Zanetti, i successi diventano due
L’Olimpia ormai non fa più notizia

Doppia affermazione bergamasca, con l’Olimpia che centra l’ottava affermazione consecutiva e continua la marcia solitaria in vetta alla classifica del Girone Blu di Serie A2 e la Zanetti Bergamo che supera Cuneo in quattro set e compie un altro piccolo balzo in avanti salendo al nono posto.

Prova di forza dell’Olimpia. Alla formazione allenata da Alessandro Spanakis basta poco più di un’ora per sbrigare la pratica Castellana Grotte, terza della classe prima dell’anticipo del sabato. L’Olimpia – in campo con Garnica in cabina di regia, Romanò opposto, Cargioli ed Erati al centro, Tiozzo e Shavrak in posto quattro e Innocenti libero – si mostra decisamente più forte, facendosi valere soprattutto sul fronte offensivo grazie a un’eccellente prestazione corale di tutti gli attaccanti – ben diretti dalla sapiente regia di Garnica -, che concludono la prova con uno straordinario 66% (con il 70% e 74% nel secondo e terzo set). Castellana Grotte – in campo con l’ex Longo in palleggio, Cazzaniga opposto, Gargiulo e Patriarca centrali, Mazzon e Fiore schiacciatori e Battista libero – prova a rendere la vita difficile ai bergamaschi, ma pur sbagliando poco (16 errori complessivi) esce sconfitta 3-0: troppo forte l’Olimpia, che è stata maggiormente caparbia e lucida nell’interpretazione dei momenti decisivi di un match a tratti molto equilibrato.

 

 

Zanetti in crescita. Dopo aver strappato il primo successo in casa di Brescia, la Zanetti Bergamo si ripete al PalaAgnelli contro Cuneo. La formazione allenata da Matteo Bertini mostra importanti segnali di crescita, soprattutto con Malwina Smarzek. L’opposta polacca, subentrata nei primi due set e sempre in campo dal terzo in poi, sta finalmente iniziando a mostrare il proprio valore, come testimoniano i 13 punti (46% in attacco) messi a referto in poco più di mezza partita. Per il resto Bertini dovrà lavorare sulla continuità di prestazione della propria squadra, perché anche domenica ci sono stati piccoli momenti di calo. Dopo aver disputato un ottimo primo set (cui hanno contribuito anche i dieci errori avversari), la Zanetti – schierata con Cambi in palleggio, Mingardi opposta, Tapp e Olivotto al centro, Courtney e Acosta in posto quattro e la rientrante Sirressi libero – cala leggermente e Cuneo – in campo con la diagonale Kaczmak-Van Hecke, Menghi e Zambelli al centro, Markovic e Cruz ai lati e Ruzzini libero – ne approfitta per strappare il provvisorio pareggio. Ma dal terzo set la musica cambia nuovamente e il vento soffia ancora a favore della Zanetti, che sfrutta anche un’altra grande serata di Olivotto (18 punti, 6 muri e 78% in attacco) e fa suo il match.

 

Foto Alex

Olimpia Bergamo-Materdomini Castellana Grotte 3-0
(25-22, 25-20, 25-21)

Olimpia Bergamo: Erati 8, Cargioli 8, Tiozzo 9, Garnica 2, Shavrak 14, Romanò 18, Innocenti (L), Sette 3, Gritti. Non entrati: Marzorati, Cioffi, Caglioni, Cogliati. Allenatore: Spanakis.

Materdomini Castellana Grotte: Fiore 7, Longo 1, Gargiulo 8, Patriarca 7, Cazzaniga 16, Mazzon 3 Battista (L), Campana, Pilotto 1, Primavera. Non entrati: Floris, Di Carlo, Disabato. Allenatore: Castellano.

Arbitri: Antonio Licchelli e Piera Usai.

Durata set: 26’, 24’, 25’. Totale 75’.

Note: spettatori mille circa. Muri 13-4, aces 3-2, errori in battuta 14-9.

 

Zanetti Bergamo-Bosca San Bernardo Cuneo 3-1
(25-17, 22-25, 25-22, 25-21)

Zanetti Bergamo: Cambi 4, Mingardi 9, Olivotto 18, Tapp 6, Courtney 4, Acosta 13, Sirressi (L), Smarzek 13, Carraro, Loda, Strunjak 3. Non entrata: Imperiali. Allenatore: Bertini.

Bosca San Bernardo Cuneo: Kaczmar, Van Hecke 19, Markovic 10, Cruz 16, Menghi 4, Zambelli 8, Ruzzini (L), Mancini 4, Salas 3, Bosio. Non entrata: Baiocco, Bertone, Kavalenka. Allenatore: Pistola.

Arbitri: Massimo Rolla e Bruno Frapiccini.

Durata set: 22’, 25’, 27’, 28’. Totale 110’.

Note: spettatori 989. Muri 17-5, aces 2-2, errori in battuta 8-12.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.