Cosa c’è nel nuovo BergamoPost
che dal 27 settembre è in edicola

Il 30 settembre 2016 era un venerdì e in edicola usciva il primo numero del settimanale BergamoPost. Un sito che diventava un giornale, percorrendo la strada inversa di tante testate italiane e non solo. Tre anni dopo, venerdì 27 settembre 2019, rieccoci qua. Sono passati ben 154 numeri, ci siamo ampliati, voi lettori siete cresciuti e noi continuiamo a provare a offrirvi un’informazione diversa, più pensata e che vada ben oltre la cronaca. Non sappiamo se ce la stiamo facendo, ma ci proviamo sempre. E questa settimana certo non è da meno. Leggete un po’.

 

 

In apertura un’indagine che interessa un po’ tutti: quali sono i supermercati di Bergamo e hinterland in cui costa meno fare la spesa. Vi portiamo poi nelle stanze del potere, rivelandovi i retroscena circa le trattative per la nomina del nuovo presidente dell’aeroporto e ciò che è accaduto in Ubi Banca (un vero e proprio terremoto). E ancora: reportage dal mercato del lunedì in Malpensata, che presto scomparirà; l’inatteso boom del teatro dialettale; la donna che si incatena agli alberi; la rinascita del ristorante alla stazione del tram di Sarnico. Per le pagine di Atalanta, invece, testa e cuore rivolti alle sfide con Sassuolo e Shakhtar, ma anche dei focus sulle accuse di razzismo alla nostra tifoseria e i casi controversi che hanno riguardato gli ultras negli ultimi mesi (dal pestaggio di Firenze in poi). Per lo sport, il nostro grazie a Francesca Piccinini, un pezzo di storia del volley anche bergamasco che ha deciso di ritirarsi, e gli immancabili approfondimenti su pallavolo e basket. Per il vostro tempo libero, invece, oltre a musica, teatro e arte, anche la novità del Pizza Festival in quel del Parco Goisis (imperdibile!). Pagine di provincia: a Curno il commovente saluto alla comunità di don Alex; a Mozzo tiene ancora banco la viabilità; a Dalmine la bella intervista ai due uomini che hanno salvato la vita a Stefano Mecca e due delle sue due figlie in occasione della tragedia dell’aereo caduto vicino all’Asse, oltre al dolore per non essere riusciti a salvare anche la terza figlia; a Osio Sopra la polemica per il “trasloco” delle salme dal cimitero; a Stezzano ancora discussioni per i genitori che portano i figli a scuola in auto; a Nembro il passo indietro (da 2 milioni di euro) sulle opere pubbliche. Queste e tantissime altre notizie sul BergamoPost in edicola dal 27 settembre al 3 ottobre. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.