Cosa c’è nel nuovo BergamoPost
che dal 17 maggio è in edicola

36 ore, circa. Tante ne sono passate dalla sconfitta dell’Atalanta nella finale di Coppa Italia. Eppure ancora non si parla d’altro. Perché, piaccia o meno, per giorni la città e la Bergamasca intera sono rimaste “connesse” alle emozioni dei nerazzurri. E così anche il nuovo numero di BergamoPost, in edicola da oggi venerdì 17 maggio (già, venerdì 17…) fino a giovedì 23, assume forti tinte atalantine. Ma, ovviamente, parliamo anche di tanto altro. Ecco come sempre qualche gustoso assaggio.

 

 

Proprio come sette giorni fa, anche questa volta la prima pagina è nerazzurra. Il post partita ha lasciato però spazio alla delusione e l’amarezza per come sono andate le cose in quel di Roma. E così, nelle otto pagine di speciale che dedichiamo alla finale, ci sono foto, racconti, analisi e soprattutto una convinzione: se l’arbitro e il Var avessero fatto il loro lavoro, ora forse staremmo raccontando qualcosa di diverso. Intanto però il mondo va avanti, e così anche la città: dedichiamo un nuovo articolo all’assurdo caso del nuovo arredo alla sede della Popolare, ma anche un focus sul progetto di Porta Sud (davvero lo vogliamo realizzare?), un articolo sulla difficile campagna elettorale del candidato del centrodestra Giacomo Stucchi e un aggiornamento sul caso dell’ex chiesa agli ex Riuniti, con la comunità ortodossa che non si sa dove andrà a pregare. A Valtesse vi raccontiamo le difficoltà che sta vivendo il mitico parco del Pilo, mentre da Milano un’amica ci racconta perché l’adunata degli Alpini le ha regalato più di un sorriso. Per le pagine di sport, un aggiornamento sul futuro della Zanetti Volley Bergamo, i playoff della Bergamo Basket 2014 e il prossimo gp di Moto2 dell’Italtrans Racing Team in quel di Le Mans (Francia). Dopo i nostri immancabili consigli su come passare il vostro tempo libero, ecco le pagine sulla provincia: a Ponte è caos traffico; a Treviolo è polemica sul nuovo Polo scolastico; a Dalmine i candidati sindaco presentano le rispettive proposte per risolvere il “nodo” dell’Università; a Osio Sotto il lieto fine del caso Sematic; ad Azzano il punto sul caso esploso negli ultimi giorni e relativo alla multa a uno dei candidati per i cartelloni elettorali; ad Albino parliamo un po’ di politica, ma anche di belle storie del paese; a Nembro vi raccontiamo le vittoria della piccola frazione di Lonno. Queste e tantissime altre notizie nelle pagine del BergamoPost che potete trovare in edicola. Vi aspettiamo!

 

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.