Tutti, ma proprio tutti
i volti di Marlon Brando

«Faccio il mestiere più inutile del mondo, ma resto a Hollywood perché non ho il coraggio di rifiutare i soldi». Nato il 3 aprile del 1924 a Omaha, Nebraska, Marlon Brando è genio, icona e dannazione. Selvatico, scostante, diviso fra tragedie personali e colpi di testa esistenziali; tra  totale immersione nel metodo di recitazione per eccellenza (si chiama Stanislavkij, e lo apprese all’insuperabile scuola newyorkese di formazione per attori – gli Actor’s Studio – ) e candidature agli Oscar (otto, due vinti, di cui uno non ritirato), Marlon Brando ha attraversato quarant’anni di cinema, prima di spegnersi il primo luglio di dieci anni fa.
Tra parti epiche e comparse grottesche, ecco tutti i suoi volti: quaranta magistrali interpretazioni.  Che «hanno modificato –scrive il critico David Thomson – il nostro modo di intendere la recitazione».