Zanetti, due vittorie per tentare
di salvare una (pessima) stagione

Cinque giornate al termine, decimo posto in classifica con 24 punti (nono al pari della Banca Valsabbina Millenium Brescia che però ha disputato una gara in meno e vanta un miglior quoziente set) e tre lunghezze di ritardo da quell’ottavo posto occupato dalla Bosca San Bernardo Cuneo che pare essere ormai un miraggio. Se a questo aggiungessimo anche la mancata qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia – sfuggita di un niente, ma pur sempre sfuggita -, non si potrebbe far altro che definire la stagione della Zanetti Bergamo come fallimentare. Passino infatti tutte le attenuanti concesse a inizio del campionato – squadra nuova, tecnico nuovo, alcune giocatrici straniere che si dovevano ambientare, altre arrivate a pochi giorni dal via -, che ci possono anche stare, ma oggettivamente nessuno si sarebbe aspettato un altro anno di sofferenza dopo il precedente, chiuso con una salvezza acciuffata per il rotto della cuffia nell’ultima gara contro Monza. E, soprattutto, dopo qualche dichiarazione estiva (a posteriori, forse un po’ avventata) in cui si puntava a un rilancio con un posizionamento subito dietro le tre big del nostro campionato (Novara, Conegliano, Scandicci).

Qualcosa è certamente andato storto e ora si è ancora una volta lì nei bassifondi a cercare di conquistare quell’accesso ai playoff che rappresentano il minimo sindacale di fronte anche agli investimenti fatti in estate. Detto questo, la stagione è ancora ampiamente salvabile. Seppure in extremis, l’eventuale accesso ai playoff concederebbe un’ulteriore possibilità al gruppo di Matteo Bertini. Del resto, è risaputo che la regular season è di fatto un campionato a sé stante e con l’avvio degli scontri diretti tutto può essere rimesso in discussione: l’accesso ai quarti di finale e la qualificazione alla semifinale potrebbero salvare una stagione fin qui sottotono e molto deludente. Ma per arrivare a questi obiettivi sarà necessario evitare qualsiasi…

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 23 del BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 7 marzo. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.