Dieci sigle indimenticabili
dei cartoni animati

Ancor’oggi, quando magari capita di ascoltare alcune sigle dei cartoni animati ci si scopre a cantarle ricordandosi tutte le parole a memoria. È così, certe cose non si scorderanno mai. I cartoni animati hanno accompagnato l’infanzia di tutti i bambini e quelle avventure che abbiamo visto vivere sullo schermo hanno segnato la nostra fantasia: Dragon Ball che con la sua enorme forza poteva sfidare chiunque o i gol imprendibili di Oliver Hutton (Holly, per tutti). Per non parlare di Leonardo, Raffaello, Donatello e Michelangelo: le quattro tartarughe ninja che combattevano la malavita di New York. La lista è lunga e si potrebbe andare avanti per ore. In memoria di quei cartoni e dei nostri ricordi, che ogni tanto riaffiorano alla memoria, ecco una lista delle sigle più belle.

 

Drangon Ball

La fortunatissima serie di Dragon Ball, racconta la storia di Son Goku, uno strano bambino con la coda dotato di una forza speciale. Allenato dal Genio delle tartarughe si prepara a combattere per i campionati mondiali di arti marziali. Ad un certo punto, Goku fa la conoscenza di Bulma, una ragazzina alla ricerca di 7 sfere che, riunite in un unico luogo, evocano un enorme drago: Shen Long, in grado di soddisfare qualunque desiderio. Insieme gireranno il mondo alla ricerca delle sfere del drago, e per riuscire a conquistarle dovranno superare tantissime avventure fatte di combattimenti e sfide.

 

Heidi

La storia di Heidi è quella di una semplice pastorella rimasta orfana che viene affidata alle cure del nonno, un uomo dall’apparente aspetto burbero e misantropo. Ma il carattere vivace e allegro della bambina contageranno presto anche lui. Su quei monti, Heidi farà amicizia con Peter, un pastorello che si occupa delle pecore di suo nonno. Ma, a un certo punto, l’orfanella viene trasferita in città a far la dama di compagnia a Clara, una ragazzina borghese di 12 anni costretta su una sedia a rotelle da una malattia. Nata una stretta amicizia tra le due, il punto di svolta è quando Heidi convincerà Clara a salire sui monti con lei. Qui la ragazza di città ritroverà la salute ricominciando a camminare.

Holly e Benji

La storia parla di un ragazzino giapponese, Oliver Hutton, soprannominato “Holly”, il cui obiettivo è vincere il Campionato mondiale di calcio. Benji, invece, è un ragazzo di buona famiglia che ha la fama di essere un portiere fortissimo. I due si scontreranno innumerevoli volte sul campo di gioco, finchè non diventeranno compagni di squadra nella New Team.

 

L’uomo tigre

L’uomo tigre è un orfano cresciuto dopo la seconda guerra mondiale. Un giorno, facendo visita a uno zoo insieme ai compagni di orfanotrofio, alla vista della gabbia con i grandi felini, capisce di voler diventare forte come una tigre per combattere le ingiustizie. Allora scappa, lasciando i compagni attoniti, e incontra l’emissario della “Tana delle Tigri“, un’associazione a scopo di lucro che addestra lottatori fortissimi provenienti da ogni parte del mondo.  Diventato adulto, decide di saldare il debito contratto dall’orfanotrofio con uno strozzino e inizia a combattere onestamente, anche per non influenzare negativamente i suoi giovani ammiratori.

Mila e Shiro

Mila è una ragazzina di 13 anni che entra nella squadra di pallavolo della scuola nonostante l’opinione contraria del padre. La tecnica di Mila migliora giorno dopo giorno, finché dalla panchina non passa al campo da gioco e assume un ruolo trascinante all’interno della squadra. E sarà proprio sui campi di pallavolo che Mila si innamorerà di Shiro, anch’egli forte pallavolista.

Tartarughe ninja

 

In seguito a un incidente automobilistico, un pericoloso liquame radioattivo venne disperso nelle fogne di New York, contaminando quattro piccole tartarughe che assumono caratteristiche vistosamente antropomorfe e facoltà intellettive non inferiori a quelle umane. Fu infettato dalle radiazioni anche un vecchio ratto, il quale accudì tartarughe fin dalla tenera età insegnando loro la rigida dottrina dei guerrieri, apprendendone oltre alle tecniche di combattimento anche il ferreo codice d’onore. Dopo un lungo addestramento fisico e spirituale nel segreto del sottosuolo cittadino, Leonardo, Raffaello, Donatello e Michelangelo (così si chiamano le 4 tartarughe) cominciano a percorrere le strade della metropoli, mettendo segretamente giustizia tra i criminali.

Occhi di gatto

Nella grande Tokyo si trova il “Cat’s eye café” in cui lavorano le tre graziosissime sorelle Kisugi: Rui (Kelly), Hitomi (Sheila) e Ai (Tati).  Le tre fanciulle potrebbero sembrare tre ragazze come tante altre, ma non è così. Di notte, infatti, le belle sorelline indossano un’aderente calzamaglia (viola per Rui, azzurra per Hitomi e arancione per Ai) e si trasformano nella banda “Occhi di gatto” che ruba solo le opere d’arte della collezione del loro padre, Michael Heintz, un artista scomparso durante la seconda guerra mondiale.

Puffi

Nella piccola comunità di puffolandia, creata da Madre Natura, perchè nel mondo ci fosse più felicità e allegria, vivono 99 ometti Blu. Il loro villaggio è situato nel cuore di una foresta dove trovano dimora dentro dei funghi col cappello rosso. Il loro capo è Grande Puffo, che ha 542 anni e che, a differenza degli altri porta il cappello e i pantaloni rossi ed ha una folta barba bianca. Il loro nemico è il perfido mago Gargamella che, insieme al suo fedele gatto Birba, fa di tutto per catturare i Puffi. Il motivo? Bollendo 6 puffi vivi insieme al veleno di serpente, Gargamella potrà ottenere la pietra filosofale, ovvero quella pietra che trasforma i metalli in oro.

Sailor moon

La serie ruota intorno Usagi Tsukino, una ragazza che frequenta le scuole medie, che tramite una gatta parlante chiamata Luna scopre di essere una guerriera sailor il cui compito è quello di proteggere la Terra.  Ad aiutare Sailor Moon si uniranno Ami Mizuno (Sailor Mercury), Rei Hino (Sailor Mars), Makoto Kino (Sailor Jupiter) e Minako Aino (Sailor Venus), quest’ultima già attiva prima delle altre guerriere con il nome Sailor V. Le cinque guerriere durante le loro battaglie verranno spesso aiutate dalla misteriosa figura di Tuxedo Kamen, in realtà lo studente Mamoru Chiba.

Sampei

 

Sampei Nihira è un ragazzo di circa tredici anni che ha una grande passione per la pesca; attraverserà il Giappone in lungo e in largo sempre alla ricerca di nuove sfide. In ogni episodio cerca di apprendere il maggior numero di tecniche e segreti per diventare un perfetto pescatore, grazie all’aiuto del nonno Ippei, con il quale abita, e del suo misterioso maestro Pyoshin: quello che interessa maggiormente a Sampei non è tanto il successo nella pesca, ma la disciplina interiore per potersi migliorare.