Cosa c’è nel sesto BergamoPost
che dal 4 novembre è in edicola

Come ogni venerdì, più puntuale di un orologio svizzero, BergamoPost torna a farvi compagnia in edicola, nei supermercati e nei centri commerciali di Bergamo e 17 Comuni della provincia: Seriate, Dalmine, Stezzano, Osio Sotto, Treviolo, Torre Boldone, Zanica, Curno, Mozzo, Azzano San Paolo, Gorle, Grassobbio, Osio Sopra, Comun Nuovo, Lallio, Levate e Orio al Serio. È il sesto passo di questa nuova avventura, un viaggio che speriamo stiate affrontando anche voi con noi.

 

prima-bgpost-4-novembre-2016

 

L’apertura. Dopo aver parlato di banche e industria, questa settimana ci concentriamo su un’altra realtà “di peso” di Bergamo e provincia: la Curia. Da qualche settimana, infatti, giornali (anche nazionali come La Verità) e media si son messi a fare i conti in tasca al vescovo Beschi, parlando di ingenti perdite. Più precisamente, si è scritto di un buco di 21 o di 35 milioni di euro per il crollo delle azioni Ubi (la diocesi bergamasca ne detiene ben 4,5 milioni). Queste cifre, però, sono soltanto virtuali. Noi abbiamo tentato di fare chiarezza sui conti del vescovo, senza esimerci però dal porci alcune domande, tipo: è opportuno che la Chiesa investa in questo tipo di investimenti? Perché sebbene la situazione non sia così tragica come raccontata da alcuni media, i problemi non sono affatto inesistenti.

Città. Se quello appena esposto rappresenta il tema forte della settimana, non mancano certo altri interessanti approfondimenti sulla città. A partire da un focus sui parcheggi cittadini. Chi vive o lavora a Bergamo lo sa bene: trovare un posto auto nelle vie centrali è una sfida quasi impossibile. Abbiamo allora provato a creare una mappa in grado di presentare tutte le alternative di parcheggio in città, gratuite e a pagamento. Molto interessante anche l’intervista della settimana, dedicata a una donna purtroppo poco nota a Bergamo, che è però la sua città: Erina Gambarini, figlia del compositore, a 12 anni già protagonista al Teatro la Scala e direttrice del coro dell’orchestra Verdi di Milano e fondatrice del coro Canticum Novum che ha sede nella parrocchia delle Grazie a Bergamo. Erina ci ha raccontato la sua vita, ma soprattutto come l’esperienza nella musica sia, in realtà, una scuola di vita. Un’altra storia, tragica ma fortunatamente a lieto fine, è quella di Gigi, 74enne che ci ha raccontato la terribile esperienza vissuta nella solitudine di casa sua: infortunatosi, è rimasto due giorni e due notti immobilizzato a terra prima che i vicini di casa si accorgessero che qualcosa non andava e chiamassero i soccorsi.

 

70x100-definitiva-copy-2

 

Intanto non tutti sanno che a Bergamo è nato un comitato che si oppone tenacemente al progetto di riqualificazione della piazzetta di Santa Lucia portato avanti dalla Giunta Gori. Abbiamo parlato con i suoi membri per capire meglio la loro posizione. Va però detto che se da un lato l’Amministrazione comunale non convince proprio tutti, dall’altro sta facendo cose molto belle per la città. Vi sveliamo, ad esempio, le idee che hanno in mente a Palazzo Frizzoni per le luminarie natalizie: non vi lasceranno di certo indifferenti. Così come non ha lasciato indifferenti l’idea di trasmettere in filodiffusione per Città Alta le opere del compositore bergamasco Gaetano Donizetti: turisti e ristoratori apprezzano, ma c’è anche chi storce il naso, definendo l’iniziativa una «cosa da fiera di paese». Le pagine di città si chiudono poi con una bella storia (quella di Paolo Buzzetti, nostro concittadino che oggi lavora fianco a fianco del grande regista Ridley Scott per il quale realizza gli effetti speciali) e un caso che sta facendo discutere, cioè quello legato alle opere d’arte di proprietà della Provincia che sono praticamente sparite.

Provincia. Cronaca e storie sono il cuore anche delle pagine di provincia. In primo piano non poteva che esserci la tragica morte di Gerard Dade, il 13enne di origini togolesi deceduto giovedì 3 novembre all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, dove era ricoverato da martedì dopo essere stato colto da un malore mentre si trovava per strada insieme a un gruppo di amici. Il ragazzino era ben voluto da tutta la comunità del paese, soprattutto per merito della sua allegria. A Seriate invece vi raccontiamo il ritorno in società di don Stefano: l’ex curato della zona Risveglio, dopo appena 40 giorni da eremita (dove aveva chiesto di andare lui), ha deciso di chiedere un nuovo impegno. Da Dalmine arriva invece la bella storia delle mamme che, dopo la chiusura dello spazio gioco comunale, hanno deciso di mettersi insieme per portare avanti l’esperienza da volontarie. A Stezzano la prima pagina se la conquista il centro Aqualife, che ha raggiunto quasi quota 1.400 iscrizioni e rappresenta un’eccellenza del territorio bergamasco. Continua a Torre Boldone la polemica sugli spazi comunali in concessione «a canone agevolato» ai professori volontari che intendono insegnare l’italiano agli stranieri: nonostante il buon proposito dell’iniziativa, il sindaco Sessa non si è smosso di un millimetro dalla propria posizione e continua a chiedere ai professori ben 4mila euro. A far discutere Curno, invece, oltre al sempre caldissimo tema della moschea, è l’annuncio dato dall’ex sindaco Gandolfi: «Qui è impossibile governare, non mi candido». E anche l’attuale primo cittadino, Serra, non sembra così convinta di presentarsi alle prossime elezioni… Naturalmente questo è soltanto un piccolo assaggio delle tantissime notizie che troverete nelle 28 pagine dedicate ai 17 Comuni della provincia di Bergamo che seguiamo settimanalmente. Ce n’è per tutti.

 

logo-bgpost

 

Sport. Per quanto riguarda lo sport, invece, questa volta abbiamo dedicato una bella pagina ai bergamaschi che domenica 6 novembre saranno a New York per correre la leggendaria Maratona. Storie di passione, di sfide e di inattese sorprese, come quella ricevuta dal figlio Nicola da Carlo Cibaldi, 75enne di Alzano Lombardo, che dopo una vita di lavoro e sacrifici volerà nella Grande Mela per un’avventura inattesa ed emozionante. Per le strade di NY saranno una settantina i bergamaschi, tra cui anche l’amministratore delegato de L’Eco di Bergamo, Massimo Cincera, e il presidente della Fondazione Mia, Fabio Bombardieri. All’Atalanta dedichiamo invece due pagine: la prima incentrata sulla prossima sfida contro il Sassuolo, la seconda invece per una bella intervista a Mino Favini, volto storico del settore giovanile nerazzurro oramai in pensione, ma il cui cuore batte ancora per la Dea. Del resto i giovani talenti lanciati da Gasperini sono proprio dei suoi “nipoti” calcistici. Personaggio della settimana della Foppa è invece la capitana Paola Paggi che ha raggiunto la scorsa settimana quota 500 presenze da professionista. Ci racconta l’emozione e le sensazioni della stagione appena iniziata. Spazio anche ai tifosi rossoblù, che ci dicono la loro sull’annuncio della nuova Arena da 6.500 posti che permetterà alla Foppa di lasciare il PalaNorda tra qualche anno.

Tempo libero e cucina. A chiudere con leggerezza e respiro, come sempre, ci sono infine le pagine di tempo libero, cultura e cucina. Si parte con una bella intervista a Ugo Dighero, volto noto della tv ma soprattutto grande attore, che porta a Ranica, per la rassegna teatrale “Il Palco dei Colli”, niente di meno che Mistero Buffo di Dario Fo. Per le mostre, vi sveliamo tutto e di più su “Fotografica”, il festival della fotografia che arriva in Città Alta (ma non solo). L’amico Alez, all’anagrafe Alessandro Giovanniello, ci presenta invece Giorgie, cantautrice valtallinese che porta sul palco del Druso la sua verve e la sua arte, oltre che la sua band, i Giorginess. Chiude il nostro giornale la buona cucina. Anzi, l’eccellenza della cucina. Questa settimana vi portiamo con noi a Palazzago al ristorante Burligo, dove Felice e Norma portano avanti con schiettezza la buona e sana gastronomia tradizionale. Oltre che un pranzo/cena da loro, vi consigliamo anche la lettura dell’editoriale gastronomico del nostro Luca Della Maddalena di questa settimana, incentrato sulla «inarrestabile ascesa della polenta». Impossibile non leggerlo se siete bergamaschi.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.