La folla di portoghesi, retata record
delle guardie sui treni dei pendolari

Circa un viaggiatore su trenta è irregolare. È un dato preoccupante quello emerso dal primo giorno di attività delle guardie che da martedì stanno pattugliando i treni delle linee ferroviarie della Bassa, la Milano-Treviglio e la Milano-Bergamo. I dati sono stati diffusi dall’assessore regionale a Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte, tracciando un piccolo bilancio dell’iniziativa grazie alla quale il 75 per cento dei 104 treni che, giornalmente, percorrono le due direttrici saranno presidiati da guardie armate. Fatti due conti ed estrapolato un dato di stima, si tratta di un viaggiatore su trenta. «Allo stesso tempo – ha aggiunto Sorte – in collaborazione con Trenord, abbiamo potenziato le squadre anti evasione per combattere anche l’evasione del pagamento dei titoli di viaggio».

 

vigilanti-sui-treni-trenord-foto-corriere-it_-e1461058515407

 

La maggior parte dei viaggiatori senza biglietto (ben 653 quelli pizzicati in sole 17 ore, tra le 6 del mattino e le 23), ha scelto di non regolarizzarsi e pagare la multa (salata, peraltro: 42 euro). E di scendere dal treno. In 29 hanno invece pagato. L’operazione «consentirà di aumentare la sicurezza sui treni e nelle stazioni, ma anche di dare un giro di vite a chi non paga il viaggio». Insieme alle guardie infatti, a controllare i biglietti c’erano i «normali» controllori e una squadra di agenti «anti-evasione».

Sperimentazione: armati in carrozza. Sui treni arrivano le guardie armate per scoraggiare ladri e rapinatori. È partito martedì sui 104 treni giornalieri delle tratte Milano-Bergamo (via Treviglio) e Bergamo-Treviglio il progetto sperimentale «Tratta sicura». «Per un mese – ha spiegato l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilita’, Alessandro Sorte – su queste linee saranno in servizio 20 guardie giurate armate. Saranno impegnate in 9 squadre più una di riserva e riusciranno a coprire il 75% delle corse quotidiane. Allo stesso tempo saranno potenziate anche le squadre anti evasione che accompagneranno le guardie armate. Ricordo anche che non e’ previsto alcun aumento del biglietto per questo progetto sperimentale». Il primo treno in partenza da Milano sul quale effettueranno servizio i vigilantes è quello delle 5.40, l’ultimo quello delle 22.10. Il primo treno da Bergamo è quello delle 6.02. L’ultimo quello delle 23. Si tratta dunque di un’evoluzione del percorso sperimentale avviato l’anno scorso. «Se anche questa seconda fase – ha aggiunto Sorte – darà i risultati sperati, e che chi usa il treno per andare a scuola o al lavoro ci chiede, pensiamo di poter fare ancora di più mettendo in campo, nel prossimo anno, un piano straordinario per la sicurezza sui treni con l’impiego di circa 250-300 guardie armate».

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.