Cosa c’è nel nuovo BergamoPost
che dal 18 ottobre è in edicola

Mentre il freddo inizia a farsi sentire e le giornate diventano sempre più corte, come ogni venerdì anche oggi, 18 ottobre, noi di BergamoPost torniamo a farvi visita in edicola con il nuovo numero del nostro settimanale. E le cose che vi raccontiamo sono davvero tante. Ecco qualche anticipazione.

 

 

Pagine ricchissime quelle dedicate alle inchieste e alla città. Torniamo, ad esempio, su una delle nostre tante battaglie: le apparizioni alle Ghiaie di Bonate. Abbiamo sentito l’arcivescovo Bonicelli, che non ha dubbi: «Va riaperto il caso». Per la città, invece, lanciamo una provocazione: dati i problemi frequenti legati al trasferimento del mercato del lunedì alla Malpensata in via Spino, perché non pensare di portarlo sul Sentierone? E ancora: una riflessione sull’Accademia Carrara, che così com’è (e a conti fatti) non sta in piedi; la testimonianza di una ragazza pagata una miseria; il caso Aler, che nel 2019 ha assegnato pochissime abitazioni; il giallo della chiusura del caffè Chicca in via Pignolo e la bella idea di una residente; gli ultimi retroscena sulla Camera di commercio; una stupenda casa in vendita in via Quarenghi; tutto quel che c’è da sapere su Forme. Nelle pagine di Atalanta, invece, l’avvicinamento alle sfide con Lazio e Manchester City, ma anche la storia di un ragazzo che, a Bruxelles, ha scritto una tesi proprio sui nerazzurri, e l’intervista a Bosi, tecnico dell’Under 17 atalantina che sta facendo cose pazzesche. Per il vostro tempo libero, invece, tante cose belle, a partire dalla nuova stagione del Creberg, veramente ricchissima di chicche (abbiamo due belle interviste a Mannoia e Renga, che apriranno la stagione), ma anche l’avvicinamento alla prima de L’Ange de Nisida al Donizetti. Capitolo provincia: a Ponte San Pietro è allarme per il gioco d’azzardo; a Curno vi raccontiamo la sfortunata storia di Pasquina, la “signora sei furti”; a Dalmine la polemica per il traffico causato dagli studenti dell’Università, che vanno tutti in macchina; a Osio Sopra il tragico suicidio di un padre; a Seriate si è deciso di dare più armi ai vigili; ad Albino non è chiusa la vicenda di Piazzo, ma c’è anche la storia di Guido, detto Victor, che dopo cinque infarti ha deciso di cambiare vita nel paradiso delle castagne. Queste e tante altre storie e notizie sul BergamoPost in edicola fino a giovedì 24 ottobre. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.