Non è che il sindaco di Osio Sotto
ha mentito sul parco fotovoltaico?

«Non tollero che i cittadini di Osio Sotto vengano presi in giro». Attilio Galbusera, capogruppo della minoranza “Patto per Osio”, si scaglia così contro il sindaco Corrado Quarti in merito alla questione relativa al parco fotovoltaico, emersa dall’approvazione della variazione di bilancio nel Consiglio dello scorso 30 settembre. «In sede di Consiglio è emerso che il parco fotovoltaico ha subito un danno nell’ambito dei lavori di consolidamento del cavalcavia di via delle Industrie. Sono stati messi in variazione circa settemila euro per la risoluzione del danno – spiega Galbusera -. Il mio intervento era stato immediato. Conosco bene quel parco e tutta la documentazione relativa, perché l’opera è stata realizzata sotto il mio mandato. Ricordavo benissimo che, secondo quanto dettato dell’assicurazione, anche gli interventi di manutenzione straordinaria risultano a carico della società “Ing” di Treviolo. Dopo l’intervento in Consiglio, abbiamo deciso di approfondire la questione, richiedendo la documentazione, e abbiamo scoperto che il parco è stato fermo ben 42 giorni».

Il gruppo di minoranza è convinto di aver portato alla luce un fatto insabbiato dall’amminitrazione. Dal Comune risponde Luciano Invernici, consigliere con delega all’Efficientamento energetico: «Ricordo bene che la domanda sollevata da Galbusera riguardava l’assicurazione e che gli era stato risposto in modo soddisfacente: l’assicurazione entra in gioco anche per manutenzione straordinaria solo in caso di sinistri provocati da ignoto, ma nel caso specifico, il sinistro era stato chiaramente causato da…

 

Articolo completo a pagina 43 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 14 novembre. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.