Incidente sul lavoro a Carvico
Morto un operaio di 52 anni

22 LUGLIO

 

1 – Tragico incidente sul lavoro a Carvico, muore operaio di 52 anni

Un operaio 52enne della Magnetti Building, R. B. (riporta Bergamonews) originario di Napoli ma residente a Ponte San Pietro, è morto sabato 22 luglio in seguito a un tragico incidente avvenuto mentre si trovava sul luogo di lavoro, nel capannone di via don Pedrinelli a Carvico. Stando alle informazioni fornite fino ad ora, l’uomo si trovava nel reparto in cui si realizzano pilastri e sarebbe stato schiacciato da un carrello utilizzato per il trasporto di materiali all’interno dell’azienda. L’uomo è morto sul colpo, schiacciato dal macchinario. L’intervento del 118 e di un mezzo dell’elisoccorso è purtroppo stato inutile. Le forze dell’ordine e i tecnici dell’Asl, arrivati sul posto in seguito all’incidente, stanno verificando il rispetto delle norme di sicurezza.

2 – Ufficializzata la nuova partnership tra Atalanta e Italcementi

Sabato 22 luglio, Atalanta e Italcementi hanno annunciato una partnership, con l’azienda che diventa nuovo fornitore ufficiale della società calcistica. Roberto Callieri, amministratore delegato Italcementi, ha dichiarato: «Italcementi e Atalanta sono due realtà storiche e molto radicate a Bergamo che oggi iniziano una collaborazione che sono sicuro si rivelerà di grande soddisfazione reciproca. Per Italcementi, questa sponsorship rappresenta un’azione a sostegno di una realtà sportiva che affianca a una affermata presenza nel campionato di Serie A anche un settore giovanile numeroso e saldamente legato alla comunità locale. Sotto il profilo del business, la partnership con Atalanta darà ancora più visibilità alla nostra presenza e ai nostri prodotti in un territorio caratterizzato da una forte vocazione per l’edilizia e le costruzioni». L’ad nerazzurro Luca Percassi, invece, ha commentato: «È con grande soddisfazione che diamo il benvenuto nel mondo Atalanta ad Italcementi. È un Gruppo di rilevanza internazionale che ha le sue radici nel territorio bergamasco, siamo certi questa partnership sarà importante per entrambe le società che, insieme, avranno l’opportunità di crescere ulteriormente».

3 – Di Maio ospite a Ghisalba. E firma contro il parcheggio alla Fara

Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera oltre che uno dei leader nazionali del Movimeto 5 Stelle, è stato venerdì 21 luglio il super ospite della festa pentastellata in corso a Ghisalba, “Bergamo sotto le 5 stelle”. Prima di concedersi alla gente, Di Maio ha rilasciato alcune dichiarazione alla stampa, partendo da temi regionali come il referendum del 22 ottobre sull’autonomia lombarda: «Questa terra ha sempre chiesto più autonomia – ha detto nel virgolettato riportato dal Corriere della Sera Bergamo -, ed è giusto darla, perché chiede semplicemente di trattenere le risorse. Abbiamo proposto noi questo referendum e i leghisti se ne sono appropriati. Quelli del Pd, dopo aver votato opportunisticamente contro, ora sono in difficoltà e hanno deciso di accodarsi: in questi anni li ho visti cambiare linea su tutto». Annuisce Dario Violi, bergamasco doc e consigliere regionale pentastellato. Di Maio, sulle prossime elezioni al Pirellone, preferisce non sbilanciarsi, dicendo soltanto che Maroni non fa paura e che non conosce abbastanza Gori per darne un giudizio. Dopo aver parlato con i giornalisti, Di Maio gira fra la gente e, dopo vari selfie, promette anche di firmare la petizione del comitato No Parking Fara contro il parcheggio sotto la Rocca. Presenti nel pubblico anche i consiglieri comunali di Bergamo, Fabio Gregorelli e Marcello Zenoni.

4 – Gli spacciatori freddati a Bariano, opera di un killer professionista

Sono state identificate grazie alle impronte digitali le due vittime del duplice omicidio scoperto giovedì sera alla periferia di Bariano: due cittadini marocchini di 22 e 25 anni residenti in zona, due spacciatori già noti ai carabinieri. A ritrovarli, in località Tanganica, vicino al Serio è stato un tossicodipendente loro cliente. Sono stati uccisi con una calibro nove e non ci sono segni di lotta o reazione: ad agire un killer professionista. Le vittime sono state defraudate da soldi e documenti, dallo stesso omicida o forse da sciacalli. L’area, con un percorso ciclopedonale frequentato anche di sera, si conferma un’area dedita allo spaccio, e Bergamo un crocevia di narcotraffico.

5 – Paura sul lago d’Iseo: deltaplano si rovescia, ma nessun ferito grave

Paura nel primo pomeriggio di sabato 22 luglio sul lago d’Iseo. In un’area appena a Nord di Montisola, un deltaplano con a bordo un uomo e una donna si è ribaltato mentre stava effettuando un giro dell’isola. Fortunatamente i due passeggeri se la sono cavata con qualche ferita lieve e tanta paura, ma nulla più. Inizialmente si era temuto qualcosa di molto più grave, tanto che era partito anche l’elisoccorso da Milano, poi fatto tornare indietro.

6 – Tre ladri arrestati dopo un inseguimento di 30 km sulla Brebemi

Folle inseguimento nella tarda serata di venerdì 21 luglio lungo la Brebemi. Tutto ha avuto inizio all’altezza di Cologno al Serio, dopo una chiamata per tentato furto in abitazione. I carabinieri si sono messi sulle tracce di una Bmw su cui era in fuga un quartetto di malviventi. Al casello di Caravaggio della Brebemi, all’inseguimento si è unita anche una pattuglia della Polstrada di Chiari, ma la folle corsa dei malviventi, che sfrecciavano anche a duecento chilometri orari, è continuata fino alla tangenziale esterna milanese. Lì, all’innesto con l’A4, ad Agrate, agli inseguitori si è unita anche la Polstrada di Seriate. L’inseguimento si è chiuso all’altezza di Pessano con Bornago, dove tre dei quattro fuggitivi, tutti albanesi e già noti alla giustizia italiana, sono finiti in manette. Il quarto uomo, invece, è riuscito a far perdere le proprie tracce.

7 – Brebemi, traffico a +8,6%. Sorte: «Entro novembre connessione con A4»

Brebemi, traffico in crescita dell’8,6 percento nei primi quattro mesi dell’anno, soprattutto per quanto riguarda i mezzi pesanti. Rispetto allo scorso anno, sono il 16,1% in più. Sorte soddisfatto, anche se Teem e Pedemontana crescono più velocemente: «Il 2017 sarà l’anno della svolta».

8 – Clinica bergamasca sull’isola di Kos: cura i feriti del terremoto

Che i bergamaschi siano sparsi un po’ ovunque non è una novità. Anche sull’isola di Kos, colpita giovedì da un violento terremoto, ce ne sono, e di un certo livello. Come Elisa Manzoni, 35 anni, che gestisce una clinica privata con il marito Mohamed Ali Hadoudou, medico chirurgo. La struttura – che si occupa soprattutto dell’assistenza medica ai turisti stranieri in vacanza sull’isola – si è impegnata per curare i feriti grazie alla sua squadra di infermieri, pediatri e ortopedici. Dopo la prima scossa, ne sono seguite altre di assestamento.

9 – Auto contro un muro nella notte a Sorisole, quattro feriti

Dopo aver tirato giù qualche segnale stradale ed essersi schiantata contro un muro, l’auto è stata trovata nel mezzo di via Marconi a Sorisole, stanotte, verso le 3.30. Questa la scena presentatasi ai soccorritori. Feriti i quattro occupanti del mezzo: una ragazza e un ragazzo entrambi 17enni, una 18enne e un 20enne. Niente ferite gravi, nonostante l’impatto violento. Il guidatore, dicono le prime ricostruzioni, avrebbe fatto tutto da solo perdendo il controllo del mezzo. Uno dei quattro giovani è rimasto incastrato tra l’auto e un palo della segnaletica. Intervenuti sul posto, oltre ai sanitari, i vigili del fuoco e carabinieri di Villa d’Almè per i rilievi di rito.

10 – Addio al grande architetto Vito Sonzogni: ha progettato Bergamo

Lutto a Bergamo e nel mondo dell’architettura italiano per la morte, a 93 anni, dell’architetto Vito Sonzogni. Si era laureato in architettura al Politecnico di Milano nel 1952. La sua attività professionale si è rivolta soprattutto alla nostra provincia, con particolare riferimento all’urbanistica, all’architettura religiosa e residenziale e alla progettazione di edifici pubblici e centri turistici. Tra le sue opere più celebri, il palazzo del Pam in via Camozzi e la chiesa di Monterosso. In tutto costruisce 18 nuove chiese e ne adatta diverse altre alle disposizioni conciliari.

 

 

21 LUGLIO

 

1 – Non studiano né lavorano in 28mila. Un numero che cala in provincia

Giovani che studiano e non lavorano, i cosiddetti Neets, ce ne sono anche in provincia. Sempre meno però: dopo quattro anni la quota nella Bergamasca scende sotto quota 30mila il numero dei giovani tra i 15 e i 29 anni non occupati e non inseriti nel mondo dell’istruzione e della formazione. Lo dice un rapporto del servizio studi della Camera di Commercio di Bergamo e fa riferimento al 2016. Per la precisione risultano essere 28.463 su un totale di 167.181: il 17%, molto più basso del 24,3% medio nazionale (nell’Unione Europea nessuno fa peggio).

2 – Alberto Bombassei entra nell’Automotive Hall of Fame

Alberto Bombassei, presidente di Brembo Spa, entra ufficialmente nell’Automotive Hall of Fame (AHF). L’onorificenza, già annunciata lo scorso marzo, è stata assegnata nel corso della cerimonia che si è tenuta ieri, 20 luglio, presso il Cobo Center di Detroit. La Automotive Hall of Fame ha sede a Dearborn in Michigan, poco distante da Detroit, ed è stata fondata a New York nel 1939 al fine di celebrare e raccontare le storie di quanti hanno saputo raggiungere traguardi straordinari nel mondo dell’automobile. Il presidente di Brembo ha conquistato, dunque, il suo posto tra i più affermati industriali dell’Automotive mondiale assieme ad altri due nomi illustri del settore: Ed Welburn, Vice President of Global Design di General Motors; e Jack Roush, Ceo e fondatore di Roush Fenway Racing. Nei quasi 80 anni dalla sua nascita, la AHF ha premiato circa 800 personalità di tutto il mondo, tra le quali solo otto per l’Italia. Il nono nome italiano, quello di Alberto Bombassei, andrà quindi ad affiancarsi a quello di giganti dell’auto di oggi e del passato come Enzo Ferrari (2000), Ettore Bugatti (2000), Giovanni Agnelli (2002), Giorgetto Giugiaro (2002), Battista “Pinin” Farina (2004), Nuccio Bertone (2006), Sergio Pininfarina (2007) e Luca Cordero di Montezemolo (2017). Tra le celebrità dell’automotive di altri paesi, troviamo nomi come Henry Ford (1967), Ferdinand Porsche (1987) e André Citroen (1998).

3 – Non solo via Nullo: lavori anche a Boccaleone e in via Suardi

Scatteranno il 31 luglio i lavori di sistemazione di strade periferiche e di quelle in aree centrali sottoposte a vincolo paesaggistico. Si interverrà il via Nullo, in via Suardi e nel quartiere Boccaleone: i lavori, dal costo complessivo di 500mila euro, avranno una durata di 5 mesi. I lavori partiranno in via Nullo, nell’intervento già annunciato qualche giorno fa: si interviene per rifare la pavimentazione nel tratto compreso tra via Statuto e la scalinata di Sant’Alessandro. Inizialmente il progetto prevedeva, data la forte pendenza della strada e l’aumento del traffico nella via, la sostituzione dei ciottoli con una strada asfaltata: si è deciso poi di mantenere la pavimentazione in acciottolato per conservare il valore storico della via. Per tutta la durata dei lavori in via Nullo, nel tratto compreso tra l’intersezione con via dello Statuto e l’intersezione con via Torino, vigerà il divieto di transito e il divieto di sosta 0-24 con rimozione forzata, il divieto di transito pedonale lungo il marciapiedi oggetto dei lavori con deviazione dei pedoni lungo percorsi protetti; sempre in via Nullo, nel tratto compreso tra l’intersezione con via Torino e l’intersezione con via Rismondo, il divieto di sosta 0-24; in corrispondenza dell’intersezione con via dello Statuto direzione obbligatoria a sinistra per i veicoli provenienti da via Palma il Vecchio; in via dello Statuto in corrispondenza dell’intersezione con via Nullo direzione obbligatoria diritto per i veicoli provenienti da via Garibaldi; in via Torino n° 2 divieto di sosta 0-24 con rimozione forzata negli stalli di sosta interessati dai lavori. Per i lavori, fino a sabato 30 settembre, nell’area di parcheggio si via dello Statuto tra via Grataroli e via Costituzione vigerà il divieto di sosta 0-24 con rimozione forzata. Obiettivo dell’intervento a Boccaleone è la formazione o il miglioramento di itinerari pedonali e ciclopedonali al fine di garantire la massima sicurezza, alla moderazione della velocità dei veicoli in transito e, contestualmente, alla riqualificazione urbana delle aree di intervento. Gli interventi si configurano come completamento e ampliamento di interventi eseguiti o in corso di esecuzione su aree circostanti. Si interverrà nelle vie Via Giuseppe Mangili, Via Antonio Varisco, Via Alessio Amighetti, via Renato Perlini, andando a sistemare la pavimentazione stradale, a realizzare nuovi attraversamenti pedonali, a rifare la segnaletica orizzontale e verticale, a migliorare la rete di smaltimento delle acque piovane, a razionalizzare gli stalli di sosta. Verranno istituiti nuovi sensi unici di marcia e nuove “Zona 30”, ampliando quella già esistente. Particolare attenzione verrà data all’accessibilità: si andrà infatti ad eliminare le barriere architettoniche esistenti, mentre i nuovi attraversamenti saranno dotati di percorsi tattili per ipo e non vedenti con linguaggio Loges. Si interverrà, infine, in via Suardi, andando a rifare alcuni segmenti di pavimentazione danneggiata, soprattutto di marciapiede, nel tratto compreso tra vie Noli/ via Alberico da Rosciate e via Corridoni.

4 – Bariano, corpi crivellati di colpi. Regolamento di conti per spaccio

Crivellati di colpi, vicino al Serio, a Bariano: queste le condizioni in cui sono stati ritrovati (in mezzo a un campo di granturco in zona Tanganì) due cadaveri nella serata di ieri. Si tratta di due giovani nordafricani uccisi con colpi di arma da fuoco. È stato un passante a dare l’allarme al 112; le due vittime ancora non sono state identificate ma avrebbero non più di 40 anni. Sul posto sono intervenuti i Ris.

5 – Autopsia sulla mamma di Pontirolo morta: niente donazione di organi

I familiari avevano dato il loro benestare per l’espianto degli organi di Laura Toffetti, la mamma 31enne di Pontirolo morta martedì in un incidente stradale sulla tangenziale ovest di Milano. Peccato che la procura di Milano abbia disposto l’autopsia sul corpo della donna, medico cardiologo: è stato infatti aperto un fascicolo sull’incidente e disposto l’autopsia. L’esame sarà eseguito all’obitorio di Milano e la famiglia Toffetti-Giufrè ha nominato un proprio perito di parte.

6 – Saldi, un bergamasco su tre fa shopping

Nonostante la concorrenza dell’e-commerce e gli sconti che ormai spuntano in ogni periodo dell’anno, i saldi estivi continuano a mantenere un certo fascino. Il bilancio delle prime settimane è abbastanza positivo. Secondo un’indagine di Confesercenti, il 33% dei bergamaschi ha già approfittato delle promozioni per fare un po’ di shopping. Il 41% non ancora, ma conta di farlo nei prossimi giorni. Solo il 26% non sembra interessato ai saldi. Chi ha fatto acquisti è stato convinto soprattutto dalla possibilità di risparmio (79%) e di comprare un capo firmato a prezzo conveniente (16%). Ma c’è anche un 5% di “romantici”, che partecipano ai saldi semplicemente per il gusto di farlo, perché amano l’atmosfera che si crea nei negozi durante la campagna. Secondo gli imprenditori, che mantengono le perplessità sulle regole e sulla data di inizio troppo anticipata, i saldi risultano essere efficaci soprattutto come strumento di fidelizzazione: per un negoziante su tre, i clienti abituali assicurano tra il 50% e il 75% delle vendite complessive. «Chi pensava che Blackfriday, online e outlet avrebbero travolto le stagioni dei saldi si sbagliava – sottolinea Filippo Caselli, direttore di Confesercenti Bergamo -. Nonostante limiti e criticità, che pure ci sono, la formula tutto sommato resiste. Il settore dell’abbigliamento, per quanto viva da tempo una delle peggiori crisi nell’ambito del dettaglio tradizionale, con i saldi si garantisce ancora una importante fetta di fatturato, generata per lo più dalla clientela abituale. Segnale di una forte fidelizzazione e del fatto che gli sconti praticati garantiscono acquisti veramente convenienti».

7 – Approvato il rendiconto 2016; la Provincia ha i numeri per approvare il bilancio di previsione 2017

Approvato definitivamente dal Consiglio provinciale, dopo il via libera dell’assemblea dei sindaci odierna, il rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2016. L’anno 2016 chiude con un risultato positivo di 11.247.069 euro, avanzo che per circa 2 milioni potrà essere utilizzato per concorrere ad assicurare l’equilibrio di parte corrente del bilancio di previsione 2017; la restante parte, con eccezione della quota di 3.377.110 vincolata a iniziative già avviate, andrà ad alimentare il fondo crediti di dubbia esigibilità, il fondo rischi, e il fondo perdite società partecipate. Il fondo cassa dell’ente alla data del 31/12 è stato pari a 94.508.109 euro e si mantiene alto anche grazie all’incasso registrato nello scorso mese di giugno di oltre 12 milioni di euro derivanti dalla vendita delle azioni A4 holding. Si registra una leggera crescita delle entrate tributarie, derivanti dalla ripresa del mercato delle automobili. A questo incremento fa tuttavia da contraltare la nota dolente del contributo alla finanza pubblica a favore dello Stato imposto dalla legge 190/2014 a carico dei bilanci provinciali, che nell’anno 2016 per Bergamo è stato pari a 51 milioni di euro.

8 – Dimezzati gli ammortizzatori sociali. Il settore meccanico lentamente in ripresa

Crolla l’utilizzo della cassa integrazione nelle aziende metalmeccaniche lombarde, ma la ripresa stenta a decollare. È quanto emerge dal 43° rapporto dell’Osservatorio sulla crisi e l’occupazione. Promosso dalla Fim Lombardia, l’Osservatorio rileva sistematicamente i dati nelle circa 7.000 aziende industriali e con oltre 550.000 lavoratori della regione. L’elemento più significativo che emerge dall’analisi dei dati del 1° semestre 2017 è una forte contrazione delle imprese coinvolte da situazioni di crisi. Il numero è calato del 16,83% rispetto allo scorso semestre e del 51,80% rispetto allo stesso periodo del 2016. La cassa integrazione straordinaria ha registrato un calo del 62,96% rispetto a secondo semestre 2016, con 2.090 lavoratori interessati contro 5.642. In calo del 47,2% le aziende coinvolte. Più lieve (-11,6%) il calo del cassa ordinaria (11.644 lavoratori contro 13.178). Dati positivi anche per Bergamo, dove l’occupazione è tornata ai livelli pre crisi.

 

20 LUGLIO

 

1 – Schianto, muore mamma di 31 anni a 24 ore dall’incidente nel Milanese. I genitori danno l’ok alla donazione degli organi

L’incidente lunedì 17 sulla tangenziale Ovest di Milano nel tratto tra Corsico/Gaggiano e Assago Milanofiori. Il ricovero in condizioni disperate. Poi, 24 ore dopo, la morte. Laura Toffetti, 31 anni, di Pontirolo Nuovo, si sarebbe sposata tra un mese. Lascia un bimbo di un anno e mezzo. Nella vita era una dottoressa specializzata nelle malattie dell’apparato cardiovascolare e lavorava all’ospedale San Paolo di Milano, non lontano da dove è rimasta coinvolta nel tragico incidente che le è costato la vita. Anche da morta, però, potrà salvare delle vite: i genitori hanno infatti dato l’ok alla donazione dei suoi organi.

2 – Insulina nel caffè del marito, condannata a 14 anni l’infermiera di Premolo

Giovedì 20 luglio, Laura Mappelli è stata condanna, in primo grado, a quattordici anni di reclusione. La 49enne di Premolo, ex infermiera della casa di riposo di Albino, è stata ritenuta colpevole di tentato omicidio, riconoscendole anche l’aggravante della premeditazione e della recidiva. La Mappelli dovrà inoltre risarcire il marito con cinquantamila euro. In una precedente udienza, tenutasi il 6 giugno, la 49enne era comparsa in aula e aveva negato di aver somministrato l’insulina al marito, ma i giudici non le hanno creduto.

3 – «C’è acqua ancora per due settimane»: allarme siccità per Brembo e Serio

Serio e Brembo in pieno allarme siccità, mentre il livello del lago d’Iseo è ok. È questo il quadro disegnato dall’assessore regionale al Territorio, Viviana Beccalossi, in commissione Agricoltura. L’esponente della Giunta Maroni ha detto anche che la Regione sta valutando l’ipotesi di utilizzare delle cave come bacini per la raccolta di riserve idriche, come già proposto dalla Coldiretti. La situazione più preoccupante è quella dei due corsi idrici che attraversano la provincia, i quali hanno attualmente riserve per circa due settimane. Il Consorzio di Bonifica della Media Pianura Bergamasca si sta organizzando per modificare i turni irrigui, riducendo del cinquanta per cento gli utilizzi da parte dei propri utenti.

4 – Chiuso un bar a Castel Rozzone per carenze igienico-sanitarie e alimenti scaduti

I carabinieri di Treviglio, insieme agli Ispettori sanitari dell’Ats del Comune, hanno eseguito giovedì 20 luglio l’ennesimo controllo a sorpresa in un esercizio pubblico in pieno centro di Castel Rozzone, poi immediatamente chiuso per una serie di carenze igienico-sanitarie e per la presenza di alimenti scaduti e in cattivo stato di conservazione. Dopo aver apposto i sigilli al locale, il titolare è stato anche multato per diverse migliaia di euro. Oltre a tutto questo, sono stati impiegati anche depositi non a norma per la conservazione delle bevande e sono state contestate violazioni in materia di sicurezza antincendio (cavi elettrici non a norma ed impianti non certificati).

5 – Miro Radici lascia anche il Patto dei Mille

Come riporta il Corriere della Sera Bergamo, il socio promotore del cosiddetto “Patto dei Mille”, Miro Radici Family & Companies Spa, ha dismesso il suo tesoretto azionario in Ubi. Una decisione che sarebbe collegata all’addio alla presidenza Sacbo, avvenuta qualche mese fa non proprio in maniera soft. Una delusione, quella, che avrebbe indotto l’ex presidente della società che gestisce l’aeroporto di Orio al Serio a gesti eclatanti: via dal cda dell’Accademia Carrara, dove era vicepresidente, e via da anche Ubi. La colpa degli altri? Non aver speso parole in suo favore.

6 – Riesce a rubare uno scooter pur non avendo una gamba: arrestato

L’uomo riesce a superare ogni suo limite, anche quando delle disabilità fisica sembrano ostacoli insormontabili. Lo vediamo, in positivo, nelle Paralimpiadi. C’è poi il rovescio della medaglia. Come il tunisino 28enne che martedì pomeriggio ha rubato uno scooter pur non avendo l’arto inferiore sinistro, amputato. L’insolito furto ha avuto luogo in piazzale Marconi a Bergamo, vicino alla stazione. C.B., con vari precedenti, è stato preso e arrestato. Lo scooter è stato restituito al legittimo proprietario.

7 – Ritrovata tela del Seicento rubata a Seriate e fatta a pezzi

È ricomparsa 26 anni dopo essere stata rubata in un’asta a Monaco la pala d’altare di Sebastiano Cima «San Cristoforo tra i santi Rocco e Nicola», databile intorno alla metà del 1600 e custodita nella chiesa di Seriate, rubata il 5 settembre 1991 durante il restauro. Lo scrive oggi il Corriere della Sera Bergamo. L’opera è stata fatta a pezzi e per ora sono stati recuperati solo due santi. Due mercanti d’arte sono finiti sotto indagine.

 

8 – Con Fiato ai libri letteratura in vetrina nei negozi di Seriate

«Fiato ai libri» va in vetrina. Per la XII edizione del festival di letture (www.fiatoailibri.altervista.org), promosso e sostenuto dalle biblioteche del Sistema bibliotecario di Seriate e dal sistema di Treviglio, in programma dal 7 settembre al 21 ottobre, è arrivata una novità: il contest fotografico «Libri in vetrina». A ogni commerciante, a cui è stata inviata una lettera di avviso sull’iniziativa, sarà lasciata carta bianca su come allestire le vetrine del proprio negozio, seguendo il tema del libro. «Entro nei vostri negozi per chiedervi di collaborare insieme per la tappa di Seriate di Fiato ai libri – dichiara l’assessore alla Cultura Ester Pedrini -. L’idea è promuovere la lettura coinvolgendo sempre di più, e al meglio, i cittadini dei paesi che lo ospitano. Per questa edizione, con Giorgio Personelli, anima e direttore artistico del festival, abbiamo pensato a un contest fotografico. L’obiettivo è metterle in risalto dedicandole al libro, alla lettura e ai lettori. L’iniziativa non costa nulla. Per i negozianti sarà una piccola occasione di pubblicità gratuita sulla pagina Facebook del Comune e di Fiato ai libri oltre al sito della manifestazione, per noi sarà invece un prezioso aiuto promozionale. Speriamo che l’idea sia accolta dai commercianti seriatesi per trasmettere una volta di più l’idea che i libri e la lettura sono per tutti».

 

19 LUGLIO

 

1 – Le prime reazioni di Claudia Cretti. Si parla di occhi aperti e sbadigli

Arriva una buona reazione da parte di Claudia Cretti, la ciclista 21enne di Costa Volpino in coma farmacologico dopo la caduta al Giro d’Italia Rosa giovedì 6 luglio, da allora ricoverata all’ospedale Rummo di Benevento. Ora Claudia ha mostrato cenni di risposte. Sbadiglia, ha gli occhi aperti, risponde alle richieste di stringere la mano. Lo scrive Bergamonews.

2 – Elettrico mon amour: 400mila euro per 50 colonnine di ricarica

Nella nostra provincia in 21 comuni arriveranno 400 mila euro di finanziamenti per la realizzazione di colonnine di ricarica di mezzi elettrici. Ecco i comuni coinvolti: Albino, Alzano Lombardo, Bergamo, Casirate d’Adda, Castel Rozzone, Gazzaniga, Gorle, Mapello, Morengo, Nembro, Pedrengo, Pradalunga, Ranica, San Pellegrino Terme, Selvino, Seriate, Spirano, Torre Boldone, Villa d’Alme, Villa di Serio e Zogno.

3 – Centro Servizi e rete territoriale: Bergamo Ovest, al via la presa in carico

Un Centro servizi già attivo da giugno, una nuova Farmacia delle dimissioni che aprirà i battenti a settembre, ma soprattutto la sigla di un’intesa a dieci per fare rete e la sperimentazione di Piani individuali d’assistenza su un gruppo di pazienti fragili. Così l’Asst Bergamo Ovest si candida al ruolo di gestore, previsto dalla legge 23 sulla presa in carico. L’ufficializzazione è avvenuta oggi (19 luglio) alle 10, alla presenza dell’Assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, anche se – come spiega il direttore generale Elisabetta Fabbrini – «si tiene a più di un mese dall’apertura del Centro servizi, il primo in Regione dopo quello metropolitano del capoluogo, all’insegna del “prima fare, poi dire” che è tipico di questa terra. A questo punto però era importante dare visibilità ai nuovi percorsi di presa in carico, perché i cittadini possano toccare con mano che cosa sta cambiando, come e perché”. Il Centro Servizi, collocato alle spalle del Cup dell’ospedale di Treviglio, dal 5 giugno sta fornendo il servizio di dimissioni protette e sta sperimentando la presa in carico su un gruppo di pazienti cronici, per individuare fin da subito gli aspetti positivi e le eventuali criticità dell’organizzazione e avviare la necessaria collaborazione fra i medici curanti e gli specialisti ospedalieri. Questo il senso della firma dei Piani assistenziali individualizzati – da parte di due pazienti e degli specialisti del polo ospedaliero, il direttore dell’Unità di Nefrologia Emilio Galli e la dr.ssa Eleonora Aiolfi dell’Unità di Cardiologia, entrambe appartenenti al Dipartimento di Medicina diretto da Maurizio Destro -, apposta dopo il taglio del nastro e la benedizione dei locali.

4 – Bossetti sconvolto e provato in cella. Ha parlato con medico e cappellano 

Dopo la conferma dell’ergastolo in appello, Bossetti è rientrato in carcere all’una e mezza della notte fra lunedì e martedì, un’ora dopo che i giudici avevano pronunciato la parola ergastolo. Era sconvolto e provato, scrive L’Eco di Bergamo, tanto per l’esito del processo quanto per l’estenuante attesa durante una camera di consiglio durata 15 ore. «E secondo voi come può sentirsi un innocente che crede nel giudizio che sta affrontando? – dice l’avvocato Salvagni, che oggi sarà nel carcere di via Gleno a far visita al suo assistito -. Ci credeva molto, ora non so se riuscirà ancora a credere nella giustizia. Il diritto di difesa è stato leso: quest’uomo non ha potuto partecipare ad alcuna indagine genetica».

5 – Scuola di alta cucina ad Astino, ok della Regione (ma si parte nel 2019)

Un ingrediente fondamentale per la buona riuscita della ricetta che vuol portare una scuola di alta cucina negli spazi dell’ex monastero di Astino è arrivato: negli scorsi giorni la Giunta regionale ha approvato l’accordo di programma «finalizzato alla ridefinizione delle destinazioni urbanistiche, delle modalità d’uso e degli interventi» dell’immobile. E in più, la variante al piano territoriale di coordinamento del Parco regionale dei Colli di Bergamo. Ma per l’anno scolastico 2018-2019 non ci sono le condizioni, come comunicato dal presidente della fondazione Mia (proprietaria dell’immobile). Quindi, la scuola vera e propria potrebbe partire dall’anno 2019/20, ma alcuni corsi speciali già da inizio 2019.

6 – Ex Mascheroni, è studente dell’anno in Scozia

Genio, ma non secchione. Simone Gallarati studia chimica ed è al terzo anno all’Università di Saint Andrews, Scozia. Dove è stato eletto studente dell’anno, e ora  lavorerà per un anno come ricercatore nel team del Diamond Light Source, forte di un acceleratore di particelle simile al Cern di Ginevra. Già al Mascheroni si era distinto positivamente: aveva tutti dieci in pagella e alla maturità si era conquistato un meritatissimo cento con lode.

7 – Caduta pianta in via Paglia, nessun danno a cose o persone

Una pianta in via Paglia si è piegata fino a invadere la sede stradale. Fortunatamente non è stato causato nessun danno a cose e persone. Il cedimento è avvenuto poco dopo l’incrocio con via Paleocapa all’altezza della piazzola di carico e scarico. Le cause sono ancora in via d’accertamento. In corso le operazioni di rimozione.

8 – Ancora sassi lanciati sulla statale 42 del Sebino

Ritorna la paura per i sassi lanciati contro l’auto in corsa sulla statale 42 del Sebino. Lunedì sera a Darfo Boario Terme un impiegato di 32 anni residente a Bienno, Mauro Rivadossi, si è visto arrivare addosso «un sasso, di grosse dimensioni – scrive L’Eco di Bergamo –  che ho visto arrivare all’improvviso prima che picchiasse sul parabrezza».

 

18 LUGLIO

 

1 – Prosegue l’estate calda dei lavori. Ghislandi e Nullo, al via gli interventi

«Sarà una calda estate di lavori», aveva annunciato l’assessore ai lavori urbani Marco Brembilla, preannunciando i lavori che si sarebbero svolti durante l’estate in città. A che punto siamo? Proseguono in via Porta Dipinta i lavori per realizzare un nuovo marciapiede al fine di mettere in sicurezza il percorso pedonale ed eliminare le barriere architettoniche. I lavori in questi giorni si sono ampliati all’altezza di via Osmano, un’area sulla quale si sta intervenendo per sistemare tratti danneggiati e rattoppati provvisoriamente negli anni scorsi (entro la fine della settimana sarà completato l’intervento), e in via della Fara, nella quale si sta sistemando la pavimentazione sconnessa (anche in questo caso sono previsti pochi giorni di lavoro). Sono entrati nella seconda fase i lavori in via Borgo Palazzo, nel tratto di via compreso tra piazza Sant’Anna e via Ambrogio da Calepio. Questa fase, che durerà fino al 4 agosto, comporta il divieto di circolazione e di sosta a tutti i veicoli. L’accesso alla via è consentito da via Camozzi verso via Torretta (a senso unico). Istituito il doppio senso di circolazione in via Ambrogio da Calepio tra piazza Sant’Anna e via Noli. Vige l’obbligo di svolta a sinistra in via Torretta per i veicoli provenienti da via Camozzi e da via Anghinelli. Nell’ambito della messa in sicurezza dei percorsi casa-scuola verrà realizzato, a partire da lunedì 24, un attraversamento pedonale nei pressi della I-School in via Ghislandi. In questo caso, tra il civico 16/A e il 24, vigerà il senso unico alternato per il restringimento della carreggiata, il divieto di transito pedonale lungo il marciapiede con deviazione dei pedoni al marciapiedi. Completati i lavori al Villaggio degli Sposi per la posa di una barriera a protezione della “ztl della scuola” in via don Bepo Vavassori: la barriera è pensata per chiudere la via al traffico in concomitanza con l’entrata e l’uscita dalla scuola del quartiere. La settimana successiva, a partire da lunedì 31, scatteranno infine i lavori per rifare la pavimentazione in via Nullo nel tratto compreso tra via Statuto e la scalinata di Sant’Alessandro. I lavori rientrano nel progetto di valorizzazione di strade sottoposte a vincolo paesaggistico: si interviene infatti per sistemare i tratti più sconnessi e danneggiati dell’acciottolato della via, un intervento atteso da tempo e che negli scorsi anni ha visto Amministrazioni intervenire con gettate di catrame per garantire la sicurezza di veicoli e pedoni. Anche in questo caso vedranno alcune modifiche alla viabilità: in via Nullo, nel tratto compreso tra l’intersezione con via dello Statuto e l’intersezione con via Torino, sarà previsto il divieto di transito e il divieto di sosta 0-24 con rimozione forzata, il divieto di transito pedonale lungo il marciapiede oggetto dei lavori con deviazione dei pedoni lungo percorsi protetti; sempre in via Nullo, nel tratto compreso tra l’intersezione con via Torino e l’intersezione con via Rismondo, il divieto di sosta 0-24; in corrispondenza dell’intersezione con via dello Statuto direzione obbligatoria a sinistra per i veicoli provenienti da via Palma il Vecchio; in via dello Statuto in corrispondenza dell’intersezione con via Nullo direzione obbligatoria diritto per i veicoli provenienti da via Garibaldi; in via Torino n° 2 divieto di sosta 0-24 con rimozione forzata negli stalli di sosta interessati dai lavori. Infine novità anche per Pontesecco: sono state invitate le ditte che parteciperanno alla manifestazione di interesse per i lavori di allargamento della sede stradale di uno dei nodi viabilistici più noti della città. Le risposte sono attese entro venerdì 28 luglio, il 31 saranno affidati d’urgenza i lavori in modo da iniziare immediatamente con il primo intervento in decenni per mitigare il traffico nella via.

2 – Spacciava hashish in via san Giorgio: arrestato 53enne

Altro arresto da parte della Polizia Locale nel tardo pomeriggio in via San Giorgio a Bergamo: continuano quotidianamente i servizi degli agenti del nucleo di Sicurezza Urbana del Comando di via Coghetti per presidiare il territorio e contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti. Intorno alle 18.30 di ieri è stato fermato V.A., 53enne residente in provincia di Brescia: aveva con sé 220 euro in contanti e 62 grammi di hashish. Non si è trattato di un arresto facile: l’uomo ha fatto resistenza all’arresto, cercando di divincolarsi e colpendo uno degli agenti intervenuti, che ha riportato graffi e diversi ematomi (guarirà in 15 giorni secondo il referto del Pronto Soccorso).
V.A. è stato quindi denunciato per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio, resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Questa mattina sarà processato per direttissima.

3 – Raffica di furti nelle campagne bergamasche, nel mirino dei ladri le valvole per l’irrigazione nelle serre

Coldiretti Bergamo lancia l’allarme per l’escalation dei furti in campagna. A sparire non sono solo attrezzature, carburante e animali, ora i ladri hanno iniziato a fare incetta delle valvole che regolano l’irrigazione nelle serre . Ad essere colpite sono soprattutto le aziende orticole che producono verdura per la quarta gamma, che oltre ai danni causati dai furti si trovano in difficoltà a bagnare le colture in un momento segnato da temperature elevate e una forte siccità. «Il fenomeno è tutt’altro che di poco conto – spiega Coldiretti Bergamo – sono già state rubate oltre 1.000 valvole e le razzie non accennano a diminuire. Il danno è reso ancora più pesante dal fatto che vengono tagliate le tubature dell’acqua e quindi è tutto l’impianto ad essere compromesso».

4 – Italian Optic, un furto all’anno. L’ultimo colpo ieri a Sarnico

È l’ottico più derubato in assoluto della provincia. Prima con il negozio Lob Ottica di Curno, e ora, con il cambio di denominazione e l’espansione commerciale, sotto l’insegna Italian Optic, anche a Sarnico. Si conta circa un colpo l’anno, e ogni volta i ladri si fanno bottini da migliaia di euro (80mila, per la precisione, nella notte tra domenica e lunedì). Ieri hanno agito cinque malviventi a volto coperto. Un raid durato 5 minuti: prelevati mille occhiali. Il raid è scattato pochi minuti prima delle 4,30. I malviventi hanno usato un pilone in calcestruzzo per spaccare la vetrata dell’ingresso principale, poi hanno allacciato la saracinesca all’auto con una fune sino a spaccare la serranda. E pensare che due anni fa uno dei titolari, Stefano Chiarla, aveva pensato a una “taglia” per risalire a uno dei responsabili, ben visibile nei filmati della videosorveglianza.

5 – Lampada cade dal lampione, paura per una bimba a Zanica

Paura domenica sera alla Festa del Cacciatore di Zanica. Una bambina di 9 anni del paese stava camminando lungo il viale d’ingresso di fronte al bar. Per cause ancora in corso d’accertamento, la parte terminale dei un lampione di ferro, alto 4 metri, si sarebbe staccata precipitando a terra. Ha colpito la bimba sulla schiena, seppure di striscio. Nulla di grave, ma sarebbe potuta andare molto peggio.

6 – Alla Neurologia del Bolognini si muore di caldo: condizionatori guasti

Ogni anno, ogni estate, all’interno della Unità Operativa di Neurologia dell’ospedale di Seriate, si segnalano temperature decisamente troppo alte nelle stanze di degenza. «L’unico rilevatore è posizionato nel corridoio, pertanto le temperature rilevate non corrispondono a quelle delle stanze dei pazienti – scrive per il Sindacato Generale di Base Sgb Fiorangela Agustoni -. La fragilità dei malati della nuerologia imporrebbe, dal punto di vista umano, etico e professionale un intervento definitivo del problema “caldo”, ma dopo anni di segnalazioni, non possiamo che prendere atto che nessuno dei soggetti preposti, azienda e enti di controllo e vigilanza sanitaria sono intervenuti. Le problematiche sono note e non certo irrisolvibili. Ci vergoniamo e denunciamo il disinteresse di chi ha tutte le competenze per risolvere questo disagio e non lo fa, nonostante sia consapevole dei gravi rischi che i pazienti, soprattutto gli allettati corrono in questa situazione. L’unico fatto da aggiungere a quanto già segnalato è che, oltre ad avere un impianto inidoneo, lo stesso ora è in parte fermo».

7 – Non ce l’ha fatta il motociclista lecchese coinvolto in un incidente domenica pomeriggio

Non ce l’ha fatta Giulio Ferrario, il motociclista lecchese di 65 anni che nel pomeriggio di domenica è stato sbalzato dal suo maxiscooter a Valleve, in seguito a un incidente frontale con un’auto. Serie anche le condizioni della moglie Simona Crippa, che rimane ricoverata al Papa Giovanni in prognosi riservata.

8 – Equilibri di bilancio confermati al primo semestre. Più fondi al sociale, bene gli oneri di urbanizzazione

Equilibri di bilancio confermati: è quanto emerge dalle “verifica degli equilibri di bilancio 2017” approvate dalla Giunta comunale nei giorni scorsi e che ora saranno al vaglio della Commissione consiliare e del Consiglio Comunale. Una buona notizia che conferma la solidità del bilancio del Comune di Bergamo, che registra delle novità a qualche mese dall’approvazione del documento preventivo. La conferma degli equilibri arriva con maggiori richieste dal lato delle spese, con più 600mila euro nel capitolo socio-educativo di spesa corrente (spiccano i 250mila euro per i minori in comunità e i 130mila euro per i contributi alle rette per le Residenze Sanitarie Assistenziali). Complessivamente le spese correnti crescono di 1,73 milioni di euro, di cui 1,3 di competenza comunale, mentre 413mila euro sono spese finalizzate, ovvero con una copertura che viene da bandi o finanziamenti di altri enti. Diverse le novità anche sul lato entrate di parte corrente (che riequlibrano in toto le maggiori spese): il Comune di Bergamo incassa il contributo statale di 210mila euro per i “minori non accompagnati”, 61mila euro per il rimborso spese giudiziarie e ben 550mila euro dalla Provincia di Bergamo a copertura degli anticipi sul biennio 2014-2016 per i servizi di trasporto degli studenti disabili. Le entrate tributarie seguono un trend in linea con le previsioni, mentre buone notizie vengono dal dividendo A2A, che immette nelle casse comunali 300mila euro in più rispetto allo storico. Per quello che riguarda le spese della parte in conto capitale, si registrano 800mila euro in più di spesa per l’acquisto di arredi, veicoli per la protezione civile, attrezzature per l’Accademia di Belle Arti Carrara e per la manutenzione di alcuni spazi verdi. Complessivamente la spesa cresce di 1,38 mln di euro, di questi quasi 600mila euro sono spese finalizzate. Il Comune apposta 1,4 mln di avanzo di gestione.

 

17 LUGLIO

 

1 – Claudia Cretti resta in coma farmacologico per precauzione

Attraverso un posto su Facebook, lunedì 17 luglio la madre di Claudia Cretti, la giovane ciclista bergamasca ricoverata da quasi undici giorni all’ospedale di Benevento dopo una brutta caduta durante il Giro d’Italia femminile, ha comunicato che i medici prolungheranno ulteriormente il coma farmacologico della 21enne per «aspettare la “situazione perfetta” per iniziare la riduzione dei farmaci. I dottori hanno deciso di aspettare ancora qualche ora, forse qualche giorno. Vogliono farla riposare ancora un po’. Io mi fido, come sempre. I medici non hanno fretta, mantengono la calma e decidono con obiettività, anche se leggono l’apprensione sul mio volto, anche se conoscono il mio desiderio di rivedere il sorriso di Claudia».

2 – L’associazione ONE di Bono Vox degli U2 sarà presente al G7 dell’agricoltura di Bergamo

L’Associazione ONE del leader degli U2 Bono Vox, parteciperà al G7 dell’agricoltura in programma a Bergamo a ottobre. Lo ha annunciato sul proprio profilo Facebook il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina: «Siamo contenti che anche One possa contribuire al confronto che realizzeremo a Bergamo in occasione del G7 agricolo, in particolare sviluppando azioni utili a sostegno di una cooperazione agricola più forte, proprio in ragione dei profondi mutamenti che la questione migratoria in primis sta imponendo sull’asse euro-africano. Ho avuto l’occasione di parlare del coinvolgimento della Fondazione One ai lavori del G7 proprio con Bono in questi giorni di sua permanenza a Roma e lo ringrazio per l’impegno e la disponibilità che mi ha confermato. E voglio anche ringraziarlo per le sue parole di riconoscimento del lavoro straordinario che tutti i giorni la nostra Guardia Costiera garantisce nel Mediterraneo».

3 – Nominato il nuovo direttore generale di Confindustria, è Paolo Piantoni

Paolo Piantoni è il nuovo direttore generale di Confindustria. La comunicazione è arrivata lunedì 17 luglio, quando il neopresidente Stefano Scaglia e il Comitato di presidenza hanno optato per un profilo interno, «che sappia rafforzare il percorso di innovazione e di cambiamento intrapreso negli ultimi mesi e porre, al tempo stesso, ancora più attenzione alle specifiche esigenze associative, al tema della rappresentanza e al territorio». «Credo che sia stata presa un’ottima decisione per l’Associazione, la migliore scelta possibile in ottica di innovazione nella continuità – ha affermato Scaglia -: Piantoni era già vicedirettore ed esce dal vivaio interno a conferma della capacità della struttura di saper produrre e far crescere nuovi talenti. Il nuovo direttore, grazie alle competenze e all’esperienza acquisite nella sua carriera ventennale all’interno del Sistema Confindustria Bergamo, saprà apportare idee, progettualità e una modalità di lavoro senz’altro rispondenti alle esigenze dei nostri associati». 46 anni, sposato e padre di tre figli, una laurea in Economia e Commercio conseguita all’Università di Bergamo, Piantoni è entrato in Confindustria Bergamo nel 1998 come funzionario nell’area fiscale societario e doganale. Nel 2003 è stato nominato responsabile Area Amministrazione e gestione del Patrimonio. Dal 2013 è amministratore delegato di Servizi Confindustria Bergamo S.r.l. e di Unimpiego Bergamo. Nel dicembre 2016 è stato nominato vicedirettore generale di Confindustria e, a giugno 2017, direttore generale ad interim.

4 – I carabinieri di Treviglio arrestano una 34enne incensurata dopo un inseguimento di 20 km

La notte tra domenica 16 e lunedì 17 luglio, i Carabinieri di Treviglio hanno arrestato una donna italiana di 34 anni, incensurata e residente nel Milanese, dopo un inseguimento durato quasi 20 km e iniziato dopo un controllo di polizia eluso dalla donna nei pressi di Zingonia. Contromano e rischiando più volte l’incidente, la donna è stata bloccata soltanto nel Comune di Gorgonzola e ha anche aggredito i militari, sbracciando e mordendoli. Anche una volta caricata in auto la 34enne non si è calmata, danneggiando una maniglia e rifiutandosi di sottoporsi all’alcotest. Come se non bastasse, la donna guidava senza patente, in quanto mai conseguita. Accusata di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, danneggiamento aggravato e rifiuto di sottoporsi all’alcoltest, è stata tratta in arresto su disposizione del pm e collocata agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

5 – Spara a una volpe dal balcone. Ferisce una donna al ginocchio

Dopo il cadavere ritrovato il 5 luglio nei boschi di Castagneta, l’area a nord di Città Alta fa parlare ancora di sé nella cronaca nera. Lì, ieri, una donna è stata ferita con un colpo di fucile sparato da un uomo di 44 anni, operaio incensurato, che pare stesse mirando ad una volpe. Colpita al ginocchio, la donna, 45enne., è stata ricoverata all’ospedale Papa Giovanni XXIII in condizioni non gravi. L’uomo è stato denunciato a piede libero dai carabinieri. Sequestrate tutte le sue armi (8 fucili, in totale), visto che la stagione della caccia è ancora chiusa: forse chi ha sparato voleva soltanto tenere lontano l’animale della sua proprietà.

6 – Mondiali paralimpici di atletica, oro per Martina Caironi

Martina Caironi e Monica Contrafatto sono oro e argento ai Mondiali paralimpici di atletica a Londra. I 100 metri T42, per amputati di gamba sopra il ginocchio sono terra loro e d’Italia: Martina davanti a chiudere in 14”65, soli quattro centesimi dal suo record del mondo che corse due anni fa durante la rassegna iridata di Doh; a seguirla Monica con 15”35, appena dietro la statunitense Scout Basset in 16”68.

7  – Cade in moto mentre fa motocross, ferito 13enne

Dopo un salto sulla pista di Preseglie, in provincia di Brescia, è caduto rovinosamente a terra. Brutto incidente ieri per un 13enne bergamasco che stava correndo con una moto sull’impianto di motocross del Galaello. È intervenuta anche l’eliambulanza, levatasi in volo dal Civile di Brescia. Fortunatamente pero il ragazzo non versa in condizioni critiche.

8 – Esame di maturità, 42 cento tra Lussana e Mascheroni

Voti decisamente alti all’esame di maturità nei licei scientifici della città. Sono stati ben 23 gli studenti che si sono portati a casa un cento (massimo dei voti) a Lussana, e 19 al Mascheroni. I cento con lode, poi, sono stati tre al Lussana e due al Mascheroni. Record di media voto per una classe del Falcone (liceo linguistico), la quinta del corso EsaBac (con diploma valido sia in Italia che in Francia): 83, con ben cinque cento.

9 – Ruba elettrodomestici in discarica a Mozzanica: arrestato

I carabinieri della Stazione di Caravaggio hanno arrestato in flagranza di reato un marocchino 57enne per furto aggravato. Sabato 15 luglio i militari hanno fermato lo straniero, in passato già deferito per casi analoghi, dopo che lo stesso aveva rubato diversi elettrodomestici (televisori, climatizzatori, ferri da stiro, etc.) presso la piazzola ecologica di Mozzanica.

10 – Sbatte la testa contro il palo di una porta di calcio: 13enne in prognosi riservata

Brutto infortunio su un campo da calcio ieri alle 16 a Corteno Golgi, in provincia di Brescia. Durante un’azione di gioco un ragazzino di 13 anni ha picchiato la testa contro il palo della porta. L’eliambulanza, levatasi in volo da Sondrio, ha trasferito il giovane all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Le sue condizioni sono apparse subito molto gravi: ora si trova in prognosi riservata.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.