A Treviolo stangata agli zozzoni
Ancora poco, ma è già qualcosa

Maxi multa di 650 euro per aver scaricato abusivamente i rifiuti in via Maestri del Lavoro a Treviolo. «La segnalazione ci è stata fatta dai cittadini, che ci hanno prontamente allertato – spiega il comandante della Polizia locale Matteo Copia -. Nella zona artigianale della Roncola abbiamo trovato undici sacchi di spazzatura inerenti alla raccolta urbana. All’interno erano conferiti in maniera indifferenziata i rifiuti domestici. Grazie all’utilizzo della nostra videosorveglianza siamo risaliti al veicolo che aveva effettuato l’abbandono e abbiamo sentito il proprietario. Che ci ha condotto ai trasgressori, ai quali lui stesso aveva prestato l’auto». Da lì alla sanzione il passo è stato breve. «Abbiamo contestato l’illecito ambientale in base al decreto legislativo del Testo Unico dell’Ambiente n. 152 del 2006, che riconosce una sanzione amministrativa di 600 euro a favore dell’ente Provincia. Al quale sono stati aggiunti ulteriori 50 euro sanzionati in base al nostro regolamento di Polizia urbana». Oltre a questo la parte più onerosa è l’obbligo di ripristino dei luoghi da parte di una ditta incaricata: «L’azienda che se ne occuperà dovrà poi esibire la certificazione che documenti l’avvenuto smaltimento».

È un segnale forte per i recidivi? «È un segnale forte ma non fortissimo, perché la cittadinanza avrebbe voluto qualcosa di più. Ma è pur sempre un primo passo». Soddisfatto per l’operato della Polizia locale anche l’assessore all’Ecologia Mauro Pesenti: «Come sempre sono stati efficaci ed efficienti nell’individuare tempestivamente i responsabili. Fondamentale è stata anche la collaborazione di alcuni cittadini, che hanno segnalato. Questa cosa è importante, sarebbe bene che venisse fatta anche in merito ad altri abbandoni». L’assessore parla della zona dove sono stati rinvenuti i sacchi: «È a cavallo tra Albegno e la Roncola, in un punto nel quale avvenivano spesso abbandoni perché lì c’è una…

 

Articolo completo a pagina 35 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 14 novembre. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.