Dai Ferragnez al Festival di Venezia
Andrea Ubbiali, da Zanica al mondo

Il matrimonio dell’anno tra Chiara Ferragni e il rapper Fedez ha parlato anche un po’ zanichese. Andrea Ubbiali, fashion blogger, make up artist e stilista originario di Zanica, infatti, ha lavorato al trucco dell’evento. Ma non solo: in questi ultimi mesi l’artista ha vestito anche una modella e un’attrice alla Mostra del cinema di Venezia. Infine, guardando al futuro, Ubbiali vedrà la sua mano creatrice comparire anche sul piccolo schermo.

 

[La modella ucraina Snejana Onopka]

 

«In tutta Italia sono stati selezionati dieci make up artist da un’agenzia di stampa. Io ero tra di loro – racconta -. Il nostro compito era quello di truccare i giornalisti e le giornaliste che sarebbero stati presenti al matrimonio. Per quanto mi riguarda – continua Andrea – posso dire di aver truccato tre giornaliste di moda. Sicuramente è stata una grande soddisfazione, nel senso che essere tra i dieci scelti per un evento di quella portata non può far altro se non piacere». Felicità aumentata da un trucco molto particolare: «Tra le tre professioniste che ho truccato, una in particolare mi ha lasciato soddisfatto: era la prima volta, infatti, che mi occupavo di una donna di fede musulmana. Per me è stata una sfida: non potendo togliere il velo tradizionale dalla testa, ho perso alcuni punti di riferimento per il make up. Visto il risultato ottenuto, credo di aver superato questa prova professionale a pieno titolo».

Oltre al matrimonio dell’anno, come si diceva, Ubbiali ha presentato alcuni capi anche al Lido di Venezia: «Bisogna dire che, nonostante fossi stato invitato, non ho partecipato fisicamente alla manifestazione. Ho però avuto la possibilità di vestire un’attrice e una modella. La mia scelta – prosegue Ubbiali – è andata su due nomi di respiro mondiale: Tilda Swinton e Snejana Onopka». La prima è una nota attrice di Hollywood, famosa per aver interpretato Jadis, la Strega Bianca nei film della saga Le cronache di Narnia, ed Elizabeth Abbott ne Il curioso caso di Benjamin Button. La seconda, invece, è una top model ucraina. Onopka è una delle modelle abituali delle sfilate di Chanel, Gucci, Christian Lacroix, Fendi, Marc Jacobs e Balenciaga. «Per la Swinton – spiega Andrea – ho disegnato e fatto produrre delle scarpe cerimoniali che si abbinavano all’abito (di un altro designer) da lei indossato in una delle serate della Mostra. Per Snejana, invece, abbiamo pensato a un abito per il Dopofestival. Si tratta di un vestito prezioso, con fili di cristallo. Anche queste due opportunità sono state per me vetrine prestigiose. Ma anche laboriose: per poter far indossare le mie creazioni ho dovuto rivedere completamente i piani vacanza che avevo stabilito. Ma n’è valsa la pena».

 

[L’attrice Tilda Swinton]

 

Terminati i racconti delle sue esperienze, Andrea dà uno sguardo al futuro: «L’anno prossimo ho già degli impegni importanti: sarò sul red carpet del Festival di Cannes, dove accompagnerò una famosa modella che vestirò. Inoltre ho avuto contatti – non meglio precisabili, al momento – con gli organizzatori del Festival di Sanremo». Come si diceva in apertura, però, un impegno dell’artista zanichese riguarda il piccolo schermo: «Nella prossima stagione del reality show Temptation Island vestirò tre dei partecipanti. Questi sono tutti ex tronisti di Uomini e Donne, il cui nome è però ancora coperto dal riserbo professionale». Ma c’è di più: «La prossima primavera, probabilmente, avrò un ruolo proprio a Uomini e donne. Questo dopo aver rifiutato, per motivi professionali, un posto come tronista al “Trono gay”. A oggi tutto è in fase di definizione, quindi per i dettagli bisognerà attendere». I prossimi mesi, quindi, si annunciano decisamente ricchi di impegni per Andrea Ubbiali. Tra i tanti, anche il lancio del suo profumo da uomo: su queste pagine si era già parlato del progetto, in cantiere per quest’autunno. Con l’avvicinarsi della stagione tiepida, le tempistiche dovrebbero essere rispettate. Si può ben dire che questo versatile artista zanichese non stia certo con le mani in mano.

 

Articolo pubblicato sul BergamoPost cartaceo del 7 settembre 2018

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.