Silvia Rossi tra le Miss Italia Curvy
anche se porta solo la taglia 42

È simpatica, ha due occhi verdi che ti ipnotizzano e sa perfettamente che, in fondo, si tratta solo di un gioco. Del resto, il suo essere alta «solo» un metro e 62 centimetri, in un mondo, quello del fashion e della moda, in cui l’altezza è già, in ossequio al detto popolare, «… mezza bellezza», è sempre stato un limite da cui partire per… andare oltre e provare lo stesso a inseguire il proprio sogno. Silvia Rossi di Colle Brianza (Lecco), 21 anni, un lavoro come educatrice all’asilo nido di Barzanò, è in  corsa al rinomato concorso di bellezza di Miss Italia. «E sempre stato il mio desiderio, fin da quando ero una bambina. E ora non mi sembra vero di essere a un passo dalle finali». Il percorso di Silvia è iniziato, quasi per gioco, a giugno quando la giovane brianzola ha deciso di partecipare al primo casting: «Mi hanno fatto sfilare e hanno chiesto di presentarmi. Poi però mi hanno detto che per i loro standard ero bassa visto che le ragazze in gara partono da 170 centimetri». Il viso solare e affascinante di Silvia non è però passato inosservato ai giurati: «Sono stati loro a dirmi che ho un viso bellissimo proponendomi di partecipare alla sezione Curvy del concorso».

Una sezione nata per dare spazio e visibilità a ragazze dalla bellezza travolgente anche se magari non perfettamente in linea con i dettami della moda attuale. «Come taglia indosso una 42, ma è chiaro che da parte a una ragazza più alta di me, finisco per apparire molto meno slanciata. E poi, insomma, magrissima non sono visto che ho anch’io un po’ di pancetta e i fianchi arrotondati». Del resto, alla genetica non si sfugge, e il dna di mamma Carmen, campana di origine, si è fatto sentire: «È lei la mia prima fan ed è lei che mi ha sostenuto in questo percorso». A fianco di Silvia ci sono anche il fidanzato Mattia e il papà, il più scettico all’inizio dell’avventura: «Mi diceva che sono troppo bassa e che non sarei mai passata». E invece Silvia ha trovato la strada, o meglio la… curvy giusta per dare forma al suo sogno. Lunedì 17 luglio ha partecipato a una selezione a Roma insieme a una sessantina di altre ragazze. «Avevo il numero 26 e ci hanno fatto un provino facendoci indossare un nostro costume. Sono stata selezionata tra le prime 25 anche se non ho guadagnato l’accesso diretto alle prefinali di Iesolo in programma dal 27 agosto al 3 settembre».

Silvia è tra le 10 ragazze che dovranno passare la selezione guadagnando i voti degli internauti: «A breve verrà pubblicata sul sito di Miss Italia la lista di noi dieci ragazze: andranno in finale solo le quattro che otterranno più voti dal pubblico». A Colle e a Barzanò sono già tutti pronti per collegarsi, dal 31 luglio al 21 agosto, al sito www.missitalia.it e votare la bella Silvia. «Per me è già bellissimo essere arrivata qui. Sono molto emozionata». Diplomata all’istituto Bertacchi di Lecco, Silvia lavora da due anni all’asilo nido di Barzanò. «Sono una ragazza semplice, solare ma anche un po’ permalosa. Non amo la solitudine. Gioco da 13 anni a pallavolo, di cui l’ultimo nella squadra del Lambrugo. Qual è il mio sogno del cassetto? Aprire un asilo nido tutto mio». L’altro desiderio, quello di partecipare a Miss Italia, lo sta già realizzando.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.