Notizie su Bergamo e provincia
(16-21 aprile 2018)

21 APRILE

 

1 – Vilminore, 77enne cade dal tetto mentre sistema un’antenna e muore

Tragedia nella prima mattina di sabato 21 aprile a Vilminore, più precisamente nella frazione Teveno. Poco prima delle 7.30, infatti, un uomo di 77 anni era salito sul tetto della sua abitazione, in via San Bernardo, per sistemare l’antenna quando, per cause ancora da accertare, è caduto. Nonostante il rapido intervento dei soccorsi, compreso un elicottero dall’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, i medici non hanno potuto fare altro che appurare il decesso del 77enne.

2 – Al posto del Caffè della Funicolare arriva il marchio California Bakery

Altro che dolci tipici bergamaschi. In uno dei punti nevralgici di Città Alta, con panorama unico sulla pianura, arrivano pancakes con sciroppo d’acero, muffins, brownies. Al posto del Caffè Funicolare – gestito da oltre 20 anni dalla famiglia Passetti – verrà messa la prima filiale non milanese di California Bakery, marchio in stile Starbucks creato dal brillante imprenditore messinese Marco D’Arrigo. I lavori, secondo il Corriere della Sera Bergamo, che ha dato la notizia, partiranno ad ottobre per adeguare i locali al nuovo brand.

3 – Deruba una donna alle Grazie, 54enne fermato da un corriere e arrestato

Una donna, mentre stava pregando nella chiesa di Santa Maria delle Grazie in pieno centro a Bergamo, è stata derubata della sua borsetta, che aveva lasciato incustodita sui banchi. Accortasi immediatamente del furto, compiuto da un uomo di 54 anni senza fissa dimora ma domiciliato a Bergamo, lo ha inseguito e, appena fuori dalla chiesa, ha chiesto aiuto ai passanti. Tra questi, anche un corriere della Tnt che, insieme ad altre persone, è riuscito a bloccare il 54enne, poi arrestato. Agli agenti, il ladro ha poi spiegato: «Soffro di un disturbo bipolare, ero andato in ansia e ho preso la borsetta senza nemmeno pensarci». Davanti a questa spiegazione e alla mancanza della flagranza del reato (l’uomo, infatti, non è stato fermato dalla Polizia ma da un privato cittadino), il giudice non ha convalidato l’arresto e il 54enne è ora a piede libero, indagato dalla Procura.

4 – Turisti coreani bloccati con il pullman sui tornanti della Roncola

Particolare disavventura per un gruppo di turisti sudcoreani che, nella giornata di sabato 21 aprile, sono rimasti bloccati con il loro pullman sui tornanti della Roncola, più precisamente in zona Carobais. Il loro bus turistico, infatti, si è incastrato sul tornante e per risolvere la situazione ci sono volute circa quattro ore.

5 – Notte di controlli in zona Borgo Santa Caterina: nove patenti ritirate

Nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 aprile, la Polizia Stradale ha controllato 41 auto nella zona di Borgo Santa Caterina. I controlli hanno coinvolto ben 61 persone e alla fine sono state nove le patenti ritirate per abuso di alcol o di sostanze stupefacenti. Nelle stesse ore, altri agenti hanno operato dei controlli nell’area di Seriate, dove invece sono state quattro le patenti ritirate, sempre per abuso di alcol.

6 – Moto contro auto, grave 25enne. Schianto in viale Vittorio Emanuele

Gravissimo scontro ieri mattina, intorno alle 8.30, in viale Vittorio Emanuele, poco dopo la funicolare salendo verso Città Alta. Si trova ricoverato in prognosi riservata e in pericolo di vita nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo il motociclista 25enne G.D.: in sella alla sua Suzuki di grossa cilindrata, ha fatto un frontale con una Maserati.

7 – Ragazzi tutto il giorno ai Propilei, altre 7 multe

Dopo le multe di un mese fa, altre sette da cento euro per altrettanti ragazzi, cinque minorenni e due maggiorenni, che bivaccano per l’intera giornata sui Propilei di Porta Nuova. La sanzione, ufficialmente, è per aver stazionato su un monumento, come previsto dal regolamento della polizia urbana. In realtà c’è di più: i negozianti lamentano il fatto che questo giovani siano scostanti e aggressivi, che disturbino i passanti, che bevano e sporcano. Ma le sanzioni non sembrano servire per fa spostare i ragazzi.

8 – Violano le prescrizioni mentre sono ai domiciliari, arrestati

Sono stati arrestati entrambi su provvedimenti restrittivi emessi distintamente nei loro confronti dalla Magistratura di Sorveglianza di Brescia. Ieri, infatti, i Carabinieri della Compagnia di Treviglio, in due separati casi, hanno messo le manette e poi portato in carcere due pregiudicati marocchini rispettivamente domiciliati a Ciserano e Verdello. In entrambe le circostanze si tratta di soggetti già ristretti in regime di arresti domiciliari per reati di droga i quali, per ragioni di difficile convivenza in un caso e per inosservanza delle autorizzazione concessegli dall’A.G., hanno violato di fatto le prescrizione impostegli precedentemente per poter così beneficiare della misura degli arresti domiciliari in luogo del carcere.

9 – Scarafaggi a scuola, l’Amministrazione di Ghisalba non risponde

Allarme blatte alla scuola primaria di Ghisalba: eseguiti due interventi di disinfestazione con la massima urgenza nei locali scolastici. A fare la sgradevole scoperta il personale scolastico, che ha immediatamente avvertito la dirigenza e, quindi, l’Amministrazione. Il Comune appresa la notizia ha subito approvato con urgenza una doppia disinfestazione. Due interventi anti blatte sono stati eseguiti a pochi giorni di distanza per risolvere il problema. Non si sa se gli insetti siano stati trovati all’interno delle classi o in altre zone della scuola. Sulla vicenda dirigente scolastica e Amministrazione comunale si sono trincerati nel silenzio, rifiutando di fornire ulteriori spiegazioni. Con buona pace dei genitori dei piccoli alunni.

 

20 APRILE

 

1 – Cade dalla bici, grave un anziano. Villa d’Adda, trasporto in elicottero

Grave incidente poco prima delle 11.15 di oggi, venerdì, a Villa d’Adda. Un ottantenne, per cause non ancora chiare, sarebbe rimasto vittima di una rovinosa caduta a terra mentre percorreva via Volpino in sella alla sua bicicletta. L’impatto con l’asfalto è stato violentissimo. I testimoni hanno subito allertato i soccorsi e sul posto si è portata un’autoambulanza del Soccorso Cisanese e in cielo si è alzato l’elicottero. Vista la gravità delle ferite riportate nell’impatto, l’80enne è stato trasferito in ospedale in elicottero, in codice rosso. Sul posto, per effettuare i rilievi e ricostruire eventuali responsabilità, si sono portati i Carabinieri della stazione di Calusco d’Adda.

2 – Fermato spacciatore in piazzale Alpini dalla polizia locale

Ennesimo arresto della Polizia Locale: continua insistente il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti in città, tanto è vero che dall’inizio del 2018 salgono a 19 gli arresti (più di uno a settimana) da parte degli agenti del Nucleo di Sicurezza Urbana del Comando del Comune di Bergamo. Ieri pomeriggio ennesimo controllo in borghese da parte degli agenti di via Coghetti, questa volta nell’area di Piazzale degli Alpini: intorno alle ore 15 è stato fermato O.K., 33enne senza fissa dimora, in flagranza di reato, mentre cioè stava vendendo marijuana a un residente della provincia di Bergamo, segnalato poi alla Prefettura locale. La marijuana è stata sequestrata insieme a 80 euro in contanti e a un telefono cellulare. Questa mattina processo per direttissima per il 33enne.

3 – «Raffaello e l’eco del mito»: previsti 65mila visitatori totali

Il 6 maggio 2018 volge al termine Raffaello e l’eco del mito, il progetto protagonista della stagione espositiva 2018 di Bergamo, ideato da Fondazione Accademia Carrara in collaborazione con Gamec – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo e in coproduzione con Marsilio Electa. Un’esposizione che, a due settimane dalla chiusura, festeggia il successo ottenuto presso il grande pubblico, con riscontri positivi sia da parte degli addetti ai lavori sia di appassionati e amatori, oltre alla significativa partecipazione di gruppi e scuole. Previsti 65mila visitatori totali.

4 – Botte a guardia giurata e fuga con l’incasso dei corrieri Sda

Aveva appena ritirato l’incasso dei corrieri della Sda e stava portando la cassetta nella sede della Mondialpol ad Azzano. Ma ieri sera una guardia giurata di 52 anni è stata picchiata e rapinata da tre banditi armati. In via Circonvallazione, a Stezzano, alle 20.30, una Ford gli ha tagliato la strada, due maghrebini gli hanno puntato l’arma alla tempia, lo hanno fatto uscire dal mezzo e gli hanno sbattuto la testa più volte contro l’auto. Quindi la fuga con il bottino.

5 – Esplode impianto geotermico a Sovere, nessun ferito

Pezzi di cemento armato, tubi di ferro, cancelli e ringhiere scagliati anche a trenta metri di distanza. Però, per fortuna, nessuno si è fatto male nella villetta di Sovere. Erano tutti in casa. Ad esplodere, nella frazione Piazza, un impianto geotermico per il riscaldamento di un piccolo nucleo di abitazioni. E pensare che fino a poco prima dei bambini stavano giocando nel cortile.

6 – Ex giocatore dell’Atalanta convocato al Grande Fratello

Matteo Gentili, difensore toscano cresciuto nel settore giovanile dell’Atalanta, nella stagione 2010/2011 debuttò in serie B proprio con la maglia nerazzurra. Una carriera, la sua, penalizzata da troppi infortuni. Ma Gentili non si è dato per vinto, però in un altro mondo: lo spettacolo. Martedì il debutto nella casa del Grande Fratello: una «convocazione» nata dalla relazione (finita) con la stupenda Paola Di Benedetto, già «Madre Natura» di Ciao Darwin, nonché nel cast dell’Isola dei famosi come naufraga.

7 – Legami, «appoggio esterno» alla Fiera dei Librai

«Rispettiamo la manifestazione della Fiera Librai di Bergamo consapevoli della storicità e dell’importanza che riveste sul territorio cittadino. Qualsiasi manifestazione, a nostro parere, che abbia l’intento di stimolare l’interesse e la vicinanza alla lettura deve essere preservata». Lo scrivono i titolari della Libreria Legami di Piazza Pontida. «Il nostro obiettivo, così come crediamo quello della Fiera Librai, intende essere la promozione tout court del dialogo e il confronto tra i lettori mantenendo in tal modo un forte e sempre più necessario legame con la città. Perciò nell’ottica di non sovrapposizione con lo svolgimento della fiera nessuna politica di sconti fuori dal circuito istituzionale verrà adottata dalla nostra libreria durante la preziosa manifestazione. Auspichiamo che la nostra posizione venga condivisa anche dagli altri operatori del settore».

8 – Arrestato spacciatore marocchino a Ciserano

Era in affidamento ai servizi sociali dopo essere stato fermato in uno dei maxi blitz dei carabinieri alle torri di Zingonia. Ma continuava imperterrito nella sua attività. Arrestato spacciatore marocchino 26 enne. Era già stato fermato e denunciato dai carabinieri durante uno dei maxi blitz alle torri Athena di Zingonia, dove il giovane risiede e «lavora».

 

19 APRILE

 

1 – Brebemi, tir con rimorchio schiantato. Non ce l’ha fatta il camionista ferito

Non ce l’ha fatta il conducente del camion che ieri è finito fuori strada invadendo la corsia opposta dell’autostrada Brebemi. Si tratta di un 55enne della provincia di Udine. All’origine dello schianto, probabilmente un infarto che gli è stato fatale. L’uomo è stato soccorso prima da un’ambulanza della Croce rossa di Romano e poi trasportato in eliambulanza agli Spedali Civili di Brescia dove è morto poco dopo.

2 – Viadotto di Boccaleone, 800mila euro di lavori in estate

Per evitare nuovi problemi l’amministrazione ha stanziato 800 mila euro che serviranno a mettere in sicurezza piloni, giunti e carreggiata. Stiamo parlando del viadotto di Boccaleone: i lavori partiranno quest’estate. Inoltre verranno inserite alcune barre diagonali per rendere la struttura antisismica.

3 – Un’assunzione in «Pianura da scoprire» fa infuriare la Lega a Romano

La consigliera di maggioranza del Pd a Romano Chiara Brignoli, madrina di «Pro.G.» è stata assunta da «Pianura da scoprire» e la polemica è servita. «D’ora in avanti a chi è in cerca di lavoro anziché alle liste di collocamento converrà iscriversi al Pd». Così la Lega ha criticato duramente l’assunzione della Brignoli nell’associazione di promozione turistica che, va detto, è avvenuta attraverso una regolare selezione. «Il sindaco Sebastian Nicoli dovrebbe spiegare come può essere opportuno che un’associazione di cui il Comune è socio assuma un consigliere comunale – si legge nel comunicato del Carroccio – Magari proprio su consiglio del sindaco stesso».

4 – Teb, primo utile: 212mila euro. E ora Vertova e Val Brembana

Il Consiglio di Amministrazione di Teb Spa (società del Gruppo Atb che gestisce il tram della Val Seriana) ha varato il progetto di bilancio dell’esercizio 2017, che sarà presentato per approvazione all’assemblea degli azionisti il prossimo 16 maggio. C’è il primo utile della storia della società: 212mila euro. Teb nel corso dell’anno ha operato consolidando e migliorando i risultati sia per quanto riguarda la produzione (chilometri percorsi per tram) che per i passeggeri, che hanno raggiunto la soglia dei 3,7 milioni (3,5 milioni nel 2016). In particolare si sono registrati maggiori introiti propri (ricavi tariffari) e una riduzione dei costi operativi anche a seguito della riconfigurazione delle attività manutentive del materiale rotabile operata nel biennio 2016/2017. Il futuro della società vede l’estensione della Linea T1 da Albino a Vertova e la progettazione della Linea T2 Bergamo-Villa d’Almè, per la quale è in corso il dialogo con gli enti territoriali interessati dal tracciato (comuni di Bergamo, Ponteranica, Sorisole, Almè e Villa d’Alme, oltreché Parco dei Colli), al fine di perfezionare la progettazione e i conseguenti piani finanziari. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato un avviso finalizzato alla presentazione di progetti per realizzare o potenziare linee tranviarie e metropolitane, con scadenza al 31 dicembre 2018, al quale Teb conta di candidarsi in ragione della progettazione che sta predisponendo.

5 – Furti a scuola, incastrato dalle tracce di sangue

È stato denunciato in stato di libertà per furto aggravato e continuato dai carabinieri della Compagnia di Treviglio, dopo solo poche settimane di indagini serrate, il 35enne italiano domiciliato a Martinengo, identificato dai militari dell’Arma come l’autore di due furti in serie compiuti a danno di edifici pubblici del paese. Durante i primi giorni di aprile, in una scuola primaria di Martinengo e, pochi giorni prima, presso gli uffici dell’Asst Bergamo Ovest sempre di quel Comune, l’uomo, dopo aver forzato la finestra, aveva portato via un televisore di ultima generazione nel primo bersaglio e una stampante nel secondo. La svolta nelle indagini è arrivata grazie alle tracce di sangue lasciate dall’uomo, già noto alle forze dell’ordine, nel plesso scolastico. In quella circostanza, è rimasto ferito dopo aver infranto un vetro durante le fasi della fuga.

6 – Scappa ma esce di strada: nel bagagliaio un chilo di marijuana

I carabinieri gli hanno intimato di fermarsi, ma lui si è dato alla fuga. Ne aveva motivo: nel bagagliaio della sua utilitaria aveva un chilo di marijuana. Peccato che si si sia schiantato all’altezza di Cene. Così l’automobilista, un sessantasettenne di Vertova – rimasto illeso nello schianto – è finito in manette per detenzione di droga ai fini di spaccio.

7 – Arrestati dai carabinieri per aver rubato due quintali di rame

Stavano rubando rame, circa 200 chili, in un’azienda di Vigano San Martino, la Nuova Bianchi. I carabinieri di Casazza però li hanno sorpresi e arrestati in flagranza di reato. Il fatto risale alla notte tra martedì e mercoledì. In manette sono un italiano di 23 anni, di Endine, incensurato, e un marocchino di 38 anni, di Borgo di Terzo, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio.

8 – Le Cornelle da appuntamento ai suoi visitatori con Educazoo

Sabato 21 e domenica 22 aprile al Parco Faunistico Le Cornelle c’è Educazoo: momenti di incontro, tra il pubblico, un naturalista e il mondo animale, protagonista indiscusso del Parco, organizzati in occasione della Giornata Mondiale per la Terra, giunta quest’anno alla 48esima edizione. Attività nate con lo scopo di far conoscere un po’ più da vicino il mondo animale che abita a Le Cornelle, appuntamento per sabato e domenica nei seguenti orari: ore 11 presso l’area foche, somministrazione del pasto; ore 12 presso l’area pinnawala, somministrazione di arricchimenti alimentari; ore 14 presso l’area siamanghi, somministrazione di arricchimenti alimentari; ore 15 presso l’area ghepardi, somministrazione di arricchimenti alimentari; ore 16 presso l’area rinoceronti, incontro con una delle specie a maggior rischio di estinzione.

 

18 APRILE

 

1 – Tir fuori controllo in Brebemi salta la corsia: il traffico in tilt

Incidente in Brebemi alle 16.58 nel tratto di strada fra il casello di Chiari Ovest e Calcio. Un camion con rimorchio stava viaggiando da Milano verso Brescia quando ha invaso la corsia opposta. Le ragioni saranno verificate nelle prossime ore dalla Polizia Stradale che si trova sul posto. Il 55enne, a bordo del mezzo sarebbe cosciente ma sono arrivati un’ambulanza da Romano e un elisoccorso in codice rosso. Il motore è andato completamente distrutto. Ripercussioni sul traffico per via del mezzo che occupa i due sensi di marcia.

2 – Cassaforte tagliata col flessibile in azienda a Villongo

I ladri sono entrati in azione all’alba di mercoledì 18 aprile all Seval di via Manzoni, Villongo. Tagliata col flessibile una cassaforte, con azione fulminea. I malviventi sono scappati con un bottino che si aggirerebbe attorno ai 50mila euro, composto per di più da gioielli. Le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza sono al vaglio dei carabinieri di Sarnico per cercare di risalire agli autori del colpo.

3 – Ragazzo chiede informazioni, poi sfila il Rolex a un uomo

Lo ha abbracciato ieri pomeriggio nel parcheggio dell’Auchan di via Carducci, dopo avergli chiesto un informazione. Così gli ha rubato il Rolex dal polso senza che l’uomo se ne accorgesse. È stato registrato un episodio simile sabato scorso in Città Alta. Il derubato è un pensionato di 85 anni residente in città: si è accorto di essere stato derubato soltanto un’ora dopo. Dalle descrizioni, l’autrice del furto sarebbe una ragazza dell’Est sui 25-30 anni, alta un metro e 60, capelli neri lunghi e apparentemente incinta.

4 – Via al bando per gli spazi estivi. Confermati, senza piazzale Alpini

Online sul sito del Comune di Bergamo il bando per la gestione degli spazi estivi 2018: entro mercoledì 2 maggio alle 12.30 dovranno essere presentate le proposte. Cinque le aree oggetto del bando: parco della Trucca – dal 1 giugno al 30 settembre; parco Goisis – dal 1 giugno al 30 settembre; spalto e parco di Sant’Agostino – dal 1 giugno al 9 settembre; spalto di San Michele – dal 1 giugno al 9 settembre; area verde esterna al Parco Goisis – dal 16 giugno al 9 settembre. Sono previsti sconti alla tariffa di occupazione del suolo pubblico: gli spazi di Bergamo Alta e del Parco Goisis si vedono abbattere la tariffa del 25%, al parco della Trucca le agevolazioni salgono al 70%. Caratteristiche particolari per lo spazio all’interno del Parco Goisis: il Comune è alla ricerca di una proposta per famiglie, diurna e che non preveda la vendita di bevande alcoliche. Si tratta sostanzialmente di una conferma degli spazi estivi dello scorso anno, a eccezione dello spazio di piazzale Alpini: nel 2015 e nel 2016 lo spazio andò deserto, lo scorso anno invece fu finalmente assegnato, ma l’assegnatario dimostrò più di una difficoltà gestionale al punto che il Comune decise di interrompere l’attività prima della data di scadenza fissata dal bando. Continueranno invece gli appuntamenti con lo street food sul piazzale, anche dopo il successo dell’iniziativa dello scorso fine settimana, quando migliaia di persone si sono riversate tra gli stand e i furgoncini della manifestazione organizzata da Confesercenti in collaborazione con il Comune di Bergamo. Nei fine settimana (durante i quali sono attive le telecamere di sorveglianza degli accessi della storia Ztl di Bergamo Alta) sarà confermata la possibilità per le moto di accedere a Bergamo Alta, per le quali lo scorso anno sono stati realizzati oltre 100 nuovi stalli di sosta. Il Comune prevede anche quest’anno una campagna di attenzione e controllo delle moto più rumorose e non omologate: nel 2017 furono centinaia le moto sottoposte ai controlli della Polizia Locale.

5 – Il Salone del Mobile fa bene anche a Bergamo: hotel pieni per tre giorni

Difficile trovare un posto libero nei tre giorni centrali (da martedì a giovedì) del Salone del Mobile nei 23 hotel in città. Bergamo, con i sui 1.800 posti letto complessivi, beneficia in questi giorni del grande successo della manifestazione milanese. Tant’è che orami mostre ed eventi legate al salone sono state organizzate qui da noi. La spinta del Made in Italy porta decine di milioni di euro di ricavi per il turismo in regione.

6 – Airbnb, l’imposta di soggiorno ora si paga online

La app per i pernottamenti ha fatto un accordo con Palazzo Frizzoni, interessato ad abbattere l’evasione. Dal 1° giugno l’imposta di soggiorno diventerà digitale per chi prenoterà una stanza a Bergamo tramite la piattaforma Airbnb: cioè la si pagherà direttamente online. Bergamo diventa la seconda città della Lombardia dopo Milano ad aver sottoscritto questo patto.

7 – Rifiuta di assistere i disabili e si droga, finisce al Beccaria

È stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Treviglio su ordine di carcerazione, emesso dal Magistrato di Sorveglianza del Tribunale per i Minorenni di Brescia, il 20enne marocchino, nato in Italia, da tempo in affidamento in prova al Servizio Sociale quale misura alternativa alla detenzione. Il giovane, da minorenne, aveva commesso reati vari contro il patrimonio e contro la persona, commessi tra il 2012 ed il 2013 in provincia di Bergamo, da qui la condanna definitiva e l’espiazione della pena attraverso la misura alternativa in questione. Il 20enne, però, durante tale periodo di «osservazione», ha commesso diverse violazioni alle prescrizioni impostegli dalla Magistratura d’esecuzione. Si è sottratto difatti all’attività di assistenza ad una Cooperativa che si occupa di aiutare e sostenere le persone diversamente abili a cui era stato messo in contatto. Si è accompagnato a pregiudicati, è risultato positivo alla cannabis ed è altresì rimasto coinvolto in violente discussioni con terzi. A questo punto, i militari della stazione dei carabinieri di Martinengo, competente per territorio, ha segnalato il tutto all’A.G. minorile, che ha così emesso il provvedimento restrittivo massimo, la detenzione in carcere, in sostituzione quindi della misura alternativa dell’affidamento in prova al Servizio Sociale. A questo punto, il marocchino diventato maggiorenne nel frattempo è stato associato al carcere minorile «Cesare Beccaria» di Milano, dove sconterà il residuo pena. Secondo appunto il «codice minorile», anche se diventati maggiorenni, i soggetti resisi responsabili di reati da minorenni vengono ristretti presso gli Istituti Penitenziari minorili sino all’età di 21 anni.

8 – Delitto Roveri, nessuna novità dalle analisi scientifiche

L’omicidio di Daniera Roveri, 48 anni, dirigente alla Icra di San Paolo d’Argon, assassinata con una coltellata alla gola la sera del 20 dicembre 2016 nell’androne del palazzo in cui viveva con la madre, in via Keplero, a Colognola, resta un mistero. I Ris di Parma avevano isolato una traccia organica da una guancia e un’altra dall’indice destro della Roveri. Ma da quegli elementi non è stato possibile estrarre un profilo genetico completo. Quindi si brancola ancora nel buio. Ma le indagini tradizionali sul giallo proseguono.

 

17 APRILE

 

1 – Disastro ferroviario di Pioltello. Prove in ruggine causa pioggia

Le piogge copiose di queste settimane avrebbero ossidato la prove relative al disastro ferroviario di Pioltello. Il rischio che il materiale d’inchiesta sia irreparabilmente danneggiato pare essere tangibile. A darne notizia ufficiale è il Tg3: i consulenti della Procura di Milano, insieme ai pm, sono entrati nel capannone Rfi dello scalo Greco dove sono conservati i tratti di binario sequestrati dopo la tragedia. Accumuli d’acqua erano presenti sui binari, coperti da un telo di plastica nero. Durante il controllo ha ricominciato a piovere davanti agli occhi degli inquirenti. Sono immediatamente scattati i controlli del materiale conservato: secondo un consulente della Procura alcuni tratti presentavano evidenti segni di ossidazione recente. Si cerca ora un luogo più sicuro dove stoccare il materiale, operazione che potrebbe costare diverse migliaia di euro.  Incuria o problemi logistici? Al momento non è possibile rispondere a questa domanda, ciò che si può immaginare sono la rabbia e il dolore che staranno provando i sopravvissuti, soprattutto coloro che hanno vissuto l’incubo della carrozza 3, quella in cui viaggiavano anche le tre donne che hanno perso la vita durante il deragliamento.

2 – Verdellino: scritte sul murale dedicato a Leo, morto a 25 anni

Non c’è limite a certa inciviltà. Sembra muoversi fuori dai sentieri del buon senso. Molto fuori. Come si può giustificare, se non così, quanto accaduto alle scuole primarie e del Plesso potenziato dell’Istituto comprensivo di Zingonia. Un murales realizzato dai piccoli delle classi quinte in collaborazione con alcuni ragazzi disabili che frequentano la struttura  è stato coperto di scritte. L’opera era nata in memoria di Leonardo Scarpellini, deceduto lo scorso anno a 25 anni in seguito allo scoppio della bombola di un compressore sul posto di lavoro.

3 – Investito in bici, ferito un bambino di 10 anni a Boltiere

Investito in bici, ferito un bambino di 10 anni. È successo intorno alle 17 in piazza 4 Novembre a Boltiere,  a ridosso della Provinciale 525. Sul posto un’ambulanza della Croce Rossa di Bergamo in codice giallo. Presenti anche le forze dell’ordine per i rilievi del caso. Coinvolta anche una donna di 44 anni. Entrambi stanno bene, per loro un trasporto per precauzione in ospedale.

4 – Spacciava cocaina a giovani italiani: 40 euro a dose: arrestato albanese

I carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno catturato ed eseguito un’ordinanza di custodia cautelare applicativa del carcere nei confronti di un albanese 38enne domiciliato a Romano di Lombardia, Gjuzi Kastriot. Lo straniero, già noto alle Forze dell’Ordine, da anni aveva tessuto una fitta rete di spaccio di sostanze stupefacenti nella zona della Bassa Bergamasca, avendo come base operativa Romano. Il 25 gennaio scorso i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Treviglio insieme a quelli della Stazione di Romano di Lombardia lo avevano arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di cocaina, nonché per resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale. Dopo quell’arresto, però, le indagini degli investigatori dell’Arma non si fermarono. Sono stati così ricostruiti i movimenti dello spaccio dell’albanese, facendo addirittura risalire la sua sistemica attività criminosa al 2012. Le indagini sviluppate e coordinate dal pm Antonio Pansa hanno in tal modo permesso di fare luce su un ampio sistema criminale di spaccio rivolto per lo più a giovani e giovanissimi della Bergamasca ma non solo. Ogni dose di cocaina, mezzo grammo circa, costava 40 euro. Almeno dal 2012, come accertato appunto con le indagini, soltanto clienti italiani «fidelizzati» acquistavano dall’extracomunitario; si parla di centinaia e centinaia di cessioni, per un vertiginoso giro d’affari di diverse decine di migliaia di euro, il tutto rivolto a decine di clienti.  Gli incontri con gli acquirenti si stabilivano o al telefono oppure direttamente di persona, il tutto per lo più in zone centrali a Romano di Lombardia, ma anche di Antegnate. Tali cessioni di droga avvenivano a volte anche in pieno giorno ed all’interno di esercizi pubblici della città, quasi a voler tradire una sorta di avvertita impunità da parte dell’albanese. Anche dopo il suo arresto avvenuto nel gennaio 2018 e quindi sottoposto all’obbligo di dimora con prescrizione a rimanere in casa in orario serale e notturno, lo straniero ha continuato imperterrito a spacciare cocaina ad alcuni clienti.

5 – Lavori in circonvallazione al rush finale con «calza» dall’Austria

Un rivestimento interno su misura per 900 metri di condotti per lo scolo dell’acqua in circonvallazione. Una «calza» speciale austriaca, mai utilizzata in Italia, verrà applicata questa settimana sulle tubature per risolvere definitivamente il problema degli allagamenti dell’arteria in caso di pioggia battente. Così, finalmente, il cantiere aperto lo scorso settembre dovrebbe arrivare alla sua conclusione e le corsie in direzione sud riprenderanno la forma consueta.

6 – Camion ribaltato a Cavernago, grave l’autista e traffico in tilt

Poco prima delle 8 di questa mattina un tir si è ribaltato a Cavernago, sulla 498. Alla guida un uomo di 53 anni che parrebbe rimasto ferito in modo grave. Sul posto un’ambulanza della croce rossa di Palazzolo sull’Oglio. Allertati anche i carabinieri e i vigili del fuoco. Completamente bloccata la strada per andate verso Bergamo. A causa dell’incidente si sono create lunghe code. La soluzione adottata da molti automobilisti è stata quella di tornare indietro e raggiungere la città passando per Urgnano e Zanica. Anche in quel tratto di strada, già abbastanza trafficato normalmente, sono stati segnalati rallentamenti.

7 – Dalla Bassa ad Orlando, sognando il mondiale di cheerleading

Dopo una selezione avvenuta a Bologna lo scorso ottobre, ben 18 allieve della scuola Atelier della Danza di Cologno al Serio (Aics), diretta da Luana Ceccato, sono entrate nel Team Italy Performance Cheer. In sonstanza rappresenteranno l’Italia ai mondiali di cheerleading che inizieranno a breve a Orlando, Florida: il 22 aprile.

8 – La Provincia stanzia 200 mila euro per le barriere fonoassorbenti in zona Paderno

In arrivo 200 mila euro dalla Provincia di Bergamo per la realizzazione delle barriere fonoassorbenti per contenere i disagi acustici a Paderno. Dopo aver ascoltato le istanze dei cittadini residenti nelle vie De Gasperi, Mattioli, Rosselli e nella zona adiacente alla tangenziale, l’Amministrazione comunale ha più volte incontrato i dirigenti della Provincia per manifestare il problema subìto da alcuni seriatesi per l’inquinamento acustico causato dai veicoli in transito sull’asse interurbano. Gli incontri tra il sindaco Cristian Vezzoli, i dirigenti e il consigliere delegato Pasquale Gandolfi del Pd hanno portato alla firma di un protocollo di intesa da parte di Matteo Rossi, presidente della Provincia, e del sindaco di Seriate. Grazie all’accordo, con tali fondi, stanziati dalla Provincia quale contributo di compartecipazione alla realizzazione dell’opera, il Comune di Seriate realizzerà un intervento di risanamento acustico con l’installazione di barriere fonoassorbenti lungo la Strada provinciale ex ss 671 «Asse interurbano» e la via Paderno, a protezione del quartiere residenziale. All’Amministrazione comunale il compito di sviluppare tutte le fasi di progettazione delle opere, espletare le procedure per l’appalto dei lavori, finanziare la realizzazione, svolgere le attività tecniche necessarie per la direzione lavori, il coordinamento della sicurezza e il collaudo dei lavori, consegnare le opere collaudate alla Provincia di Bergamo.

 

16 APRILE

 

1 – Troppa gente e lavoratori in nero. Multe per 50mila euro a discoteca

Locale sovraffollato rispetto a quanto consentito, lavoratori in nero, condizioni igieniche da rivedere. E fuori, in via Levata, Seriate, è stato anche arrestato un senegalese che aveva con sé 23 grammi di hashish e 27 di marijuana. Maxi controllo dei carabinieri di Seriate nella notte tra sabato e domenica. Con i militari anche i Nas, il personale dell’ispettorato lavoro, tre ispettori dell’Inps di Bergamo, le unità cinofile, la polizia locale di Seriate e i vigili del fuoco. In tutto sono 25 le sanzioni comminate per un totale di 50 mila euro.

2 – Piario, auto ribaltata nella scarpata: conducente illeso

Stamattina alle 9 un’auto è finita fuoristrada e si è ribaltata sul fondo di una scarpata. L’incidente ha avuto luogo a Piario, sulla strada per Grumello, meglio conosciuta come la Cantoniera di Senda. Alla guida un 18enne, che lavora come panettiere nella zona. Il ragazzo è uscito illeso dalla vettura e ha chiamato aiuto: l’hanno soccorso direttamente i familiari.

3 – A Boltiere le sagre possono diventare delle ecofeste

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione comunale di Boltiere nel portare avanti la cultura del riciclo e nell’apporre miglioramenti alla gestione dei rifiuti. Miglioramenti che, ne è convinta la sindaca Armida Forlani, passano anche attraverso il regolamento per le sagre del paese, che diventeranno ecofeste. Secondo quanto approvato nell’ultima seduta del Consiglio comunale nel 2018 gli obiettivi per regolare le manifestazioni sul territorio con somministrazione di cibo dovranno infatti ispirarsi ai principi delle cosiddette ecofeste. Dovranno adottare nome di legge il sistema della raccolta differenziata di frazione umida, plastica, carta, vetro e oli esausti. Ma non basta. Per potersi fregiare del nome di ecofesta è necessario che si utilizzino stoviglie e bicchieri lavabili e/o compostabili, bibite alla spina o in vetro a rendere e che sia nominato un responsabile rifiuti della manifestazione. Ma perché mai, verrebbe da chiedersi, fare tanta fatica in più per una semplice festa di paese? Per incentivare questo tipo di manifestazioni l’Amministrazione Forlani ha introdotto un importante sgravio per la parte variabile della tariffa rifiuti. Con il comma 8 dell’articolo 45 del regolamento è stato deliberato che chi si adeguerà a questi criteri avrà una riduzione del 100% della quota variabile del tributo giornaliero.

4 – Viene rapinato in auto a Romano. Si era appartato con una prostituta

Brutta avventura per un uomo di 50 anni che si era appartato nella sua auto con una prostituta nella zona dell’ufficio postale a Romano. Uno sconosciuto si è avvicinato all’auto e, armato di una mazza, ha iniziato a colpire il vetro del finestrino dell’auto, fino a infrangerlo. A questo punto ha minacciato il 50enne di consegnargli il portafoglio e, una volta preso è fuggito a piedi. Il 50enne è stato medicato al pronto soccorso dove ha raccontato ai carabinieri l’episodio. Non ha però sporto denuncia. Le forze dell’ordine stanno indagando la sua versione dei fatti.

5 – Cambio di proprietà delle Clinica Castelli, via quattro medici

La Castelli è passata al gruppo Humanitas, come è noto, e la riorganizzazione è già in corso. Quattro medici dal curriculum prestigioso sono passati alla San Francesco: sono il dottor Enzo Vinci con i colleghi Cristiano Ferrante, Gian Bonaventura Zois ed Enrico Cortinovis, molto conosciuti e apprezzati dai pazienti in campo ortopedico e traumatologico. Vanno a colmare un vuoto lasciato dal primario Maurizio Dellera, che ha lasciato a marzo.

6 – Paderno, 25enne irlandese picchiata in strada

È grave una 25enne irlandese che sabato notte è stata picchiata in strada a Paderno. La giovane era sotto l’effetto dell’alcol e non ricordava nulla dell’aggressione. Ospite da conoscenti in provincia di Monza e Brianza, è stata soccorsa sabato notte dal personale della Croce Bianca di Calusco in piazza Libertà e ora è ricoverata all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

7 – «Con lo street food Piazzale Alpini ritrova il suo ruolo sociale»

Grande successo per l’evento dedicato allo Street food, che nel weekend ha riempito di gente piazzale Alpini. “Complice il bel tempo nella giornata di sabato, la gente ha affollato i tavolini – sottolinea Giulio Zambelli, presidente di Promozioni Confesercenti – a conferma del fatto che gli eventi di qualità possono contribuire a vivacizzare la zona, sottraendola alla situazione di abbandono di cui è spesso vittima. Lo Street food “ricuce” il piazzale al centro di Bergamo, restituendogli un ruolo nella vita sociale cittadina. Confesercenti è uno dei pochi soggetti a credere fermamente nel potenziale della zona: per questo continueremo a investire risorse ed energie anche in futuro per il suo rilancio. Colgo l’occasione per ringraziare l’amministrazione, convinta come noi che piazzale Alpini debba e possa essere valorizzato”. Il prossimo appuntamento con lo Street food è in calendario dal 25 al 27 maggio.

8 – Covo piange il piccolo Gianfri, scomparso a 9 anni

Si è spento pochi giorni fa il piccolo Gianfranco Donato di Covo, sette anni, per tutti Gianfri. È scomparso all’improvviso, a causa di un arresto cardiaco nel cuore della notte tra venerdì 6 e sabato 7 aprile. Lunedì l’intera comunità del paese si è stretta intorno alla famiglia Donati e ha salutato Gianfranco per l’ultima volta. Sin dalla nascita, avvenuta prematura, il piccolo aveva dovuto lottare contro svariate patologie, tra cui una tetraparesi e una parziale sordità, che ne hanno segnato l’infanzia.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.