Cosa c’è nel nuovo BergamoPost
che dal 30 agosto è in edicola

Quello del 30 agosto 2019 è un numero, a suo modo, storico di BergamoPost. È quello in cui, difatti, annunciamo l’avvio ufficiale dell’avventura in Champions della “nostra” Atalanta. Il 29 agosto si sono infatti tenuti i sorteggi e l’apertura di questo nuovo numero del nostro settimanale non poteva che essere dedicato alla Dea, con notizie approfondimenti. Ma non è tutto: ecco le altre anticipazioni.

 

 

Come detto, l’apertura è dedicata all’Atalanta. Altro tema forte per la città, invece, è un interessante approfondimento a firma del direttore Ettore Ongis sulla situazione della nostra Chiesa, che «si è lasciata contaminare dalle paure della società ed è prigioniera di se stessa». L’anno prossimo tre nuovi preti ma ogni anno ne muoiono trenta. Vi parliamo poi dell’ospitata alla Berghem Fest del leghista Giorgetti, che ha gelato il popolo del Carroccio, della situazione dell’Ostello in Monterosso, di come sia difficile lavorare da maschera al Teatro Creberg e di quante sono e dove sono le zanzare in città. Tra città e provincia, poi, due grandi appuntamenti della tradizione bergamasca: Fungolandia in Alta Val Brembana e la Fiera di Sant’Alessandro. Per l’Atalanta, non solo Champions, ma anche mercato e campionato (con la sfida al Torino in vista), oltre che l’immancabile focus sul vivaio. Per lo sport in generale, oltre ai nostri approfondimenti su pallavolo e basket del territorio, anche la presentazione dei Campionati nazionali di sci di fondo che si terranno a Gromo e Lenna nel 2020, antipasto di Cortina 2026. Infine, per il vostro (e nostro) tempo libero la due giorni dedicata a Bruce Springsteen e Piazza Vecchia che torna verde con I Maestri del Paesaggio. Per le pagine di provincia: a Ponte San Pietro il ricordo di Felice Gimondi di un suo caro amico; a Treviolo, il “ritorno” di Masper; a Curno la polemica per i nuovi rondò; a Mozzo ancora polemiche per il traffico; a Dalmine due addii particolari e… storici; a Stezzano è “guerra” sul verde pubblico; ad Azzano la rabbia dei cittadini dopo che è saltata la storica festa; a Seriate si discute del futuro del Gavazzeni; a Grassobbio, invece, è polemica per il parcheggio selvaggio causato dal vicino aeroporto; interessante focus su come il turismo stia rovinando la bellissima Val Vertova in Val Seriana; a Nembro, ancora scontri tra Amministrazione e lonnesi. Questo e molto altro nel nuovo BergamoPost, in edicola fino a giovedì 5 settembre. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.