champagne

Le 10 bottiglie di champagne
più costose della storia

È l’emblema del lusso per eccellenza, l’opulenza messa in bottiglia. Lo champagne è un nettare pregiato di cui solo pochi fortunati possono goderne la bontà, almeno di quelli buoni veramente, prodotti come scuola vitivinicola francese comanda. O meglio, come Dom Pierre Perignon, monaco benedettino della regione di Champagne, comanda sin dal 1693, anno di nascita, secondo leggenda, dello champagne. Della sua storia ve ne abbiamo già narrato (QUI), ma se una volta veniva definito “vin du diable” (vino del diavolo), oggi è indiscutibilmente il vino dei ricchi. E se tanti vini, compresi ottimi e pregiati spumanti italiani, possono anche rivaleggiare sul piano della qualità con lo champagne, nessuno di essi è invece in grado di scalfire l’innegabile fascino che attira collezionisti e degustatori verso una seducente bottiglia di questo vino.

Diversi produttori vendono formati magnum e jeroboam a cifre stabilmente superiori ai 37mila euro, ma interessante è scoprire quali sono state, fino ad oggi, le 10 singole bottiglie di champagne da 75 cl più costose di sempre. Proponiamo quindi questa classifica, stilata dal noto sito di vini WineSearcher.com e che non ha tenuto conto delle bottiglie vendute alle aste.

 

10) Moët & Chandon Bi Centenary Cuvée Dry Imperial 1943 – 1.042 €

moet 1943

La Moët & Chandon ha una storia secolare, risalente all’anno della sua fondazione: 1743. Oggi oltre mille ettari di vigneti sono di proprietà della cantina fondata da Claude Moët e producono una media di 26 milioni di bottiglie di champagne all’anno. La qualità è indiscutibile, tanto che la Regina Elisabetta II d’Inghilterra non beve champagne che non sia firmato Moët & Chandon. Il Bi Centenary Cuvée Dry Imperial fu prodotto per celebrare i 200 anni di storia della cantina e ce lo si può permettere solamente con un esborso di oltre 1.040 euro.

 

9) Krug Brut David Sugar Engraved ‘Quail Design in Flowering Tree’ – 1.353 €

champanhe-mais-caros-Krug-Brut-David-Sugar

È un’edizione limitata e già questo spiega tutto. Ma non è un’edizione limitata qualunque: è quella con incisa una quaglia accovacciata su di un albero in fioritura, opera dell’artista David Sugar. Un marchio che i grandi collezionisti e appassionati sanno voler dire un costo medio di 1.353 euro a bottiglia.

 

8) Moët & Chandon Dom Perignon by Karl Lagerfeld – 1.464 €

moet & chandon dom perignon karl lagerfeld

Ancora una volta la prestigiosa cantina fondata nel 1743, questa volta però con una produzione datata 1998 e dove le pregiate bottiglie furono disegnate niente di meno che da Karl Lagerfeld, grandissimo stilista e fotografo che collabora anche con la casa di moda francese Chanel e quella italiana Fendi. Quando il fashion incontra la leggenda, dando vita a qualcosa di unico, dal prezzo altrettanto unico: 1.464 euro a bottiglia.

 

7) Krug Private Cuvée – 1.490 €

krug private cuvee

Di nuovo un vino prodotto dalla Krug, fondata nel 1843 da Joseph Krug nella campagna che circonda la cittadina di Reims. Attualmente è la sorella minore della popolare Moët & Chandon, facendo parte dello stesso gruppo societario, il Moët Hennessy – Louis Vuitton S.A., che ha puntato sul mercato del lusso anche per quanto riguarda il vino. E non gli si può certo dare torto se una bottiglia di Krug Private Cuvée arriva a costare, di media, 1.490 euro.

 

6) Boërl & Kroff Brut Rose – 1.646 €

boerl & kroff brut rose

La Boërl & Kroff è una produzione che nasce dalla casa di champagne Drappier. Da qualità non può che derivare altrettanta qualità. Nel 1995, Michel Drappier volle tentare di vinificare separatamente i migliori grappoli di un ettaro del suo grande vigneto, così da ottenere uno champagne di qualità eccelsa. Il risultato fu la nascita del marchio Boërl & Kroff. Il Brut Rose della casa è ottenuto da del Pinot Meunier e Pinot Nero, con un prezzo medio di vendita pari a 1.646 euro a bottiglia. Una magnum supera ampiamente i 4mila euro.

 

5) Moët & Chandon Dom Perignon White Gold – 1.848 €

moet & chandon whitegold

Come spesso accade, anche in questo caso a rendere veramente unica la produzione, più che il vino (che essendo un Moët & Chandon è ovviamente di qualità) è la ricercatezza e il pregio della bottiglia che lo contiene. Questa particolare edizione speciale, infatti, racchiude l’amato nettare in uno “scrigno” adornato da una guaina placcata di oro bianco, su cui è incisa l’etichetta Dom Perignon. I collezionisti farebbero follie per aggiudicarsene un esemplare, che costa, in media, 1.848 euro. Una jeroboam da 3 litri sfiora gli 11.250 euro.

 

4) Boërl & Kroff Brut – 1.864 €

boerl & kroff brut

Torna questo marchio di nicchia a cui ha dato vita la fine arte vitivinicola di Michel Drappier. La qualità di questo Brut è indiscussa e nessuno si è mai lamentato di aver dovuto sborsare 1.864 euro per una bottiglia da 75 cl. Se qualcuno di voi avesse, al momento, 90mila euro da investire, sappiate che è disponibile un’edizione limitata in formato da 30 litri.

 

3) Krug Clos d’Ambonnay – 2.025 €

krug clos d'ambonnay

Questo champagne è l’unico, presente nella classifica, a rappresentare quelli prodotti con uva Blanc de Noirs. Il Clos d’Ambonnay è ricavato da Pinot Nero e costa, di media, più di 2mila euro a bottiglia.

 

2) Moët & Chandon Dom Perignon Charles & Diana 1961 – 3.228 €

Moët & Chandon Dom Perignon Charles & Diana 1961

Era il 1981 quando la Casa Reale d’Oltremanica scelse la Moët & Chandon come fornitrice ufficiale dello champagne per il matrimonio del Principe Carlo con la Principessa Diana. Non un caso, dato che, come detto, la Regina Elisabetta ama la produzione di questa pregiata cantina. In onore dell’anno di nascita della Principessa Diana, la Moët & Chandon ha deciso di servire delle magnum Dom Perignon Vintage 1961, con un’etichetta speciale creata appositamente per l’occasione. Un numero limitato di bottiglie di champagne da 75 cl di quest’annata è stato poi messo sul mercato per commemorare l’evento, ma ad un costo non certamente accessibile a tutti: 3.228 euro a bottiglia.

 

1) Goût de Diamants, Taste of Diamonds – 1,5 milioni €

Goût de Diamants, Taste of Diamonds

Il diamante degli champagne, la bottiglia più pregiata e costosa che sia mai stata prodotta. Questo champagne è stato presentato nel 2013 dal 29enne Shammi Shinh, fondatore della Prodiguer Brands con sede a Knightsbridge. Ma, come è logico, la produzione è puramente francese: il Goût de Diamants, Taste of Diamonds è realizzato al 100% da uva Grand Cru, coltivata negli 8 ettari di vigneti della cantina a conduzione familiare Champagne Chapuy di Oger (Francia). Ogni bottiglia di questo pregiato vino è adornata da un cristallo Swarovski al centro di un disegno a forma di diamante che ricorda il logo di Superman, ma che va invece a incoronare un super champagne. L’edizione limitata di questa bottiglia, disegnata da Alexander Amosu, ha un valore di 1,5 milioni di euro. Un brindisi per la bottiglia di champagne più costosa di sempre. Cin-cin.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.