Gigi D’Alessio dal vivo a Bergamo
«Io e Anna non ci siamo mai divisi»

Il conto alla rovescia è cominciato già da tempo e puntualmente, anche per il concerto in programma venerdì 24 al Creberg, ci si aspetta il pubblico delle grandi occasioni (ma ci sono ancora biglietti a disposizione, da 40, 52 e 57 euro). Il D’Alessio Live 2017 passa dai teatri perché il Gigi nazionale vuole abbracciare idealmente il suo pubblico in un’atmosfera più intima, dopo l’uscita del suo nuovo singolo Emozione senza fine, estratto dal disco 24.02.1967: una ballad tradizionale. Durante il concerto D’Alessio ripercorrerà i suoi 25 anni di carriera, con le canzoni più rappresentative: da Non dirgli mai a Il cammino dell’età, a Quanti amori, Non mollare mai e Un nuovo bacio, giusto per citarne alcune.

 

 

La scaletta del concerto è segno del grande affetto tra lei e il pubblico.

«Raccolgo 25 anni di carriera e faccio solo quattro o cinque pezzi del nuovo album. Per il resto, largo alle canzoni del repertorio che piacciono di più. Ne faccio quaranta, che sono tantissime: dico buonasera all’inizio e arrivederci alla fine, non di più. Non c’è tempo per parlare, spazio alla musica».

Cinquant’anni celebrati con un disco. Si sente cambiato rispetto a inizio carriera?

«La vita ogni giorno ti insegna qualcosa, o ti toglie qualcosa. Succede sempre. Certo, 50 anni sono un bel traguardo. Dico la verità: a me ‘sti cinquant’anni sono volati. Una ventina di tournée, dieci volte il giro del mondo, dieci album, programmi televisivi, concerti negli stadi e all’Olympia di Parigi. Non mi sono annoiato».

È vero, come ha detto, che i grandi amori non finiscono? 

«Assolutamente. La verità è che io e Anna (Tatangelo, ndr) non ci siamo mai lasciati. I giornali di gossip – ha attaccato il cantante – scrivono solo c…te. Le hanno attribuito dieci storie diversi in una settimana, figuriamoci… Anna è una ragazza seria».

 

Per leggere l’articolo completo, rimandiamo a pagina 49 di Bergamopost cartaceo, in edicola fino a giovedì 23. Per la versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.