Notizie su Bergamo e provincia
(9-14 luglio 2018)

14 LUGLIO

 

1 – Sarà dedicata a Yara Gambirasio la Casa dello Sport di via Gleno

La Provincia di Bergamo e il Csi hanno annunciato che la Casa dello Sport, ovvero i 2.500 mq di proprietà di via Tasso situati in via Gleno, sarà intitolata a Yara Gambirasio, la ginnasta tredicenne tragicamente uccisa la sera del 26 novembre 2010. Lo ha reso noto L’Eco di Bergamo di sabato 14 luglio, sottolineando che manca ancora l’ufficialità ma anche che la decisione è stata ormai presa. Yara, inoltre, verrà anche ricordata con un’opera d’arte che verrà probabilmente realizzata da Bozzetto.

2 – Conti del Comune, crescono sia le entrate che gli investimenti

«Stiamo andando bene davvero. I conti sono in ordine, gli investimenti volano, implementiamo i servizi, riduciamo il disavanzo. Senza toccare le tasse»: così ha commentato il vicesindaco Sergio Gandi, su Facebook, l’assestamento del bilancio del Comune di Bergamo che lui stesso ha presentato la mattina del 14 luglio a Palazzo Frizzoni, quando mancano poche settimane all’approvazione del bilancio consuntivo 2017 in Consiglio comunale. Dato decisamente positivo quello sulle entrate, che fa segnare un più 3,8 milioni rispetto all’anno precedente e merito soprattutto (2,87 milioni) dei dividendi portati dalle partecipate (A2A, Atb, Sacbo, musei civici). Conseguentemente, crescono anche gli investimenti: inizialmente previsti in 66 milioni di euro, crescono addirittura a quota 80 milioni.

3 – Schilpario, 40enne cade in bici su un sentiero. È grave

Nella tarda mattinata di sabato 14 luglio, lungo un sentiero situato nel territorio comunale di Schilpario (in Val di Scalve) e che conduce alla malga Campelli, un uomo di 40 anni ha perso il controllo della bicicletta con cui stava percorrendo il sentiero ed è rovinosamente caduto a terra. Le sue condizioni sono parse subito preoccupanti ed è così intervenuto da Brescia l’elisoccorso, che lo ha ricoverato in codice rosso. Ancora da chiarire i motivi dell’incidente.

4 – Nella notte, grave incidente sulla A4. Sei persone ferite

Nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 luglio, nel tratto compreso tra Dalmine e Capriate dell’autostrada A4, in direzione Milano, diverse auto sono rimaste coinvolte in un brutto incidente. Nello scontro, avvenuto poco dopo la mezzanotte, sono rimaste ferite sei persone: tre uomini rispettivamente di 32, 51 e 52 anni, una signora di 50 anni, una ragazza di 24 anni e una sesta persona di cui non è stata resa nota l’età. Fortunatamente nessuno di loro pare essere in condizioni gravi.

5 – Telecamere per controllare la moglie in casa: nei guai un marito geloso

Era diventato un incubo fatto di umiliazioni, botte e minacce. Ieri, finalmente, è finito. E il marito geloso di una donna di Verdello, ossessionato al punto da diventare violento, è stato raggiunto dal divieto di avvicinamento e di comunicazione con la donna. L’uomo, sposato da circa 10 anni, nell’ultimo anno per questioni di gelosia morbosa avrebbe iniziato a minacciare, pedinare ed anche aggredire fisicamente la moglie. I due hanno avuto due figli. Le violenze e le aggressioni verbali avvenivano anche alla presenza della figlia più grande di 10 anni. La gelosia folle del 35enne, di origine campana, si sarebbe spinta al punto tale da collocare una telecamera nascosta in casa, allo scopo così di seguire i movimenti della oramai ex consorte. Esausta della grave situazione e sostenuta dalla famiglia di origine e dai colleghi, la vittima ha deciso di denunciare il tutto ai carabinieri della Stazione di Verdello, che hanno così svolto le indagini. Il pm Davide Palimieri ha quindi ottenuto dal Gip Federica Gaudino l’emissione di un’ordinanza di divieto. L’ipotesi accusatoria è maltrattamenti in famiglia aggravati e lesioni personali aggravate. Nei prossimi giorni il 35enne verrà sottoposto ad interrogatorio di garanzia. «Ancora una volta è fondamentale ribadire l’importanza di denunciare sempre qualsiasi episodio di violenza, soprattutto quando lo stesso deriva da dinamiche familiari od in generale da contesti relazionali” è l’appello dei carabinieri della compagnia di Treviglio, al comando del capitano Davide Onofrio Papasodaro.

6 – Il Plis della Madonna dei Campi entra nel Parco dei Colli di Bergamo

Qualche anno fa era prevista una grande trasformazione urbana, con la sede della Accademia della Guardia di Finanza, la realizzazione del nuovo stadio e del nuovo palasport di Bergamo e decine di migliaia di metri di commerciale: l’Amministrazione del  Comune di Bergamo ha cambiato rotta e ora il Plis (Parco locale di interesse sovracomunale) della Madonna dei Campi, tra Grumello del Piano e Colognola, entra nel Parco dei Colli di Bergamo. Un aggregazione che preserva la cintura verde a sud della città, puntando sulla sua valorizzazione agricola e paesaggistica.

7 – Assegnato l’appalto degli ex Riuniti, ruspe da settembre

Ex Riuniti, assegnato l’appalto su base d’asta di 55 milioni di euro alla Cmb di Carpi, cooperativa emiliana dalla storia centenaria. I lavori del secondo lotto per la realizzazione della nuova Accademia della Guardia di Finanza inizieranno a settembre. Dallo scorso giugno, nell’ex ginecologia, si è già insediato il Comando provinciale delle Fiamme Gialle.

8 – Gli stipendi della Bergamasca sono più basse della media lombarda

Nella nostra provincia le retribuzioni sono inferiori alla media lombarda. Quelle dei dirigenti orobici scontano un gap di oltre 10 mila euro rispetto ai colleghi meneghini. Ma anche agli operai non va niente bene: hanno 800 euro annui in meno, non poco contando che il totale è attorno ai 28mila euro.

9 – Via l’eternit dal tetto a Caravaggio: «Ora la scuola è più sicura»

È stato già rimosso completamente l’eternit presente da decenni sul tetto delle scuole medie di Caravaggio. I lavori iniziati al termine delle lezioni sono già a buon punto. Durante le operazioni, però, sono emersi degli imprevisti come la presenza dell’impianto elettrico dell’ultimo piano proprio sotto al tetto. Il Comune ha già messo a disposizione circa 30mila euro per l’adeguamento del sistema elettrico e altri 40mila per il rifacimento delle facciate.

 

13 LUGLIO

 

1 – Zogno, altro motociclista gravissimo dopo uno scontro con un camion

Un altro grave incidente che ha coinvolto un motociclista, oggi, a Zogno, in via Piave. Un 25enne è in gravissime condizioni in seguito alle ferite riportate nello schianto con un camion. È stato necessario l’intervento dell’elisoccorso. Secondo una prima ricostruzione il motociclista procedeva nella stessa direzione del mezzo pesante. Sul posto anche un’ambulanza.

2 – Auto ribaltata in circonvallazione, traffico nel caos

Un’auto si è ribaltata oggi sulla circonvallazione Paltriniano, all’altezza del Cristallo Palace, circa duecento metri prima del rondò dell’autostrada. Dalle prime informazioni la persona che era alla guida non è in gravi condizioni. Il traffico bloccato, però, è rimasto a lungo bloccato su tutte le arterie collegate.

3 – Municipio multicolor, l’Arcigay al sindaco: «Si schieri»

L’Arcigay irrompe nel «caso» del Municipio di Pontirolo illuminato dei colori della bandiera arcobaleno, per pura coincidenza, il 27 giugno. Giorno simbolo dell’orgoglio Gay. E chiede chiarezza. A mettere, metaforicamente, con le spalle al muro il sindaco Gigliola Breviario è il presidente di «Arcigay Bergamo Cives» Marco Arlati. Il sindaco la scorsa settimana aveva parlato di prova tecnica del nuovo impianto di illuminazione, dopo il guasto di due lampade. Ma il consigliere di minoranza Alessandro Vigentini lo aveva considerato un gesto politico passato sotto traccia.

4 – Grave ciclista: investito a Cologno nel luogo in cui morì sua moglie

Gravissimo incidente a Cologno sulla provinciale poco dopo la rotonda del Conad. È successo poco prima delle 11. Un uomo di 80 anni, V.C., in sella alla sua bicicletta stava percorrendo la Provinciale quando è stato travolto da un’autobotte in corsa. Le sue condizioni sono apparse da subito molto gravi. Sul posto sono intervenuti in codice rosso i soccorritori della Croce Rossa di Romano. Vista la gravità delle condizioni dell’uomo  è stato chiamato anche l’elisoccorso da Bergamo. La strada è stata chiusa al traffico. L’uomo era fermo per attraversare la strada sulle strisce pedonali all’altezza del semaforo. L’autobotte viaggiava in direzione Nord verso Bergamo. L’autista era appena ripartito dalla colonna e non ha visto l’80enne. Nonostante la bassa velocità del mezzo l’impatto è stato terribile. Si teme per la vita dell’uomo. Una tragedia quella accaduta a Cologno che ha un precedente quasi analogo, nella stessa famiglia. La moglie dell’uomo investito oggi morì una ventina di anni fa. Anche lei fu investita mentre passeggiava a piedi poco distante dal luogo dell’incidente di questa mattina, sulla Cremasca.

5 – Comune, proposta d’acquisto per l’ex convento delle Clarisse di Boccaleone

Il Comune di Bergamo ha deciso di avanzare una proposta d’acquisto per l’area dismessa del convento delle Clarisse di Boccaleone: si tratta di un immobile ormai in disuso da anni, coinvolto in un processo per fallimento e sul quale sono già fallite ben sette aste per la sua aggiudicazione. Palazzo Frizzoni ha quindi deciso di farsi avanti, consapevole del degrado generato dall’immobile, nel quale trovano spesso riparo persone senza tetto o sbandati, con un’offerta che passerà per l’approvazione definitiva in Consiglio Comunale entro la fine del mese di luglio. 250mila euro è la somma che il Comune è disposto a sborsare per assicurarsi l’immobile, attualmente ancora oggetto di asta (appunto la settima…) per 360mila euro. Quindi, se nessun compratore si farà avanti, il Comune potrò procedere alla demolizione dello stabile, per poi decidere in una seconda fase quale sarà il destino dell’area.

6 – Frode fiscale per oltre 10 milioni scoperta dalla Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza di Bergamo ha eseguito un provvedimento di misure cautelari personali nei confronti di due imprenditori (uno ristretto in carcere, l’altro agli arresti domiciliari) emesso dal gip di Bergamo, Marina Cavalleri, su richiesta del sostituto procuratore Emanuele Marchisio. In particolare, i finanzieri della Brigata di Sarnico hanno scoperto che una società con sede nell’Alto Sebino, operante nel settore del montaggio di strutture tecnologiche (con cantieri in tutto il mondo e che annovera, tra le opere realizzate, anche vari padiglioni dell’Expo di Milano), nel periodo dal 2010 al 2016 ha presentato dichiarazioni fiscali fraudolente mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per 10,3 milioni di euro più 2,5 milioni di Iva), omettendo di versare le imposte dovute anche attraverso il meccanismo delle indebite compensazioni, utilizzando crediti Iva fittizi. Complessivamente sono state denunciate 10 persone coinvolte a vario titolo nella frode fiscale, 7 per reati tributari (tra cui le due in custodia cautelare) e 3 per riciclaggio.

7 – Aggredisce un coetaneo con un coltello, arrestato 20enne

Lite tra ventenni ieri alle 19.30 in via Zambonate. E spunta un coltello. La vittima non è in gravi condizioni, ma ha una ferita alla coscia, causata da una coltellata, e una alla testa, a seguito della colluttazione. Ha origini ecuadoriane ed è finito al pronto soccorso del Papa Giovanni. L’aggressore, arrestato, è di origini argentine.

8 – Una nuova pensilina anche a Celadina, in piazza Alpi Orobiche

Lavori in corso anche a Celadina, in piazza Alpi Orobiche. Il Comune di Bergamo interviene per realizzare una pensilina per la fermata del bus e per sistemare in pietra la pavimentazione davanti all’ingresso della storica villa dei Tasso, nel tentativo di valorizzarla.

 

12 LUGLIO

 

1 – Equitazione, 19enne di Brembate. Trionfa ai campionati in Texas

È tornata dai Mondiali appena disputati in Texas con una medaglia d’oro al collo. Una bella soddisfazione per la 19enne Camilla Doneda di Brembate che, per partecipare ai campionati di equitazione americana ha anche dovuto sostenere l’esame di maturità in anticipo. La ragazza, che da anni si alleva a Siena, località che raggiunge ogni week end, non è nuova alle soddisfazioni in una disciplina che si differenzia per il tipo di cavalli e di sella utilizzati. Già tre anni fa in Australia, Camilla, aveva conquistato una medaglia di bronzo. Quest’anno a coronamento del risultato anche diversi piazzamenti nei primi dieci.

2 – «MediaWorld: un raggio di sole, ma il cielo rimane plumbeo»

«Un raggio di sole, ma il cielo rimane plumbeo». Così i sindacati hanno informato i lavoratori dell’esito dell’incontro con Mediaworld in Ascom mercoledì scorso. La trattativa tra azienda e le organizzazioni ha portato finalmente a proposte concrete che sono arrivate sul tavolo ed a una nuova disponibilità da parte del gruppo,  pronto comunque a lasciare Curno, ma disposto ad alcune  aperture prima mai dimostrate. La novità sta nel fatto, del tutto inedito per quest’azienda, di aver messo per scritto l’accoglimento di tre punti: flessibilità degli orari, smart working,  telelavoro e un sostegno alla ricollocazione attiva per chi perderà il posto di lavoro. «Il lavoro non è ancora finito – dicono i sindacalisti – e l’applicazione di questi strumenti rimane tuttora vago: la differenza sarà nel vedere concretizzarsi queste opportunità».

3 – Dal 16 luglio viene riattivato il numero verde della BiGi

Da lunedì 16 luglio viene riattivato il servizio di assistenza telefonica per la BiGi; il numero verde 800.181.310 resta invariato ed è disponibile da lunedì a sabato dalle ore 7.00 alle ore 21.00. Il call center risponde alle chiamate degli abbonati al servizio di bike sharing per fornire informazioni sulle modalità di utilizzo e assistenza in caso di segnalazioni. Per reclami e richieste i clienti possono rivolgersi anche all’indirizzo mail labigi@atb.bergamo.it; visualizzare le informazioni direttamente online alla pagina Bikesharing del sito Atb o consultare la app Atb Mobile per le informazioni sulle ciclostazioni attive, aggiornata in tempo reale con le biciclette disponibili, i posti liberi e, nel caso, le biciclette inattive.

4 – Classifica europea dell’insegnamento. Università di Bergamo al 150° posto

L’Università degli Studi di Bergamo si classifica al 150° posto nel Times Higher Education European Teaching Rankings 2018, la classifica europea dell’insegnamento stilata, per la prima volta quest’anno, dalla rivista inglese Times Higher Education. Un risultato che va ad aggiungersi al ranking dello scorso 6 giugno quando l’ateneo si è stato posizionato 94° nella classifica globale delle giovani Università. Un risultato dato anche dalla voce degli studenti che sono stati chiamati a valutare la qualità dell’insegnamento del proprio ateneo attraverso parametri quali il coinvolgimento nel percorso di studi, l’interazione con i docenti, la qualità dei servizi e l’opportunità di sviluppare competenze utili alla carriera post universitaria. «Questa classifica conferma che la direzione intrapresa, in particolar modo per quanto riguarda didattica e offerta formativa, è quella giusta. –  anticipa Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo – Gli indicatori di performance utilizzati nell’indagine, che ha coinvolto più di 30mila studenti universitari di 10 Paesi europei, inquadrano il nostro ateneo positivamente in termini di interazione con gli studenti, risorse per l’insegnamento, risultati generati con l’apprendimento e ambiente. Un posizionamento a livello europeo raggiunto grazie alle valutazioni del principale utente dell’Università: lo studente. Per questo motivo posizionarsi 150esimi acquisisce un valore particolare».

5 – Multa da 9mila euro per un camionista indisciplinato

Una multa da far strabuzzare gli occhi. Novemila euro di sanzione ai danni di un camionista fermato a Brembate dalla Polizia Locale. E per evitare il fermo amministrativo ha dovuto pagare subito ottenendo, così, lo “sconto”, come previsto dal Codice della strada. Il protagonista della vicenda è un trasportatore lituano fermato lungo la provinciale 184. Secondo quanto accertato dagli agenti grazie all’analisi del cronotachigrafo, l’uomo aveva più volte superato i limiti di velocità.

6 – Minaccia e caccia di casa la compagna e le figlie, arrestato

Si sono presentati a casa sua i carabinieri della Compagnia di Treviglio e gli hanno notificato un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Brescia. È stato così arrestato un albanese 33enne, irregolare sul territorio nazionale e pluripregiudicato. Lo straniero, condannato dal Tribunale di Monza nel 2015 per reati contro il patrimonio, stava scontando da qualche mese la misura alternativa dell’affidamento in prova al Servizio Sociale presso l’abitazione della compagna, un’italiana, sua coetanea, residente a Brembate. Dopo averlo ospitato nella sua casa, l’uomo, subito dopo, avrebbe iniziato ad assumere atteggiamenti violenti e minatori contro la donna, costringendola addirittura ad uscire fuori casa con le figlie. Nonostante i tentativi della compagna di ritornare nella sua abitazione, l’albanese, di contro, l’avrebbe anche minacciata di morte, rivolgendo altresì tali minacce anche contro le figlie minorenni della medesima. A questo punto sono scattate le indagini degli investigatori dell’Arma, che hanno così determinato la revoca dell’affidamento in prova al Servizio Sociale da parte della Magistratura di Sorveglianza e la restrizione in carcere dello straniero. Il 33enne dovrà quindi ora scontare il suo residuo pena presso la Casa Circondariale di Bergamo.

7 – Profumi e cosmetici contraffatti importati dalla Romania

Profumi e cosmetici contraffatti importati dalla Romania: sequestrati 112.000 prodotti per un valore complessivo di oltre 2 milioni di euro. Le indagini sono partite dalla Guardia di Finanza di Lodi. Attraverso alcuni profili civetta su Facebook G.F., sessantenne lodigiano, smerciava profumi e cosmetici contraffatti su Marketplace. I prodotti, apparentemente di marche molto note, venivano venduti con sconti anche del 50%. G.F, con la complicità di un cittadino rumeno 30enne introduceva sul territorio nazionale i prodotti contraffatti. Si serviva di autisti conniventi di una compagnia di bus di linea rumena. I prodotti, passata la dogana, arrivavano alle porte di Bergamo da dove poi venivano smerciati ad altri soggetti che li vendevano poi nella nostra provincia e a Milano, Brescia e Cremona. Le attività investigative, coordinate e dirette dalla Procura della Repubblica di Lodi, hanno permesso, nei giorni scorsi, di denunciare complessivamente 8 persone e sequestrare oltre 112.000 prodotti contraffatti, 2 automezzi e 4 immobili destinati rispettivamente al trasporto, stoccaggio e vendita dei prodotti falsi per un valore pari a 2 milioni di euro. Anche le perizie tecniche effettuate sul materiale sequestrato hanno confermato la non genuinità della merce.

8 – Fiaip: a Bergamo il mercato della casa si muove ma i prezzi non salgono

Concluso il 2017, che ha segnato un lieve calo di compravendite residenziali a Bergamo capoluogo (-3,01%, 1.405 transazioni) e un moderato aumento sul territorio provinciale nel suo complesso (+2,1%, 11.532 transazioni), il primo trimestre del 2018 segna un aumento delle compravendite residenziali, anno su anno, del 9,7 nel capoluogo e del 8% nel resto della provincia. Questa è la fotografia scattata dalla riunione semestrale del Comitato consultivo tecnico dell’Omi, l’osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate riunitosi negli uffici direzionali di Largo Belotti. «I prezzi restano plafonati perché domanda e offerta tendono a incontrarsi su valori più bassi rispetto al periodo pre-crisi – commenta al termine della riunione del Comitato Omi Giuliano Olivati, vice presidente mazionale della Federazione italiana agenti immobiliari professionali e direttore responsabile dell’Osservatorio immobiliare Fiaip Bergamo -. Chi vuole vendere casa deve armarsi di sano realismo, oggi come in futuro, perché le “vacche grasse” difficilmente torneranno, e gli acquirenti sono oggi attentissimi a non comprare fuori prezzo».

 

11 LUGLIO

 

1 – Donare dei permessi ai colleghi in difficoltà: in Dhl ora si può

Su richiesta di Cgil, Cisl e Uil la Dhl, importante azienda logistica che opera sullo scalo di Orio al Serio, ha stretto un accordo che consente di donare permessi ai colleghi che ne abbiano più bisogno. La sperimentazione comincerà nel mese di agosto e durerà per tutto il 2018: i dipendenti che assistono figli minori che necessitano di cure per gravi patologie potranno utilizzare, previa richiesta alla direzione aziendale, i permessi (Rol ed ex festività) donati dai colleghi che scelgono di non utilizzarli. È un accordo che viene incontro a esigenze fondamentali di alcuni lavoratori con gravi problemi familiari – spiega il segretario della Filt Cgil di Bergamo, Marco Sala – In un epoca dove chi sceglie di essere solidale viene accusato di buonismo un gesto di questo tipo, che sembra piccolo ma che è importantissimo per chi ne può usufruire, fa la differenza. Siamo molto contenti che l’azienda abbia raccolto le esigenze dei lavoratori, attraverso la nostra richiesta: è un segnale importante, soprattutto di questi tempi. Ci auguriamo che l’accordo venga esteso a tutto il gruppo, a livello nazionale».

2 – Infortunio a Verdellino, intossicato un operaio 53enne

Infortunio a Verdellino, intossicato un 53enne. È accaduto intorno alle 17 in un azienda di via Vienna. Non si conosce al momento l’esatta dinamica. L’operaio avrebbe inalato una sostanza proveniente da una tolla. Sul posto è stato richiesto l’intervento di un’ambulanza della Croce bianca di Boltiere in codice rosso. Presenti anche i carabinieri della Compagnia di Treviglio, l’Ats di Bergamo e i Vigili del fuoco. Inizialmente si è temuto per una dispersione della sostanza tossica, ma la situazione è rientrata e sotto controllo. Il 53enne nel frattempo è stato trasportato in ospedale in codice giallo.

3 –  Scoppia bombola di gas a Vigolo: un ferito grave

Grave incidente oggi a pomeriggio a Vigolo, nell’area del Sebino. In azione sei squadre dei vigili del fuoco accorse dopo l’allarme lanciato per lo scoppio di una bombola del gas e per il successivo incendio che si è sviluppato in una cascina in località Bratta a Vigolo. Un uomo è stato portato con l’elisoccorso in codice rosso al Papa Giovanni, con ferite e ustioni a gambe e braccia.

4 – Festa dell’Unità a luci rosse. Un sexy shop tra gli sponsor

Il rosso c’è sempre stato, alla Festa dell’Unità. Ma c’è rosso e rosso. Quello della manifestazione di Treviglio, che comincia il 19 luglio, travalica il colore politico e sfocia nell’erotico, perché tra gli sponsor c’è anche un sexy shop, che ha messo anche a disposizione dell’oggettistica di settore per i premi della lotteria. Ne parla oggi il Corriere della Sera Bergamo. «I premi – spiega Alberto Vertova, neo presidente dell’associazione Amici della Festa dell’Unità, che aveva promesso un’edizione rinnovata – cercano di soddisfare tutti i piaceri. Ci sono opere d’arte di artisti trevigliesi per gli occhi, alcolici per la gola e ci saranno gli oggetti del sexy shop per altri tipi di piacere».

5 – Astino, già cancellate le svastiche e le scritte razziste

«È con grande disappunto e indignazione – scrive il presidente della Fondazione Mia – che ho riscontrato le deprecabili scritte in un luogo ricco di storia e di tanta bellezza posto di fronte a un monastero, da sempre luogo di accoglienza e di ospitalità. Condanniamo con decisione questo gesto auspicando che certi episodi non abbiano più a verificarsi. Abbiamo immediatamente provveduto alla cancellazione delle ignobili scritte su alcuni dissuasori stradali presso la Cascina Mulino di fronte al Monastero di Astino».

6 – Osio Sotto, un’altra operazione antidroga dei carabinieri della Compagnia di Treviglio

Con i due arresti di ieri salgono a quota 200 gli arresti complessivamente eseguiti dai carabinieri della Compagnia di Treviglio quest’anno. Rispetto lo stesso periodo dell’anno precedente, il trend operativo dei militari della Bassa Bergamasca è quindi in crescita, di fatto più di un arresto al giorno, tra attività in flagranza di reato ed esecuzione di provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria a seguito di indagini. Ieri, quindi, a stretto giro dall’ultima operazione antidroga, sono stati arrestati in flagranza di reato altri due soggetti per concorso di persone in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri hanno in particolare catturato due italiani, un uomo di 46 anni ed una donna di 35 anni, entrambi residenti in provincia di Lecco, venuti a Zingonia per un carico di droga. I militari hanno infatti fermato i due a Osio Sotto, dopo averli seguiti negli spostamenti, e li hanno trovati in possesso di circa mezzo kg di hashish suddiviso in cinque panetti, oltre ad una dose di cocaina. L’uomo, un pregiudicato per reati vari, e la donna, anch’essa con alle spalle alcuni precedenti di polizia, su disposizione del pm di turno, sono stati quindi temporaneamente ristretti presso le camere di sicurezza della Compagnia di Treviglio, in attesa dell’udienza di convalida prevista per la mattinata odierna davanti al Tribunale di Bergamo. Affidato, inoltre, al Servizio Veterinario il cane, privo di chip identificativo, dei due arrestati.

7 – Un campo da basket per ricordare Mauro «Acio» Aceti

Per tutti i romanesi è la pista rossa, ma dal 29 luglio sarà ancora più rosso, il campo da basket, grazie all’intervento di riqualificazione finanziato dall’Amministrazione comunale insieme alla famiglia di Mauro Aceti, a cui sarà intitolato lo spazio sportivo. I lavori per un importo di 12mila euro hanno riguardato il rifacimento del campo da gioco e la tinteggiatura delle tribune dove campeggia un ritratto del romanese scomparso nel 2015 a 37 anni per un attacco cardiaco. Alberto Beretta, vicesindaco, ha condiviso con Mauro Aceti la passione per il basket e ha voluto commentare così l’opera in sua memoria. «Bel risultato – ha detto – È uno dei campetti più vissuti di Romano. Mi piace che si sia colta l’occasione per ricordare Acio, con cui anni fa ho avuto anche il piacere di fare due tiri a canestro. Bene così».

8 – Ancora carrozze allagate sulla linea dei pendolari

Oltre agli ormai consueti ritardi e cancellazioni oggi i pendolari del 2090, partito da Brescia poco prima delle 7 e diretto a Milano Centrale – con un lungo tratto nella Bergamasca, con fermate a Romano e Treviglio -, si sono trovati a dover affrontare un altro tipo di disagio. Una delle carrozze del treno era completamente allagata.

 

10 LUGLIO

 

 1 – Mozzanica, schianto auto-moto. L’ennesima vittima della strada

C’è un tragico aggiornamento rispetto all’incidente avvenuto alle 18.15 all’incrocio tra la ex SS11 e la Cremasca a Mozzanica, in direzione Fornovo. Lo schianto è avvenuto non distante dal ristorante “Tre pini”. Coinvolte un’auto e una moto, forse per una mancata precedenza. Sul posto è giunta un’ambulanza della Croce rossa di Romano e un elisoccorso, ma i medici non hanno potuto che constatare il decesso del centauro, un 35enne. Sul posto anche le Forze dell’ordine per i rilievi del caso.

2 – Lastra da 20 quintali sulle gambe, operaio grave a Grassobbio

Una lastra metallica del peso di due tonnellate lo ha colpito, schiacciandogli entrambe le gambe. Grave infortunio per un 39enne sudamericano residente a Bergamo: lo straniero stava lavorando in un’azienda metalmeccanica Vmi di via Padergnone a Grassobbio. Dopo le cure sul posto, l’uomo è stato trasportato d’urgenza in ospedale al Papa Giovanni.

3 – Ciclabile di Boccaleone, lavori in corso nell’area della Fiera

Proseguono spediti i lavori di realizzazione della nuova pista ciclabile di Boccaleone: un intervento di grande importanza, lungo 2,5 km e che è destinato a realizzare un percorso continuo e sicuro che consentirà di procedere da Seriate e dalla Fiera Nuova fino al centro di Bergamo, arrivando poco lontano dalla stazione ferroviaria. L’intervento è in corso in questi giorni nell’area della Fiera di Bergamo, a pochi passi da Seriate: qui gli operai dell’impresa incaricata dal Comune di Bergamo sono al lavoro per realizzare il tratto – largo oltre 3 metri – che si collega al Comune vicino e che costeggia il parcheggio della Fiera. Già realizzati invece gli interventi sui tratti che collegano il polo scolastico di via Europa al viadotto di Boccaleone, nel prato dietro le scuole Natta e Quarenghi (un appezzamento di terra di proprietà della Provincia di Bergamo, concesso al Comune), e tra via Capitanio e via Isabello. Nell’ultimo tratto si interverrà su via Lunga e sugli attraversamenti ciclo-pedonali presenti sul percorso: in via Lunga la porzione di ciclabile diverrà promiscua lungo il lato del monastero e proseguirà fino all’ingresso del giardino pubblico “alle Clarisse”. Sarà infine realizzato l’impianto di illuminazione sui tratti della Fiera e del prato dietro le scuole.

4 – Scritte razziste e svastiche all’ex monastero di Astino

 

Un incubo all’ingresso di un luogo da sogno come l’ex monastero di Astino. «Ho appena visitato la mostra di Franco Fontana  ad Astino – scrive un lettore -, uscendo ho notato quello che vedete in foto. È visibile a tutti perché in entrata… Turisti, visitatori e bambini…». Dalla Mia fanno sapere che si sta provvedendo alla immediata cancellazione delle scritte. A lavoro ultimato pubblicheremo documentazione fotografica.

5 – Addio a Titta Rota, l’atalanta perde un pezzo della sua storia

Si è spento questa mattina a Bergamo Titta Rota, storico calciatore e allenatore atalantino. L’intera città è in lutto per la perdita di un pezzo importante della storia neroazzurra. Nato a Bergamo nel 1932 Battista Rota, detto Titta, avrebbe compiuto 86 anni tra soli 8 giorni. Giocò come difensore nell’Atalanta a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta. In serie A ha disputato 287 partite, con la maglia neroazzurra e quelle di Bologna e Spal. Storica la vittoria della Coppa Italia nel 62-63. Ma ancora di più Rota è  ricordato per la sua carriera da allenatore. Grazie a lui nel 69-70 fu evitata la retrocessione in serie C. Tornò poi ad allenare l’Atalanta dal 76 per altri 4 anni. Ma anche dopo rimase sempre indissolubilmente legato alla squadra neroazzurra. Allestita la camera ardente nella sua abitazione in via Scaletta Bellavista  a Bergamo. I funerali saranno celebrati giovedì a Longuelo, alle 14.30. «Il presidente Antonio Percassi e tutta la famiglia Atalanta – si legge sul sito ufficiale –  con grande commozione sono vicini alla famiglia Rota per la scomparsa del caro Titta e partecipano al loro profondo dolore».

6 – Voli notturni, Gori chiede spiegazioni all’aeroporto

Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori chiede spiegazioni a Sacbo, società che gestisce l’aeroporto di Orio al Serio, in merito all’incremento di voli notturni registrato nelle scorse settimane a Bergamo. In proposito, diverse sono state le segnalazioni che il sindaco e il Comune di Bergamo hanno ricevuto dai propri concittadini, soprattutto nell’ultima settimana: Gori ha incontrato nei giorni scorsi i comitati di Colognola e Bergamo Ovest, raccogliendo preoccupazione sull’incremento di decolli e atterraggi in orari nei quali non dovrebbero essere previsti disagi, ovvero dopo le ore 23. «Negli ultimi tre mesi – sottolinea Gori nella sua richiesta a Sacbo – sulla città sono stati ben 166 i voli notturni, contro i 72 dello scorso anno, che pure già rappresentavano un’anomalia rispetto alla regola che come sappiamo vorrebbe i voli notturni – dalle 23 alle 6 – in decollo verso est. Sono dunque largamente giustificate le proteste dei cittadini e dei comitati dei quartieri della zona sud della città, che già sopportano l’impatto della quasi totalità dei decolli negli orari diurni e che in una stagione di intenso traffico come questa si trovano a subire un disturbo acustico particolarmente significativo. A cosa si deve questo raddoppio dei decolli notturni sulla città? Cosa si può fare per evitarli? Sappiamo che le condizioni meteo posso eccezionalmente modificare i flussi di decollo e atterraggio, ma la situazione non pare giustificarsi per questa sola ragione. Il disagio patito da migliaia di cittadini è tale da richiedere un tempestivo intervento da parte della società aeroportuale».

7 – Bambino di due anni cade dal secondo piano: illeso

Intervento della polizia in via da Caravaggio a Bergamo, ieri sera: un bambino di due anni, di origini boliviane, è caduto da una finestra del secondo piano mentre stava giocando con amico di 5 anni. La caduta è stata attutita da tettuccio in cemento del piano sottostante. Il bambino, trasportato in ospedale, non ha fortunatamente subito conseguenze significative.

8 – Terrore sul Ponte di Paderno: uomo tenta di buttarsi, salvato

Attimi di terrore sul Ponte di Paderno: un uomo di mezza età avrebbe minacciato di gettarsi nel vuoto. Il ponte è stato chiuso al traffico per permettere le operazioni di soccorso. A fine mattinata il malcapitato è tato tratto in salvo dai vigili del fuoco.

 

9 LUGLIO

 

1 – Meccanico 45enne di Albano muore in moto in Trentino

C’è il nome della vittima in moto di ieri pomeriggio nei pressi di Tubre, Bolzano, portato in condizioni disperate nel reparto di rianimazione dell’ospedale Tappeiner, a Merano, dove è deceduto in serata. È Luigi Cremaschi, 45 anni, di Albano Sant’Alessandro. Era in gita in moto con il fratello e due amici, direzione Svizzera. In sella alla sua Yamaha, a una curva ha perso il controllo e ha sbattuto contro la segnaletica stradale. Gestiva una nota officina di autoriparazioni proprio col fratello, ad Albano, e ha fatto tutto da solo.

2 – Ventottesimo arresto (per droga) della Polizia Locale nel 2018

Processo per direttissima stamattina per O.H., 20enne arrestato ieri nel primo pomeriggio dalla Polizia Locale in servizio nella zona di via Bonomelli. Si tratta del 28mo arresto da parte del Nucleo di Sicurezza Urbana del Comune di Bergamo nel 2018: un risultato importante, visto che nei primi 6 mesi di quest’anno il Comando di via Coghetti ha già raggiunto il risultato dell’intero 2017, considerato un anno record per i fermi (nell’intero 2016 furono 15 i soggetti arrestati dalla Polizia Locale). «Il numero di arresti 2018 rappresenta perfettamente l’impegno che la Polizia Locale mette quotidianamente nel presidio del territorio e nel contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti – sottolinea il ViceSindaco Sergio Gandi -. In questi ultimi 4 anni la Polizia Locale ha accresciuto notevolmente la maggior parte dei propri risultati, grazie a nuove dotazioni tecnologiche e alla riorganizzazione del Corpo, divenendo un modello per molti Comandi dell’intero territorio nazionale. Un grande ringraziamento devo alla Comandante Gabriella Messina e a tutti gli agenti, che quotidianamente mettono tutto il loro impegno al servizio dei nostri concittadini». L’arresto di ieri è stato registrato intorno alle ore 14.30: l’individuo, senza fissa dimora e irregolare sul territorio italiano, è stato visto vendere una dose a un cittadino bergamasco e poi darsi alla fuga una volta notati gli agenti della Polizia Locale, che lo hanno però inseguito e fermato, sequestrando le sostanze di cui era in possesso e 130 euro in contanti (una delle banconote, da 50 euro, è anche risultata falsa). È stato quindi trattenuto, dopo le fotosegnalazioni di rito, al Comando di via Coghetti in attesa della direttissima di questa mattina.

3 – 1Safe, 400 segnalazioni in città nei primi mesi di utilizzo

Continua l’opera di miglioramento e di sviluppo dell’app per smartphone 1Safe nel Comune di Bergamo: dopo il lancio nel capoluogo nel mese di dicembre 2017, la app tutta bergamasca (è sviluppata da una ditta con sede a Treviolo) è stata adottata da altri 22 comuni (Treviolo, Gorle, Torre Boldone, Lallio e Scanzorosciate quelli più vicini alla città, ma anche Lodi, Paullo e molti altri) e ha visto il numero di utenti crescere notevolmente, superando in questi giorni quota 6.600 users. Da oggi a Bergamo, proprio per consolidare il suo utilizzo, la app 1Safe prevede nuove categorie di segnalazione, che prescindono dalla sicurezza in senso stretto e avviano funzioni più simili a strumenti di utility urbana. Da oggi infatti è possibile segnalare anche gli alberi caduti, le buche sulla strada, i cartelli stradali divelti, l’illuminazione guasta, i rifiuti abbandonati e i veicoli abbandonati. La centrale operativa della Polizia Locale gestirà questo tipo di segnalazioni così come sta già facendo da oltre 6 mesi con quelle relative alla sicurezza, smistandole agli enti di competenza. 1Safe intanto continua ad essere utilizzata in città: dal suo avvio sono state quasi 400 le segnalazioni ricevute in città, più di due al giorno. Le categorie più segnalate sono quelle di persona sospetta, di parcheggio abusivo su stalli per disabili e infine disturbo della quiete pubblica.

4 – Auto malfunzionanti dopo il pieno. Benzina e diesel miscelati assieme

Alcuni automobilisti che avevano appena effettuato il pieno di benzina alle loro auto al distributore dell’ipermercato Auchan in via Carducci, a Bergamo, hanno riscontrato problemi alle loro vetture. In tutti i casi la diagnosi è stata la stessa: nel serbatoio, oltre alla benzina, c’era anche del gasolio. I clienti si sono lamentati con i gestori della pompa di benzina, che è stata chiusa in via precauzionale. «A seguito delle prime segnalazioni di malfunzionamento da parte dei clienti la stazione di carburanti, rifornita da Tamoil, è stata immediatamente chiusa – ha comunicato l’azienda in una nota – Saranno necessarie analisi di laboratorio per accertare eventuali problematiche. Intanto la stazione resta chiusa in via precauzionale».

5 – Schianto in moto vicino a Bolzano, muore bergamasco 45enne

Bergamasco muore in moto nel Sud Tirolo. È successo ieri pomeriggio intorno alle 15 nella zona di Münstertal (che in italiano è Tubre in val Monastero, in provincia di Bolzano). Vittima dell’incidente un centauro bergamasco di 45 anni che, secondo le prime informazioni, è caduto dalla moto riportando ferite gravissime. È morto poco dopo l’arrivo all’ospedale di Merano.

6 – Uomo di 82 anni disperso sul monte Grem, ricerche in corso

Ricerca in corso da ieri sera per un uomo di 82 anni non rientrato dopo l’escursione. Una ventina i soccorritori impegnati, appartenenti alle Stazioni di Oltre Il Colle, Clusone, Media Valle Seriana e Valbondione. La zona è quella nei dintorni di Oneta, tra i rifugi Golla, Mistri e Tellini, nella zona del Monte Grem. Sul posto anche i Vigili del fuoco di Clusone e Bergamo. Dall’alba proseguono le ricognizioni dall’alto con l’elicottero dei Vigili del fuoco.

7 – Provincia seconda in Italia per quantitativi sequestrati di eroina

Solo a Padova si è fatto meglio. Le forze dell’ordine in Bergamasca, complessivamente, hanno sequestrato 37 chili di eroina ne 2017: lo dice la relazione annuale della Direzione centrale per i servizi antidroga. Il dossier conferma il boom di sequestri di eroina a livello nazionale (+28%).

8 – Costa Volpino, schianto auto-moto: gravissima una donna

Gravissima una donna di 51 anni dopo un incidente al Ponte Barcotto di Costa Volpino, ieri alle 17.30. Era a bordo (come passeggero) di una moto Yamaha guidata da un 55enne: si è schiantata contro una Lancia Y che, all’altezza dell’incrocio con via Zocchi, stava svoltando verso sinistra per raggiungere le frazioni alte di Costa Volpino.

9 – Rave party nel Parco del Serio a Grassobbio, 180 denunciati

Puntuale come il Natale, anche quest’estate è tornato il rave party nel Parco del Serio. La notte tra sabato e domenica circa trecento persone, dai 16 ai 40 anni, provenienti da tutto il nord Italia, si sono date appuntamento a Grassobbio. Sono stati 180 i denunciati dai carabinieri. Il sindaco: «A noi toccherà ripulire i rifiuti. Bene le multe, ma bisogna vedere quanti le pagano».

10 – Soccorso alpino, recuperata una ragazza ferita a Valbondione

Recupero di una ragazza ieri pomeriggio a Valbondione. È inciampata e ha riportato la sospetta frattura di una caviglia durante un trekking.  I tecnici della VI Delegazione Orobica del soccorso alpino sono saliti con i mezzi fuoristrada lungo le piste di Lizzola, hanno raggiunto la malga dove si trovava la ferita. L’hanno trasportata per un tratto con la barella portantina e poi con la jeep; è anche stato concesso l’utilizzo degli impianti di risalita. Dopo essere giunta a valle, è stata portata in ospedale per accertamenti.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.