Cinema, il festival delle foreste
trasloca da Mantova a Bergamo

Dopo il successo del 2018 nell’ambito del World Forum on Urban Forests (Mantova, 28 novembre-1 dicembre 2018), l’Associazione Montagna Italia con Ersaf (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste) organizza al San Marco di Bergamo, dall’11 al 15 novembre, la seconda edizione del “Festival Cinematografico delle Foreste – I polmoni verdi della Terra”, l’unico evento europeo che affronta, attraverso il grande schermo, i grandi problemi ambientali. Valorizzazione, promozione turistica, conoscenza delle esperienze culturali e non che le foreste sono in grado di offrire: sono questi gli obiettivi principali a cui il progetto aspira.

 

 

Durante la manifestazione, oltre alle cinque serate cinematografiche ad ingresso gratuito, si terranno numerosi eventi collaterali sul tema ambientale legati al mondo della cultura e dell’arte distribuiti in vari punti della città. Inoltre, da questa seconda edizione, avrà inizio una nuova partnership con il Festival Cinematografico del Texas “Films for the Forest”, organizzato dalla No Profit Rainforest Partnership che da oltre dieci anni promuove progetti legati alla salvaguardia e rinascita delle foreste.

I numeri. Il festival ha dei numeri che meritano citazione: sono 80 i film giunti in selezione; 25 le opere scelte dalla giuria per essere proiettate tutte le sere al San Marco dalle 21; 8 le nazioni del mondo coinvolte, cioè Italia, Spagna, Gran Bretagna, Portogallo, Ecuador, Paraguay, Perù e Madagascar. Tra gli eventi collaterali da citare, giovedì 14 alle 15 in Sala Olmi, via Sora, c’è il convegno “Un anno dopo il Forum Mondiale sulle Foreste Urbane Bergamo raccoglie la sfida” in collaborazione tra Comune di Bergamo ed Ersaf. Segue, alle 17, “Le foreste e l’uomo: tre diversi punti di vista”. Con Maria Mencaroni Zoppetti, presidente dell’Ateneo di Scienze Lettere e Arti di Bergamo, Gabriele Rinaldi, Direttore dell’Orto Botanico di Bergamo e Giovanni C.F. Villa, Centro di Ateneo di Arti Visive dell’Università degli Studi di Bergamo.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.