Zanetti, (quasi) addio ai playoff
Cade l’Olimpia, ma non fa male

Domenica amara, anzi amarissima per Zanetti Bergamo e Olimpia Bergamo. La prima lascia le penne in casa della Lardini Filottrano e ora si dovrà affidare quasi totalmente a un miracolo per centrare i play-off, la seconda cade in quattro set a Castellana Grotte ma non compromette la propria situazione di classifica.

 

 

Zanetti sottotono. La notizia di giornata è senza dubbio la sconfitta esterna della Zanetti Bergamo, una battuta d’arresto che ad oggi rende molto difficoltosa la qualificazione ai play-off: Cuneo, ottava della classe, precede le rossoblù di 3 punti, ma ha già osservato il turno di riposo, pertanto le bergamasche non dovranno più lasciare nulla per strada e sperare in un passo falso delle rivali. Tornando al match di domenica 24, nei giorni scorsi dicevamo che la Zanetti, sulla carta, è decisamente superiore a Filottrano, terzultima forza della classe, e che avrebbe dovuto aver paura solamente di se stessa. Purtroppo così è stato: le difficoltà emerse in fase difensiva e ricezione – e non basta l’assenza di Megan Courtney, rimasta a Bergamo per un attacco influenzale, a giustificare il basso livello visto in questi due fondamentali – hanno condizionato parecchio le scelte di gioco di Carraro, costretta a vestire i panni della maratoneta. Ciò nonostante, la Zanetti – in campo con la diagonale Carraro-Smarzek, Olivotto e Tapp al centro, Mingardi e Acosta in posto quattro e Sirressi libero – resta viva per due set: il primo lo getta alle ortiche non sfruttando un sostanzioso margine (14-19) , il secondo lo fa suo alla quinta palla set. Bertini si gioca le carte Strunjak e Loda, ma la squadra si scioglie e lascia tre punti a Filottrano. Quei tre punti che poi, in negativo, potrebbero fare la differenza.

 

 

Olimpia, ko in rimonta. Domenica deludente anche per l’Olimpia Bergamo, che dopo essersi aggiudicata il primo set cade sotto i colpi provenienti dal campo della Materdominivolley.it Castellana Grotte. A far la differenza è stata soprattutto la splendida giornata dell’esperto opposto pugliese Cazzaniga, abile a chiudere l’incontro con 32 punti e soprattutto un ottimo 61% in attacco. All’Olimpia, come testimonia il punteggio dei singoli parziali, è mancato solamente il guizzo nei momenti decisivi: una maggiore lucidità in quei frangenti avrebbe quantomeno permesso alla formazione allenata da Alessandro Spanakis di tornare a casa con un punticino. L’Olimpia parte con la solita formazione – diagonale Garnica-Romanò, Erati e Cargioli al centro, Tiozzo e Shavrak in posto quattro e Innocenti libero – e inserisce immediatamente la quinta chiudendo in maniera repentina il primo parziale sul 14-25. Sembra l’inizio di un’altra cavalcata vincente, ma Cazzaniga scalda i motori e lancia bombe verso il campo bergamasco. L’opposto si carica in spalla la squadra e nascono tre frazioni di gioco equilibratissime decise dal minimo scarto: la seconda e la terza si concludono sul 25-23, mentre nella quarta servono addirittura i vantaggi con l’invasione di Erati, rilevata grazie al videocheck, a confezionare il successo di Castellana Grotte.

 

 

Lardini Filottrano-Zanetti Bergamo 3-1
(30-28, 27-29, 25-16, 25-22)

Lardini Filottrano: Partenio 21, Garzaro 17, Whitney 15, Vasilantonaki 21, Cogliandro 14, Tominaga 3, Cardullo (L), Brcic, Pisani. Non entrate: Baggi, Rumori. Allenatore: Schiavo.

Zanetti Bergamo: Mingardi 20, Olivotto 16, Smarzek 18, Acosta 8, Tapp 3, Carraro, Sirressi (L), Strunjak 4, Loda 3, Cambi, Imperiali. Allenatore: Bertini.

Arbitri: Cesare e Grassia di Roma.

Durata set: 31’, 32’, 24’, 27’. Totale 114’.

Note: muri 5-10, aces 7-0, errori in battuta 12-9 PAGELLE: Olivotto 6,5, Mingardi 6, Smarzek 6, Strunjak 5,5, Carraro 5, Acosta 5, Loda 5, Sirressi 5, Tapp 4, Cambi e Imperiali senza voto. All. Bertini 5.

 

Materdominivolley.it Castellana Grotte-Olimpia Bergamo 3-1
(14-25, 25-23, 25-23, 27-25)

Materdominivolley.it Castellana Grotte: Fiore 10, Campana, Longo 5, Gargiulo 6, Di Carlo, Patriarca 8, Pilotto, Bertoli 5, Cazzaniga 32, Mazzon, Battista (L). Non entrati: Floris e Primavera. Allenatore: Castellano.

Olimpia Bergamo: Erati 13, Innocenti (L), Cargioli 11, Tiozzo 15, Cioffi 1, Cristofaletti, Garnica 1, Shavrak 14, Sette, Romanò 14. Non entrati: Franzoni, Cogliati e Gritti. Allenatore: Spanakis.

Arbitri: Caretti di Roma e Laghi di Ravenna.

Durata set: 21’, 32’, 31’, 34’. Totale 118’.

Note: muri 7-14, aces 5-1, errori in battuta 15-17.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.