Volti e storie degli Under30 italiani
più promettenti secondo Forbes

Arte, intrattenimento, industria, media, politica, imprenditori social, retail ed ecommerce, scienza e salute, finanza e tecnologia: sono queste le 10 categorie individuate da Forbes per elencare i 300 under 30 europei più promettenti. Leader, creativi, imprenditori e inventori: sono tanti i giovani che con la loro intraprendenza e le loro idee stanno cambiando un mondo che va sempre più veloce. E spulciando questa interessante classifica stilata dalla nota e stimata rivista di economia e finanza scopriamo che anche gli italiani si fanno onore. Sono molti, infatti, quelli presenti in alcune delle 10 categorie individuate da Forbes.

Per stilare questo elenco, la rivista ha assoldato più di una dozzina di giornalisti internazionali per scremare migliaia di candidati, ulteriormente selezionati dai redattori, che alla fine si è affidata a 30 giudici esperti, tra cui Sir Ronald Cohen, Eileen Burbridge, Paddy Cosgrave, Kelly Osborne e Dame Kelly Holmes. Scopriamo insieme i nomi, i volti e le storie di questi italiani ritenuti da Forbes tra i migliori under 30 d’Europa.

 

Guglielmo Castelli (28 anni) – Arte
Artista

guglielmo-castelli-19-800x599

Artista visivo e giovanissimo ex illustratore di moda per Vogue, Guglielmo Castelli è ritenuto uno degli astri nascenti dell’arte contemporanea. Nato a Torino, dopo aver messo la propria arte al servizio di uno dei più importanti e influenti marchi dell’editoria fashion al mondo, ora si dedica alla pittura figurativa con successo. Alle spalle ha già diverse mostre personali tenutesi in alcune delle più importanti città europee, quali Roma, Ginevra e Amsterdam. Formatosi all’Accademia Albertina di Torino, è stato artista residente selezionato presso il Macro di Roma. Tra i suoi soggetti preferiti una realtà rappresentata «nella sua instabilità e fragilità, con rappresentazioni sempre un po’ evanescenti, quasi oniriche». Parola di Forbes.

 

Delfina Delettrez (29) – Arte
Designer di gioielli

delfina

Discendente della storica dinastia Fendi (quarta generazione femminile per la precisione), Delfina Delettrez è una delle più apprezzate e stimate designer di gioielli al mondo. Sebbene arrivi da una famiglia tanto importante, Delfina ha deciso di non prendersi un posto in azienda e di costruirsi una carriera con la sola forza della propria creatività. Silenziosa, timida e determinata, ha scritto da sé il suo repertorio: 9 anni di bijoux e gioielli (ha iniziato nel 2007) che indagano il lato oscuro e barocco della bellezza. Alcune delle sue creazioni hanno reso ancora più belle grandi donne delle spettacolo quali Cetherine Deneuve, Beyoncé, Madonna e Taylor Swift.

 

Chiara Ferragni (28) – Arte
Fashion blogger

11114049534_10fcc53741_o

È questa bellissima ragazza di Cremona l’indiscussa regina mondiale delle fashion blogger. È lei ad aver creato, praticamente dal nulla, un nuovo modo di intendere e fare la moda e il fashion journalism. Il suo blog, The Blonde Salad, è online dal 2009, ma da allora ha avuto una crescita esponenziale ed abnorme, tanto da generare (contando anche i social, su cui la Ferragni è attivissima e seguitissima) un fatturato da circa 9,5 milioni di dollari. Lei è l’avanguardia italiana dei fashion blogger, figure che stanno rivoluzionando la moda dal basso e rubano le copertine ai testimonial classici, scalzando attori, rockstar e campioni sportivi. Il boom è arrivato nel 2010, quando le grandi case di moda e i media si accorsero dell’enorme successo (nato dal nulla) di questa ragazza e del suo blog. Dopo aver fondato una società interamente dedita a gestire il suo business, negli anni è stata direttore creativo per molti grandi marchi: Superga, Mango, Tod’s, Yamamay, Disney e Italian Indipendent di Lapo Elkann. Disegna collezioni speciali ed edizioni limitate per loro, a cui si aggiunge la sua produzione di scarpe, la Chiara Ferragni Collection, completamente made in Italy, presente in 200 store scelti in 30 Paesi del mondo.

 

Simone Colombo (27) e Matteo Meraldi (25) – Arte
Cofondatori della Formaliz3d

3427768

Combinare innovazione e design, arte e tecnologia, tradizione e creatività: Simone Colombo e Matteo Meraldi fanno questo usando la stampa 3D e sotto il nome dell’azienda da loro stessi fondata, la Formaliz3d. Grazie alla loro conoscenza di questa tecnologia, ritenuta da molti il vero futuro della produzione industriale, i due ragazzi creano e danno forma a oggetti di arredamento dalle forme sinuose e apprezzatissime nel mondo del design di interni. La lampada Kayan, da loro creata, è diventata un vero e proprio fenomeno, che ha raccolto apprezzamenti un po’ in ogni parte del mondo e li ha fatti conoscere anche ai più grandi nomi del settore.

 

Andrea Bonzanni (29) – Industria
Consigliere per il trading desk EDF

andrea bonzanni

Nonostante la giovane età, Andrea Bonzanni è ritenuto uno dei maggiori esperti italiani ed europei di politiche energetiche. La sua conoscenza è attualmente al servizio del colosso energetico francese EDF ed è tanto stimato da essere stato anche scelto per insegnare le regole del mercato energetico all’Istituto di studi politici di Parigi (lo Sciences Po). Bonzanni ha anche lavorato ad alcuni punti chiave della legislazione europea dell’energia, in particolare sul programma tariffario e sull’inquinamento.

 

Marco Morini (27) – Industria
Cofondatore di SBskin

Marco morini

Se pensate che i pannelli solari siano il futuro, sappiate che Marco Morini è più avanti addirittura del futuro stesso. Lui, infatti, crea interi edifici “solari”. L’azienda di cui è cofondatore, la SBskin, si occupa infatti di innovazione edilizia. Con i suoi soci, Morini sta creando edifici in grado di produrre autonomamente il 10 percento dell’energia totale necessaria all’edificio stesso grazie al sole. L’idea è basata sull’attività di ricerca, condotta ormai da diversi anni, presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo, finalizzata all’ottimizzazione energetica e all’incremento delle prestazioni degli elementi di captazione della luce naturale, da impiegare per la realizzazione di involucri edilizi.

 

Sebastian Giovinco (28) – Intrattenimento
Calciatore dei Toronto FC

sebastian-giovinco-scores-brilli

La “Formica Atomica” è dovuta emigrare oltreoceano per fare conoscere il proprio nome al resto del mondo. Ritenuto uno dei più grandi talenti incompleti del nostro calcio, dopo aver incantato nelle giovanili della Juventus, la sua carriera ha raggiunto l’apice a Empoli e Parma, dove grazie alla sua classe ha saputo conquistarsi il tifo locale. Tornato alla Juventus, però, non è mai riuscito a prendere l’eredità di Alex Del Piero, ruolo che tanti pensavano il futuro gli avrebbe consegnato. Sebbene i suoi piedi siano in grado di disegnare traiettorie uniche, le malelingue l’hanno sempre descritto come non adatto fisicamente al grande calcio. E così l’anno scorso ha deciso di accettare l’offerta arrivata dalla MLS, il campionato di calcio statunitense, e approdare al Toronto FC. Dove, in poco tempo, ha conquistato tutti a suon di gol, assist e grandi giocatore. Eletto miglior giocatore della stagione, è diventato una star, avvicinando molti al “soccer”. Sebbene giochi in un campionato agonisticamente non eccelso, il ct della Nazionale, Antonio Conte, non ha mai nascosto la sua passione per lui e potrebbe portarlo ai prossimi Europei in Francia.

 

Francesco Maesano (29) – Media
Giornalista de La Stampa

francesco maesano

Nel mondo dei media, l’unico rappresentante italiano scelto da Forbes è anche l’unico giornalista italiano under 30 ad essere riuscito a imporsi e a farsi un nome a suon di pubblicazioni di livello. Francesco Maesano, reporter de La Stampa, è definito un professionista serio, che è stato capace di arrivare a un quotidiano nazionale partendo da un piccolo giornale. Ritenuto come una sorta di self-made man della stampa, Maesano è stato anche in grado di abbinare sapientemente la propria professione da giornalista su carta stampata a quella di “cronista lampo” sui social. Si occupa principalmente di politica come inviato da Roma.

 

Anna Ascani (28) – Politica
Deputato al Parlamento

anna ascani

Nata a Città di Castello, dopo essersi laureata con laurea triennale in Filosofia a Perugia e laurea specialistica a Trento, nel 2013, a 25 anni, è stata eletta per il Partito Democratico alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Regione Umbria. È attualmente membro della VII Commissione (Cultura, Scienza e Istruzione), presidente dell’Intergruppo dei Giovani Parlamentari, membro della delegazione italiana presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa e del Women in Parliaments Global Forum. È anche stata promotrice del primo Forum Europeo dei Giovani Deputati, tenutosi a Bruxelles nel dicembre 2013. La sua carriera politica è cominciata quando aveva soli 18 anni, risultando la candidata più giovane al consiglio comunale di Città di Castello con la lista civica “Centro Democratico”.

 

Brando Benifei (29) – Politica
Parlamentare europeo

brando benefei

Eletto al Parlamento Europeo nel 2014 per il Pd, è un giovane politico che da tempo porta avanti la sua battaglia per la creazione degli Stati Uniti d’Europa. Ligure di nascita, la sua carriera politica inizia nel 2002, quando ricopre le prime cariche in Sinistra Giovanile, prima come Responsabile Scuola della sezione spezzina, poi con la stessa carica nella sezione regionale ligure e divenendo infine coordinatore regionale e membro della direzione nazionale. Aderisce al Pd nel 2007, diventando coordinatore regionale dei Giovani Democratici, per poi diventarne anche coordinatore nazionale. Nel 2009 viene nominato Responsabile Europa dei Giovani Democratici e contestualmente diviene vicepresidente di European Community Organisation of Socialist Youth (ECOSY), la federazione giovanile del Partito Socialista Europeo. Si è distinto per le sue battaglie sulle politiche del lavoro giovanile, su quelle dei diritti umani e per la digitalizzazione.

 

Luigi Di Maio (29) – Politica
Vicepresidente alla Camera dei Deputati

Rai: Di Maio, Renzi vuole tv a sua immagine e somiglianza

Nel 2013, a soli 26 anni, diventa il più giovane politico ad aver mai ricoperto il ruolo di vicepresidente alla Camera dei Deputati della storia italiana. Nato ad Avellino, entra attivamente in politica nel 2007, come militante del Movimento 5 Stelle. Candidatosi come consigliere comunale nel 2010, senza essere eletto, entra in Parlamento nel 2013. Fa parte anche della Commissione che si occupa delle politiche dell’Unione Europea, ma è soprattutto uno dei volti più noti del Movimento fondato da Beppe Grillo, di cui è diventato, insieme al collega Alessandro Di Battista, l’esponente di spicco. Prima di intraprendere la carriera politica praticava la professione di webmaster.

 

Jacopo Mele (22) – Politica
Cofondatore della Fondazione Homo Ex Machina Onlus

Jacopo mele

Abile comunicatore, è stato ospite più volte di trasmissioni televisive e sono molte le interviste o i video che raccontano di lui. È diventato famoso per essersi inventato una professione, quella di digital-life coach. A 12 anni girava video, a 14 anni programmava. A 19 entrava nelle aziende come consulente di web marketing. Oggi, a 22 anni, Jacopo Mele aiuta startup e imprese con un fatturato tra i 10 e 500 milioni di euro a crearsi una vita online. Ma il suo ruolo “politico” è attraverso la fondazione che lui stesso ha aiutato a fondare e di cui è presidente, la Homo Ex Machina Onlus, con cui lotta per fare in modo che l’intelligenza artificiale sia usata per migliorare la qualità della vita di ognuno di noi. Segue una marea di progetti, tutti in grado di unire la solidarietà all’imprenditoria, l’attenzione per l’innovazione con quella per l’ecologia. A Linkiesta racconta: «Nei trentaquattro progetti che ho aperti ora, il mio ruolo è sempre quello di mettere insieme persone e modelli. È riportare a nuovi scenari quel che ho imparato dall’ultimo direttore marketing incontrato. È fare rete di persone e di idee».

 

Giulia Pastorella (29) – Politica
Consulente di HPInc.

giulia pastorella

Dal 2010 è una consulente specializzata in affari politici per la HP, dove è incaricata di individuare una via green per la crescita dell’azienda. Ha studiato a Oxford e si è specializzata in una delle principale scuole internazionali per gli studi economici, la London Business School of Economics, dove sta completando il suo dottorato in Studi Europei.

 

Leonardo Quattrucci (23) – Politica
Consigliere alla Commissione Europea

quattrucci

È il più giovane ad aver mai ricoperto l’incarico di consigliere alla Commissione Europea, dove coordina sei team ed è specializzato nel futuro del lavoro e in innovazione istituzionale. Fa inoltre parte del World Economic Forum Global. Università americana a Roma, poi un master ad Oxford alla Blavatnik School of Government, tutto grazie a delle borse di studio: «Senza quelle non mi sarei mai potuto permettere un’istruzione di questo tipo», racconta Quattrucci a Il Sole 24 Ore.

 

Federico Schiano di Pepe (28) – Ecommerce
Cofondatore di CoContest

schianodipepe-150529145251

Federico, insieme al fratello Filippo, nel 2012 diede vita a CoContest, sito che permette di mettere in contatto professionisti dell’architettura e ipotetici clienti: ci si iscrive al sito e si lancia un contest, segnalando le esigenze e caricando la piantina dello spazio da rinnovare e alcune foto. Poi, prima di “aprire” il concorso, si paga la cifra che si aggiudicherà il vincitore (se vincitore ci sarà) del contest. Un algoritmo automatico vi segnalerà il preventivo più appropriato, ma il quanto potete deciderlo voi. Una volta aperto il contest, i tanti architetti o designer iscritti al sito (oggi sono 25mila, 11mila in più rispetto a un anno fa, quando vi parlammo di questa realtà) potranno presentarvi il loro progetto e se uno di essi sarà di vostro gradimento, darete il via libera alla conclusione della transazione. Spesso preso di mira in Italia, dove il sito viene accusato di “commercializzare” una professione in crisi, il riconoscimento di Forbes dimostra come invece CoContest sia molto stimato all’estero.

 

Matteo Lostaglio (27) – Scienza e Salute
Studente all’Imperial College London

18670997409_42a4f6862a_b

«Lascia una tazza di tè caldo sul tavolo e si raffredderà. Ma nel mondo dei quanti, perché non potrebbe riscaldarsi?»: è con questa domanda che Matteo Lostaglio, studente di termodinamica all’Imperial College London, si è conquistato un posto nella classifica di Forbes. Il ragazzo studia questa branca della fisica per esplorare le profonde connessioni tra energia e informazioni. Secondo gli esperti, il suo lavoro potrebbe portare ad una nuova generazione di motori su scala nanometrica.

 

Stefania Boroli (29) – Finanza
Investment Manager del fondo IDEA

Stefania Boroli

Dopo aver lavorato come consulente alla Bain, Stefani Boroli è stata tra coloro che hanno maggiormente lavorato al lancio di IDEA Taste of Italy, un fondo di private equity focalizzato interamente sul settore del cosiddetto “food&wine” e per il quale oggi lavora come Investment Manager. Nato all’interno della grande famiglia De Agostini, l’obiettivo del fondo è investire in una decina di aziende italiane di medie dimensioni (categoria che comprendere quelle con un fatturato tra i 10 e i 200-300 milioni), per lo più a gestione familiare, spesso con difficoltà di accesso al credito e problemi di ricambio generazionale. In sostanza, aziende con buoni fondamenta, ma che hanno bisogno del supporto di un investitore finanziario non solo in termini di capitali, ma anche di managerialità. Una scommessa che in poco più di un anno di attività si sta rivelando vincente su scala internazionale.

 

Dario Galbiati Alborghetti (27) – Finanza
Direttore di Food Labs

dario galbiati alborghetti

Nuovamente finanza abbinata al mondo dell’enogastronomia. Dario Galbiati Alborghetti è infatti a capo di Food Labs, che aiuta nella costruzione e nell’investimento in startup del settore food. In precedenza, Galbiati Alborghetti si era già fatto un nome nel settore lanciando il marchio Paleo Jerky, specializzato nel mondo della carne.

 

Claudio Guarnieri (28) – Tecnologia
Ricercatore e membro di CitizenLab

Claudio-Guarnieri

Ricercatore nell’ambito della sicurezza informatica presso la University of Toronto, è anche membro di CitizenLab, laboratorio interdisciplinare specializzato nel settore dove Guarnieri spicca. Il 28enne italiano ha fatto parte del team che ha scoperto come i Paesi con precedenti discutibili in ambito di diritti umani utilizzino la tecnologia contro gli attivisti, ricerca che ha fatto molto discutere e di cui si parlò molto. In ambito “imprenditoriale” è però forse più noto per essere stato il creatore di due tra i principali strumenti di analisi contro i Malware Open Source e tra i più utilizzati, ovvero Cuckoo Sandbox e Malwr. Non a caso spesso viene definito semplicemente “hacker”.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.