Notizie su Bergamo e provincia
(31 dicembre 2018-5 gennaio 2019)

5 GENNAIO

 

1 – Spacciava con il bebè in auto. Arrestato con hashish e cocaina

È stato arrestato in flagranza di reato ieri pomeriggio, a Pontirolo Nuovo, dai carabinieri della Compagnia di Treviglio, il marocchino 31enne, irregolare sul territorio nazionale, trovato in possesso complessivamente di circa 3 etti di hashish e mezzo etto di cocaina. Lo straniero, con alle spalle già altri precedenti di polizia e penali specifici, è stato bloccato mentre stava per prendere l’autovettura in uso quando si trovava in compagnia della compagna, un’italiana di poco più giovane di lui e del figlioletto di soli pochi mesi. Parte dello stupefacente è stato rinvenuto in auto, mentre il restante nell’abitazione dei due, a Pontirolo Nuovo.

2 – Bagnatica, incidente sul lavoro: grave operaio di 48 anni

Grave incidente sul lavoro questa mattina a Bagnatica, in un’azienda di via Lena, nella zona industriale del paese. Un 48enne è rimasto vittima di uno schiacciamento. Sul posto sono accorse un’ambulanza e un’automedica che hanno prestato le prime cure all’uomo che d’urgenza e in codice rosso è stato trasportato all’ospedale. Le sue condizioni sarebbero gravi.

3 – Orto Botanico di Bergamo, 65mila visitatori nel 2018

È stato un anno straordinario per l’Orto botanico di Bergamo. Nel 2018 stati proposti al pubblico ben 143 appuntamenti tra corsi, visite guidate, conferenze, laboratori, attività ludiche, teatrali, musicali. Proposte che hanno suscitato l’interesse dei ben 65mila visitatori delle 3 sezioni espositive dell’Orto botanico (Astino, Città Alta e Sala Viscontea), di cui quasi 7.000 studenti. E proprio per rafforzare sempre più il rapporto con i giovani, sono stati attivati progetti di tirocinio, di alternanza, di Dote Comune e di volontariato oltre ad alcuni progetti speciali come “MateOrto”, percorso matematico-botanico con il Centro MateMatita dell’Università agli Studi di Milano e un progetto di inserimento lavorativo in convenzione con il Comune di Stezzano.

4 – Occhio ai ladri d’auto: stanno tornano in azione

Due furti d’auto nel giro di poche ore si sono verificati venerdì sera, a Romano e Cividate. Ma se le forze dell’ordine hanno recuperato il mattino seguente entrambi i veicoli rubati, uno accanto all’altro, a Cortenuova, resta il sospetto che ci sia una banda di ladri specializzati in giro per la Bassa. A segnalarci l’accaduto è stato Gabriele Collu, cividatese vittima di uno dei due furti.

5 – Capriate abbandona la Comunità dell’Isola bergamasca

Dall’1 gennaio, Capriate non fa più parte della Comunità dell’Isola bergamasca. La decisione è stata annunciata dal sindaco Vittorino Verdi che ha precisato che non si tratta di una scelta politica. «Siamo qui da sei mesi e non abbiamo visto nessuno – ha osservato Verdi – Dalla Cib sono usciti altri sette paesi tra cui uno guidato da un ex presidente della Comunità. Impegneremo i soldi dell’iscrizione, pari a circa 2.500 euro all’anno, per scopi sociali».

 

4 GENNAIO

 

1 – Cappottini e lampade riscaldanti proteggono gli animali dal freddo

Correnti di aria gelida stanno investendo il nostro Paese e gli allevatori corrono ai ripari per proteggere gli animali dalle temperature rigide. Cappottini per proteggere i baby vitellini, lampade riscaldanti e impianti per alzare la temperatura dell’acqua sono solo alcune delle soluzioni adottate per affrontare la situazione “polare” che si è creata. «Utilizziamo i cappottini invernali per proteggere i vitellini da sbalzi di temperatura e correnti d’aria – spiega Rolando Personeni dell’agriturismo La Cascina di Brembate Sopra –; in questo modo viene ridotta la dispersione di calore corporeo e il vitello riesce a sfruttare meglio tutte le energie del latte materno per accrescere e fortificarsi. Nel caso degli animali più piccoli utilizziamo anche lampade riscaldanti». Nelle stalle però si ricorre anche ad altro. «Per evitare sbalzi eccessivi tra la temperatura dell’acqua ingerita e quella del corpo degli animali e scongiurare anche eventuali rotture in caso di congelamento scaldiamo le tubature degli abbeveratoi – racconta Giorgio Piovanelli produttore di latte di Zanica – inoltre per consentire agli animali di affrontare meglio il freddo, abbiamo arricchito la razione alimentare con cibi più energetici». Sono in allerta anche i produttori di verdura: «In questi ultimi giorni in cui le temperature sono crollate –  dice Veronica Arrigoni dell’azienda agricola I Girasoli di Dalmine – abbiamo riparato la verdura in campo con gli appositi teli di tessuto non tessuto. Le caprette nella stalla invece le teniamo al caldo mettendo molta paglia nella lettiera e per quelle appena nate utilizziamo la lampada riscaldante». Purtroppo il settore agricolo è molto sensibile agli effetti del clima – sottolinea Coldiretti Bergamo -, bastano poche ore di temperature polari nel momento sbagliato e i danni diventano incalcolabili. Sono molto pericolosi anche i passaggi repentini dal caldo al freddo.

2 – Puglia innevata, problemi per gli aerei in arrivo da Bergamo

Disagi, dovuti all’emergenza neve, ogginegli aeroporti pugliesi con ripercussioni anche sui passeggeri in partenza e in arrivo per e dallo scalo di Orio al Serio. Numerosi sono i voli in arrivo dirottati e di conseguenza altri voli non sono partiti. Il volo Ryanair FR8885 partito stamattina da Orio al Serio per Brindisi alle 8.15, ad esempio è stato dirottato a Lamezia Terme in Calabria e i passeggeri bergamaschi sono poi stati trasportati in Puglia con autobus. Il volo FR4659 previsto in partenza da Bari alle 6.55 per Orio invece non è mai partito: stimate 12 ore di ritardo.

3 – Auto ribaltata nel centro di Cisano, due bambini feriti

Una donna di 31 anni con due bambini, un bimbo di 7 anni e una bimba di 2 anni, sono rimasti feriti in un incidente d’auto a Cisano bergamasco: il mezzo si è ribaltato. Tutto è accaduto sulla Briantea, ma in pieno centro, all’altezza del municipio, intorno oggi alle 17. Sul posto sono intervenute subito due ambulanze.

4 – Litigio tra due donne alla Coop. Una 41enne finisce in ospedale

Hanno iniziato  a litigare e dalle parole sono passate ai fatti. È iniziata così la lite tra due donne, scoppiata questa mattina poco prima delle 10, all’interno dell’IperCoop di Treviglio. A essere aggredita è stata una 41enne di Osio per la quale è stato richiesto l’intervento di un’ambulanza. Ad aggredire, invece, è stata una sua conoscente che ora dovrà chiarire quanto accaduto alla Polizia. La 41enne è stata quindi trasportata in codice verde dall’ambulanza della Casirate Soccorso all’ospedale di Treviglio. Sul posto anche gli uomini del Commissariato di Treviglio per ricostruire i fatti. Ne parla il Giornale di Treviglio.

5 – Arrestato dai carabinieri un pregiudicato dopo un inseguimento “da film”

È stato arrestato stanotte a Dalmine dai carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Treviglio dopo un inseguimento “da film” protrattosi per diversi chilometri con una “gazzella” del 112. In mattinata, a Bergamo, davanti al Tribunale del capoluogo, si svolgerà l’udienza di convalida nei confronti di G.R., un albanese 29enne, in Italia senza fissa dimora, irregolare e con a carico diversi precedenti di polizia e penali per reati contro il patrimonio, catturato in nottata dai militari dell’Arma dopo un rocambolesco inseguimento in auto iniziato a Osio Sotto, proseguito poi per Osio Sopra e terminato a Dalmine. Lo straniero si trovava a bordo di un’autovettura rubata, una Honda Crv di colore nero, il cui furto era stato denunciato i primi giorni dello scorso mese di dicembre in provincia di Milano. Quando gli è stato intimato l’alt ha proseguito imperterrito la sua corsa, terminata in via Cattaneo a Dalmine, dopo aver urtato violentemente un marciapiede con una ruota del mezzo rubato. Rincorso a piedi per alcune centinaia di metri è stato quindi definitivamente bloccato. Il 29enne ha comunque tentato di colpire con calci e pugni i carabinieri per riuscire a guadagnarsi la fuga, finché non è stato infine ammanettato. All’interno del veicolo rubato i militari hanno rivenuto diversi arnesi atti allo scasso: pinze, cacciaviti, torce, guanti ed anche due ricetrasmittenti. Gli investigatori ritengono quindi di aver fermato un componente di una “batteria” di malfattori specializzati in furti in abitazione o in ditta. Tale materiale di interesse è stato quindi sequestrato. Accompagnato in caserma a Treviglio, a carico dello straniero è poi risultato pendente altresì, sotto un altro alias, un provvedimento di carcerazione di 2 anni e mezzo circa di reclusione per reati contro il patrimonio, emesso l’estate scorsa dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Bergamo. Ma si era reso irreperibile sul territorio.

6 – Topi d’appartamento a Celadina a mezzogiorno: presi nell’ingresso

Due giovani georgiani avevano deciso di entrare in azione all’ora di pranzo, quando molte famiglie sono in casa. Hanno svaligiato due appartamenti, ma un vicino di casa ha dato l’allarme e a permettere la cattura dei due ladri. I poliziotti della Volante li hanno bloccati nell’androne del palazzo con la refurtiva e gli attrezzi del mestiere.

7 – Indice dei prezzi in salita dello 0,1% nel mese di dicembre a Bergamo

Nel mese di dicembre, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), a Bergamo, si attesta a +0,1%. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), scende a +1,1% rispetto a +1,5% del mese scorso.

8 – Nuovo mercato agricolo a Tagliuno di Castelli Calepio

Si arricchisce di un nuovo appuntamento il calendario dei Mercati di Campagna Amica in provincia di Bergamo. Domenica  6 gennaio, dalle ore 9 alle ore 12.30, in piazza Vittorio Veneto a Tagliuno di Castelli Calepio, esordirà il mercato dei produttori agricoli che con i tradizionali gazebo gialli presenteranno una selezione delle produzioni del territorio provinciale. Questa iniziativa, promossa da  Coldiretti Bergamo, Campagna Amica e dal comune di Castelli Calepio, verrà riproposta ogni prima domenica del mese e sarà un’occasione significativa per valorizzare il km zero e la filiera corta, ma anche per far conoscere  le eccellenze della nostra agricoltura e dare l’opportunità agli amanti dei sapori genuini di fare una spesa di qualità e di stagione.

 

3 GENNAIO

 

1 – Precipita a Monte Secco di Ardesio. Grave 22enne, interviene l’elisoccorso

Grave incidente in montagna oggi attorno alle 15 ad Ardesio. Un 22enne è precipitato in località Monte Secco, anche se la dinamica della caduta ancora non è nota. Il giovane è in prognosi riservata ed è stato trasportato in elicottero d’urgenza al Papa Giovanni: attualmente è ricoverato in terapia intensiva. Dalle prime notizie sembra che a dare l’allarme dell’incidente sia stato l’amico che era con lui nella zona di Baita Alta.

2 – Giorgio Gori sul Decreto Sicurezza: «Produce irregolarità e insicurezza»

«Lo ripetiamo da mesi: la legge 113/2018 – nata dal Decreto Salvini su immigrazione e sicurezza – anziché mettere ordine nella gestione interna del fenomeno migratorio, produce irregolarità e insicurezza»: così il sindaco di Bergamo Giorgio Gori commenta nuovamente il decreto Sicurezza varato nelle scorse settimane dal Governo. «Aldilà dell’articolo 13, sospetto di incostituzionalità, su cui il sindaco di Palermo Orlando ha annunciato la “disobbedienza” della sua amministrazione, – prosegue Gori – la questione di gran lunga più grave è la cancellazione (con poche marginali eccezioni) del permesso di soggiorno per motivi umanitari, che si traduce in un forte aumento dei dinieghi e del numero di stranieri che – ben lungi dall’essere rimpatriati – resteranno sul territorio da irregolari, condannati a vivere di espedienti. Tutto questo porterà ad una crescita dei reati e dell’insicurezza nelle città, esattamente l’opposto di quanto Salvini dichiara di voler perseguire. Per contro, solo l’integrazione basata sul lavoro e sul rispetto delle regole può garantire un’esistenza dignitosa agli immigrati e maggiore sicurezza ai nostri concittadini. Condivido pertanto la richiesta di convocazione urgente di un incontro tra Ministero dell’Interno e sindaci per affrontare i problemi che questa legge è destinata a creare sui territori. E auspico un rapido pronunciamento della Corte costituzionale sui diversi profili di possibile incostituzionalità della legge, a partire dall’art.13, da più parte denunciati».

3 – Raffica di furti in villa a Caravaggio, ancora 4 case prese di mira

Raffica di furti in villa a Caravaggio, ancora quattro case prese di mira dai ladri in cerca di oro e contanti. Dopo l’escalation di furti in via Marchesi questa volta è toccato alle abitazioni di via Carlo Ranzanico, piccola traversa vicino all’Eurospin visitata da una banda di ladri senza scrupoli. I colpi, almeno quattro, sono stati messi a segno venerdì 28 dicembre intorno alle 18. Preoccupati i residenti soprattutto per il rischio di trovarsi faccia a faccia con i ladri.

4 – Un ciclista investito a Gorlago muore all’alba: aveva 54 anni

Tragedia nelle prime ore del mattino a Gorlago. Un ciclista di 54 anni è stato travolto e ucciso mentre stava percorrendo in bicicletta la Sp 89 a Gorlago. È successo pochi minuti prima delle 6. Non si conosce, al momento, l’esatta dinamica dell’incidente. Immediata la chiamata al 112 che ha inviato sul posto auto medica e ambulanza da Bergamo in codice rosso. Per il 54enne però non c’è stato nulla da fare. Sul posto anche le Forze dell’ordine per ricostruire quanto accaduto.

5 – Piazza Don Sandro a Romano, rubato Gesù bambino

Stanotte ladri hanno trafugato la natività allestita in Piazza Don Sandro a Romano. Stamattina infatti Gesù bambino è scomparso dal suo giaciglio. Nemmeno il tempo di finire le festività e il presepe allestito nella nuova piazza riqualificata è stato violato. La natività nella capanna ogni anno viene allestita in piazza dal costruttore Edil Fiordaliso. Una tradizione che il titolare Suardi ha iniziato già dal primo anno in cui è nata la nuova area residenziale e realizzata ogni Natale. Durante queste feste però è stata oggetto dell’azione criminale dei ladri. «In tanti anni è la prima volta che capita – ha detto il proprietario della struttura –. Un gesto incivile che condanno. Colpendo il presepe, il ladro, ha simbolicamente colpito tutta l’area che ormai è affezionata alla natività. Ora saranno le autorità preposte ad indagare».

6 – Rapina coetaneo alla fermata dell’autobus, arrestato 15enne

Arrestato dai carabinieri e disposta la permanenza in casa nei confronti del 15enne autore della rapina aggravata ai danni di un compagno di scuola alla fermata dell’autobus. Emesso un provvedimento cautelare da parte del gip del Tribunale per i Minorenni di Brescia dopo i fatti di settembre, a Treviglio.

7 – Il lago di Endine è ghiacciato: strato sottile, attraversamento sconsigliato

Sul lago di Endine ha iniziato a formarsi una sottile lamina di ghiaccio alla vigilia di Natale, partendo dalla zona più fredda di Monasteolo, per estendersi poi verso Spinone al lago e, in modo disordinato, anche in altri punti di Ranzanico e di Endine Gaiano. Lo strato però è ancora troppo sottile: l’accesso è vivamente sconsigliato dai Comuni che si affacciano sullo specchio d’acqua.

8 – Asili nido, boom di domande

Crescita poderosa del Bonus asilo nido, il contributo per il pagamento delle rette che viene versato per al massimo 11 mensilità dall’Inps. Dalla sua introduzione il contributo ha registrato numeri in salita, come dimostrano i dati dell’Inps di Bergamo: dalle 2.005 domande presentate nel 2017 si è passati alle 3.331 dello scorso anno, cioè il 66% in più.

 

2 GENNAIO

 

1 – Raccoglie botto inesploso: grave. Bambino ricoverato a Bergamo

Gravi ferite per un bambino di 10 anni, dopo che oggi pomeriggio ha raccolto in strada un petardo inesploso a Cologne, in provincia di Brescia. Forse ha cercato di farlo esplodere insieme a un amico. Fortissima l’esplosione, udita da molti residenti delle vie vicine. Il ragazzino, che frequenta la quinta elementare, avrebbe addirittura riportato l’amputazione di una mano. È stato portato con l’elisoccorso all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo. Ferito anche l’amico.

2 – Infortunio sulla pista di bob: ferita bimba di 3 anni

Una bimba di tre anni è rimasta ferita oggi pomeriggio sulle piste di bob di Foppolo. Coinvolta anche un’altra persona, un uomo di 33 anni. Non si conoscono ancora le condizioni dei due feriti, che comunque non dovrebbero essere gravi.

3 – Nomi preferiti dai genitori bergamaschi, Leonardo e Sofia in vetta

Nuovo anno, nuova classifica dei nomi preferiti dai genitori bergamaschi. L’Eco di Bergamo propone, partendo dagli open data del Comune di Bergamo, un’infografica interattiva in cui è possibile consultare tutte le scelte degli ultimi 30 anni. Il nome preferito? Leonardo, che scalza Tommaso. Al femminile, trionfo per Sofia.

4 – Grone, ferito al volto da razzo. Ora rischia di perdere un occhio

Un 26enne di Spinone al Lago si è ferito vicino a un occhio mentre stava accendendo una torta pirotecnica: un razzo è partito improvvisamente colpendolo al volto. L’incidente è avvenuto pochi minuti dopo la mezzanotte, in località Sant’Antonio di Grone. Il ragazzo si trovava in paese per festeggiare la fine dell’anno. Il giovane è stato soccorso ed è stato trasferito all’ospedale di Seriate, dove è stato operato al volto: rischia di perdere l’occhio.

5 – Camion ribaltato a Osio Sotto, ferito un uomo di 41 anni

Incidente stradale poco dopo le 8, stamattina, in via Verdellino, la strada che da Osio Sotto porta a Zingonia. Un uomo di 41 anni è rimasto ferito: il camion che conduceva si è ribaltato. Quel tratto di strada in mezzo a campi è piuttosto pericoloso, soprattutto a causa della scarsa visibilità nelle prime ore del giorno, e del ghiaccio. L’uomo si è procurato qualche ferita, ma non è in gravi condizioni. Sono intervenuti anche i vigili del fuoco.

6 – L’aeroporto di Bergamo chiude l’anno con un più 4,9% di passeggeri

È salito su un volo Blue Air diretto a Bacau e decollato alle 20.40 del 31 dicembre l’ultimo passeggero in partenza dell’anno 2018 dall’Aeroporto di Milano Bergamo. Daniel Gheorghiu, cittadino romeno, ha chiuso la lista dei prenotati presentandosi al banco check-in della compagnia aerea e scoprendo di ritirare l’ultima carta d’imbarco emessa dallo scalo sull’ultimo volo dell’anno. Il passeggero è stato premiato con un voucher per un volo andata e ritorno, messo a disposizione dalla compagnia aerea Blue Air su una delle destinazioni servite dall’aeroporto, e una vip card per l’accesso alle sale vip offerta da Sacbo. Il 2018 dello scalo si chiude con un salto attivo di oltre 600mila passeggeri rispetto al dato di 12 milioni 331mila registrato nel 2017, che corrisponde a un incremento del 4,9 % su base annua, arrivando poco sotto la soglia di 13 milioni. Un risultato che consolida la terza posizione di Milano Bergamo per numero di passeggeri nella graduatoria degli aeroporti italiani, alle spalle di Roma Fiumicino e Milano Malpensa.

7 – Capriate, telecamere di sorveglianza tutte in funzione

Trentanove occhi elettronici che sorvegliano il territorio. Il 2019 a Capriate si è aperto all’insegna della sicurezza con tutte le 39 telecamere installate nelle strade operative dall’1 gennaio. Tra gli apparecchi che monitorano diversi punti dell’abitato ce ne sono anche 21 di ultima generazione. Ora servirà qualcuno che possa verificare quanto ripreso dagli occhi elettronici. Ma non solo. A controllare il territorio ci saranno presto anche tre fototrappole che l’Amministrazione intende utilizzare per combattere principalmente l’abbandono dei rifiuti, una delle piaghe che, negli ultimi tempi, sta colpendo non solo Capriate, ma tutta la zona.

8 – Malore fatale nella notte di Capodanno, muore un uomo

È stato colto da un malore nella notte di Capodanno. Il 2019 è iniziato con una tragedia a Brembate. Secondo quanto riporta Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza) l’ambulanza è stata chiamata poco dopo la mezzanotte in via San Gervasio. Mentre ovunque impazzavano i festeggiamenti i soccorritori della Croce Azzurra di Trezzo e il personale dell’automedica sono stati chiamati per soccorrere un 56enne colto da un malore. L’intervento in codice rosso si è purtroppo concluso con il decesso dell’uomo.

 

31 DICEMBRE

 

1 – Zingonia, rave party di Capodanno sventato dalle forze dell’ordine

Era tutto pronto per questa sera e già nei dintorni della stazione iniziavano ad apparire i primi “festaioli” decisi a partecipare al rave party di Capodanno organizzato a Zingonia. Ma i loro piani sono andati in fumo grazie all’intervento delle forze dell’ordine. L’allarme è scattato questa mattina presto quando diverse persone hanno segnalato dei gruppi di giovani che, in massa, stavano arrivando in stazione a Verdellino. Subito sono intervenute le forze dell’ordine che con un grande spiegamento di forze hanno impedito lo svolgimento della festa, organizzata per questa sera nell’area dell’ex Tnt di Zingonia, già in passato teatro di altri rave party abusivi. L’area è stata completamente transennata dalla Polizia Locale.

2 – Fiamme sul monte Linzone, bruciato un ettaro di prato

Oggi alle 15 un incendio è scoppiato sul Monte Linzone, Comune di Palazzago. Bruciato circa un ettaro di prato. Sul posto i volontari dell’Aib di Palazzago e la protezione civile della Comunità montana Lario Orientale. Sono intervenuti anche i carabinieri forestali che stanno cercando di accertare l’origine dell’incendio ed eventuali responsabili.

3 – Morto mons. Martino Lanfranchi, parroco di Longuelo per 19 anni

È morto lunedì 31 dicembre nella casa di riposo di Casnigo monsignor Martino Lanfranchi, 76 anni, originario del paese seriano e parroco a Longuelo per 19 anni, dal 1989 al 2008. Era malato da tempo.

4 – Abbandonarono il campo a Pontida ma per l’arbitro non è stato razzismo

Per l’arbitro non c’è stato nessun episodio di razzismo. E per l’Aurora Terno sono arrivate sconfitta a tavolino, un punto di penalizzazione in classifica e una ammenda di 50 euro. È questa la decisione presa dal giudice sportivo di Bergamo sulla base del referto redatto dall’arbitro della partita di Terza Categoria tra Pontida e Aurora Terno, sospesa dopo che i giocatori ospiti avevano abbandonato il campo sul risultato di 3-0 a loro sfavore denunciando insulti razzisti subiti da un compagno originario del Burkina Faso, Abdoul Dabre. Nei documenti ufficiali consegnati al giudice, infatti, il direttore di gara ha sì annotato la decisione dell’Aurora Terno di lasciare il terreno di gioco per solidarietà nei confronti di Dabre, ma ha messo nero su bianco di non aver sentito nessuna frase razzista tale da giustificare tale scelta. «Il direttore di gara, pur trovandosi a soli 20 metri dalla panchina, nulla percepiva riguardo l’insulto oggetto di protesta da parte dei calciatori della Asd Aurora Terno», si legge nel comunicato ufficiale.

5 – Street food in Piazza Dante: tavoli prenotabili

Torna la proposta di street food organizzata dal Comap in piazza Dante per l’ultimo dell’anno. Per tutta la notte, visti i festeggiamenti in centro, si potrà mangiare e bere nella cornice della piazza usufruendo anche di tavoli coperti e riscaldati. Si possono anche prenotare scrivendo a comap.eventi.fa@gmail.com. C’è anche un dj set a cura dei Point Break.

6 – Albero cade su seggiovia, sciatori nel vuoto per un’ora

Panico per una ventina di sciatori che avevano preso posto sui seggiolini di un impianto in località Spiazzi di Gromo, in alta Val Seriana: un albero è caduto appoggiandosi sui cavi della seggiovia e causando un blackout che ha bloccato il movimento della seggiovia. L’incidente è avvenuto ieri intorno alle 14, mentre sulla zona spiravano forti raffiche di vento. Per circa un’ora le persone che erano sui seggiolini sono rimaste bloccate, al gelo. Una persona avrebbe riportato una frattura al femore perché, trovandosi a bassa quota, si è gettato nella neve.

7 – Trentacinquenne aggredito a Palosco: nulla di grave

Intervento dei soccorsi a Palosco, ieri sera, poco prima delle 22.30. Al 112 è giunta una chiamata per richiedere un’ambulanza in seguito a un’aggressione avvenuta in via 4 novembre. Coinvolto un 35enne soccorso dalla Padana Emergenze Bergamo in codice giallo. Il 35enne non ha riportato gravi traumi ed è stato trasportato per accertamenti in codice verde all’ospedale di Romano.

8 – Tramvia della Val Brembana, fascicolo spedito al ministero

Se ne parla da tempo, ma ora è stato fatto un passo importante per dotare la provincia della seconda linea tramviaria a lunga percorrenza, visto il successo di quella per la Val Seriana. ‪Il fascicolo per la richiesta di finanziamento della T2, la tramvia della Val Brembana, è stato infatti firmato prima di Natale ed è partito alla volta del Ministero: lo comunica con soddisfazione il Comune di Bergamo sulla sua pagina Facebook.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.