Ponte, il centro storico cade a pezzi

«Mentre il centro storico cade a pezzi e ogni giorno peggiora, i soldi per la palestra nuova ci sono». Il commento amaro, corredato da una serie di immagini di case fatiscenti, arriva dalle pagine Facebook del gruppo “Ponte San Pietro Cittadini a confronto”. Alcuni residenti lamentano infatti una decadenza dei palazzi che fanno capolino nel cuore di Ponte San Pietro, spesso pericolanti. A destare le maggiori preoccupazioni è soprattutto l’edificio situato in via Roma.

Più volte l’amministrazione ha cercato di placare le polemiche che periodicamente si accendono sull’argomento, spiegando la storia legata a questa struttura: «L’edificio non utilizzato, poiché da ristrutturare, in via Roma è stato donato all’amministrazione Reduzzi nel 2000 – ribadisce la giunta Zirafa –. Il centrosinistra che per tanti anni ha governato il nostro paese ha ricevuto un edificio bruciato e inutilizzabile senza minimamente preoccuparsi di quanto riceveva né pensando al suo futuro. In tempi ben diversi, quando l’edilizia ancora tirava, hanno ricevuto la donazione senza mai pensare a un progetto di ristrutturazione né si sono mai attivati per eventualmente venderlo».

Il Piano delle alienazioni dell’amministrazione prevede nel corso del 2019 di sanare la situazione attraverso la permuta di un vano al piano terra di proprietà comunale con alcuni piccoli vani posti ai piani superiori dell’edificio confinante di proprietà di terzi. Un’operazione che si…

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 29 del BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 6 giugno. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.