Primavera, Piccoli è una sentenza
E volano anche le altre formazioni

Anche il mese di dicembre si apre alla grandissima per l’Atalanta, che oltre ad accaparrarsi il derby lombardo grazie a una prestazione maiuscola di Gomez e compagni, fa divertire i tifosi grazie alle imprese del settore giovanile. Prosegue a gonfie vele la stagione 2019-’20 del vivaio nerazzurro. Nel weekend appena terminato, infatti, le giovani promesse bergamasche hanno fatto gioire gli spettatori ottenendo sette vittorie e un pareggio.

 

 

La prima squadra a emozionare il popolo atalantino è stata la Primavera che ha centrato un successo di misura preziosissimo sull’ostico campo della Fiorentina. Nell’ennesima gara giocata all’arrembaggio, agli uomini di Brambilla basta la rete di bomber Piccoli, arrivato al suo quinto centro in campionato, per battere una formazione viola mai doma e sempre in partita. Il forcing iniziale dei nerazzurri ha creato diversi problemi alla rosa guidata da Bigica, costretta a provare a contenere la furia degli ospiti. Traore e Colley provano subito a sbloccare il parziale, ma è il “puntero” con la maglia numero 9 a punire Chiorra. Controllo e conclusione fulminea che non lascia scampo all’estremo difensore avversario. I viola provano a reagire, però le occasioni più pericolose le crea ancora l’Atalanta. Nella seconda frazione, con il passare dei minuti i padroni di casa prendono coraggio e si affacciano con insistenza dalle parti di Ndiaye, trovando sempre la risposta del portiere orobico. Dicevamo appunto di quanto è importante la vittoria in terra toscana, infatti con i tre punti la Dea è riuscita a mantenere la vetta della classifica difendendosi dall’assalto del Cagliari. Gli isolani e i bergamaschi stanno facendo un cammino da urlo e da settembre a oggi hanno collezionato otto vittorie e un pareggio. Heidenreich e compagni sono ancora imbattuti mentre nella sfida disputata in più i rossoblù sono usciti sconfitti. Non ne vuole dunque sapere di fermarsi la Primavera nerazzurra che, dopo aver centrato la qualificazione storica in Youth League e alzato al cielo la Supercoppa, punta al superamento di ogni record allungando la striscia di imbattibilità.

Domani (mercoledì 4 dicembre) la fortissima corazzata Under 19, plasmata nel quartier generale di Zingonia sfiderà alle 12.30 l’Empoli. Gli azzurri stanno viaggiando a un buon ritmo e arrivano da un mese di novembre molto positivo, in cui si sono guadagnati nove dei dodici punti in classifica. Nonostante i soli dieci gol messi a segno, la squadra di Buscè naviga nella parte sinistra della graduatoria. Uno degli uomini in copertina della partita è Kevin Cannavò, attaccante classe 2000 aggregato molto spesso alla formazione Primavera empolese e autore fin qui di tre reti. Qualora dovesse scendere in campo le sue doti, insieme a quelle dell’esperto centrocampista Zelenkovs, potrebbero fare la differenza.

 

[Mister Lorenzi, allenatore dell’U18 (atalanta.it)]

 

Pirotecnica vittoria 3-2 dell’Under 18 al Centro Bortolotti. La vittima di turno questa volta è stato il Milan, strapazzato in una sfida emozionante e dall’esito incerto. Al gol del vantaggio ospite ha risposto Cittadini, prima dell’ingresso in campo di uno straripante Reda. Il centravanti nativo di Scafati è stato inserito da Lorenzi al quarto d’ora della ripresa e in dieci minuti ha scatenato l’inferno realizzando una doppietta che ha messo in ginocchio i diavoli. I rossoneri nel finale hanno accorciato le distanze su rigore, anche se non sono riusciti a ribaltare la situazione. L’Atalanta trionfa, sfrutta la caduta del Sassuolo con la Roma e si porta temporaneamente al comando della classifica con un punto di vantaggio sui neroverdi, in attesa del recupero tra Genoa e Sassuolo. Domenica da sogno anche per l’Under 17, capace di centrare l’undicesima vittoria consecutiva in undici giornate nel big match contro l’Hellas Verona. Il 2-1 finale porta le firme di Rosa e Oliveri, prima del gol della bandiera scaligero arrivato nella ripresa. Impressionante il solco scavato dalla compagine di Bosi sulle inseguitrici, distanti ormai dieci lunghezze. Il gruppo classe 2003 vuole chiudere al più presto il discorso qualificazione diretta alla Final Four e nessuno sembra in grado di fermarla.

Molto più aperta invece la classifica nel girone B Under 16. Grazie alla vittoria sofferta sul campo della Cremonese, i ragazzi allenati da Fioretto conservano il punto di vantaggio sulla Spal e si godono il primato. Succede tutto nei primi venti minuti di gioco: autogol dei grigiorossi, pareggio e vantaggio dei padroni di casa, prima della rete di Ndour. Nella ripresa ci pensa Stabile a regalare tre punti alla Dea con il gol partita. Non riesce a conquistare il bottino pieno invece l’Under 15, neanche con la doppietta lampo di Orlando. La formazione di Gambirasio viene raggiunta nel secondo tempo e vede il quinto posto (ultima posizione valida per i playoff) allontanarsi ulteriormente. Scorpacciata di gol per le ragazze dell’U17 A che dilagano contro le Azalee. A segno nel 15-0 Cattaneo e V. Colombo (triplette), Paris e Galdini (doppiette), Licini, Arrigoni, Lumina, V. Bianchi e G. Bianchi. Poker casalingo per l’U17 B rifilato al Cologno grazie alla tripletta di Negri e alla marcatura di Vigani. Manita esterna dell’U15 femminile sul campo della Doverese targata Zanini (tre gol realizzati), Brembilla e Corbetta.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.