Cosa c’è nel nuovo BergamoPost
che dal 22 settembre è in edicola

Primo giorno d’autunno 2017, un pallido sole a scaldarci le ossa infreddolite dall’umidità e il nuovo numero di BergamoPost che vi attende nelle edicole di Bergamo, Seriate, Dalmine, Stezzano, Osio Sotto, Treviolo, Torre Boldone, Zanica, Curno, Mozzo, Azzano San Paolo, Gorle, Grassobbio, Osio Sopra, Comun Nuovo, Lallio, Levate e Orio al Serio. E questa settimana, in regalo con il nostro settimanale, anche l’inserto inCasa, dedicato al mondo dell’arredamento. Naturalmente, come sempre, un sacco di notizie, approfondimenti e interviste. Ecco qualche anticipazione.

 

 

Primo piano. L’apertura di questa settimana è dedicata a un fatto a nostro parere assurdo accaduto in quel di Curno: un bar, infatti, è stato multato perché teneva nel locale due pesci rossi… in una boccia. A quanto pare non è consentito e così, dopo la segnalazione di un cliente, i vigili sono intervenuti. La testimonianza della titolare. Bellissimo reportage, poi, dedicato a una delle vie di Bergamo più vive e popolari: Borgo Palazzo, che domenica scende in strada per la sua annuale festa che porta migliaia di persone in quella zona della città. Ma qui si respira ancora aria di paese, come ci hanno raccontato i suoi abitanti.

Città. Entrando nei confini cittadini, approfondimento sulle novità legate agli allagamenti avvenuti a Longuelo il 26 giugno 2016. La Regione, infatti, ha riaperto la possibilità di richiedere un rimborso dei danni, ma le modalità e le tempistiche scelte lasciano alquanto perplessi, come spiega il portavoce del comitato alluvionati Gigi Passera. Intanto i lavori alla roggia Curna sono di nuovo fermi: Consorzio di Bonifica, Parco dei Colli e Luogo Pio Colleoni si continuano a rimpallare le responsabilità, pure sulle piante da tagliare. Un po’ di politica, poi, con un’analisi dei passi falsi del sindaco Giorgio Gori compiuti in vista della sua campagna elettorale per le regionali 2018, ma anche un focus sul cosiddetto “fronte del no” della città: i tanti comitati hanno promosso una manifestazione per sabato 23, chiedendo più partecipazione. Eppure la partecipazione latita al loro interno… Un interessante profilo di Alessandro Ferretti, il grande ingegnere sognatore che progettò, finanziò e realizzò la funicolare di Bergamo e a cui è oggi dedicata una mostra all’ex Ateneo. E a proposito di personaggi visionari, quattro chiacchiere con il simpaticissimo Janus River, ottantenne polacco che da 17 anni gira il mondo in bicicletta e che punta ad arrivare a Pechino nel 2028. In questi giorni è stato nella Bergamasca e ci ha raccontato qualcosa in più della sua incredibile vita. Infine, oltre al divertentissimo “Diario di una commessa”, un nuova rubrica: la “Posta degli amori sfigati”, uno spazio dedicato ai problemi di cuore di voi lettori con le risposte della nostra pungente e sagace Alba. Se volete, potete mandare le vostre lettere alla mail redazione@bergamopost.it, indicando nell’oggetto «La Posta degli amori sfigati di Alba».

 

 

Atalanta. Dopo il tripudio nerazzurro tra Everton e Crotone, ora l’Atalanta è attesa da un durissimo trittico: Fiorentina, Lione e Juventus. Ecco come squadra e tifosi si stanno preparando. Soprattutto per la prima trasferta europea a 26 anni dall’ultima, con almeno 2.800 atalantini pronti a partire per quel della Francia. Focus poi sui tre elementi che, a nostro parere, si stanno rivelando i migliori di questo avvio di stagione: Masiello, Cristante e Ilicic. Infine, solita pagina dedicata al vivaio nerazzurro, tra prossimi impegni e giovani talenti da tenere d’occhio. Tipo Musa Barrow.

Provincia. A Seriate interessante reportage sulle zone del degrado cittadino: dall’ex Mazzoleni all’ex ospedale vecchio, passando per capannoni e palazzoni. Aggiornamento anche sulla situazione all’ospedale Bolognini, dove una nuova aggressione al personale ha riacceso la polemica per l’assenza di un servizio di sicurezza. A Dalmine, invece, vi raccontiamo la storia di Leandro Carboncini, che oggi ha 93 anni ma anni e anni fa ha rischiato di morire per una polmonite. «Fu Padre Pio a guarirmi» ci ha detto. Presentazione, poi, di Exponiamo Dalmine, l’evento che l’1 ottobre porterà in centro città tutte le principali attività locali dando vita a una grande festa a cui parteciperemo anche noi di BergamoPost come media partner. A Treviolo la bella storia del caffè Le Fontane, che dice no al gioco d’azzardo proprio nei locali in cui, fino a poco tempo fa, c’era una sala slot. A Torre Boldone scoppia la polemica su quanto scritto su Facebook dall’assessore ai Servizi sociali Vanessa Bonaiti, che ha duramente insultato il prefetto. E non ha certo intenzione di chiedere scusa. Polemiche anche a Osio Sopra, dove sui social molti cittadini si lamentano per i prolungati scampanii. Il parroco, però, nega: «Con me nessuno si è lamentato».

 

 

Sport. Per la pallavolo, intervista al coach della Caloni Agnelli Gianluca Graziosi: il club maschile cittadino domenica 24, al PalaNorda, ospita Lagonegro per la prima partita della nuova stagione. In casa Foppa, invece, dopo tante brutte notizie finalmente ci sono novità che fanno tornare il sorriso al tecnico Micoli. Per la pallacanestro, dopo avervi raccontato le ultime notizie in casa Bergamo Basket 2014, compresa la presentazione del neo acquisto Solano, un bel reportage (anche fotografico) della festa della Cral Dalmine andata in scena lo scorso weekend e che ha coinvolto tantissima gente. Infine, due piccoli ma interessanti focus dedicati all’atletica orobica, con la convocazione in azzurro di Viola Teietti e la Mezza Maratone dei Mille in programma, e alla scherma, che compie dieci anni di presenza a Bergamo.

Tempo libero, musica e buona tavola. Chiudono, come sempre, le nostre belle pagine dedicate agli eventi e agli appuntamenti da non perdere in città e provincia. Partiamo con il Concerto delle Stelle organizzato dall’Accademia della Guardia di Finanza in collaborazione con Radio Italia che andrà in scena sabato 23 sera al Creberg. Tanti i nomi di grande richiamo: Noemi, Marco Masini ed Ermal Meta, per dirne soltanto alcuni. In Città Alta, invece, sbarca il PiCa Festival, una manifestazione dedicata al peperoncino e alla canapa. Creberg sempre protagonista poi, visto che è stata presentato la nuova stagione del teatro. E tra musical, cabaret, commedia e concerti, gli appuntamenti sono veramente tantissimi e con nomi di grande richiamo, come Ale&Franz o Panariello, ma anche Claudia Cardinale e Vinicio Capossela. Restando sulla musica, l’amico Alez si #hashtag ci consiglia di non perderci, sabato sera al Gate, il concerto dei Mòn, una band romana che propone indie folk di alto livello, veramente da gustare. Infine, questa settimana vi portiamo con noi nella cucina della Trattoria Pellegrini, a Blello, il Comune più piccolo della provincia. Un salto nel tempo, una tavola domestica fatta di piatti saporiti e storie da raccontare agli amici. Un ristorante che apre soltanto se c’è gente e quindi, prima di andare, forse è meglio fare un colpo di telefono… E per restare sulla cucina casalinga, piccolo focus dedicato a un piatto tipico della nostra terra che, però, prende nomi diversi in relazione alla zone: in Val Seriana si chiama capù, in Val Brembana nosecc. Sempre dei mitici involtini di verza, però, si parla. E le loro radici affondano nella storia.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.