Dopo la Primavera, ok anche l’U16
Bella scoperta questo Sidibe

[In apertura, l’Under 16 festeggia Sidibe dopo il gol. Foto Atalanta.it]

 

Dopo aver iniziato il weekend della festa della donna con il botto, il settore giovanile dell’Atalanta ottiene, tra sabato e domenica, buoni risultati. Tre vittorie, un pareggio e due sconfitte sono il resoconto di una giornata che può incidere molto in chiave classifica per diverse categorie. La Primavera, impegnata nell’anticipo del venerdì sul campo del Genoa, ha schiantato il Grifone con un roboante 5-2, riuscendo a guadagnare due punti di vantaggio sulla Roma, che ha rallentato la sua corsa impattando 0-0 in casa contro l’Udinese. Purtroppo per i ragazzi di Massimo Brambilla non ha fatto lo stesso l’Inter di Vecchi che si è imposta in trasferta a Verona di fronte all’Hellas con il risultato di 3-1; i meneghini rimangono così in vetta alla graduatoria, a pari punti insieme all’Atalanta e potranno godersi la pausa di due settimane prima del match decisivo del 31 marzo contro la Roma.

 

[Bolis, capitano della Primavera, contro il Genoa. Foto Atalanta.it]

 

Sabato altra partita e altra sconfitta per la Berretti di Stefano Lorenzi, che, dopo la caduta rovinosa di quindici giorni fa ad opera della Feralpisalò, deve fare i conti con il Bassano Virtus. La rete lampo di Paccagnella arrivata al secondo minuto di gioco non lascia scampo all’Under 18 nerazzurra, che dimostra ancora una volta di avere dei problemi nell’approccio alle gare. Sia in occasione della sfida con i Leoni del Garda sia nell’ultima uscita, gli orobici hanno dovuto raccogliere la palla in rete nei primi istanti di gioco e questo ha portato due pesanti ko. Il recupero del confronto con il Sudtirol sarà determinate per ritornare al secondo posto in classifica, che attualmente dista un solo punto ed è occupato dai vicentini e dai bresciani. Si conclude ai gironi, invece, l’esperienza dell’Under 17 alla 47esima edizione del Torneo Città di Arco-Beppe Viola. Il bilancio di una vittoria e due pareggi con la conseguente seconda piazza non permette agli uomini di Giovanni Bosi di qualificarsi alle semifinali della competizione. Fasi finali a cui sono approdate Sampdoria, Bologna, Chievo Verona e Torino. L’ultimo atto è in programma oggi (martedì 13 marzo) alle ore 18 e vedrà di fronte felsinei e granata per aggiudicarsi il titolo di campioni. Nel prossimo fine settimana i nerazzurri torneranno a fare sul serio in campionato per chiudere in testa alla graduatoria di categoria.

È tempo di celebrazioni per il gruppo dell’Under 16 che domenica ha centrato il quinto successo consecutivo con una prestazione di grandissimo spessore contro la Lazio. Il big match tra seconda e terza in classifica promette spettacolo e non delude le aspettative. Le due formazioni si affrontano a viso aperto: al terzo minuto una disattenzione della retroguardia capitolina viene sfruttata da Meraglia, il quale è abile a portare in vantaggio la sua squadra. I biancocelesti non ci stanno a perdere, reagiscono con veemenza provando in tutti i modi a rimettere in equilibrio il punteggio e alla mezz’ora centrano il pareggio con Bertini. Marcaletti, a tempo quasi scaduto, fa tremare la traversa con una bella conclusione e l’estremo difensore laziale Moretti ringrazia. Neanche il tempo di rientrare in campo e Roma serve il nuovo acquisto Sidibe, azione solitaria in mezzo a tre avversari e sfera recapitata in fondo alla rete. Nonostante il gol, l’intensità rimane alta fino alla fine, diverse sono le sfide sul rettangolo verde che infiammano gli spettatori presenti sugli spalti ma la partita si conclude con il punteggio di 2-1 in favore dell’Atalanta. Vittoria utilissima per gli orobici, che si riportano a meno quattro lunghezze dai romani e, con il recupero in programma domani (mercoledì 14) alle 15 contro il Brescia, possono sognare il sorpasso.

 

[L’esultanza dei ragazzi dell’Under 15, foto Atalanta.it]

 

Anche l’Under 15 domenica regola con lo stesso risultato la Lazio, e così la corazzata di Andrea Di Cintio centra la dodicesima partita consecutiva a bottino pieno. Meno complicata sulla carta, ma non senza insidie, la gara dei calciatori classe 2003 rispetto a quella dei bergamaschi più grandi di un anno. I padroni di casa riescono da subito a indirizzare il confronto dalla loro parte: al secondo minuto Grassi pennella sulla testa di Oliveri un cross preciso e il talentino arrivato in estate dal Palermo fulmina il portiere biancoceleste. Raddoppio atalantino con il bomber romano Rosa che trasforma in oro l’invito di Perego, siglando il diciannovesimo centro in campionato. A dieci dalla fine prova a riaprire la partita Santilli, anche se le speranze capitoline si infrangono sul fischio finale dell’arbitro. I Giovanissimi Regionali si impongono di misura in trasferta a Monza con un gol di Regonesi, continuando l’inseguimento alla vetta occupata da Inter e Milan, mentre sabato i fascia B si fanno raggiungere in extremis sull’1-1 dopo aver pregustato il successo per lunghi tratti della gara con il Milan. Mattatori del match Cenetti dell’Atalanta e il rossonero Longhi. Domenica cadono 2-1 tra le mura amiche le Giovanissime di Oriunto nel derby contro il Brescia, in gol la nerazzurra Baruffaldi.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.