L’emozione degli sposi di Mozzo
a Roma per incontrare il Papa

Sveglia all’alba, con temperature da brivido per i novelli sposi di Mozzo che hanno preso il treno con destinazione Roma per l’udienza speciale con Papa Francesco. Accompagnati dal Parroco don Giulio Albani, quattordici coppie hanno raggiunto la capitale martedì mattina. Manuela con Maurizio, Giorgia e il marito Leonardo, Valeria insieme a David, e poi la piccola Greta che accompagnava mamma Romina e papà Cristian. Sara con Fabio e la coppia Alessandra e Fabio. Chiara e Antonino, e Debora con Marco. Ilaria è andata con il suo Andrea, mentre Raffaella Marta con Matteo. Francesca e Simone, Silvia con Fabio. Paola e Andrea, Desiree con Angelo e infine Elisabetta con il marito Matteo.

 

 

Nel pomeriggio la visita ai Musei Vaticani e la Cappella Sistina, accompagnati da una guida speciale ingaggiata per l’occasione. Poi prima della cena una santa messa privata nella casa delle suore di Madre Teresa di Calcutta voluta da Papa Giovanni Paoli II per accogliere i poveri. Una giornata piacevole per gli sposi, ma anche per gli accompagnatori che si sono occupati dell’organizzazione delle due giornate. Si misurava un po’ di tensione soprattutto sui volti delle spose per l’udienza del mercoledì, dove ogni coppia doveva preparare un breve discorso per l’incontro in Vaticano, durante il quale alcuni hanno portato un dono per il Papa.

Ogni coppia, al risveglio mercoledì mattina, si è ritrovata con un compito inedito e di solito irripetibile, almeno per lo sposo: aiutare la sposa a indossare l’abito bianco per la prima volta, al posto di madri, sorelle e damigelle che l’aiutarono il giorno del matrimonio, molto più esperte dei mariti, in questo unico caso da soli nello svolgere la mansione.

 

 

Dopo la colazione, il nugolo di vestiti bianchi, sfidando le basse temperature, si è incamminato lungo le mura vaticane, unendosi alle coppie provenienti da altre parti d’Italia. Il Camerlengo ha accolto i giovani sposi indirizzandoli verso l’area a loro riservata in piazza San Pietro. Momento di grande emozione si è avuto quando nella piazza è apparsa l’immagine del Papa che…»

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 40 di Bergamopost cartaceo, in edicola fino a giovedì 1 febbraio. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.