Il weekend perfetto in casa Atalanta
Anche Primavera e vivaio brillano

En plain della Dea! È stato un weekend da incorniciare per il mondo Atalanta quello appena trascorso. Dalla prima squadra alle formazioni nazionali del settore giovanile, è stato un tripudio di successi. Il pubblico orobico ha potuto gioire sia per lo spettacolo offerto dagli uomini di Gasperini nel nuovo Gewiss Stadium che per le imprese dei ragazzi del vivaio impegnati sui campi di Zingonia.

 

 

Ad aprire le danze è stata la Primavera: sabato pomeriggio l’orchestra di Brambilla ha suonato l’ennesima sinfonia da applausi superando 5-2 il Pescara. I nerazzurri hanno gestito le forze in una partita indirizzata già dai primi minuti, rischiando forse qualcosa di troppo a inizio ripresa, ma nel momento cruciale sono saliti in cattedra senza lasciare scampo agli abruzzesi. La pressione offensiva dei padroni di casa è la costante delle sfide della Primavera atalantina e in alcune circostanze porta i suoi frutti in poco tempo. Contro i Delfini succede proprio questo: la difesa bergamasca intercetta la sfera con Guth che trasforma l’azione da difensiva a offensiva servendo Piccoli, il numero 9 vede con la coda dell’occhio l’inserimento senza palla di Traore e lo serve in profondità, l’ivoriano pesca a centro area Cortinovis il quale salta un uomo e da pochi passi spiazza il portiere avversario. Il raddoppio siglato da Piccoli, dopo numerosi tentativi sbagliati, taglia le gambe agli ospiti, che però tornano sul rettangolo verde nel secondo tempo con motivazioni completamente diverse. Gli orobici abbassano il livello di concentrazione, staccano la spina e concedono in due minuti prima il gol dell’1-2 e poi il pareggio. In occasione della prima rete, Ndiaye pressato nell’area piccola regala il pallone a Pavone, che non sbaglia, mentre il 2-2 arriva con una bella combinazione e il tap-in di Diambo.

Le due sberle risvegliano i nerazzurri, che riprendono a giocare come nella prima frazione. Sulla sinistra Ruggeri serve Cortinovis, il fantasista riccioluto si accentra palla al piede e premia dalla parte opposta Traore per il momentaneo vantaggio. Altra azione orchestrata magistralmente dalla Dea. Il poker lo sigla Okoli con la specialità della casa, ovvero il colpo di testa arrivando dalle retrovie sul corner perfetto calciato con il mancino fatato da Ruggeri. Il Pescara si sbilancia per provare a tornare in partita e l’Atalanta, sfruttando la velocità in contropiede di Traore, trova anche la cinquina con Colley, tutto solo a centro area. Termina così la sfida, con i bergamaschi ancora al comando della classifica a punteggio pieno dopo quattro giornate e un gioco da far invidia alle migliori formazioni d’Europa.

 

[Lorenzi, tecnico dell’U18 nerazzurra (atalanta.it)]

 

Grande successo anche per l’Under18, la truppa in grado di vincere all’ultimo respiro nel match casalingo contro la Fiorentina. A testimonianza della straordinaria competitività del nuovo campionato, i viola ultimi in classifica sono riusciti a tenere testa alla capolista sfiorando il colpaccio. In una girandola di emozioni, gli uomini di Lorenzi ribaltano lo svantaggio 2-3 e in pieno recupero segnano il rigore decisivo con Guillaume Renault centrando il terzo successo consecutivo. Sidibe, Reda e Carrà sono stati gli altri marcatori di un confronto spettacolare e dall’esito incerto. Tutt’altro che equilibrata è stata invece la sfida vinta dall’U17 ai danni del Chievo Verona. Una Dea bella e spietata ingrana la quinta schiantando con un poker targato Rosa, Oliveri, Giovane e Falleni la formazione clivense e prosegue la marcia a punteggio pieno. I quindici punti conquistati con zero reti incassate raccontano di un avvio di campionato troppo facile per un’Atalanta che a volte sembra esprimersi a ritmi ingestibili per le avversarie incontrate finora. Hellas Verona e Inter inseguono a quota 13 e 12 punti.

In seguito a due pareggi consecutivi, l’U16 di Fioretto torna al successo regolando senza troppi problemi con un secco 3-0 il Cittadella. I gol di Biral, Stabile e Vitucci riportano i bergamaschi a meno due dalla vetta occupata dal Milan e li mantengono imbattuti. Ottima prestazione che rilancia le ambizioni dei classe 2004. Sembra essere terminato il periodo buio dell’U15 grazie al tris rifilato ai pari età veneti. Una performance da urlo di Guerrini, autore di una tripletta, piega le resistenze della compagine granata e prova a diradare le nubi che hanno coperto il cielo di Zingonia. I risultati della squadra di Gambirasio non sono stati di certo entusiasmanti, ma con questo successo il gruppo ’05 potrà trovare nuove motivazione e convinzioni. Vittoria 14-0 invece l’U17 A femminile sul campo del Cologno con la tripletta di Gaia Bianchi, le doppiette di Paris, Galdini, Lumina, Zanini e Veronica Bianchi e la rete di Licini. Solo 1-1 dell’U17 femminile B contro il Como in casa con la marcatura di Fumagalli.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.