La Primavera e l’U16 sorridono
mentre l’U15 cade un’altra volta

Più luci che ombre per il settore giovanile atalantino nel weekend appena terminato. Grandi protagoniste, con due vittorie preziosissime, la Primavera e l’Under 16, che volano al comando dei rispettivi campionati. Ad aprire le danze era stata venerdì pomeriggio la formazione U19 allenata da Massimo Brambilla. I nerazzurri si sono imposti 2-0 ai danni della Lazio collezionando il quinto successo consecutivo e proseguendo la marcia a punteggio pieno.

 

 

Sul campo di Formello, la corazzata bergamasca impone il proprio gioco e crea numerose occasioni da rete mettendo in difficoltà gli avversari con scambi rapidi nello stretto. L’intensità e la grinta tipiche della rosa orobica permettono agli ospiti di arrivare spesso dalle parti di Alia, anche se la precisione è quello che manca per sbloccare il punteggio. Dopo quaranta minuti di pressione offensiva, ecco la rete del vantaggio: la difesa dei padroni di casa allontana un cross dell’Atalanta, la sfera viene recapitata a sinistra dove c’è Ruggeri che guadagna il fondo, effettua un traversone teso che attraversa tutto lo specchio della porta e sul secondo palo viene spinto in gol da Colley. Il copione non cambia di una virgola neanche nella ripresa, la Dea tiene in mano le redini dell’incontro e la Lazio prova a costruire qualche buona trama senza riuscirci. Quando i biancocelesti cercano di alzare il baricentro, Traore e compagni diventano letali in velocità. Il numero 7 ivoriano è poco lucido in seguito a una serpentina al limite dell’area concludendo a lato, ma si riscatta a dieci minuti abbondanti dalla fine, quando da posizione defilata infila l’estremo difensore capitolino sul tiro ribattuto di Cambiaghi. Vittoria che avrebbe potuto essere molto più ampia per quanto si è visto in campo. Due gol bastano comunque per regolare una Lazio spenta e ingranare la quinta staccando le concorrenti per il primo posto.

Con il rinvio della sfida dell’Under 18 tra Sampdoria e Atalanta e il turno di riposo dell’U17, ieri sono stati i classe 2004 dell’U16 a illuminare il palcoscenico di Zingonia, vincendo di misura contro l’Hellas Verona. In un match entusiasmante dall’esito incerto, i nerazzurri trionfano 3-2 strappando con le unghie e con i denti i tre punti. A partire forte sono i ragazzi di Fioretto, che passano in vantaggio grazie alla rete di Regonesi, prima di farsi raggiungere dai gialloblù. Il raddoppio di Vitucci non abbatte definitivamente gli ospiti, anzi li sveglia e li motiva a fare ancora meglio. Sugli sviluppi di una punizione, gli scaligeri trovano per la seconda volta il pareggio, anche se devono arrendersi alla terza marcatura atalantina targata Biral. Prestazione da sei e mezzo in pagella per la squadra di Fioretto, che può festeggiare il sorpasso in vetta nel girone B ai danni della Spal. Nel post partita, l’allenatore si è espresso così: «L’impegno e la determinazione sono gli aspetti positivi mostrati in questo avvio di stagione. Dobbiamo migliorare nella gestione della palla e degli equilibri in campo. Oggi abbiamo rischiato un po’ troppo, siamo stati superficiali rispetto ad altre gare però i giocatori del Verona sono stati bravi a ripartire, sono una formazione viva che mi è piaciuta molto. Ho a disposizione un buon gruppo che può fare un buon campionato adattandosi senza problemi a diversi moduli di gioco».

 

[Fioretto, tecnicono dell’U16 (atalanta.it)]

 

Continua a non vedere la luce in fondo al tunnel l’Under 15 allenata da Gambirasio, che perde anche il match casalingo con i pari età dell’Hellas Verona. In rimonta, i veronesi sbancano 2-1 il Centro Bortolotti di Zingonia facendo sprofondare i nerazzurri all’undicesima piazza, a -7 dal quinto posto. I bergamaschi approcciano nel modo giusto il match e costruiscono diverse buone azioni, anche se una volta arrivati negli ultimi venti metri si fanno prendere dalla frenesia. La rete del vantaggio arrivata su calcio di punizione con l’inserimento sul secondo palo di Barbisoni è il giusto premio per i padroni di casa. Se in fase offensiva gli atalantini si fanno apprezzare, non si può dire altrettanto della retroguardia, che traballa vistosamente e soffre la velocità avversaria. Dopo diversi contropiedi degli scaligeri, una bella percussione conclusa con un tiro dalla distanza imparabile per Bianchi vale il pareggio. Nella ripresa, l’estremo difensore orobico si traveste da Superman e tiene in partita i suoi compagni con almeno due interventi strepitosi, fino a quando un corner dalla sinistra dei veronesi regala il vantaggio agli ospiti. La Dea prova in tutti i modi a evitare la sconfitta, ma è costretta ad arrendersi.

Le ragazze dell’U17 A travolgono la Pro Sesto in trasferta vincendo 7-0 grazie alla doppietta di Cattaneo e alle reti di Paris, Randazzo, Zanini, Licini, a cui si aggiunge un autogol. Perdono 2-0 il derby casalingo con il Brescia le giovani calciatrici dell’U17 B. Netta la cinquina con cui l’U15 femminile schianta il 3 Team. A segno Corbetta e Brembilla (doppiette) e Colombo.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.