Primavera, si sta scrivendo la storia
Ma dall’Europa si torna in Italia

Sono passati alcuni giorni dalla grandissima vittoria della Primavera in Youth League ai danni del Manchester City, ma non si è ancora esaurita l’euforia del popolo bergamasco scatenata da un’impresa del genere. A decidere le sorti dell’incontro è stato ancora una volta il bomber nerazzurro Roberto Piccoli, capace prima di guadagnare un rigore con l’esperienza di un veterano e poi di trasformarlo con freddezza spiazzando l’estremo difensore inglese. Per non parlare della straordinaria solidità del pacchetto arretrato guidato magistralmente dal trio Okoli, Guth, Da Riva. Un reparto che ha funzionato alla perfezione, permettendo alla Dea di soffrire senza dover cedere alla pressione offensiva dei Citizens. Con l’1-0 rifilato ai ragazzi di Harsley e la doppietta storica di successi (in Inghilterra era finita 1-3 per noi), l’Atalanta ribalta i pronostici e crede veramente nella qualificazione diretta agli ottavi di finale senza passare dagli spareggi. Ora però è il momento di mettere da parte le gioie di coppa e concentrarsi solo sul prossimo scontro diretto per blindare la vetta in campionato.

 

 

La Primavera domani mattina, domenica 10 novembre, affronterà la Roma allo Stadio Tre Fontane. La sfida con la squadra allenata da De Rossi assegnerà punti pesanti in ottica primo posto, gli orobici potrebbero infatti guadagnare un vantaggio importante e dimostrare di essere superiori anche ai giallorossi, una diretta concorrente per lo Scudetto. I capitolini stanno attraversando un momento d’oro, nel mese di ottobre hanno saputo solo vincere e hanno dato il benvenuto a novembre imponendosi con un secco 4-2 sull’Inter in trasferta. La terza posizione racconta di una rosa di livello che deve curare con particolare attenzione alcuni aspetti come l’organizzazione in fase di non possesso. Una media di quasi due gol subiti a partita sono troppi per lottare per il primato e rappresentano un problema anche per il miglior attacco del campionato. Le fortune della Roma passano dai piedi educati di Riccardi, uno dei migliori centrocampisti d’Italia, classe ’01, già nel giro della prima squadra e autore di quattro centri in questa stagione con la Primavera. Tra i più in forma c’è il centravanti brasiliano Estrella Galeazzi, che ha realizzato una tripletta nell’ultima uscita contro l’Inter. Per avere la meglio sulla Magica, la corazzata di Brambilla dovrà sfruttare la leggerezza difensiva avversaria e avere più determinazione nel volere la vittoria.

 

[Foto atalanta.it di Atalanta-Manchester City 1-0 in Youth League]

Nel prossimo weekend torneranno in campo anche tutte le altre categorie del settore giovanile atalantino. Scendendo con l’età, troviamo l’Under 18 che finalmente sarà protagonista domani a Zingonia contro il Genoa. Anche qui si tratta di un confronto molto interessante tra due compagini che occupano le zone alte della graduatoria. Per questo l’incontro tra rossoblù e nerazzurri sarà assolutamente da non perdere. Entrambe stanno inseguendo la capolista Sassuolo, distante tre lunghezze, e hanno perso una volta da inizio anno. Si prospetta una giornata difficile per l’Atalanta U18 a causa delle convocazioni in Primavera di diversi gioielli classe 2002. Domani cercheranno di terminare la settimana con il terzo successo negli ultimi sette giorni le giovani promesse dell’Under 17. Dopo aver conquistato i tre punti anche nel recupero infrasettimanale, superando 3-1 il Cagliari grazie alle reti di di Rosa, Dervishi e Dino Mehic, la fortissima truppa guidata da Bosi duellerà con il Cittadella tra le mura amiche. L’avvio da urlo a punteggio pieno al termine dell’ottava giornata è un record e il gruppo formato dai calciatori nati nel 2003 non ne vuole sapere di rallentare. L’obiettivo è entrare nella storia.

Sempre domani, l’Under 16 e l’U15 andranno a Pordenone per giocare contro i pari età neroverdi. I classe ’04 dovranno trovare a tutti i costi la vittoria per difendere la prima posizione di fronte a una formazione friulana che sta provando a rimanere in corsa per la quinta piazza. La compagine di Fioretto è ancora imbattuta e nelle ultime uscite è cresciuta molto sia a livello di gioco che di singoli. La rosa dei ’05 non può permettersi altri passi falsi e sfiderà il Pordenone ad armi pari. I tre punti servono come l’ossigeno alla squadra di Gambirasio per ritrovare fiducia e riprendere la rincorsa alle zone alte della classifica. Le ragazze dell’Under 17 A giocheranno domani al Centro Bortolotti contro la Cremonese mentre la seconda formazione atalantina dell’U17 scenderà in campo al Vismara con il Milan. Oggi (sabato 9) sarà il turno dell’U15 femminile impegnata in casa della Feralpisalò.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.