Notizie su Bergamo e provincia
(4-9 marzo 2019)

9 MARZO

 

1 – Camion rimasto sul ponte Morandi comprato dalla Italcar di Dalmine

L’hanno comprato insieme a uno stock di cinque automezzi, senza sapere la sua storia incredibile. Il camion con la scritta “Supermercati Basko” rimasto a lungo sul moncone del ponte Morandi lo scorso 14 agosto, a pochi metri dal baratro, è andato alla Italcar di Dalmine. Un camion fortunatissimo, a modo suo. Ad accorgersi per primo della somiglianza col tir delle foto è stato il titolare del distributore di benzina a fianco del deposito della Italcar. Una verifica della targa ha fugato ogni dubbio.

2 – Frana a Ponte delle seghe: chiusa la strada tra Ardesio e Gromo

La strada che collega Ardesio a Gromo è interrotta in entrambi i sensi marcia. Nella notte si è infatti verificata una frana in località Ponte alle Seghe. Lo smottamento, di grandi dimensioni, ha reso necessaria la chiusura della strada. Per la rimozione dei massi stanno lavorando i vigili del fuoco e la protezione civile. Il traffico è deviato verso Valcanale.

3 – Belotti e gli avvocati dal questore: «Nessuna diffida per i tifosi»

Non c’è alcun tipo di misura per nessuno dei tifosi atalantini finiti al centro degli scontri con la polizia ritorno della gara con la Fiorentina la settimana scorsa. Lo fa sapere il deputato leghista Daniele Belotti, che ieri è stato ricevuto dal questore di Firenze Alberto Intini. È di giovedì, tra l’altro la nomina di Intini quale prefetto di Imperia.

4 – Picchiata e costretta a prostituirsi: arrestato il marito di mamma di tre figli

Un 34enne romeno senza fissa dimora è stato arrestato a Soresina (Cremona) dai carabinieri. L’accusa: avere picchiato la moglie costringendola a prostituirsi. Si tratta di un disoccupato pluripregiudicato per il quale il tribunale di Bergamo lo scorso 9 febbraio aveva emesso un’ordinanza di custodia cautelare per i sequestro di persona, maltrattamento in famiglia, violenza privata aggravata e continuata e lesioni nei confronti della moglie (reati commessi a Torre Pallavicina).

5 – Sindaci della Bassa: va completata la Nuova Cremasca

Per avvicinare Bergamo alla Bassa ci vuole un collegamento stradale da Romano. Lo dicono con forza alcuni sindaci della zona e di appartenenze politiche diverse, chiedendo di completare la Nuova Cremasca. Servono risorse per portare a termine circa 10 chilometri da Zanica. Nel frattempo, auto e tir sono costretti ad attraversare i centri abitati.

6 –  Dossi installati senza autorizzazione, multa di oltre 5mila euro per il Comune

Dossi installati senza autorizzazione, multa di oltre 5mila euro per il Comune. Continua il braccio di ferro tra l’Amministrazione di Canonica e la Provincia di Bergamo circa la situazione di pericolosità di via Brembate. Ora i dossi ci sono, ma costeranno molto caro.

 

8 MARZO 

 

1 – Alessandra muore a 34 anni. Di Palosco, lascia 2 figli piccoli

Bassa in lutto per la morte di Alessandra Foresti. Mamma di due bimbi piccoli, la giovane donna di Palosco lottava da tempo contro la malattia, che alla fine l’ha strappata alla famiglia. Aveva 34 anni. Molto conosciuta a Palosco e non solo, lascia il marito Damiano e due bimbi: Arianna, che ha solo 17 mesi,  e Andrea, 3 anni e mezzo. Con loro la mamma Ornella, papà Ettore, i fratelli Giovanni e Marina. «Ha lottato come una leonessa, ed era lei a darci coraggio in questi mesi», ricordano i familiari. Alessandra aveva scoperto la malattia circa un anno fa, mentre allattava la piccola Arianna. Nonostante gli sforzi dei medici, la malattia l’ha divorata e ieri sera, giovedì, è mancata. I funerali saranno celebrati in paese domani, sabato, alle 16. Più informazioni su Romanoweek in edicola da venerdì 15 marzo.

2 – Venditore abusivo con 270 mazzi di mimose: maximulta

Vendeva mimose a tre euro al mazzo, ma senza le necessarie autorizzazioni di legge. Per questo motivo un 25enne di origine campana nella mattinata di venerdì 8 marzo è stato sanzionato per una lunga serie di illeciti amministrativi con una maxi multa da cinquemila dagli agenti della polizia di Verdello.

3 – 18 appartamenti a canone calmierato e per universitari a Grumello del Piano

Nove alloggi a canone calmierato, altri 9 rivolti a giovani studenti e ricercatori universitari: il Comune di Bergamo e la Fondazione Casa Amica pubblicano un bando innovativo, costruito in sinergia con la Fondazione Mia e sbloccano così la situazione dei 18 appartamenti realizzati qualche anno fa nel quartiere di Grumello del Piano. Una soluzione abitativa inusuale quella rivolta agli universitari, che arriva a una settimana da un’altra azione importante sulla casa per i giovani, quella del Matchbox, l’immobile di via Fantoni 11 per il quale è stato istituito il bando di assegnazione venerdì scorso. «Si è arrivati finalmente – sottolinea l’assessore Francesco Valesini – dopo un lungo percorso di approvazione condiviso con la Fondazione Mia, alla pubblicazione del bando per l’assegnazione di 18 alloggi la metà dei quali rivolti ai giovani studenti e ricercatori universitari. Si incrementa in questo modo quell’offerta abitativa a costi agevolati che rappresenta, come sappiamo, un aspetto determinante per rendere la nostra città, e in particolar modo alcuni suoi quartieri, sempre più attrattiva, ripopolandola di giovani residenti e dando contemporaneamente risposta anche a fasce di popolazione che cercano valori di mercato più accessibili alle proprie condizioni economiche». «L’immobile oggetto del bando – spiega il sSindaco Giorgio Gori – è stato realizzato pochi anni fa ed è particolarmente interessante per la sua collocazione in via Lenzi, nel cuore di Grumello, proprio sulla direttrice Bergamo-Dalmine (a metà strada tra i campus di via dei Caniana a Bergamo e di Dalmine), a pochi metri dalla fermata dell’autobus e vicino all’imbocco dell’autostrada. La convivenza tra famiglie stanziali (nei 9 alloggi a canone calmierato) e universitari rende questo progetto anche un esperimento di comunità interessante che mira al coinvolgimento degli abitanti e di cui il quartiere ha bisogno».

4 – Troppo diossido di azoto nell’aria. L’Europa richiama anche Bergamo

Sono dieci gli agglomerati urbani contro cui l’Europa punta il dito per la cattiva qualità dell’aria. C’è anche Bergamo, in questa triste “top ten”. Oggetto della reprimenda? Il superamento dei livelli di diossido d’azoto, non il solito pm10, per i quali la Ue ha deferito l’Italia (che ora rischia sanzioni) in Corte europea di Giustizia. Un piano nazionale e regionale contro lo smog sarebbe auspicabile, sostiene il Comune.

5 – Traffico internazionale di droga, arrestati 67 corrieri (tre a Orio)

I militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Bergamo hanno eseguito questa mattina un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Bologna: arrestate tre persone – con divieto di dimora nella provincia di Modena e di Bologna per altre sette – con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga  e riciclaggio. I provvedimenti cautelari, tutti disposti nei confronti di cittadini extracomunitari di origine nigeriana, giungono all’epilogo di un’articolata indagine convenzionalmente denominata “Charles de Gaulle”, condotta dai militari della compagnia della Guardia di Finanza di Orio al Serio, avviata nel marzo del 2017 a seguito dell’arresto di tre ovulatori presso lo scalo aeroportuale bergamasco. L’attività investigativa, inizialmente coordinata dalla Procura della Repubblica di Bergamo, ha consentito di ricostruire l’operatività di una vera e propria organizzazione criminale, con base a Modena, impegnata a introdurre illecitamente partite di cocaina ed eroina da spacciare sul mercato italiano. I finanzieri, infatti, sono riusciti ad individuare il modus operandi utilizzato dai trafficanti che, per sfuggire ai controlli e ai sequestri, inviavano i corrieri nei Paesi Bassi con volo di sola andata e con al seguito il denaro contante necessario ad acquistare la droga, per poi farli rientrare in Italia, con ovuli di stupefacente occultati in corpo, attraverso una rotta diversa, anche terrestre. Gli elementi raccolti nel corso delle investigazioni hanno permesso, in oltre due anni d’indagine, di intercettare, anche grazie all’attivazione del comando generale della Guardia di Finanza e della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, 67 corrieri di droga arrestati tra l’Italia, il Belgio, l’Olanda, la Spagna, la Francia, la Grecia e Malta in flagranza di reato e di risalire a coloro che sono ritenuti i responsabili dell’organizzazione criminale, dieci cittadini nigeriani, anch’essi colpiti da provvedimenti restrittivi, tutti con base nel modenese. Nel corso dell’attività investigativa, condotta anche attraverso intercettazioni telefoniche, sono stati sequestrati 51 kg di cocaina e 27 kg di eroina, oltre a denaro contante.

6 – Inaugurato il campo di Colognola, dedicato a uno “Schindler” ungherese

Mercoledì 6 marzo, alle ore 18, si è tenuta la cerimonia istituzionale di inaugurazione del nostro nuovo campo sintetico a 11 sito in Via Gasparini, nel quartiere di Campagnola. Una cerimonia toccante che ha visto gli interventi del sindaco Giorgio Gori, degli assessori Poli, Brembilla e Angeloni e di tutti i dirigenti e atleti della Virescit. Nel corso dell’inaugurazione il campo è stato intitolato a Gèza Kertèz, calciatore e allenatore ungherese che allenò l’Atalanta nel 1938-39, e che tornato in patria  morì da eroe durante la seconda guerra mondiale per aver aiutato alcuni ebrei. È stato accostato a posteriori a Schindler   come ha ben ricordato il sindaco e la nipote di Kertèz nel discorso conclusivo. L’inaugurazione è culminata con un amichevole tra le formazioni allievi di Virescit e Malpensata.

7 – Teatro Donizetti, prove di riapertura (parziale) a novembre

Che i tempi si sarebbero potuti allungare era stato detto chiaro e tondo. Lavori complessi, delicati, con incognite dietro quasi ogni colonna. Il Teatro Donizetti, aprirà in anteprima a novembre, ma solo per piccoli assaggi. Sicuramente la lirica resterà al Sociale ancora per un anno, mentre la riapertura vera e propria del teatro avverrà dalla stagione 2020-21, come dichiarato in una lettera dal presidente della Fondazione Donizetti, Boffelli.

8 – San Giovanni Bianco, via ai lavori per il nuovo ponte sul Brembo

Cominciati i lavori per il nuovo ponte sul fiume Brembo, in località Molini, a San Giovanni Bianco. Dopo la cerimonia simbolica della posa della prima pietra, il 5 dicembre dello scorso anno, inizia a prendere forma il cantiere che collegherà la sponda destra del paese proprio a via Molini.

 

7 MARZO

 

1 – Maxi sequestro di rifiuti pericolosi in un’azienda dismessa di Fornovo

Tonnellate di rifiuti pericolosi accumulati in un’azienda dismessa. Operazione ambientale da parte dei carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo. Questa volta, in particolare, sono stati i militari della Compagnia di Treviglio, insieme ai colleghi Forestali del Comando Gruppo di Bergamo, a eseguire un maxi sequestro di tonnellate di rifiuti speciali, anche pericolosi, accumulati nel corso del tempo in uno stabilimento dismesso ubicato a Fornovo, lungo la ex SS11. Coinvolta l’area della ex Cf2 Trattamenti Galvanici srl. Tra le sostanze chimiche individuate anche l’acido cloridrico, il cianuro di sodio, l’acido solforico, la soda caustica, il cloro ferrico, l’ipoclorito di sodio (candeggina), eternit, acetilene e gas vari contenuti in bombole. Sul posto è intervenuto anche il personale di Arpa Lombardia per le necessarie operazioni di campionamento, al fine di valutare il rischio e l’impatto ambientale dell’imponente massa di rifiuti speciali stoccati indebitamente all’interno dello stabilimento.

2 – A livello provinciale un’impresa agricola su quattro è “al femminile”

L’agricoltura bergamasca si declina sempre più al femminile. Circa il 25% delle imprese del settore infatti è guidato da una “agri manager”. Lo rileva Donne Impresa, l’organismo della Coldiretti che promuove lo sviluppo dell’imprenditoria femminile agricola, in occasione della Festa della Donna, una giornata non solo per celebrare  “l’altra metà del cielo” ma anche per riconoscerne il ruolo determinante nello sviluppo del tessuto economico e produttivo. Fino a pochi anni fa le imprenditrici si occupavano soprattutto della contabilità e tenevano in ordine i conti e le fatture, ora invece sono sempre più operative dal punto di vista imprenditoriale vero e proprio.

3 – Victoria’s Secret apre un nuovo punto vendita dentro Oriocenter

Victoria’s Secret, il seducente marchio di lingerie più famoso al mondo, continua la sua espansione internazionale con l’apertura del secondo store Italia che disporrà dell’intera gamma di prodotti del brand Vs. In partnership con Percassi, l’apertura del nuovo negozio di Victoria’s Secret è prevista per questa primavera, presso Oriocenter. Una posizione strategica, vista l’importanza del centro commerciale nelle immediate vicinanze dell’aeroporto.

4 – Il sindaco Gori: «In via Quarenghi nuovo locale per musica e cultura»

Dopo la triste ritirata del “Bevero, locale che aveva portato concerti jazz in Via Quarenghi, Giorgio Gori annuncia la notizia dell’acquisto di un grande spazio con diverse vetrine e un ampio interrato da parte di un imprenditore intenzionato a farne un locale con «uso di musica e cultura». Nelle prossime settimane verranno anche installate delle nuove fioriere per portare un tocco di verde nella zona: anche gli stranieri si occuperanno della loro manutenzione.

5 – Svaligiato magazzino Mediaworld a Grassobbio: inseguimento con colpi di pistola

Un furto che si è trasformato nel “solito” (perché ormai in provincia capita un po’ troppo spesso) inseguimento da film nella notte tra mercoledì 6 e giovedì 7 marzo in via per Azzano a Grassobbio. I ladri hanno agito velocemente nella notte, all’interno del magazzino Mediaworld, trafugando soprattutto smartphone, ma sono stati scoperti e intercettati dalle guardie giurate e dai carabinieri della compagnia di Bergamo. Ne è nato un’inseguimento con sparatoria. Nessun ferito, ma i malviventi sono riusciti a fuggire a piedi. Due delle tre auto usate per il colpo sono state recuperate, e anche una parte del bottino.

6 – Torre Pallavicina, rubati anche i cipressi dalla chiesina

Aveva donato cinque cipressi e li aveva piantumati vicino alla chiesetta dei campi a Torre Pallavicina dedicata a Santa Maria Assunta. Ma alcuni furbacchioni li hanno rubati un po’ alla volta estirpandoli con cura. Il donatore non rinuncia: li ripiantumerà.

7 – L’Acli Bariano in udienza dal Papa per i 65 anni dalla fondazione

L’Acli di Bariano spegne 65 candeline e il gruppo decide di festeggiare andando in visita al Papa per un’udienza. Il viaggio a Roma è previsto per il 18 giugno. Chi però deciderà di andare nella Città Eterna potrà restarvi fino al 20, infatti il gruppo Acli di Bariano ha colto l’occasione per organizzare un tour delle basiliche, chiese e luoghi d’arte più importanti della città capitolina.

8 – Lavori al Campino di Cologno al Serio, sentieri e giochi nuovi

Sono iniziati in questi giorni i lavori al Campino di Cologno al Serio. Il Comune punta a valorizzare la “Rosa Campagna” e gli altri 25 fontanili attivi presenti su tutto il territorio colognese.

 

6 MARZO

 

1 – Duplice omicidio, assolto Novembrini. Per lui 15 anni di ospedale psichiatrico

Assolto dall’accusa di duplice omicidio perché al momento dei fatti era totalmente incapace di intendere e volere. È finito con l’assoluzione, come ormai era stato annunciato alla luce delle perizie psichiatriche, il processo nei confronti di Maurizio Novembrini, 44 anni, che il 4 aprile 2018 ha freddato con quattro colpi di pistola il fratello Carlo di 50 e la compagna di lui, Maria Rosa Fortini di 40, nella sala slot “Gold Cherry” di Caravaggio. Novembrini resta, però, socialmente pericoloso. Per questo il gup Maria Luisa Mazzola ha accolto la richiesta del pm Gianluigi Dettori disponendo la misura di sicurezza in una struttura sanitaria per i prossimi 15 anni. La stessa, il Rems (Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza) di Castiglione delle Stiviere, dove già si trova da metà gennaio.

2- Oltre il Colle, animali in cattive condizioni: multa da 27mila euro

I carabinieri forestali della stazione di Sedrina negli ultimi mesi, partendo da una segnalazione di un cittadino che ha riferito della presenza di un agnello morto nella zona della pozza per abbeverata estiva di animali da pascolo, hanno iniziato un’indagine a Oltre il Colle che ha consentito di denunciare un imprenditore agricolo per detenzione di animali da reddito in condizioni incompatibili con la loro natura. Per lui è scattata una multa da 27mila euro.

3 – Il Comune di Bergamo vince un premio per la riduzione di rifiuti pericolosi

Una buona notizia per Bergamo: nell’ambito della settimana europea per la riduzione dei rifiuti Serr2018, il Comune è appena stato premiato al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per le azioni messe in campo nei mesi scorsi per la riduzione dei rifiuti pericolosi. In particolare, a essere riconosciuti sono stati i progetti con Arpa Lombardia e Ats Bergamo per la mappatura e rimozione dell’amianto, la realizzazione di punti di raccolta degli oli esausti in collaborazione con Aprica e Cooperativa Ruah e l’istituzione dell’ecovan nei mercati cittadini in sinergia con Aprica e Legambiente Bergamo.

4 – Baby gang, furti al supermercato. Cliente minacciato con un taser

La Polizia locale di Romano ha fermato un quattordicenne straniero, membro di una baby gang, dopo che insieme ai suoi compagni aveva tentato un furto, minacciando un cliente con un taser, venerdì. La reazione del giovane ha fatto seguito alla frase «dovreste imparare l’educazione» (la banda stava inveendo contro la cassiera). Tanto è bastato per far scattare la furia della banda, che ha atteso l’uomo all’esterno del supermercato.

5 – Basta cucina a Porta Nuova, arriva Dmail del gruppo Percassi

Porta Nuova abbandona per sempre la cucina e riparte dall’oggettistica curiosa e innovativa di Dmail, il brand del gruppo Percassi. Il negozio, su due livelli, è pronto ad aprire negli spazi lasciati liberi a giugno 2018 dal ristorante «M1.lle Storie&Sapori».

6 – Ciclista investito a Covo, 29enne trasportato in elisoccorso

Ieri poco prima delle 18 lungo la Sp 102, a Covo, un ciclista di 29 anni è stato investito mentre percorreva la strada che porta a Calcio. Immediata la chiamata al 112 che ha inviato sul posto un’ambulanza della Croce rossa di Romano in codice giallo. Sul posto, però, è stato richiesto anche l’intervento dell’eliambulanza che si è alzata da Sondrio. È stato proprio l’elisoccorso a trasportare il giovane, sempre in codice giallo, all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Sul posto anche le Forze dell’ordine per ricostruire l’accaduto.

7 – Ciserano, tenta un furto di gasolio con un furgone rubato

È stato sventato in nottata dai carabinieri della Compagnia di Treviglio un furto di gasolio ai danni di un’azienda in via Kennedy a Ciserano. Una pattuglia della tenenza di Zingonia, impegnata nel controllo del territorio, è stata insospettita da un cancello aperto di una ditta, riuscendo così a scoprire il tentativo di furto in atto ai danni di tale attività. Gli autori dell’azione in questione, probabilmente disturbati dai militari dell’Arma, sono fuggiti prima ancora di riuscire a riempire le numerose taniche vuote rinvenute su un autocarro risultato poi di provenienza rubata. Su tale mezzo, rubato a fine febbraio scorso e già restituito dai carabinieri al proprietario, erano state applicate delle targhe di un altro veicolo, il tutto per renderlo ulteriormente non identificabile in caso di indagini.

8 – Ritardi alla Motorizzazione di Bergamo, in estate stop alle code con il nuovo personale

Ritardi alla Motorizzazione di Bergamo, in estate stop alle code con il nuovo personale. A chiedere lumi sulla vicenda, che sembrava finita nel dimenticatoio, è stata la deputata Elena Carnevali (Pd). «Ad un anno di distanza dalla legge di Bilancio 2018, in cui il governo Gentiloni e il ministro Delrio avevano inserito le risorse necessarie per incrementare il personale delle Motorizzazioni, ho richiesto un incontro nella sede centrale della Motorizzazione Civile a Roma – dichiara Elena Carnevali, dell’ufficio di presidenza del gruppo Pd alla Camera – perché nonostante le rassicurazioni del governo in carica l’effettiva assegnazione del personale tardava». Dall’incontro sono emerse due buone notizie: la prima è che la Motorizzazione si è presa l’impegno di far arrivare entro l’estate il nuovo personale previsto, che ora ha completato il percorso concorsuale. Stiamo parlando, per la Direzione Generale Territoriale del Nord-Ovest (che comprende Bergamo, Sondrio, Lecco e Como) di 7 ingegneri, di cui 4 sono stati assicurati a Bergamo. Inoltre, dovrebbero aggiungersi anche 2 assistenti tecnici e 1 amministrativo: è stata chiesta a Formez PA (il Centro servizi, assistenza, studi e formazione per l’ammodernamento delle Pubbliche Amministrazioni) di contribuire a far sì che questo personale sia al più presto disponibile. «Finalmente, dunque, dopo mesi di dilazioni rispetto ai tempi preventivati, abbiamo un orizzonte temporale definito per l’entrata in servizio del nuovo personale, e questo è certamente positivo. L’altra buona notizia per aumentare il contingente degli esaminatori – prosegue la deputata – è data dal corso di formazione che permetterà al personale attuale di poter essere “abilitato” al ruolo di esaminatore. Quest’ultimo gruppo, per la Dgt Nord-Ovest, verrà così ridistribuito: 3 lavoratori a Bergamo, 3 a Como e 1 a Lecco. Positiva, infine, la disponibilità a valutare anche l’aiuto da sedi “esterne” se questi interventi non fossero sufficienti per smaltire in tempo utile gli arretrati segnalati dalle scuole guida». «Tali arretrati – conclude Carnevali – rimangono comunque motivo di preoccupazione – in un territorio come quello di Bergamo che ha un fabbisogno mensile di 2 mila esami di guida -, sia perché nel 2018 è stata registrata una riduzione di 5mila patenti emesse, sia perché il protrarsi delle difficoltà della motorizzazione può tradursi in importanti perdite economiche: in tal senso, queste novità nel loro complesso possono rappresentare il respiro di sollievo tanto atteso».

 

5 MARZO

 

1 – Demolizione della ciminiera Italcementi. Due video sull’abbattimento ad Albino

Un pezzo di storia industriale della Val Seriana oggi se n’è andata. È stata infatti abbattuta la ciminiera dell’ex Italcementi ad Albino, lungo la strada provinciale per Pradalunga. L’intervento era atteso nell’ambito delle operazioni di demolizione dell’intero complesso da parte di un privato: la ciminiera era senza dubbio l’elemento più rappresentativo. Inutili i tentativi di salvare questo simbolo.

2 – Aveva 71 mila euro in valigia. Orio al Serio, bloccata una russa

Aveva oltre 71mila euro non dichiarati nascosti nel bagaglio. Una donna di origini russe è stata fermata dai funzionari dell’Agenzia delle dogane in servizio allo scalo di Orio al Serio. Nel rispetto della normativa valutaria, che stabilisce l’obbligatorietà della dichiarazione in dogana per i trasferimenti di denaro contante pari o superiori alla somma di 10mila euro, si è proceduto al sequestro del 50% della parte eccedente, per un totale di 30.794,69 euro.

3 – Comune, sistemazione dei marciapiedi più malmessi in corso

Il Comune ha dato una bella sistemata ai marciapiedi di via Crispi e della Rotonda dei Mille, e sta lavorando su quelli del piazzale del Cimitero. Nei prossimi giorni si cominceranno ad asfaltare una serie di strade in città: il piazzale d’ingresso del mercato ortofrutticolo a Borgo Palazzo. E via Don Orione; via Goisis; via dei Ronchi (escluso il tratto di via Marzanica); via Goethe e infine via Gallicciolli.

4 – Dalmine, estorsioni e incendi ai vicini per ampliare il maneggio di famiglia

È stato arrestato questa mattina Giovanni Oberti, 37 enne di Osio Sotto, gestore, insieme alla famiglia, del maneggio La Pinosa. I carabinieri lo hanno prelevato da casa questa mattina, su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Bergamo Massimiliano Magliacani. I reati contestati si riferiscono a una pluralità di episodi molto gravi, iniziati l’estate scorsa e susseguitisi poi anche nei mesi successivi in termini pressoché incessanti. L’uomo è accusato di tentate estorsioni continuate, detenzione e porto illegale in luogo pubblico di un’arma comune da sparo (una calibro 357), incendi dolosi ad abitazioni, aziende e autovetture, atti persecutori e anche tentato omicidio. Tutto è iniziato quando Oberti,  con veri e propri tentativi di estorsione, ha provato più volte a convincere i proprietari di un campo agricolo a cedergli il terreno, arrivando a minacciare anche i lavoratori occupati su tale area. Addirittura in alcune occasioni il 37enne ha provato a offrire anche somme di denaro agli incaricati del taglio dell’erba su quel campo, per convincerli a farla marcire per provocare un danno ai proprietari. In un’altra circostanza Oberti ha sparso sul sedile della falciatrice dei proprietari della benzina. Oberti era solito poi andare nel campo in sella a una motocicletta facendo manovre spericolate e minacciando di morte chi gli stava davanti.  L’obiettivo era quello di costringere la proprietà del terreno di vendergli il fondo in questione al fine così di diventare il proprietario dell’intera area agricola ed estendere il tal modo il maneggio dei cavalli di sua proprietà e dei familiari. Le indagini dei carabinieri hanno accertato anche l’esplosione di alcuni colpi d’arma da fuoco nei pressi dell’abitazione dei lavoratori del terreno oggetto di interessi criminali e non solo. Non contento, Oberti ha  incendiato anche uno stoccaggio di legname a Dalmine riconducibile sempre a tali persone, a ridosso tra l’altro della loro abitazione. Il tutto per un periodo di tempo che va dal giugno all’ottobre del 2018.  Oltre a questo anche alcuni veicoli in uso ai proprietari del terreno sono stati dati alle fiamme. Nell’ordinanza del Gip si parla anche del tentativo dell’uomo di costringere la madre di una ragazza minorenne, che aveva avuto un breve legame sentimentale con lui, di ritirare la denuncia, arrivando anche in questo caso di minacce di morte. Anche in questo caso il 37enne, durante la nottata dell’8 settembre, ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco contro l’abitazione della donna, colpendo l’auto parcheggiata ma anche le imposte della casa vicina. Oberti successivamente ha anche incendiato la macchina della madre della ragazza e altri veicoli di persone con le quali aveva avuto conflittualità.

5 – Non ci sono interpreti per il processo: il giudice recluta cameriere cinese

I tre interpreti iscritti nelle liste del tribunale non erano disponibili. Un intoppo che ieri mattina ha rischiato di far saltare il processo per direttissima contro due cinesi che parlavano solo la loro lingua, e la convalida dell’arresto. Allora il giudice Andrea Guadagnino ha incaricato uno degli agenti della Polaria di uscire dal palazzo di giustizia e di cercare e “reclutare” come interprete un immigrato cinese qualsiasi. Il poliziotto si è recato allora sul Sentierone. Dopo pochi minuti si è imbattuto in un giovane cinese, un ragazzo di 26 anni che lavora come cameriere in un ristorante di Nembro. Lo ha reclutato, e l’arresto è stato convalidato. Il cameriere non voleva neppure i 58 euro che gli spettavano per il servizio.

6 – Attivate altre 5 postazioni di ricarica di veicoli elettrici in città

Dopo l’inaugurazione due settimane fa delle prime 11 postazioni di ricarica di veicoli elettrici, continua l’impegno del Comune di Bergamo e A2A verso l’attivazione di tutte e 32 le colonnine previste nel piano messo a punto da Palazzo Frizzoni: sono state attivate infatti altre 5 postazioni in città proprio in questi giorni. Via Pizzo Scais, piazzale Walter Bonatti davanti al Palamonti (dotato anche di hotspot wi-fi), via Fratelli Calvi, via Cerasoli e via Campagnola (anche questo con wi-fi): sono questi gli indirizzi dei nuovi dispositivi, tutti a potenza di 30kw.

7 – Un accordo a quattro per dire “Sì” alla Treviglio-Bergamo

Un accordo a quattro per dire “Sì” alla Treviglio-Bergamo. È il capogruppo Massimo Cocchi di “Civici popolari” in Provincia a rivendicare il lavoro fatto dal suo gruppo, per convincere tutti e quattro i capigruppi in Consiglio provinciale a firmare un Ordine del giorno a favore dell’autostrada Treviglio-Bergamo. Il documento, patrocinato dallo stesso presidente Gianfranco Gafforelli, metterà per la prima volta nero su bianco, all’unanimità, le intenzioni dell’intero arco consiliare bergamasco sull’autostrada (il Movimento Cinque stelle, da sempre contrario all’opera, non ha partecipato alle elezioni di secondo livello dello scorso autunno e quindi non ha rappresentanti in via Tasso). Le tre liste civiche legate a Lega, Forza Italia e Pd insieme alla civica del presidente Gafforelli, impegneranno il presidente stesso, e di riflesso la società proponente l’autostrada e quotata dalla stessa Provincia, Autostrade Bergamasche  a presentare in Regione il progetto dell’infrastruttura caldeggiandone la realizzazione. Sarebbe in sostanza il primo passo per il “vero” via all’iter della realizzazione in project financing dell’autostrada.

8 – Azienda fallisce, operaio la rileva: «Ho riassunto i colleghi»

Ferruccio Bonacina con la moglie ha rilanciato la meccanica dove lavorava da 25 anni a Urgnano. Era infatti fallita. Reintegrati 14 dipendenti, 5 nuovi assunti. «Salto nel buio, ma i fornitori ci hanno dato fiducia». Una bella storia raccontata oggi da L’Eco di Bergamo.

 

4 MARZO 

 

1 – Droga nascosta sotto lo scivolo. Blitz dei carabinieri a Martinengo

Ancora un’operazione antidroga dei carabinieri in via I° Maggio, a Martinengo. Il blitz ha portato al sequestro di oltre 2 etti e mezzo tra hashish e cocaina; erano nascosti sotto lo scivolo e pronti per essere spacciato sul «mercato locale». Durante le settimane scorse i militari dell’Arma avevano arrestato diversi extracomunitari per spaccio. I militari hanno rinvenuto e sequestrato oltre due etti e mezzo tra hashish e cocaina. L’hashish era suddiviso in tre panetti, mentre la cocaina in monodosi (oltre una trentina); tra l’altro i militari hanno anche rinvenuto materiale idoneo per il confezionamento dello stupefacente.

2 – Incidente sulla provinciale tra Nembro e Albino: quattro feriti

Incidente alle 13.30 di oggi tra Nembro e Albino: quattro i feriti, fortunatamente non in gravi condizioni. Si tratta di tre donne di 46, 47 e 70 anni e un uomo di 56 anni. Coinvolte due auto, sul posto tre ambulanze e un’auto medica.

3 – Auto si ribalta a Borgo di Terzo, arriva l’elicottero. Lunghe code

Incidente grave oggi verso le 16.30 in territorio di Borgo di Terzo. Traffico in tilt con code di oltre 5 chilometri in direzione Casazza, sulla statale 42. Un mezzo si è ribaltato e si è alzato in volo l’elicottero del 118 per soccorrere i feriti. Sul posto anche un’ambulanza e un’auto medica.

4 – Arrestato clandestino della Diciotti sabato sera alla stazione di Romano

Sabato sera nel corso di una normale operazione di controllo alla stazione ferroviaria la polizia locale di Romano ha fermato un 24 enne marocchino, S.H., che sostava nell’area. Il giovane da una prima identificazione è risultato essere domiciliato a Martinengo, ma gli agenti ravvisando delle irregolarità nei documenti hanno deciso di approfondire i controlli. Dai primi controlli è risultato che il marocchino ha percorso il viaggio fino a Romano sprovvisto del biglietto del treno. Un’irregolarità che l’ha portato a sottrarsi ai controllori dei treni su cui ha viaggiato. Dopo varie segnalazioni la decisione di finire la sua corsa alla stazione di Romano, dove però sabato è stato fermato. Portato in comando per ulteriori controlli è risultato che sul marocchino pendeva un ordine d’espulsione dalla Procura di Catania. Ulteriori accertamenti hanno ricostruito la storia del 24 enne, che è sbarcato in Italia dalla nave Diciotti. Per lui è scattata la denuncia per violazione delle norme sull’immigrazione. Il marocchino è stato poi accompagnato in Questura per l’espulsione coatta dal territorio nazionale.

5 – Riciclaggio e frode fiscale. Sequestrate tre società a Bergamo

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bergamo, coordinati dalla locale Procura della Repubblica, nell’ambito dell’operazione denominata “Crazy Water”, hanno eseguito il sequestro di tre società: due di esse succedutesi nella conduzione di un’attività di ristorazione a Bergamo, il locale “Acqua Pazza”, in via XXIV Maggio; la terza operante nel settore dei centri di benessere. I provvedimenti giungono all’epilogo di un’articolata indagine condotta dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Bergamo nei confronti di un sodalizio criminale operante nella bergamasca, che si è conclusa con la denuncia di 21 soggetti, dei quali 16 arrestati nel corso di diversi interventi culminati anche con il sequestro di 4 armi clandestine con matricola abrasa, un silenziatore, 88 cartucce, una balestra, strumenti atti ad offendere, nonché di beni e disponibilità finanziarie. Nel corso dell’ultima operazione, condotta nel gennaio 2019, a finire in carcere erano stati tre pluripregiudicati, che il Giudice aveva definito connotati da spiccata capacità a delinquere, attivi sul territorio bergamasco. Tra questi, un soggetto gravato da precedenti per associazione di stampo mafioso e un “sicario” che in passato ha scontato 16 anni di carcere per l’omicidio di un pregiudicato. Proprio a Bergamo, i principali indagati sono accusati di aver reinvestito parte dei proventi derivanti da attività illecite di natura tributaria poste in essere tra le province di Bergamo, Milano e Napoli. Denaro impiegato dai due pregiudicati per costituire tre società, senza figurare direttamente nelle aziende e nella gestione delle attività ad esse collegate, tutte intestate a compiacenti prestanome.

6 – Violenza domestica, allontanato da casa un 38enne

Ancora un caso di violenza domestica a Caravaggio. Per anni insulti, minacce e botte nei confronti della moglie, anche davanti al figlio piccolo. Contestati i maltrattamenti aggravati e continuati, l’uomo, un 38enne rumeno, è stato allontanato da casa. La donna temeva per la sua incolumità e non solo, anche perché il marito, ostinatamente, non voleva divorziare da lei. Dopo aver sopportato per tempo, nell’ultimo periodo al vittima aveva però deciso fortunatamente di denunciare il tutto, sostenuta tra l’altro adeguatamente dai propri familiari e da alcuni amici, andando tra l’altro via di casa. Fondamentale, ancora una volta, il ruolo socio-assistenziale e di supporto dei Centri Antiviolenza del territorio e dei servizi sociali, per accompagnare appunto il percorso della donna.

7 – McDonald’s dopo Fiorentina-Atalata, spunta un video. Ma i tifosi viola non si vedono

Spuntato un video nel quale si vede il McDonald’s dove, secondo la Digos di Firenze, ci sarebbe stato un gruppo di tifosi della Fiorentina nel mirino degli ultras nerazzurri, mercoledì sera. Osservando il video però non si vedono persone né all’esterno né all’interno del locale ma solo forze dell’ordine in strada.

8 – Michela Murgia a Treviglio presenta il suo nuovo libro

Questa sera, lunedì 4 marzo, appuntamento con Michela Murgia a Treviglio. La nota scrittrice presenterà il suo nuovo libro “Noi siamo Tempesta”. L’incontro, organizzato dalla libreria Ubik e dalla biblioteca, si terrà stasera alle 21 all’auditorium del centro civico di Largo Marinai d’Italia. Michela Murgia è una firma importante del giornalismo italiano, oltre che una scrittrice di successo molto amata dal pubblico. “Accabadora” le è valso il premio Campiello nel 2010 l’autrice sarda ha fatto molto parlare di sé con il suo volume provocatorio “Istruzioni per diventare fascisti”, pubblicato da Einaudi nel 2018. Murgia scrive anche per il teatro oltre a essere una voce nota sia in tv che attraverso i canali radio ed è solita intervenire sull’attualità politica e sociale anche attraverso i social-network.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.