Invasione (aliena?) in pieno centro
La Bergamo di Lego è sotto attacco

A luglio di due anni sette appassionati hanno ricostruito la città di Bergamo – il centro piacentiniano, per la precisione – con 250mila pezzi di Lego. Con una cura commovente per i particolari. È stata esposta in varie manifestazioni, ma nel fine settimana la potremo rivedere dalle nostre parti, a Villa di Serio, per “Mattoncini in Villa”. In versione modificata però: uno spoiler postato su Facebook parla di una Bergamo sotto attacco. Invasione aliena?

Gli autori. Sei dei magnifici (e un po’ pazzi) sette che hanno dato vita alla ricostruzione sono bergamaschi: Michele Bosio, Marco Zucchinali, Paolo Rocchi, Corrado di Ceglie, Omar Rottoli e Stefano Mazzoleni, più un bresciano, Raffaele Lardaro. Fanno parte di ItLug, un’associazione italiana che riunisce centinaia di appassionati del mondo Lego. Per la ricostruzione in scala della città, grande 13 metri quadrati, ci sono voluti 14 mesi e migliaia di ore di lavoro. I dettagli delle strade e dei palazzi della città sono stati realizzati dando sfogo alla fantasia, adattando i pezzi esistenti.

Più in generale, la manifestazione ospitata dalla palestra polifunzionale del paese (orari: sabato dalle 14 alle 19.30, domenica dalle 10 alle 18) giunge alla sua quarta edizione: l’evento è promosso dall’associazione Traiettorie Instabili con la presenza di ItLug e con il patrocinio del Comune di Villa di Serio e Promoserio. L’attrazione di punta dell’esposizione 2019? La presenza, in anteprima assoluta nella provincia di Bergamo, di un mosaico di oltre 16 mq realizzato con oltre 60mila pezzi che riproduce il Torrazzo di Cremona. Alla riproduzione del centro di Bergamo si affiancheranno poi quelle di altri palazzi storici d’Italia tra i quali la Villa Reale di Monza, Castel Baradello, la Torre di Carugo e la chiesa di San Zeno. Dulcis in fundo, uova pasquali a tema, con mattoncini dolci sulla superficie. Li ha realizzati la Pasticceria Feliciani di Villa di Serio.

 

Articolo completo alle pagg. 26-27 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 4 aprile. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.