Il sorriso di Ndack ad Azzano
«L’avete accolta con amore. Grazie!»

Ndack ha 11 anni, è di origine africana, e da quando è nata deve convivere con una paralisi cerebrale che la costringe a muoversi su una sedia a rotelle. Dal 2009 vive in Italia, prima a Zanica dove ha frequentato l’asilo e poi ad Azzano. Ed è proprio qui che Ndack e la sua mamma Alima hanno trovato un clima accogliente, pieno d’amore e di collaborazione. E così, ora che la scuola volge al termine e Ndack sta per concludere il suo percorso alla primaria, Alima ha deciso di scrivere una lettera accorata per ringraziare genitori, compagni di classe di quinta B, collaboratori scolastici e Comune di Azzano.

Il messaggio è stato letto durante la festa di fine anno alla primaria, dalla maestra Laura che, con voce spezzata, è riuscita a fatica a scandire ogni singola parola, senza fermarsi di tanto in tanto a deglutire per scacciare via l’emozione. Un ringraziamento particolare è stato rivolto alle maestre Nicoletta, Ina, Anna, Giuliana, Annamaria, Rosaria, Laura «per il duro lavoro, l’appoggio, l’affetto dedicato a Ndack durante questi cinque anni. Grazie anche a Mara rappresentante di 5B – scrive mamma Alima – sempre disponibile ad aiutare Ndack, prenderla ogni sabato e accompagnarla a scuola, con la pioggia, con la neve o con il sole. Sempre disponibile e con tanta volontà e amore. Grazie a tutti i genitori che quando Mara era impegnata si sono offerti volontari. Mi ricordo che quando Ndack aveva finito l’asilo a Zanica io piangevo perché pensavo di non poter trovare altre persone che si occupassero di lei con tanta umiltà, volontà e…»

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 37 di Bergamopost cartaceo, in edicola fino a giovedì 7 giugno. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.