, è la vecchia carrabile che scende verso Alzano. Il malcontento, espresso nel recente passato anche nel corso di un’assemblea pubblica, monta attraverso i social, dove negli ultimi giorni è apparso l’articolato post di un residente, Umberto Vaccarini, che rimarca agli amministratori comunali ed agli organi di stampa la difficile situazione di transito: «Sono un residente di Nembro – scrive Vaccarini – e più precisamente nella frazione di Lonno. Il 28 gennaio 2019, una leggera nevicata ha lasciato sulla strada, soprattutto nel tratto interessato dalla frana di fine ottobre 2018, un leggero strato di neve ghiacciata, creando una situazione di pericolo. Diverse persone perdevano il controllo della propria auto, pericolo accentuato dalla presenza del semaforo che obbliga a frenare in una porzione distrada particolarmente in pendenza. La situazione si è presentata ancora più pericolosa per il fatto che i semafori erano disallineati, e quindi presentavano il verde per tutti e due i sensi di marcia. Questa situazione si presenta frequentemente, troppo frequentemente, creando oltre ad una situazione di possibile scontro frontale, a discussioni su chi è passato con il rosso, prima di appurare che tutti e due avevano il semaforo verde! A nulla valgono le segnalazioni frequenti fatte al Comune. Ora, come ho ben capito…

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 45 del BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 7 febbraio. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.