Notizie su Bergamo e provincia
(1-6 luglio 2019)

6 LUGLIO

 

1 – Punta da ape mentre guida causa un frontale: due feriti

Una 21enne ieri ha causato un frontale tra la sua auto e un’altra, che arrivava dalla direzione opposta, perché distratta dalla presenza nell’abitacolo di un’ape che l’ha punta mentre guidava. È accaduto a Piario, in Val Seriana. Il frontale è stato particolarmente violento, tanto che una delle due vetture si è ribaltata. La ventunenne e l’altra donna alla guida della seconda auto sono rimaste ferite, ma non in modo grave.

2 – Rapimento Panattoni, svolta nelle indagini sul sequestro

Possibile svolta nelle indagini sul sequestro di Mirko Panattoni. Un sequestro di 46 anni fa, il 21 maggio 1973 in Città Alta, a pochi passi dalla gelateria del papà, la Marianna. Scoprire la verità non consentirà di incarcerare nessuno, vista la scure della prescrizione. La squadra Mobile della questura avrebbe ritrovato – ha scritto ieri in tarda serata il Corriere della Sera Bergamo – un’impronta del presunto autista della banda – un pregiudicato di 69 anni di origini campane e residente in Brianza -, l’uomo che quel giorno era alla guida del Maggiolino color nocciola con il quale il bambino (allora aveva 7 anni) venne rapito.

3 – Ancora disagi per Blue Panorama: il volo per Lampedusa torna indietro

Solo paura sul volo Blue Panorama in partenza da Milano Malpensa e diretto a Lampedusa. Dopo circa 15 minuti di volo per un surriscaldamento di uno dei motori, l’aereo è stato costretto a tornare indietro. Il volo era partito con un’ora di ritardo attorno alle 19.30 di giovedì 4 luglio, quindi è stato “dirottato” per motivi meccanici. A quel punto è cominciata una mini-odissea per i viaggiatori. Prima sono rimasti sul volo senza avere nessun’altra informazione. Nel frattempo, all’esterno del velivolo c’era molta agitazione, con la polizia e il personale dell’aeroporto attorno all’aereo. Finalmente, dopo circa un’ora attorno alle 21, «il personale di bordo – ha raccontato uno dei turisti – ci ha comunicato che tutti i passeggeri eravamo attesi da un supervisore di Blue Panorama». A quel punto l’aereo è stato evacuato. Negli ultimi giorni Blue Panorama ha accumulato ritardi su ritardi, in particolare a Orio al Serio, lasciando a terra centinaia di passeggeri pronti a partire per le vacanze.

4 –  È morto il ragazzo recuperato nel fiume Adda

Un ragazzo di soli 18 anni, Nicolae Dorin Cazaku, è deceduto ieri in seguito ad un bagno nelle acque del fiume Adda. Il giovane si trovava con un’amica alla fine di via Della Stanga a Calolziocorte per passare un pomeriggio in tranquillità, giovedì 4 luglio, sulla riva del fiume. Intorno alle ore 17 però il 18enne avrebbe fatto qualche passo di troppo all’interno del fiume, venendo poi trascinato sotto acqua senza più riemergere. I soccorsi, allertati dalla ragazza, si sono precipitati subito sul posto alla ricerca del 18enne. Poco dopo è arrivato il ritrovamento sotto il vicino ponte che collega Calolzio a Olginate, prima del trasporto in ospedale a sirene spiegate per provare a rianimare il ragazzo. Le condizioni sono sembrate subito critiche e il suo cuore ha cessato di battere proprio questa notte in ospedale.

5 – Promoberg, ora si indaga sui conti del direttore

Prosegue l’inchiesta su Promoberg: il direttore Stefano Cristini, agli arresti domiciliari, ha un milione e mezzo di euro tra denaro depositato su due conti correnti e titoli bancari. Scattano gli accertamenti, ma per ora nessun sequestro.

 

5 LUGLIO

 

1 – Chorus Life, il cronoprogramma dice: inaugurazione l’8 aprile 2022

Si è tenuto oggi, presso il cantiere compreso fra Via Serassi, Via Bianzana e la linea ferroviaria Teb, l’incontro fra i rappresentanti della Giunta del Comune di Bergamo guidati dal sindaco Giorgio Gori, e il team di Chorus Life, guidato da Domenico Bosatelli. All’incontro hanno partecipato Francesco Valesini (assessore alla Riqualificazione urbana, urbanistica, edilizia privata, patrimonio) e Loredana Poli (assessore all’Istruzione, formazione, università, sport e tempo libero, politiche per i giovani, edilizia scolastica e sportiva), accompagnati dal gruppo di lavoro di Grupedil e Immobiliare Percassi. La visita al cantiere ha permesso di valutare l’avanzamento delle attività realizzate nel corso dei primi mesi del 2019: sono state infatti completate le attività di predisposizione del site camp, del sistema di viabilità di cantiere, del controllo accessi, e dei sistemi di lavaggio gomme; inoltre, sono state attivate tutte le misure di sicurezza propedeutiche all’avvio del cantiere per la realizzazione di Chorus Life previsto per l’autunno di quest’anno, con l’inizio delle operazioni di scavo generale e delle opere di contenimento per un volume complessivo di oltre 400.000 metri cubi di scavo – un volume equivalente a 160 piscine olimpioniche. Le attività di demolizione e la prima fase del progetto di bonifica sono già state completate; dal mese di maggio è entrata nel vivo la seconda fase del progetto di bonifica. Questa sarà la fase più imponente ed onerosa dell’intero progetto di bonifica, interessa un’area di circa 10.000 mq, per 10 metri di profondità, per complessivi 90.000 metri cubi di materiale ed una movimentazione di terra giornaliera di circa 600 metri cubi. Attualmente il personale operativo di cantiere ammonta a 30 unità e raggiungerà le 500 unità nella fase di piena attività del cantiere, con numerosi escavatori e mezzi di cava impegnati contemporaneamente, 16 baie di stoccaggio e 80 auto articolati in uscita quotidianamente dal cantiere per una movimentazione di 1.000 metri cubi di materiale. L’iter autorizzativo relativo al rilascio dei permessi di costruire si è concluso nel mese di maggio e il definitivo rilascio resta condizionato soltanto alla conclusione delle attività di bonifica. «Grazie al lavoro svolto in questi mesi – spiega Bosatelli – abbiamo dato chiarezza di prospettiva allo sviluppo futuro di Chorus Life. Nonostante la complessità dell’opera, oggi abbiamo un cronoprogramma operativo molto ben definito che porterà all’inaugurazione della struttura l’8 aprile 2022». «La dimensione dell’intervento di bonifica», spiega il sindaco Gori «che abbia potuto verificare nel sopralluogo di oggi, restituisce già gli effetti positivi di questa trasformazione, insieme ad un cantiere ormai pronto per realizzare opere che avranno, come sappiamo, conseguenze decisive per il futuro della nostra città».

2 – Nuova area giochi (a tema) all’aeroporto di Orio

L’Aeroporto di Orio ha rinnovato l’area giochi all’interno del terminal partenze dei voli Schengen, resa più ricca e attrattiva oltre che attinente al tema del viaggio in aereo. La nuova area giochi è situata sul lato ovest interno alla fine del percorso che attraversa l’area commerciale retail e conduce ai gate.

3 – Operaio folgorato oggi a Casnigo, grave 44enne

Un operaio di 44 anni è rimasto folgorato nel tardo pomeriggio di venerdì 5 luglio a Casnigo. L’infortunio è avvenuto intorno alle 18 alla Fiberfil spa di via Serio 67. Dalle prime informazioni sul posto l’uomo avrebbe riportato ustioni di secondo grado ma sarebbe cosciente e non in pericolo di vita.

4 – Parcheggio Ex-Gasometro, tariffe dopo che è finita la “promozione”

Atb comunica che è aperta la campagna per l’acquisto degli abbonamenti per la sosta al parcheggio all’Ex-Gasometro. Inoltre, dal prossimo 15 luglio, terminerà il periodo di applicazione delle tariffe promozionali ed entreranno in vigore le nuove tariffe per la sosta occasionale. Gli abbonamenti sono acquistabili unicamente online dal sito atb.bergamo.it, accedendo al servizio atb@home. Il cittadino deve registrarsi o effettuare il login, cliccare sulla voce “Parcheggi – Richiedi l’abbonamento”, scegliere “Ex-Gasometro” e inserire i dati richiesti. Se il posto auto è disponibile, l’utente riceverà un’email con le istruzioni per l’acquisto e potrà procedere al pagamento con carta di credito Visa o Mastercard, senza commissioni né costi aggiuntivi. L’abbonamento al parcheggio Ex Gasometro non prevede il rilascio della tessera. Il rinnovo dell’abbonamento dovrà essere effettuato entro il giorno 25 del mese precedente a quello di validità, secondo le modalità online descritte alla pagina atb@home. Oltre tale data non sarà possibile garantirne la disponibilità. Orari e tariffe degli abbonamenti mensili: feriale, valido da lunedì a venerdì, dalle ore 5.00 alle ore 21.00: 50 euro; feriale pendolari (convenzionato con il trasporto pubblico), valido da lunedì a venerdì, dalle ore 5.00 alle ore 21.00: 40 euro. Diurno, valido da lunedì a domenica, dalle ore 5.00 alle ore 21.00: 60 euro; 24 ore, valido da lunedì a domenica, dalle ore 00.00 alle ore 24.00: 75 euro; notturno, valido da lunedì a domenica, dalle ore 18.00 alle ore 9: 25 euro. Orari e tariffe per la sosta occasionale applicate dal 15 luglio 2019: feriale diurna (lunedì – sabato) dalle ore 5.00 alle ore 21.00: 1 euro/ora; festiva e notturna dalle ore 21.00 alle 05.00: 50 centesimi; massima giornaliera (feriale e festiva): 7 euro.

5 – Cade nel tombino aperto: soccorsa una 91enne

Un’anziana di 91 anni è stata suo malgrado protagonista di un brutto inconveniente. È infatti finita in ospedale dopo essere caduta in un tombino lasciato aperto. Fortunatamente per lei nessuna grave conseguenza fisica: solo qualche lieve graffio e un grande spavento. L’anziana stava infatti passeggiando tranquillamente a Monasterolo del Castello, in provincia di Bergamo, quando non si è accorta del buco lungo la strada, finendoci dentro. Il tutto sarebbe accaduto nel pomeriggio di mercoledì e la signora è stata subito soccorsa. Probabilmente un momento di distrazione per la 91enne che pare fosse stata già avvisata dal figlio, che si era raccomandato con lei di stare attenta.

6 – Promoberg, trovata documentazione di rimborsi per altri 400mila euro

La Guardia di Finanza di Bergamo ha controllato l’armadio blindato nel magazzino della Fiera di Bergamo, dov’era custodita la documentazione contabile-amministrativa di Promoberg. Il direttore tecnico Stefano Cristini (agli arresti domiciliari per peculato), l’aveva reso inaccessibile. All’interno sono state trovate note spese intestate anche ad altro personale di Promoberg che vanno dal 2006 al 2018, per un valore complessivo di circa 400 mila euro. Bisogna ora capire se i rimborsi erano legittimati o meno.

7 – «Una scuola su tre senza preside da settembre»

Una scuola su tre in Bergamasca, come in tutta Italia, a partire da settembre rischia di rimanere senza preside. A lanciare l’allarme sono i sindacati Cgil e Cisl, all’indomani della decisione del Tar del Lazio che ha annullato il concorsone per l’assunzione dei nuovi dirigenti scolastici. Il motivo? Alcune presunte irregolarità nella composizione delle composizione delle commissioni di concorso, riguardanti due, forse tre componenti su circa un centinaio. Rischia così di trascinarsi ancora per lunghi mesi la crisi delle “reggenze”.

8 – Email shock da azienda di Brescia: «Non mandateci più corrieri di colore»

Sta facendo il giro della Rete una comunicazione inviata via email da un’azienda di Brescia, che ha dato l’utimatum ai corrieri che effettuano consegne presso di lei: «Non mandateci più corrieri di colore e/o pakistani, indiani o simili». La denuncia è arrivata da una delle aziende che ha ricevuto la mail dalla ditta Chino Color srl di Lumezzane.

 

4 LUGLIO

 

1 – Salta la corrente a Pagazzano. Tre persone chiuse in ascensore

I black out elettrici non sono una novità in questo periodo in cui l’aumentata richiesta di energia elettrica per contrastare il caldo ha sovraccaricato i sistemi un po’ ovunque. A Pagazzano tre persone chiuse in ascensore questo pomeriggio. Per circa un’ora alcune zone del paese sono rimaste senza corrente elettrica, in particolare via Morengo e via Roma. Un inconveniente che ha reso necessario anche l’intervento dei pompieri. Nella palazzina accanto alla pizzeria tre persone sono rimaste diverso tempo chiuse in ascensore e solo l’intervento dei vigili del fuoco è riuscito a risolvere la situazione.

2 – Asfaltature 2019, il Comune interviene su oltre 62mila mq di strade

62.350 metri quadrati: è l’estensione di asfalto che l’Amministrazione comunale conta di posare sulle strade cittadine nell’estate 2019 nell’ambito del piano di rinnovamento delle vie urbane di quest’anno. Un impegno che nel mandato precedente ha concretizzato risultati importanti, con la sistemazione di quasi 120 strade in città, decine di migliaia di metri quadrati di asfalto realizzato e il rinnovamento ormai avanzato del manto della circonvallazione cittadina. «Dopo il piano straordinario 2018 – commenta l’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla – ci presentiamo nel 2019 per confermare il nostro impegno di sistemazione delle strade della città. Quest’anno di fatto ultimiamo l’ammodernamento della pavimentazione della circonvallazione di Bergamo, intervenendo a Monterosso, la via delle Valli e il viadotto su via Borgo Palazzo, ma interveniamo anche su diverse strade urbane, con – da sottolineare – diverse vie del quartiere di Longuelo e l’intero largo Tironi, rotatoria tra le più percorse in città». Poco più di quindici le vie interessate dall’intervento dell’Amministrazione comunale: via Bono (nel tratto tra via Foro Boario e via Fantoni), via Pascolo dei Tedeschi (nel tratto che si immette in via Sombreno), le vie Bach, Polaresco, Bellini, Salvo d’Acquisto e Corpo Italiano di Liberazione nel quartiere di Longuelo, via dei Bersaglieri, via Marzanica (tra via don Gnocchi e via Gusmini), via Grumello (tra via per Lallio e il confine comunale) e via Rebetta Alta. Completano il quadro tre importanti tratti di circonvallazione, la Fabriciano fino alla rampa di uscita per Monterosso, la Plorzano (da Monterosso a via delle Valli) e il viadotto di Boccaleone sulla circonvallazione Mugazzone. Oltre 2100 metri quadrati di lavori riguarderanno invece marciapiedi, tra via Mattioli, lo spazio antistante la biblioteca Tiraboschi, via Bellini, via Bach e via Bersaglieri.

3 – Investe una tredicenne e scappa, caccia alla pirata

Investe una tredicenne e scappa. È successo martedì mattina a Caravaggio. Una donna giovane ha investito una ragazzina di 13 anni che percorreva via Einaudi in bicicletta, e poi è scappata.

4 – Fuga e aggressione ai carabinieri. Arrestati due marocchini a Calcio

Scappano e poi aggrediscono i carabinieri, arrestati due marocchini a Calcio. È successo ieri pomeriggio, 3 luglio, nei pressi di un campo di grano adiacente al casello autostradale della Brebemi. Giunti sul posto, dopo una segnalazione, i carabinieri della Stazione di Calcio hanno sorpreso tre giovani  extracomunitari intenti a confezionare qualcosa con una scatola bianca. I tre soggetti, alla vista degli uomini in divisa hanno tentato immediatamente la fuga. Uno di loro ha persino esploso un colpo di arma da fuoco contro i militari, rivelatosi poi fortunatamente essere un colpo a salve. Il giovane, dopo una breve colluttazione è stato bloccato. Mentre uno dei soggetti riusciva a far perdere le proprie tracce, l’altro magrebino tentava la fuga attraversando le due carreggiate della vicina arteria autostradale. Al suo inseguimento si è messo uno dei militari presenti che è riuscito a raggiungerlo e bloccarlo. Una volta bloccati i due giovani, entrambi pregiudicati di nazionalità marocchina, è scattato il sequestro nei loro confronti di materiale per il confezionamento di sostanze stupefacenti e della pistola scacciacani, completa di colpi, poco prima rivolta verso i carabinieri. I due giovani sono stati arrestati con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Uno dei due militari dell’Arma, nel corso dell’evento, è rimasto ferito con una prognosi di 15 giorni. Stamane la celebrazione dell’udienza di convalida con rito direttissima.

5 – Accusato di un duplice omicidio a Osio nel ’98: arrestato in Albania

Mercoledì 3 luglio è stato arrestato in Albania Sokol tace, nato ad Elbasan, in Albania, nel 1968, conosciuto in Italia con l’alias di Veap Dehari, detto «Koli», ricercato internazionale per un duplice omicidio avvenuto nel 1998. L’ordinanza era attinente l’omicidio dei fratelli Flamur ed Astrit Kolaveri, avvenuto la sera del 10 ottobre 1998 a Osio Sotto, lungo la statale 525 all’esterno del bar «Smile» e maturato nell’ambito delle contese relative allo sfruttamento della prostituzione in zona.

6 – Intimidazioni alla sede provinciale del Pd: «Non ci fanno paura»

«Le scritte oltraggiose e intimidatori apparse con un cappio questa notte davanti alla nostra sede provinciale sono purtroppo l’ultimo atto meschino di una campagna pericolosa che da tempo viene alimentata contro le donne e gli uomini del Partito Democratico. Nessuno di noi si farà certo intimidire da questi violenti. Al contrario di quello che pensano, continueremo invece con ancora più forza, passione e serietà a lavorare per tutto il nostro territorio e per la comunità bergamasca sapendo che gli autori di questa ennesima provocazione hanno già perso». Così i parlamentari bergamaschi del Pd Elena Carnevali, Maurizio Martina e Antonio Misiani.

7 – Il sottopasso sotto la Briantea in un video di un minuto

Il time-lapse dei lavori per la realizzazione del sottopasso ciclopedonale sotto la Briantea per collegare Loreto all’ Ospedale Papa Giovanni XXlll. Un intervento che sarebbe dovuto durare 6 giorni è stata completato in 36 ore la scorsa settimana.

8 – Rubavano le monete dai distributori a scuola, denunciata una coppia

Sabato la Polizia locale e i carabinieri della stazione di Caravaggio hanno concluso un’operazione di polizia giudiziaria che ha portato alla denuncia a piede libero degli autori dei furti seriali che avevano avuto come obiettivo i distributori automatici delle scuole “Merisi” e “Mastri Caravaggini”. Sette i colpi su cui si sono concentrate le indagini delle Forze dell’ordine, tutti messi a segno nello stesso modo. I due agivano di notte e si portavano via le monete lasciando una scia di danni alle loro spalle. Durante la perquisizione i carabinieri e gli agenti hanno trovato oltre 1000 euro in monete di diverso taglio. alcune già suddivise in sacchetti da 100 euro. Trovati anche gli indumenti utilizzati durante i colpi e riconosciuti grazie alle immagini della videosorveglianza.

 

3 LUGLIO

 

1 – Tempesta sulla Fiera di Bergamo: ai domiciliari il direttore Cristini, accusato di peculato, interdetto dai suoi incarichi Trigona. Sette gli indagati

L’arrivo della tempesta era nell’aria, ma pochi si aspettavano novità così repentinamente. Ma alle 8 circa della mattina di mercoledì 3 luglio è scattato un blitz della Guardia di Finanza che ha portato il direttore di Promoberg, ente gestore della Fiera di Bergamo, Stefano Cristini, ai domicilari con la pesante accusa di peculato. Sono state invece applicate delle misure interdittive (il che significa che non possono ricoprire, per il momento, le loro cariche) per il segretario generale Luigi Trigona e per il presidente del collegio dei sindaci, Mauro Bagini. Le indagini, coordinate dai pm Silvia Marchina ed Emanuele Marchisio, erano in corso da tempo. Il ritrovamento delle microspie negli uffici di Promoberg avvenuto il maggio scorso aveva acceso una spia e, probabilmente, gli investigatori hanno così deciso di accelerare i tempi e passare all’azione. Erano stati infatti proprio loro a installare le cimici per raccogliere prove. Nello specifico, a Cristini si contesta di aver simulato falsi rimborsi spese intestati a dipendenti che non sapevano nulla, per appropriarsi indebitamente, nel corso degli anni, di oltre 140 mila euro. L’accusa è di peculato, in concorso con il cassiere e con altri personaggi chiave nella gestione della Promoberg. Nel corso delle indagini sono emerse gravi responsabilità anche in capo al segretario generale, sospettato di aver avallato l’operato del direttore, nonché nei confronti del presidente del collegio sindacale, che avrebbe cercato di aggiustare la contabilità fornendo al Cda una versione falsa in sede di approvazione del bilancio del 2018 (al momento ancora ferma ai box, dato che l’1 luglio proprio il Cda ha deciso di chiedere alla società di revisione Kpmg di controllare i bilanci degli ultimi cinque anni). In generale, nell’inchiesta sono indagate sette persone che ricoprono varie funzioni e cariche in Promoberg, i cui uffici sono stati perquisiti.

2 – Casnigo, operaio di 44 anni sepolto da una parete di terra. È grave

Grave incidente la mattina di mercoledì 3 luglio a Casnigo, in via Lungo Romna 20: un dipendente di 44 anni dell’azienda agricola Carrara Renato di Gazzaniga che stava operando uno scavo profondo circa tre metri e lungo cinque, è rimasto sepolto dal cedimento di una delle pareti di terra della buca. Come riporta L’Eco di Bergamo, lo scavo doveva ospitare la trave di legno di trattenuta della fune d’acciaio da utilizzare come teleferica per il trasporto della legna tagliata nel bosco limitrofo. Soccorso dai colleghi, il 44enne è stato poi trasportato in autoambulanza in codice giallo al Pronto soccorso della Clinica Gavazzeni di Bergamo. Sul luogo dell’incidente è invece giunto il personale dell’Ats di Bergamo per compiere un sopralluogo per l’inchiesta di infortunio, oltre ai Carabinieri.

3 – È morto Lorenzo Bordogna, il 20enne di San Giovanni Bianco vittima di un incidente in moto

Non ce l’ha fatta Lorenzo Bordogna, 20enne di San Giovanni Bianco vittima, sabato 30 giugno, di un incidente in moto nella galleria Darco di Camerata Cornello, sulla provinciale della Val Brembana. Il ragazzo era ricoverato al Papa Giovanni di Bergamo in condizioni gravi. I genitori, Katy Gritti e Daniele, avevano già acconsentito al prelievo degli organi, dato che le condizioni del giovane erano parse sin da subito disperate. Lorenzo frequentava lasScuola edile di Bergamo ed era molto conosciuto per la sua passione per le moto. Sabato sera stava proprio viaggiando in sella alla sua moto da enduro, con la quale si stava recando a lavoro a Bracca. Ma nella galleria Darco, a Camerata Cornello, sembra abbia perso il controllo del mezzo, urtando uno dei paletti di segnalazione del margine di carreggiata. L’urto lo avrebbe scagliato in mezzo alla strada, senza coinvolgere altri mezzi, ma con un volo di diversi metri e così violento da far perdere conoscenza al giovane. A dare l’allarme e a richiedere i soccorsi al 112, gli automobilisti di passaggio.

4 – Pista ciclabile della Val Brembana, sabato apre il tratto di Sedrina

Alle 10 di sabato 6 luglio verrà finalmente aperto al pubblico un nuovo tratto della pista ciclopedonale della Val Brembana che ripercorre il sedime della dismessa ferrovia. L’inaugurazione riguarderà il tratto di pista compreso nel territorio di Sedrina, precisamente dalle località Botta e Campana alla galleria Brembilla. Lo ha annunciato la Provincia. Sono invece in corso i lavori di posa della tubazione del metano nel tratto in prossimità della località Fonderia di Villa d’Almè; la conclusione di questi lavori consentirà il completamento dell’ultimo tratto di ciclabile, che presumibilmente sarà pronto entro la prima metà di agosto.

5 – Realizzato e installato in soli due giorni il sottopasso ciclopedonale alla Trucca

È stato completato l’ultimo tratto della nuova pista ciclopedonale lunga cinquecento metri che collega il parco di Loreto al nuovo ospedale: 1,5 milioni di euro come opera di compensazione per la costruzione dell’albergo da sei piani che sorgerà proprio lì accanto. Dieci giorni fa è stato completato il passaggio, molto critico, sotto la Briantea e, a tempo di record, la notte tra il 2 e il 3 luglio è toccato al tratto che passa sotto alla ferrovia in zona Trucca. Un lavoro incredibile, che anche il sindaco Giorgio Gori ha lodato pubblicando un video sui suoi canali social.

 

2 LUGLIO

 

1 – Anni di botte alla madre anziana a Caravaggio, finisce in carcere

Botte, insulti, violenze. È durato per anni il regime di terrore costruito da un uomo di Caravaggio, che  picchiava e tormentava psicologicamente la anziana madre, per farsi dare i soldi da spendere in alcool e droga.  L’incubo per la donna è finito sabato, quando il figlio è stato arrestato e portato in carcere dai carabinieri della stazione cittadina, dopo che all’ennesima violenza l’anziana signora si è convinta a denunciarlo. Negli ultimi anni più volte la donna aveva dovuto ricorrere a cure mediche per le lesioni riportate a seguito delle aggressioni da parte del figlio, annebbiato dai fumi dell’alcool e degli stupefacenti. In alcune occasioni, anche in ore notturne, si era vista costretta a chiedere l’aiuto dei carabinieri. Solo alla luce dell’ultimo episodio però si era decisa finalmente a sporgere formale denuncia, dando così modo ai carabinieri della Compagnia di Treviglio di indagare e poi di intervenire con l’arresto dell’uomo, il quale, al termine delle formalità di rito, è stato portato in carcere a Bergamo.

2 – Scarcerato al mattino, arrestato (di nuovo) la notte seguente

Nella notte tra lunedì e oggi, martedì 2 luglio, a Romano un ladro si è reso responsabile di un furto in un bar del centro. Era stato scarcerato la mattina stessa, dopo un altro furto in un bar, settimana scorsa.

3 – Bergamo? «Un gioiello». Parola di blog inglese

Il blog britannico Hand Luggage Only ha dedicato qualche settimana fa un lungo articolo alla città di Bergamo. Che viene definita «un vero gioiello italiano, ricco di fascino e attrazioni e che merita sicuramente la vostra attenzione».

4 – Ryanair, falso allarme bomba su volo partito da Bergamo

Falso allarme bomba su un aereo Ryanair decollato da Bergamo. Arrestato un italiano a Porto che aveva dichiarato di aver messo una bomba sull’aereo sul quale viaggiava mentre si stava avviando la procedura d’atterraggio. I fatti risalgono allo scorso 11 giugno. Un uomo si è alzato in piedi urlando: «Ho messo una bomba!». Dopo l’atterraggio, la polizia ha ispezionato l’aereo senza trovare alcun ordigno esplosivo. Il responsabile, un cittadino italiano, è stato arrestato. Lo riporta il giornale locale Portugal News. Questo episodio, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si inserisce nella sempre più stretta vigilanza contro il terrorismo dopo l’attentato dell’11 settembre a New York. Da allora le misure di sicurezza negli scali si sono rafforzate enormemente nel timore di nuovi attacchi kamikaze.

5 – Malore per la anziana madre, muore figlio disabile attaccato al respiratore

Tragedia a Terno d’Isola. Questa mattina in un’abitazione lungo la via principale del paese, via Casolini, sono stati trovati privi di vita i corpi di una madre e del figlio disabile. A dare l’allarme che ha portato alla scoperta sono stati i vicini di casa, non vedendo insolitamente movimenti ormai dalla domenica appena trascorsa. Sul posto i Carabinieri. Secondo una prima ricostruzione Felicita Carminati, 73 anni, ha accusato un malore e il figlio Tomas Arrigoni, 41 anni, con una grave disabilità e non autosufficiente (era attaccato a un respiratore), è morto successivamente per via della mancanza di cure.

6 – Mercato del lunedì da settembre in via Spino

Continuano i lavori in via Spino, vicino al casello dell’A4, dove si sta realizzando la nuova area mercatale per consentire l’ampliamento di 5000 mq del Parco Della Malpensata. L’area è destinata ad accogliere molti dei banchi del mercato del lunedì già da settembre, mentre negli altri giorni della settimana garantirà circa 270 posti auto. Altri 36 posti per ambulanti andranno in Piazzale Alpini.

7 – Manutenzioni per l’aria condizionata, ancora treni cancellati

Il caldo record dei giorni scorsi ci sta concedendo una breve tregua, merito del forte temporale che ieri pomeriggio ha raggiunto anche la Bassa. Per i pendolari, invece, sembra non esserci nessuna tregua sui disagi, tra ritardi e cancellazioni, dovute alle manutenzioni straordinarie dei treni.

8 – Dissidi con il vicino: mentre lui è al mare gli brucia casa

Rapporti di vicinato decisamente poco buoni. Sarebbe questo il movente che ha portato un uomo a incendiare una villetta confinante con la sua. È successo nella notte tra giovedì e venerdì a Stezzano. Fortunatamente al momento non c’era nessuno in casa perché il padrone, un impiegato di 37 anni, sposato e padre di due figli, era al mare con la famiglia. È bruciato anche il tetto, quindi l’abitazione è ora inagibile. L’autore del gesto, un operaio 41enne del paese, è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Stezzano per incendio doloso.

 

1 LUGLIO

 

1 – Atti osceni sul treno, la Polfer arresta uno straniero a Treviglio

Atti osceni sul passante ferroviario Novara-Treviglio: un giovane senegalese è stato sorpreso mentre si masturbava sul treno e il personale ha allertato la Polfer di Treviglio. Era stato notato il giovane africano, un 26enne con regolare permesso di soggiorno residente nel milanese, che si stava toccando le parti intime davanti agli altri passeggeri. Episodi per cui già in passato l’extracomunitario era stato fermato.  Il giovane ha tentato la fuga, ma gli agenti sono riusciti a bloccarlo nel sottopassaggio ferroviario. Ne è nata una colluttazione, ma le forze dell’ordine sono riuscite comunque a bloccare il senegalese e ad arrestarlo. Il giorno dopo – i fatti risalgono a venerdì – il ragazzo è stato processato per direttissima e condannato a tre mesi (pena sospesa) per resistenza. Per quanto riguarda gli atti osceni, il giudice non ha considerato il treno come luogo frequentato da minori e, in base alla normativa, non l’ha considerato reato e ha quindi comminato una sanzione amministrativa.

2 – Autotreno perde il carico a Cisano, caos sulla Briantea

Caos dalle 11.30 alle 13.30 sulla Briantea, all’altezza di Cisano Bergamasco: lunedì 1° luglio un autotreno ha perso il carico, un macchinario che stava trasportando verso Lecco. Per fortuna l’incidente non ha causato impatti con vetture né feriti.

3 – Stadio, da oggi è Gewiss Stadium (Google Maps lo dice da tempo)

Mentre i lavori di ricostruzione della fu curva Nord proseguono spediti, la sponsorizzazione dello stadio, con tanto di nuovo nome, comincia a essere operativa da oggi (anche se lo era da tempo su Google Maps). Non più Atleti Azzurri d’Italia, ma Gewiss Stadium. Prima volta con nome di uno sponsor e nuovo battesimo a 26 anni di distanza dal precedente.

4 – Paura a Cologno, ciclista investita davanti alle scuole elementari

Paura questa mattina a Cologno, per una ciclista investita vicino alle strisce pedonali davanti alla pensilina dei pullman, accanto alle scuole elementari Locatelli.S embra che a finire sotto una station wagon grigia sia stata una donna di 35 anni in sella alla bicicletta, che ha attraversato la strada ed è stata travolta da un’automobile che percorreva via Circonvallazione in direzione della Rocca. La ciclista era diretta alle scuole elementari. L’incidente è avvenuto attorno alle 8,40. L’automobilista ha detto di non aver proprio visto la donna, che è stata investita in pieno. Fortunatamente la velocità ridotta ha evitato gravi danni: la 35enne di origine albanese è cosciente e le ferite non sarebbero importanti. I medici del 112 intervenuti sul posto in codice rosso hanno abbassato il livello d’emergenza a codice giallo, dopo la prima visita sul posto, in ambulanza. Sul posto la Croce rossa di Treviglio e i militari della compagnia di Treviglio per i rilievi di rito.

5 – Schianto in moto a Camerata, ventenne resta gravissimo

Rimangono preoccupanti le condizioni del 20enne di San Giovanni Bianco rimasto coinvolto in un grave incidente sabato sera con la sua moto in galleria a Camerata Cornello. Il giovane è ricoverato all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo dove è arrivato a bordo dell’elisoccorso di Brescia.

6 – Art2Night Bergamo, 40 proposte per sabato 6 luglio in centro

Arte, musica, teatro, danza, storia, fotografia, design e architettura per oltre 40 proposte culturali per le strade di città bassa nella giornata del 6 luglio dalle 18 alla mezzanotte. Questa è l’Art2Night Bergamo. La notte bianca dell’arte, quinto appuntamento con le Notti in centro di BergamoEstate19.

7 – Schianto a Casirate, quattro feriti tra cui una 18enne

Incidente ieri sera a Casirate, sulla Sp472 che attraversa il paese da nord a sud. Lo schianto ha coinvolto due automobili, attorno alle 23.30. Risultano ferite quattro persone, due uomini di 35 e 36 anni, una ragazza di 18 e una donna di 56. Sul posto la Croce rossa di Treviglio, che non ha rilevato situazioni particolarmente gravi. Codice verde per i coinvolti.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.