Notizie su Bergamo e provincia
(26 novembre-1 dicembre 2018)

1 DICEMBRE

 

1 – Omicidio di Gianna Del Gaudio. Elementi concreti contro il marito

Il rinvio a giudizio era nell’aria, dopo la chiusura delle indagini. Ora è arrivato: la Procura ha richiesto il processo per Antonio Tizzani, l’ex capostazione di 70 anni accusato di omicidio volontario per la morte della moglie Gianna Del Gaudio, assassinata poco dopo la mezzanotte tra il 26 e il 27 agosto del 2016 nella sua casa di Seriate. Il difensore: negli atti di indagine nulla che possa giustificare un’accusa in giudizio.

2 – Colpita alla testa da compagno mentre sta aspettando l’autobus

Colpita alla testa da un compagno mentre aspetta l’autobus. È successo mercoledì dopo l’ora di pranzo a Caravaggio. La ragazzina, che frequenta la scuola media, era nsieme ai compagni ed è stata centrata sul viso, proprio sopra l’occhio, con un coperchio in ferro di un bidone della spazzatura. Aveva reagito a uno scherzo di cattivo gusto.

3 – L’illuminazione pubblica arriva in 15 nuovi punti della città

L’illuminazione pubblica arriva in quindici nuovi punti della città, luoghi in cui è attualmente assente o giudicata insufficiente: il  Comune di Bergamo porta nuova luce nell’area verde e nel parcheggio di via S. Ambrogio, nel parcheggio di viale Giulio Cesare (rotatoria via Mozzoni), nell’area verde di via Magrini, nel parcheggio di via Savio, sul marciapiede di via Bronzetti, al Parco Goisis di Monterosso, in corrispondenza degli attraversamenti pedonali di via Puccini e via XXIV Maggio, nell’area verde di via Ungaretti, sul marciapiede della via Longuelo, in via V Alpini, nell’area scuole di via dei Cappuccini, alla scaletta San Martino, nell’area cani della Greenway e infine all’incrocio tra via Quarenghi e via Palazzolo.

4 – Più marciapiedi in Via Tiraboschi e una corsia in meno per le auto

Più spazio per i pedoni e meno per le auto. Via Tiraboschi, a Bergamo, cambierà faccia. Il progetto è stato realizzato e consegnato al  Comune di Bergamo dai commercianti Bergamo Shopping con l’obiettivo di iniziare il cantiere a marzo 2019 e concluderlo nel giro di 90 giorni. Entrambi i marciapiedi verranno allargati: quello sul lato Nord passerà da una media di 2,40/2,90 metri a una larghezza di 3,6/3,8, quello sul lato opposto, che è il più frequentato, passerà da 3/3,4 metri a 5,50/6,30. Per riuscire ad allargare i marciapiedi, verrà eliminata una corsia di traffico, quella che oggi permette alle auto di andare da largo Medaglie d’Oro a largo Porta Nuova. La pavimentazione dei marciapiedi sarà in pietra: verranno usate lastre di Luserna. Verrà realizzato un nuovo attraversamento pedonale, all’altezza dell’Oviesse, e così diventeranno quattro i punti in cui raggiungere in sicurezza via XX Settembre.

5 – Lʼarte in corsia, inaugurata a Bergamo la mostra “La Cura e la Bellezza”

25 opere d’arte, 400 metri quadrati di bellezza entrano in Humanitas Gavazzeni e Castelli, grazie al progetto “La Cura e la Bellezza”, inaugurato venerdì 30 novembre, alla presenza del sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, dell’amministratore delegato di Humanitas Gavazzeni e Castelli, Giuseppe Fraizzoli, e del direttore operativo di Accademia Carrara Bergamo, Giampietro Bonaldi.

 

30 NOVEMBRE

 

1 – Furto dei giochi, enorme solidarietà. Il grazie degli Amici della Pediatria

«Grazie! È la parola piu’ bella e ricca che possiamo usare per tutti voi, unita alla creatività dei sorrisi dei nostri piccoli degenti. La notizia del furto dei videogiochi ha fatto rattristare, arrabbiare e indignare, ma pur rimanendo un fatto decisamente deplorevole, ci sta facendo incontrare la vicinanza, l’attenzione e la generosità di tante persone che vogliono sostenere le nostre attività quotidiane con i bambini ricoverati. In tanti in queste ore ci hanno già portato dei giochi per la Playstation2 ed altri giochi e sappiamo ne arriveranno per integrare i mancanti; ci scrivete per chiederci cosa può servire o se potete fare una donazione a sostegno delle nostre attività e anche di questo siamo particolarmente felici e dal cuore di ognuno di noi e col sorriso dei nostri bimbi vi diciamo grazie grazie grazie!». Così l’associazione Amici della Pediatria ha ringraziato i bergamaschi sui Facebook, dopo l’aiuto in massa seguito al furto dei giochi nel reparto pediatrico del Papa Giovanni XXIII. Ecco il post.

 

 

2 – Quarantenne arrestato per furti di moto e biciclette

Documenti falsi, arnesi da scasso in macchina e una lista di precedenti lunga un chilometro: e così il 40enne E.O.D. è finito in carcere al volo, dopo essere stato fermato dalla Polizia Locale di Bergamo. Un arresto che ha contorni davvero interessanti: a segnalare l’auto dell’uomo è stato il sistema di lettura delle targhe della Ztl di Bergamo Alta, in corrispondenza del varco di Viale Vittorio Emanuele. Il suo autocarro Nissan infatti risultava inserito in black-list per una serie di denunce di furto di motorini e biciclette. Una pattuglia della Polizia Locale lo ha intercettato quindi in Città Alta: gli agenti hanno subito trovato arnesi da scasso, come un piede di porco, due cacciavite (uno già piegato appositamente per le forzature) e un paio di guanti. Da un controllo più approfondito venivano fuori anche una trancia per catene, una corda, un taglierino, un sasso di forma sferica, un pannello giallo da impalcatura di circa 2 metri, un casco. Inizialmente l’uomo è stato identificato come N.M., 37enne. Ma da una verifica dei documenti, diverse cose non parevano quadrare. L’uomo ha allora mostrato una seconda carta d’identità, con la quale affermava di essere D.M., 36enne, ma anche con questo documento rimanevano molti dubbi sulle sue reali generalità. Immediatamente gli agenti hanno provveduto al sequestro del veicolo Nissan: addosso all’uomo sono stati rinvenuti contanti per un importo di 1.150 euro. L’uomo è stato portato in Questura per accertarne l’identità: dopo gli accertamenti di rito, è emerso il suo vero nome, appunto E.O.D., nato nel 1978, con diversi mandati di cattura a carico (un Ordine di Esecuzione per la carcerazione emesso il 19/02/2014 dalla Procura di Bergamo e di un provvedimento di unificazione pene concorrenti con ulteriore Ordine di Esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura di Bergamo nel novembre del 2015) e precedenti penali per furto, furto aggravato, rapina, sostituzione di persona, reati contro il patrimonio. Ora l’uomo è nel carcere di via Gleno.

3 – Incidente mortale sulla A4, autostrada chiusa

Autostrada A4 chiusa per tre ore in direzione Milano per un incidente mortale al chilometro 153 tra Trezzo e Cavenago avvenuto intorno alle 12.30 di venerdì 30 novembre. Sarebbero coinvolti un furgone e due auto. Cinque i feriti e un morto. Secondo Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza) si tratta di un uomo di 35 anni.

4 – Incendio a Castel Rozzone, donna si butta dal 2° piano

Incendio stamattina a Castel Rozzone, in via San Bernardo, nella corte del Magna. Sul posto pompieri e i carabinieri. Il fumo proveniente dal piano terra avrebbe invaso l’appartamento sopra. Una donna di mezza età, presa dal panico, sarebbe precipitata dalla finestra, al secondo piano dello stabile. La caduta è stata attutita da una tettoia. È stata trasportata al Papa Giovanni XXIII di Bergamo, in gravi condizioni, con l’elisoccorso. Da una prima ricostruzione dei fatti, sembra che a prendere fuoco sia stato un divano, forse per un cortocircuito.

5 – Sparatoria tra famiglie nomadi nel 2017, sei arresti a Bergamo

Sei persone sono state arrestate dai carabinieri di Bergamo per una sparatoria in cui furono sparati numerosi colpi d’arma da fuoco l’8 agosto del 2017, a Trescore Balneario. Lo scontro a fuoco si era rivelato essere un regolamento di conti tra due famiglie rom rivali, i Nicolini e gli Horvat , che si erano date appuntamento su Facebook per “dirimere” vecchie questioni familiari.

6 – Incendio devasta il tetto di una palazzina, residenti evacuati

Un incendio ha devastato il tetto della palazzina che al primo piano ospita il Panificio Gilardi, a Cisano Bergamasco. Il rogo  si è sviluppato nella notte tra mercoledì e giovedì, due appartamenti sono stati dichiarati inagibili. E i residenti sono stati costretti ad abbandonare le loro abitazioni.  L’origine del rogo sembra essere imputabile al malfunzionamento della canna fumaria dello stabile, all’interno del quale vive la storia famiglia di panettieri del paese. Sul posto, per spegnere le fiamme sono intervenuti diversi mezzi dei Vigili del fuoco.

7 – Gori su La7 per parlare dell’Accademia dell’Integrazione

L’Accademia dell’Integrazione di Bergamo, una realtà voluta da Comune, Diocesi e Confindustria, è sempre più esempio da seguire a livello nazionale. All’iniziativa è stata dedicata la seconda parte della trasmissione “Piazza Pulita” su La7, con Giorgio Gori in studio per denunciare l’impossibilità di regolarizzare i richiedenti asilo, a fine percorso, in virtù di quanto deciso con il nuovo Decreto Sicurezza.

8 – L’Ordine delle professioni infermieristiche denuncia boom di aggressioni

«I fatti accaduti all’ospedale di Alzano Lombardo, dove un ubriaco avrebbe tentato di “forzare” il triage del Pronto soccorso minacciando l’infermiera e poi minacciando un altro infermiere che si era avvicinato per cercare di contenere la situazione, sono ormai all’ordine del giorno negli ospedali dove oltre il 50% dei professionisti è aggredito (fisicamente o verbalmente) e di questi oltre la metà sono infermieri». Lo afferma l’Ordine delle professioni infermieristiche (Opi) di Bergamo in un comunicato. «Formiamo i nostri professionisti – ha detto il neoeletto presidente Gianluca Solitro – perché siano in grado di riconoscere, identificare e controllare i comportamenti ostili e aggressivi prevedendo anche appositi corsi di formazione. Ma non basta, Servono interventi diretti anche dell’organizzazione aziendale e in generale di chi gestisce la sanità: va aumentata l’informazione e la formazione perché siano denunciate da tutti e in modo chiaro le criticità di violenze quotidiane a danno dei professionisti; deve essere predisposto un team addestrato a gestire situazioni critiche e in continuo contatto con le forze dell’ordine soprattutto (ma non solo) nelle ore notturne nelle accettazioni e in emergenza; vanno sensibilizzati i datori di lavoro a non “lasciar fare”, ma a rifiutare la violenza anche prevedendo sanzioni pesanti».

 

29 NOVEMBRE

 

1 – Boom di bambini da coppie miste, 150 in più nel 2017 in Bergamasca

Nel 2017 nella Bergamasca sono stati iscritti complessivamente 9.100 bambini. L’anno precedente erano stati 9.425, cioè 325 in più. Fotografia impietosa quella fornita dal report annuale dell’Istat. Calano, anche se con meno decisione, anche i nati da coppie di stranieri che passano dai 2.140 del 2016 ai 2.072 del 2017. In controtendenza, invece, i numeri delle nascite tra le coppie miste: 661 nuovi nati hanno padre italiano e madre straniera (erano 535), 220 con padre straniero e mamma italiana (erano 196).

2 – Laboratorio con sei cinesi irregolari. Dormivano dove lavoravano

Nella mattinata di ieri, mercoledì 28 novembre, gli ispettori del lavoro e i carabinieri hanno fatto un controllo in un laboratorio tessile cittadino gestito da cittadini cinesi, che confeziona prodotti di abbigliamento per grandi marchi del sistema-moda italiano. Nel corso dell’ispezione sono stati trovati intenti al lavoro 12 operai tutti di nazionalità cinese, di cui 6 privi di permesso di soggiorno. Il laboratorio era anche adibito a dormitorio con una zona dedicata alla preparazione dei pasti. Ispettori e carabinieri hanno provveduto a effettuare tutti i rilievi del caso con l’ausilio di un’interprete che ha facilitato notevolmente gli accertamenti degli ispettori. Al termine dell’operazione l’attività imprenditoriale è stata sospesa e sono state comminate sanzioni per oltre 25mila euro. I profili di natura penale nei confronti dei datori di lavoro sono in fase di definizione.

3 – Benessere sul posto di lavoro, premiate 96 aziende bergamasche

In campo per la salute e per il benessere nei luoghi di lavoro. Ats Bergamo e il gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bergamo hanno premiato, oggi, giovedì 29 novembre, durante l’evento “Take5: cinque passi per star bene”, 96 aziende accreditate nell’ambito del programma WHP – Workplace Health Promotion, con i loro 30mila lavoratori. «Bergamo è stata pioniera in italia del WHP e continua a fare grandi passi, non a caso proprio la nostra città è stata scelta come sede del Global Healthy Workplace Award&Summit 2018, ospitato lo scorso settembre dall’Università degli studi di Bergamo. La promozione del benessere psico-fisico nei luoghi di lavoro è la testimonianza di come una cultura aziendale attenta e costruita sulla persona sia la nuova frontiera della produttività, con notevoli benefici per il clima aziendale ma soprattutto personale, perché è inevitabile portare nel privato quel che accade in un luogo in cui trascorriamo 8 ore al giorno», commenta Mara Azzi, direttore generale di Ats Bergamo.

4 – Liguria, “spaccate” in tabaccheria. Bergamasco preso grazie al dna

Preso ad Albenga, Savona, l’autore dei furti alla tabaccheria Waka Waka in frazione Vadino, nell’area di servizio Eni. Si tratta di un venticinquenne di Treviglio che è stato incastrato dalle impronte papillari (cioè un deposito di sudore creato al contatto della cute con una superficie, in questo caso il vetro della finestra del bar) analizzate dai Ris di Parma. Il giovane, che attualmente è in carcere per altri furti messi a segno nel Bergamasco, aveva razziato sigarette, gratta e vinci e denaro.

5 – Trafficante di sigarette: 28 chili in valigia all’aeroporto

Era già stato denunciato a piede libero per contrabbando di sigarette. Ma A.L., ucraino classe 1973, è recidivo. È stato fermato all’aeroporto di Orio, in viaggio verso la Spagna, con oltre 28 chili di bionde nascoste nel bagaglio da stiva, e questa volta sono scattate le manette. Gli uomini della Dogana, e i colleghi della Guardia di Finanza, in servizio nello scalo di Orio al Serio sono andati a colpo sicuro quando hanno deciso di controllare lo straniero. Aveva oltre 140 stecche di sigarette senza il contrassegno dei Monopoli di Stato.

6 – Valtorta prima come sempre: da sabato si scia

Sabato stagione al via a Valtorta-Piani di Bobbio, a cavallo tra Val Brembana e Valsassina, con sette impianti di risalita, otto piste sciabili e skipass scontati. Il comprensorio sarà aperto tutti i giorni della settimana. Le altre località bergamasche si stanno organizzando per l’Immacolata. A Foppolo, per il momento, c’è in funzione soltanto il campo scuola di «Sci 90».

7 – Furti su auto, è allarme. Escalation a Mornico negli ultimi giorni

Il Comune di Mornico al Serio lancia l’appello ai cittadini dopo diversi episodi di furti su auto.  Il metodo adottato dai ladri è sempre lo stesso, la rottura del finestrino per sottrarre gli oggetti presenti all’interno dell’auto. Si invita a non lasciare mai oggetti all’interno del mezzo parcheggiato in strada e in bella vista. Prestare quindi massima attenzione a portafogli, chiavi o documenti. Intanto l’Amministrazione si sta muovendo: «Stiamo collaborando con le forze dell’ordine per garantire la sicurezza».

8 – Addio a Paolo, atleta sconfitto da un male troppo grande

Si è spento prematuramente, a soli 43 anni, Paolo Zamboni, atleta di origini antegnatesi che da tempo viveva a Barbata. Un calvario, quello di Paolo, iniziato sul finire del 2017, quando ha avvertito i primi sintomi del suo male: «È sempre stato un grande sportivo, per anni ha giocato a calcio ad Antegnate e a Barbata, poi, negli ultimi anni, si è dedicato al podismo con il Camisano Running – ha raccontato la moglie Barbara – Dopo aver scoperto, all’inizio del 2018, la propria malattia, è stato operato il 28 marzo, ma il tumore che se l’è portato via si è ripresentato subito dopo e non c’è stato nulla da fare. L’ospedale ci ha aiutato, e per questo ringrazio soprattutto il dottor Rivaroli e l’infermiera Sara, che hanno seguito mio marito lungo tutto il suo percorso». Un percorso troppo ostico persino per Paolo, che le difficoltà e le battaglie, nella vita come nello sport, era abituato ad abbatterle con tanta determinazione ed un sorriso. «La sua forza e la sua tenacia, quelle non le ha mai perse – hanno ricordato insieme la moglie Barbara e la cognata di Paolo, Miriana – Era un uomo forte, sempre contento e sorridente, non aveva paura delle sfide e non mollava mai, era un vero trascinatore, scherzoso con tutti e capace di farsi voler bene per il proprio carattere».

 

28 NOVEMBRE

 

1 – Un anno e undici mesi alla prof. Fece sesso con l’alunno 14enne

È terminata con un patteggiamento di un anno e undici mesi (con benefici di sospensione condizionale della pena) la vicenda che vedeva indagata un’insegnante 40enne, divorziata e con due figli, di una scuola bergamasca. L’accusa: rapporti sessuali con un alunno di 14 anni. Era nata una relazione amorosa vera e propria con il ragazzo, i cui genitori si erano insospettiti delle sue continue uscite pomeridiane. Messo alle strette, ha confessato il rapporto nascosto con l’insegnante. Messaggi, pedinamenti e intercettazioni hanno confermato quanto stava succedendo. La donna, posta la parola fine alla vicenda, ha versato spontaneamente una cifra di 5mila euro a titolo risarcitorio ai genitori del ragazzo, una somma che servirà per gli studi del 14enne, che ha appena cominciato le superiori.

2 – Cisl, c’è preoccupazione per l’inchiesta: «Subito chiarezza su Tenaris»

«C’è naturale preoccupazione per le notizie che arrivano dall’Argentina». Tra i duemila addetti della Tenaris di Dalmine l’attesa di nuove notizie e la curiosità per quanto possa accadere diventa palpabile, alla stessa stregua dell’attenzione che ai lanci di agenzia ha prestato la Borsa, che ha registrato un crollo delle azioni del gruppo. Paolo Rocca, amministratore delegato di Tenaris, è sotto inchiesta per una presunta mazzetta a un funzionario del governo argentino. La stessa azienda ha confermato le indiscrezioni nella notte tra il 27 e il 28 novembre. Intanto, si legge nel comunicato «il board conferma il pieno supporto al suo presidente e ceo», mentre il consiglio di amministrazione continua a «monitorare la situazione insieme ai suoi legali». Il titolo però è crollato in Borsa dell’8% a 10,7 euro. Secondo il magistrato di Buenos Aires, il pagamento di tangenti da parte di Techint serviva a risolvere la situazione di Sidor in Venezuela. «Innanzitutto, bisogna sicuramente aspettare l’evolversi del fatti per fare chiarezza, per capire meglio di cosa si tratta – dice Luca Nieri, segretario generale di Fim Cisl Bergamo.  La preoccupazione, nostra come quella dei lavoratori degli stabilimenti di Dalmine e Costa Volpino, è alta. Purtroppo, in un economia che agisce e si struttura velocemente anche su livelli virtuali, le notizie incidono e si riversano non solo sulla finanza ma anche sull’economia reale. Bisogna prestare attenzione e arrivare quanto prima alla conoscenza della verità, nel bene di tutti quanti».

3 – Superenalotto, cinque da 27mila euro a Osio Sotto

Jackpot solo sfiorato in Lombardia per l’ultimo appuntamento del SuperEnalotto, ma sono due i 5 realizzati, ognuno da 27mila euro. Le schedine vincenti sono state convalidate a Osio Sotto (Bergamo, Bar Commercio in Piazza Agliardi 9) e a Cazzago San Martino (Brescia, Tabaccheria Edicola in via Sani Michele 2). Il Jackpot nel frattempo ha raggiunto i 70 milioni di euro, è il premio in palio più alto in Europa.

4 – Hashish col simbolo dell’euro nella droga confiscata a Zingonia

Ennesimo Blitz a Zingonia questa mattina. Oltre 100 carabinieri sono intervenuti alle torri di Ciserano, per contrastare degrado e illegalità in vista degli abbattimenti previsti per febbraio. Ecco i risultati dell’operazione, denominata “Zingonia Libera” All’interno delle torri Anna 1 e Athena 3 sono stati rinvenuti e sequestrati complessivamente circa 4 kg di droga (tra hashish e cocaina): in panetti (alcuni marchiati con il simbolo Euro affiancato da 3 stelle), monodosi, frammenti e ovuli. Rintracciati complessivamente 15 stranieri clandestini sul territorio nazionale di origine marocchina, tunisina e nigeriana; tali extracomunitari sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di clandestinità, nonché accompagnati presso l’Ufficio Immigrazione della Questura a Bergamo per la relativa espulsione amministrativa (alcuni di questi verranno anche collocati nei Cie messi a disposizione del Ministero dell’Interno in attesa di rimpatrio); a carico degli stranieri individuati dai carabinieri è altresì scattata la denuncia penale per occupazioni abusive, reato tra l’altro recentemente inasprito con l’ultimo “pacchetto sicurezza”. Arrestati in flagranza di reato tre giovani spacciatori marocchini, irregolari sul territorio nazionale, rispettivamente di 18, 19 e 20 anni, trovati in possesso, complessivamente, di circa 3 etti e mezzo di hashish divisi in varie parti e diverse decine di dosi di cocaina. Arrestato su ordine di esecuzione un senegalese 42enne, domiciliato a Verdellino in via Oleandri all’interno di una delle Quattro Torri. A carico dell’uomo, da tempo ricercato in quanto irreperibile, pendeva un ordine di arresto in regime di detenzione domiciliare per reati contro il patrimonio ed in materia di fede pubblica andati a sentenza di condanna. Lo straniero dovrà quindi scontare una pena di 5 mesi di reclusione; i fatti addebitati al senegalese, commessi nella Pianura Bergamasca, risalgono al 2008. Denunciato in stato di libertà sempre per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un altro marocchino irregolare sul Territorio Nazionale di 34 anni.

5 – Finti tecnici dell’acqua a Grumello, una donna chiama il 112

Ancora finti tecnici all’opera in provincia, stamattina. Questa volta dell’acqua, in alcune vie di Grumello del Monte: due persone si sono presentate ai residenti spacciandosi per tecnici Uniacque: hanno esibito un falso tesserino di riconoscimento e hanno richiesto di intervenire nelle abitazioni per verificare la qualità dell’acqua del rubinetto di casa. Una proprietaria, però, non c’è cascata e ha chiamato i carabinieri, mettendo in fuga i truffatori.

6 – Grotta dei Cristalli, scoperta speleologica a Tavernola

Una cavità di mezzo chilometro a Tavernola, lungo l’asta del torrente Rino nei pressi della sorgente Milesi. Nuova scoperta speleologica, battezzata «La grotta dei cristalli». Un tesoro portato alla luce da Max Pozzo e il gruppo «Underland» durante alcuni sopralluoghi lungo la valle del torrente, dove quest’estate è stato aperto un percorso di canyoning. Degli sbuffi d’aria calda hanno fatto intuire allo speleologo la possibile presenza di una cavità.

7 – Telecamere negli asili, ma a Bergamo si punta su prevenzione e formazione

La Regione ha dato il via libera all’installazione di telecamere negli asili per evitare abusi da parte degli operatori. Dibattito in Aula sulla nuova legge, con le opposizioni che avrebbero preferito puntare sulla prevenzione e sulla formazione del personale. Strada che, spiega l’assessore all’Istruzione di Palazzo Frizzoni Loredana Poli, Bergamo sta già percorrendo.

8 – Seriate, nuovo spazio gioco per bimbi

Trascorrere del tempo con il proprio figlio, divertendosi e imparando: con questa finalità è nata «La Fabbrica della Fantasia». Spazio gioco per bambini dai 3 ai 6 anni, accompagnati da un adulto e condotto da Marco Vecchi & Daniela Caseri, ideato dall’Associazione Genitori (A.Ge.) di Seriate, con il patrocinio dell’Assessorato all’Istruzione, si terrà dal primo dicembre al 13 aprile, con cadenza quindicinale, di sabato mattina, dalle 9.30 alle 11.30 nella sede A.Ge. in via Mons. Carozzi, 4. L’intera proposta è articolata in 10 appuntamenti, che prevedono attività diverse e non è obbligatoria la partecipazione a tutti i laboratori. I posti sono limitati a 15 bambini, pertanto è necessaria e richiesta l’iscrizione on-line a ogni singolo evento, compilando il modulo caricato sul sito www.ageseriate.it, nella sezione eventi. A seguito della prenotazione, verrà inviato via mail il biglietto di prenotazione e di accesso personale allo spazio gioco. Dato il numero limitato di posti disponibili, si chiede di avvisare in caso di imprevisto impedimento, in modo da dare la possibilità ad altri di partecipare. La partecipazione è gratuita.

 

27 NOVEMBRE

 

1 – Incidente tra tre camion a Milano. Perde la vita 29enne di Cene

Drammatico incidente stradale nella mattinata sulla autostrada A4, nel tratto che unisce la tangenziale Est a quella Nord, poco prima della barriera Est di Milano all’altezza di Brugherio. Un tamponamento tra mezzi pesanti che ha visto la morte di un camionista di 29 anni, Dario Capitanio, di Cene. Lavorava nell’azienda agricola di famiglia. È rimasto intrappolato tra le lamiere e le sue condizioni sono subito apparse molto gravi. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco: Il 29enne morto poco dopo essere stato estratto dall’abitacolo. Gli altri due conducenti, di 42 e 57 anni, hanno riportato diverse ferite non gravi.

2 – Di Scanzo il 42enne morto stamattina a Caravaggio

È Angelo Maglio, di Scanzo, l’uomo di 42 anni morto stamattina in uno scontro furgone-tir sulla Rivoltana, a Caravaggio. Secondo una prima ricostruzione Magli, a bordo di un furgone Volkswagen, forse a causa di un sorpasso azzardato, avrebbe invaso l’altra corsia. Dalla direzione opposta arrivava il camion di una ditta di Castrezzato che aveva appena ritirato il carico a Truccazzano. Impatto violentissimo e scontro quasi frontale.

3 – Tamponamento a catena, paura a Antegnate

Tamponamento a catena stasera lungo la strada Provinciale 104 che collega Barbata e Covo. Traffico in tilt, ma nessun ferito grave.  Sono tre le automobili convolte. Il primo a tamponare l’auto di fronte alla propria è stato un uomo di Ricengo che tornava dall’Auchan di Antegnate, dopo la spesa. La botta violenta ha spinto la seconda auto, condotta da una ragazza, contro la terza della fila, a bordo della quale c’era una donna. Il ricenghese ha assorbito la botta più violenta, come testimonia anche la l’auto, il cui fronte è completamente distrutto. Ancora da chiarire, tra l’altro, il perché dopo l’impatto non sarebbe esploso l’airbag. L’uomo ha lamentato un leggero stato confusionale dovuto alla botta contro il volante.

4 – Schianto auto-tir a Caravaggio. Muore un 42enne bergamasco

Tragico incidente alle 4.45 di questa mattina sulla provinciale 185, meglio nota come Rivoltana, a Caravaggio. Ancora da chiarire la dinamica. All’altezza di Cascina Montizzolo, un’auto e un tir si sono scontrati violentemente. Illeso il conducente del tir, un 47enne. Gravissime fin da subito sono invece apparse le condizioni dell’automobilista, un uomo di 42 anni, bergamasco. Sul posto sono intervenuti i soccorritori della Croce Rossa di Treviglio, insieme ai carabinieri e a un’automedica. Ogni tentativo di salvare il 42enne si è rivelato inutile.

5 – Paladina, consigliere muore d’infarto durante una commissione

Il consigliere comunale di Paladina Roberto Brignoli, 66 anni, è stato colto da un infarto mentre stava partecipando alla riunione della Commissione Cultura in municipio. Di Sombreno, appartenente alla lista «Paladina in testa», nella maggioranza, non si è più ripreso nonostante la tempestiva chiamata degli altri consiglieri al 112 e l’invio di un’automedica e di un’ambulanza del 118. Lascia la moglie e due figli-

6 – Un laser Made in Bergamo vince il German Design Award

Design accattivante unito a un’interfaccia pratica ed intuitiva. Sono queste le caratteristiche che hanno portato iLux XP, dispositivo made in Grassobbio, brevettato da Mectronic allo scopo di effettuare trattamenti di Theal Therapy, ad aggiudicarsi l’ambitissimo German Design Awards 2019, uno dei più accreditati premi del settore a livello globale. L’importante associazione tedesca German Design Council, che ha oltre 60 anni di storia, premia annualmente non solo i prodotti più originali del design contemporaneo, ma soprattutto i progetti ad alto contenuto innovativo, capaci di tradursi in modelli rappresentativi e iconici. iLux XP è stato scelto da un’apposita giuria di esperti come vincitore nella categoria “Medicina, riabilitazione ed assistenza sanitaria”. La cerimonia di premiazione si terrà nella giornata dell’8 febbraio 2019 in Germania, a Francoforte.

7 – Ritrovata a Calcio una testuggine azzannatrice

I volontari della Protezione civile di Calcio sono intervenuti sabato 17 novembre, in tarda mattinata, su segnalazione di un cittadino per recuperare un grosso esemplare di testuggine azzannatrice che vagava lungo il margine della carreggiata di via Umberto I. L’esemplare, ha spiegato responsabile del gruppo di volontari della Protezione civile Mauro Vezzoli, era molto grosso e pericoloso anche per l’uomo: «Aveva una lunga coda seghettata di almeno 30 cm e un collo retrattile da 20 cm – ha raccontato – È una specie rara, proveniente dal nord America, e pericolosa. È in grado di mozzare un dito umano con il suo morso».

8 – Pluripregiudicato arrestato a Treviglio

Lo hanno trovato ieri che si aggirava tranquillamente in città come se nulla fosse. Pluripregiudicato italiano di 53 anni arrestato a Treviglio.  L’uomo dovrà così scontare in regime domiciliare una sua vecchia condanna definitiva per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate. Ha alle spalle già altri precedenti penali e di polizia di diversa natura (contro il patrimonio, in materia di armi, contro la persona ed in materia sessuale, etc). Il 53enne, D. N., queste le sue iniziali, tra l’altro etilista cronico, spesso si aggirava alla stazione centrale di Treviglio, dove a volte si fermava anche a dormire in sala d’aspetto.

 

26 NOVEMBRE

 

1 – Il piccolo Alex operato a Roma dal bergamasco Franco Locatelli

Il piccolo Alessandro Maria Montresor (Alex), colpito da una grave malattia genetica, verrà in Italia per sottoporsi al trapianto. Già nei prossimi giorni il bimbo di 18 mesi sarà trasferito dal Great Ormond street di Londra all’ospedale Bambino Gesù di Roma, che ha dato la propria disponibilità e dal 2010 ha messo a punto una tecnica innovativa, utilizzando le cellule staminali prelevate dal midollo osseo di uno dei due genitori, con l’obiettivo di superare le difficoltà nel trovare un donatore compatibile riscontrate anche in questo caso, nonostante la straordinaria solidarietà, con oltre 13mila adesioni raccolte nel giro di un mese. In realtà, ci sarebbe pure un volontario, non italiano, con un profilo quasi uguale a quello di Alessandro Maria Montresor. Ma «disponibile solo da metà gennaio», spiegano papà Paolo e mamma Cristina, che aggiungono su Facebook: «Tale tempistica purtroppo è incompatibile con la malattia del nostro bimbo», che «richiede un trapianto il prima possibile». Di qui i contatti avviati con il medico bergamasco Franco Locatelli, direttore del dipartimento di oncoematologia e medicina trasfusionale al Bambino Gesù.

2 – Dalla Regione 45mila euro per ampliare l’azione della Polizia locale a Zingonia

Un accordo di collaborazione che prevede uno stanziamento di 45mila euro per interventi di sicurezza urbana da attuare sul territorio dei Comuni di Ciserano, Boltiere, Verdellino, Osio Sotto e Pontirolo Nuovo, e quindi nell’area di Zingonia, da effettuare nel periodo dal 3 al 23 dicembre. È il contenuto di una delibera approvata oggi dalla Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato.

3 – Carambola a Zingonia, scontro tra Tir e 4 auto

Carambola a Zingonia, scontro tra Tir e 4 auto davanti al Palace Hotel. È successo poco dopo le 15 all’altezza di Piazza Affari a Verdellino. Ci sono sei persone ferite. Si tratta di quattro uomini di 22, 39, 44 e 50 anni, e di una donna di 51. La sesta persona ferita ha invece 72 anni. Nessuno è ferito gravemente.

4 – Ponte San Pietro, tredici indagati per la morte della piccola Aurora

Ci sono tredici persone indagate al Policlinico di Ponte San Pietro per Aurora Ferrari, la piccola di Brembate deceduta poco dopo il parto. Un atto dovuto quello della Procura di Bergamo. Il sostituto procuratore Giancarlo Mancusi ha aperto un fascicolo per omicidio colposo e omicidio colposo in concorso. Tra gli indagati ci sono medici, anestesisti, infermieri e ostetriche. Era stato il padre della piccola ad aver immediatamente presentato un esposto sulla vicenda. Sul corpo di Aurora dovrà dunque essere eseguita l’autopsia per accertare le cause della morte.

5 – Tentato suicidio dopo una lite in famiglia, salvato dai carabinieri

Era stato arrestato alcuni giorni fa durante un blitz svolto dai carabinieri della Compagnia di Treviglio in pieno giorno a Brignano Gera d’Adda in quanto trovato in possesso di circa un etto e mezzo di droga, tra cocaina e hashish. Dopo la convalida della misura precautelare da parte del Tribunale di Bergamo l’extracomunitario, un 26enne marocchino, era stato poi scarcerato ed applicato nei suoi confronti l’obbligo di firma. La notte di domenica, però, dopo un presumibile litigio con il padre della compagna, una ragazza italiana, il 26enne ha chiamato il 112 minacciando il suicidio. L’operatore della Centrale Operativa del Comando Compagnia di Treviglio, compresa la gravità della situazione, l’ha così trattenuto al telefono per quasi un’ora, improvvisandosi psicologo e cercando di calmare il magrebino facendolo in particolare sfogare al telefono. Nel frattempo sono state inviate sul posto due pattuglie dell’Arma, un equipaggio della Stazione carabinieri di Fara Gera d’Adda ed una “gazzella” del Nucleo Radiomobile di Treviglio. Giunti sul posto, il 26enne che aveva già la testa in un cappio ancorato ad una struttura metallica posta sul terrazzo di casa, tra l’altro in piedi sopra una sedia, minacciava i militari di allontanarsi, altrimenti l’avrebbe fatta finita. A questo punto, tra carabinieri intervenuti e l’aspirante suicida si è svolto un lungo periodo di negoziazione, durante il quale venivano avvisati anche i familiari del giovane, quest’ultimo in un vero e proprio raptus di follia. Dopo interminabili minuti di dialogo, in un momento di distrazione del marocchino, i carabinieri sono riusciti a metterlo in salvo, facendo così intervenire anche i sanitari. Sottoposto a trattamento psichiatrico, il 26enne è stato infine accompagnato in ospedale a Como, dove tuttora si trova ricoverato in osservazione.

6 – Incidente a Botta di Sedrina, traffico nel caos

Traffico in tilt sulla statale 470. Oggi alle 9.45 c’è stato uno schianto che ha coinvolto due auto, all’altezza di Botta di Sedrina. Tre le persone ferite: una donna di 51 anni, un uomo di 53 e un’altra persona di 72. Non gravi le loro condizioni, ma l’incidente ha paralizzato la viabilità.

7 –Si sente male durante la gita in bici, muore 48enne

Un altro caso: malore mortale durante l’attività sportiva. Un 48enne non ce l’ha fatta, era in giro in bicicletta nella zona di Cenate con un amico. Si tratta di un uomo di Telgate. Un arresto cardiocircolatorio lo ha sorpreso senza dare alcun segnale di preavviso. Immediato l’allarme al 112 da parte dell’amico che era con lui.

8 – Riti voodoo contro le figlie, mamma arrestata

Una donna di 47 anni di origine pakistana  è stata arrestata dai carabinieri con l’accusa di maltrattamenti nei confronti delle figlie. Secondo le ricostruzioni le ragazze, entrambe vicine ai vent’anni, da qualche tempo venivano sottoposte a riti all’interno dell’appartamento della famiglia, che risiede a Pioltello.