Vincitori e vinti nell’hinterland
Strapotere Lega (e qualche novità)

È quasi imbarazzante la forza della Lega in Bergamasca, ma alle Comunali la musica cambia, anche radicalmente. Abbiamo seguito con attenzione i risultati delle elezioni Amministrative nei paesi intorno alla città, di cui ci occupiamo sul settimanale cartaceo, e il responso delle urne parla chiaro: non c’è Lega che tenga di fronte a quei sindaci di centrosinistra che si sono dimostrati bravi (Treviolo, Zanica, Gorle). Al contrario, non basta il simbolo con il Guerriero di Legnano per salvare amministrazioni poco convincenti (Stezzano). Le persone stravincono sui partiti, anche quando si tratta della straripante Lega di Salvini: sono diversi i candidati con la spilletta dei Lumbard sul petto che hanno puntato tutto sul partito e sono usciti perdenti. Il delfino di Sessa a Torre Boldone surclassa gli ex assessori ribelli alleatisi appunto con la Lega; la pacatezza di Corrado Quarti a Osio Sotto sbaraglia un centrodestra compatto a guida Galbusera. E di nuovo, Masper a Treviolo, decano del Carroccio bergamasco, non è andato oltre il 35 per cento.

 

[Pasquale Gandolfi, centrosinistra, rieletto sindaco a Treviolo]

 

Certo, là dove la Lega ha ben governato, le cifre diventano quasi bulgare: Albino incorona nuovamente Fabio Terzi con il 68,24, Seriate conferma Cristian Vezzoli con il 62,95. Bentoglio a Grassobbio ha quasi triplicato il secondo arrivato. La rampa leghista fa letteralmente decollare i primi cittadini che hanno dato prova delle loro capacità, o i loro eredi già ben conosciuti dalla gente. Ci sono poi casi particolari. Ad Azzano San Paolo vince De Luca, di orientamento leghista, ma senza percentuali estreme (56 a 44) e contro un avversario, Candellero, che si dichiarava di destra-sinistra. A Lallio non c’era partita, e l’erede di Mastromattei, Sara Peruzzini, ha confermato il plebiscito con un bel 72 per cento. Stesso discorso per Moriggi a Comun Nuovo: la candidatura in estremis dell’ex Ratti ha rosicchiato solo un 21 per cento; le sfide dell’ultimo minuto non convincono l’elettore alle comunali, che pretende continuità. Le liste di ripicca, più o meno dichiarata, non attaccano: Zanchi a Treviolo fermo al 7, Farnedi a Torre più che doppiata da Macario. E il simpatico Samadou a Orio, una candidatura di pura provocazione (primo candidato nero in Provincia), si è fermato al 10,13.

 

[Simone Tangorra, nuovo sindaco di Stezzano]

 

Eppure quando è il caso l’elettore sa cambiare, anche alle comunali: l’esempio più clamoroso è Stezzano, dove la coalizione Stezzano Futura ha mandato a casa la precedente giunta leghista dopo anni di aspre critiche che evidentemente hanno trovato il supporto degli elettori. Altri cambi, forse meno aspettati, a Osio Sopra, dove Sara Bacis (erede del sindaco uscente Gregori) ha ceduto il passo a Pelicioli: probabile che qui vinto soprattutto il programma, che mira a un rilancio del paese giocandosi il tutto per tutto invece di fare le formichine risparmiose. A Levate era una bella lotta, molto polemica: un assessore (Colombo) si era candidato a sorpresa, il suo gruppo l’aveva fatto fuori, proponendo un uomo di esperienza (Pezzetti). Tra i due litiganti, il terzo gode, e alla fine ha vinto un giovanotto tosto, Duzioni, per un solo punticino sull’ex assessore. Resta in ballo soltanto Dalmine. Il centrodestra di Bramani è avanti (46), il centrosinistra della Alessio rincorre con il 31. Si va al ballottaggio, dove chi ha votato Patto Generazionale (18 per cento) potrebbe virare sulla sindaca uscente. Ma c’è il 5 per cento di Cividini che potrebbe invece dare fiato a Bramani. Si arriverebbe così a un testa a testa, 51 a 49, ma sappiamo che non tutti torneranno ai seggi. Insomma, Dalmine sul filo di lana.

 

Treviolo

Gandolfi (Progetto Treviolo) 56,97
Masper (Miglioriamo Treviolo) 35,48
Zanchi (Insieme per Treviolo) 7,55

 

Dalmine

Bramani (Lega, FI, FdI) 46,01
Alessio (Pd e civiche) 31,26
Tiraboschi (Patto Generazionale) 17,99
Cividini (In Dalmine) 4,73

 

Lallio

Peruzzini (Lallio e poi…) 72,48
Lodovici (Un paese in comune Lai) 12,35
Midali (Un’idea per Lallio) 15,18

 

Osio Sotto

Quarti (Margherita) 56,64
Galbusera (Patto per Osio) 43,36

 

Osio Sopra

Pelicioli (Noi per Osio) 59,01
Bacis (Osio Aperta) 40,99

 

Levate

Duzioni (Nuova proposta per Lev.) 36,38
Colombo (Uniti per Levate) 35,34
Pezzetti (Progetto Levate) 28,28

 

Stezzano

Tangorra (Stezzano Futura) 47,21
Calabria (Lega, Fi, Vivere Stez.) 43,63
Gambirasio (Noi con Garlini) 9,15

 

Azzano

De Luca (Azzano in testa) 56
Candellero (Insieme per Azzano) 44

 

Zanica

Locatelli (Zanica Futuro Comune) 61,12
Rossi (Lega – Prima Zanica) 38,88

 

Comun Nuovo

Moriggi (Progetto Comun N.) 78,93
Ratti (Insieme per Comun N.) 21,07

 

Seriate

Vezzoli (Lega e civiche) 62,95
Trotta (24068) 24,69
Sironi (Sinistra per un’altra Seriate) 7,52
Cornali (M5S) 4,83

 

Torre Boldone

Macario (Insieme per Torre) 43,18
Marcelli (Abitare) 35,67
Farnedi (Torre Ideale, Lega) 21,15

 

Grassobbio

Bentoglio (Lega) 56,17
Esposti (Insieme per Grassobbio) 21,94
Stefanello (Grassobbio Civitas) 12,92
Vitali (Progetto Grassobbio) 8,96

 

Gorle

Testa (Uniti per Gorle) 54,62
Negrinelli (Lega) 25,56
Comotti (La Nostra Gorle Cresce) 19,82

 

Orio al Serio

Colletta (Orio Viva) 89,87
Samadou (Orio Democratica) 10,13

 

Albino

Terzi (Lega e civiche) 68,24
Rinaldi (Per Albino) 31,76

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.