Col Bocia pure gli ultrà del Brescia
Quel che si sa del corteo di stasera

Domenica lo stadio di Bergamo sarà nuovamente aperto a tutti i tifosi atalantini: dopo due partite con la sospensione della validità dei voucher e della vendita dei biglietti della Curva Pisani ai non possessori della Dea Card, la sfida ai Viola segnerà il ritorno alla normalità. Ma l’attesa del week end per tanti tifosi bergamaschi è anche per la manifestazione organizzata dalla Curva Nord di Bergamo per il tardo pomeriggio di oggi, sabato 20 febbraio, a partire dalle 17.30. Nei giorni scorsi gli ultras hanno comunicato la volontà di scendere in piazza con un volantino circolato su Facebook sul profilo “Sostieni la Curva”, e a poco più di 24 ore dall’inizio del corteo (partenza dal parco dell’Edonè in Via Gemelli) iniziano ad emergere alcuni dettagli: sono attese anche delegazioni ultras delle tifoserie amiche di quella atalantina. Da Amantea (Cosenza), Francoforte, Terni e Cava dei Tirreni arriveranno amici dei tifosi nerazzurri per una manifestazione autorizzata e pacifica.

 

bocia

 

Perché la protesta. Il volantino mette in risalto la volontà degli organizzatori di far sentire la propria vicinanza a Claudio “Bocia” Galimberti, dopo il provvedimento di sorveglianza speciale emesso nei suoi confronti. Più in generale però, lo scopo della camminata sarà contestare la demonizzazione della Curva Nord e una serie di provvedimenti che, soprattutto nelle ultime settimane, hanno colpito gli ultras (e non solo) bergamaschi, con la chiusura dello stadio ai non possessori della Dea Card per le gare contro Sassuolo ed Empoli.

Finale con panini e salamelle. Il ritrovo è fissato per le 17.30, il corteo sarà colorato da bandiere e striscioni e si snoderà per Via Corridoni, Borgo Santa Caterina e Piazzale Oberdan prima di risalire Viale Giulio Cesare fino al parcheggio del Baretto. Le manifestazione sfilerà fino allo stadio, dove al termine del corteo ci sarà un breve saluto e la possibilità di mangiare qualcosa in compagnia, grazie ad un piccolo punto ristoro con panini e salamelle.

 

 

Gli ultrà bresciani. Dopo le tante manifestazioni di sostegno alla tifoseria atalantina apparse in varie curve d’Italia negli scorsi week end, venerdì mattina in città è comparso uno striscione esposto intorno alle 5 in Viale Papa Giovanni, proprio di fronte alla sede dell’Eco di Bergamo. Il drappo recava la scritta “Bocia Libero”, e portava addirittura la firma del gruppo Ultras Brescia 1911. L’iniziativa è stata una sorpresa un po’ per tutti, un ulteriore attestato di vicinanza da una tifoseria che certo non è amica di quella nerazzurra. In particolare, i tifosi bresciani nella serata di giovedì erano presenti a Saint-Etienne, in Francia, per sostenere i padroni di casa nella gara di Europa League giocata contro il Basilea. Allo stadio Geoffroy-Guichard i bresciani (gemellati con gli ultras biancoverdi di casa) hanno esposto lo stesso striscione che è poi stato portato anche a Bergamo sulla strada di ritorno.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.