Notizie su bergamo e provincia
(5-10 marzo 2018)

10 MARZO

 

1 – Dopo le Olimpiadi, anche la Coppa del Mondo: Michela Moioli orgoglio bergamasco

A PyeongChang ha dovuto arrivare davanti a tutti, a Mosca le è bastato il terzo posto. Ma dopo quell’oro storico di neppure un mese fa, Michela Moioli torna a portare in alto il tricolore nello snowboard cross conquistando la Coppa del Mondo. Merito, appunto, del bronzo arrivato nel pomeriggio di sabato 10 marzo nella prova andata in scena nella capitale russa, che le ha permesso di assicurarsi la seconda coppa di cristallo in carriera dopo quella del 2016. In realtà, Michela era inizialmente arrivata seconda, ma la manche è stata ripetuta a causa delle proteste delle atlete francesi. Nel “replay”, l’atleta di Alzano Lombardo (della Busa di Nese, per la precisione) è arrivata terza, ma essendo finita dietro di lei la rivale Chloe Trespeuch, la posizione le è bastata per conquistare l’agognata Coppa del Mondo con un turno di anticipo. Si tratta dell’ottavo podio stagionale nella competizione per lei, che ha ormai messo alle spalle le difficoltà dovute agli infortuni che, in passato, le hanno tolto molte gioie (compresa la finale olimpica di Sochi 2014). Una gioia immensa per lei, un orgoglio per tutti noi.

2 – Ragazza bergamasca tenta il suicidio nel vicentino. Salvata da due fratelli carabinieri

Il Giornale di Vicenza ha raccontato l’eroico gesto di due fratelli carabinieri, che hanno evitato il suicidio di una ragazza bergamasca. I fatti sono avvenuti nel tardo pomeriggio di giovedì 8 marzo, quando la ragazza è partita da Bergamo per raggiungere viadotto che collega Foza ed Enego. Quando già aveva scavalcato le protezioni, il caso ha voluto che lungo la strada passassero i fratelli Gheller, carabinieri, che hanno capito immediatamente la situazione e si sono adoperati per salvare la ragazza. Trattenendola per le braccia e con l’aiuto di altri passanti, sono riusciti a evitare la tragedia. La ragazza è ora ricoverata nel reparto di psichiatria dell’ospedale San Bassiano.

3 – Viveva in una villa da 500 mila euro a Cologno, ma non aveva un euro. Scatta il sequestro

Venerdì 9 marzo, a Cologno al Serio, i Carabinieri di Bergamo, dopo una serie di indagini condotte insieme alla Direzione Distrettuale Antimafia di Brescia, hanno sequestrato una villa di dieci stanze (per 280 metri quadrati), dal valore commerciale attuale di oltre 500 mila euro. Proprietario, un pregiudicato del posto, 31enne di origine straniera. L’uomo, infatti, insieme ad alcuni parenti si era intestato degli immobili eseguendo fittiziamente varie compravendite e permute immobiliari, attraverso il pagamento di assegni postali mai incassati dai venditori, vaglia postali ordinati da soggetti terzi compiacenti e tutti pluripregiudicati, con redditi certo non all’altezza di tali esborsi, nonché mediante un finanziamento di 300 mila euro elargito da un istituto bancario locale e restituito in soli 31 mesi anziché nei 25 anni previsti.

4 – Uno dei sequestri di cocaina più ingenti degli ultimi anni

Ieri sera i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno inferto un nuovo durissimo colpo al traffico di sostanze stupefacenti nel territorio della Bassa Bergamasca. A Romano, infatti, i militari dell’Arma hanno sequestrato circa 12 chili di cocaina e oltre 114.000 euro in contanti, arrestando complessivamente tre persone, tutti albanesi con un’età compresa tra i 24 ed i 40 anni, nonché denunciando altre due persone in stato di libertà. Si tratta di uno dei sequestri di cocaina più ingenti degli ultimi anni nel territorio della Bergamasca e in particolare di cocaina. Al dettaglio, lo stupefacente rinvenuto, di buon grado di purezza, sarebbe fruttato diverse centinaia di migliaia di euro sul mercato al «dettaglio». I militari della Stazione di Romano di Lombardia, dispiegati nell’occasione in forze, hanno in particolare fermato due autoveicoli di media cilindrata notati con atteggiamento sospetto nei pressi del parcheggio di un supermercato cittadino. Dopo un breve pedinamento, in via Dosso Pagano, gli investigatori dell’Arma hanno quindi deciso di intervenire, arrestando così in flagranza di reato i tre giovani albanesi, tutti e tre incensurati sino a quel momento. Su un mezzo controllo e perquisito dai carabinieri è stato trovato nascosto in un vano porta oggetti del veicolo, accessibile soltanto mediante congegno meccanico, diversi pacchetti di banconote. Sull’altra autovettura, di fatto ispezionata approfonditamente presso un’officina, occultati nella carrozzeria, 10 panetti di cocaina. Perquisita altresì l’abitazione dove, probabilmente, sarebbe avvenuto lo scambio della droga con il denaro e quindi da dove, probabilmente, sarebbero anche partiti gli ordini di spaccio sul territorio della provincia e non solo. Nel garage di tale immobile, sono state rinvenute e sequestrate anche alcune presse in metallo, probabilmente utilizzate per confezionare la droga. Denunciati poi in stato di libertà in concorso anche un altro albanese, proprietario dell’abitazione dove gli investigatori ritengono si sarebbe perfezionato lo scambio di droga, nonché la sua fidanzata, una giovane italiana. La posizione dei due è tuttora al vaglio della Magistratura Bergamasca.

5 – Urgnano, il ladro bloccato sul balcone è tornato subito in libertà

Non c’erano gli estremi per trattenerlo, pare. Così il 25enne ucraino autore di un tentato furto in un condominio di via Cristoforo Colombo, a Urgnano, è tornato in libertà: per lui solo una denuncia. Il giovane era stato bloccato sul terrazzo dal proprietario dell’appartamento, che ha il sistema d’allarme collegato col telefonino e che proprio in quel momento stava rincasando. Dopodiché sono intervenuti i carabinieri. Ma niente carcere.

6 – Operata la studentessa accoltellata: fuori dalla terapia intensiva

Un delicato intervento chirurgico che sembra aver risolto la situazione, almeno per ora. La studentessa 17enne di Almè, iscritta al Vittorio Emanuele di Bergamo, accoltellata alle sette di mattina di sabato scorso da un ragazzo con problemi psichici, è uscita dalla terapia intensiva. L’aggressore 25enne è in carcere, in attesa che il tribunale decida se la richiesta di perizia psichiatrica da parte della difesa abbia senso.

7 – Bocelli va a cavallo a Spirano: «Porterò in scena Donizetti»

Ama i cavalli, Andrea Bocelli. Ha passato una bella giornata pre-primaverile a Spirano, nel maneggio dell’amico Pasquale Beretta. Da lì ha annunciato il suo omaggio a Donizetti per maggio: «Porterò in scena la sua Lucia di Lammermoor a Genova poi mi concentrerò sul nuovo disco in uscita a ottobre».

8 – Da Orio si vola anche a Capo Verde

Nuove rotte dall’aeroporto di Orio verso Capo Verde. La compagnia aerea Blue Panorama ha messo in vendita cinque rotte per quest’estate, di cui una da Bergamo e quattro da Malpensa, che in precedenza venivano operate da Meridiana (ora Air Italy). Per quanto riguarda Orio si tratta di un volo settimanale (dal 16 maggio al 12 settembre) per Ilha do Sal (Isola di Sal), una delle isole dell’arcipelago di Capo Verde, al largo delle coste dell’Africa Occidentale.

 

9 MARZO

 

1 – Rubano tre trattori a Treviglio | Alla fine si ribaltano nel fosso

Da questa mattina gli agenti del Commissariato di Treviglio sono impegnati a indagare circa i furti perpetrati nella notte da una banda specializzata nella razzia di trattori e macchine agricole. In una cascina poco distante dal luogo del primo raid dopo aver infranto il vetro di una finestra i ladri sono entrati in un garage e da lì alla lavanderia cercando di rubare del materiale. Poco dopo si sono intrufolati in un capannone di una seconda cascina tra Arcene e Treviglio in cui erano ricoverati i mezzi agricoli e si sono portati via tre trattori marca Same e una gru sollevatore telescopico marca Merlo. Durante la fuga, però i malviventi hanno perso il controllo della gru sollevatore finendo all’interno di un canale utilizzato per l’irrigazione, dove lo hanno abbandonato ribaltato e danneggiato, mentre si davano alla fuga attraverso i campi con i tre trattori. A seguito dell’intervento delle volanti del Commissariato la banda ha abbandonato i trattori in via Canonica a Castel Cerreto. Prima però hanno cercato di nasconderli nella vegetazione e si sono portati via le chiavi. Tutto inutile. I veicoli dopo i rilievi effettuati da personale locale Polizia Scientifica, che ha rilevato alcuni frammenti di impronte utili alle indagini, sono stati restituiti al legittimo proprietario. I ladri per sfuggire agli agenti hanno quindi attraversato con i trattori i campi fino a raggiungere a Castel Cerreto in località Madonna di Lourdes, dove hanno percorso un tratto della pista pedonale danneggiando l’arredo urbano e panchine e abbattendo parte della recinzione. Non contenti, in via Canonica gli stessi nel probabile intento di allontanarsi hanno rubato una Peugeot 206, ma dopo circa cento metri sono stati costretti ad abbandonarla in un fondo agricolo e a proseguire a piedi.

2 – Incidente sul lavoro a Ciserano, ferito 33enne di Verdello

L’incidente sul lavoro oggi a Ciserano, in un’azienda che si occupa di materiale plastico, in via Liegi 2. Un 33enne di Verdello si trovava ad una altezza di 4 metri quando, per cause ancora da chiarire, è rimasto schiacciato dal macchinario con un braccio e parte del torace. Intervenuti, oltre all’ambulanza, anche l’elicottero del 118. È stato portato all’ospedale.

3 – Piscina di Caravaggio, il nuovo impianto resta un sogno

Caravaggio vuole una nuova piscina (e magari all’aperto), ma mancano risorse e investitori. E’ destinata a restare un sogno, almeno per il momento, la nuova piscina comunale che in tanti in città vorrebbero vedere realizzata. Se ne parla da anni, è vero, ma se i tempi non erano maturi prima figuriamoci adesso che le casse comunali devono fare i conti con limiti, paletti e risorse di molto ridimensionate.

4 – Maltempo, la sfilata di Mezza Quaresima rinviata al 18 marzo

Date le pessime previsioni meteo per il weekend del 10 e 11 marzo, il Ducato di Piazza Pontida ha reso nota la decisione di rinviare alla domenica successiva, 18 marzo, la storica e seguitissima sfilata di Mezza Quaresima per le strade del centro città. «È stata una decisione sofferta, ma domenica è prevista pioggia molto intensa» ha detto il Ducato.

5 – Davide Astori torna nella sua San Pellegrino, oggi la tumulazione

Nel tardo pomeriggio di giovedì 8 marzo, il feretro di Davide Astori è arrivato a casa, a San Pellegrino, paese in cui è cresciuto e dove ancora vivono i suoi genitori e i suoi fratelli. L’ex capitano della Fiorentina, tragicamente scomparso per un arresto cardiocircolatorio nella notte tra sabato 3 e domenica 4 marzo prima della partita contro l’Udinese, è stato salutato la mattina dell’8 marzo con un rito funebre pubblico a Firenze, nella Basilica di Santa Croce, davanti a migliaia di persone e tantissimi esponenti del calcio nazionale e internazionale. La sera dello stesso giorno, la bara è giunta nella chiesa parrocchiale di San Pellegrino, dove fino a tarda serata tantissime persone sono andate a porgere l’ultimo saluto. Oggi, venerdì 9, alle 12.30 è partita dalla stessa chiesa verso il cimitero, dove è avvenuta la tumulazione. Inizialmente la processione era prevista per le 10, ma si è deciso di cambiare orario per permette anche alla compagna di Astori, Francesca Fioretti, di essere presente.

6 – Quattro ore fermi e al gelo sul Milano-Bergamo, pendolari chiedono il rimborso

Il 7 febbraio scorso, il treno 2633 di Trenord diretto da Milano a Bergamo s’è fermato costringendo per circa quattro ore centinaia di pendolari ad attendere novità al buio e al gelo. Adiconsum, insieme ad altre associazioni di consumatori, ha reso noto di aver avviato la procedura di reclamo nei confronti di Trenord e di Regione Lombardia per chiedere il rimborso e il pagamento dei danni per la mancata assistenza ai passeggeri. Le associazioni coinvolte forniranno assistenza a quanti si trovavano su quel treno, che possono contattare l’associazione inviando una mail ad adiconsum.bergamo@cisl.it o info@assoutenti.lombardia.it o telefonando al numero 035324583.

7 – Pericoloso pluripregiudicato arrestato a Romano di Lombardia

La Guardia di Finanza di Bergamo ha arrestato, a Romano di Lombardia, un pericoloso pluripregiudicato, già condannato per attività estorsive con l’aggravante del metodo mafioso, insediato da anni nella Bassa. L’uomo, un 59enne noto alle forze dell’ordine per il suo coinvolgimento in diverse indagini sulla criminalità organizzata, è stato arrestato e tratto in carcere, per vendita di armi e munizioni clandestine. L’attività investigativa, denominata “Mauser”, è nata in seguito al rinvenimento di due armi da fuoco clandestine e di 132 proiettili di vario calibro, scovati dai finanzieri, nell’ottobre 2017, nel corso di una perquisizione nell’abitazione di un altro pluripregiudicato residente a Bergamo, poi tratto in arresto.

8 – Urgnano, vicini avvisano le forze dell’ordine e il ladro viene arrestato in casa

Un 25enne ucraino con già diversi reati alle spalle, la sera di giovedì 8 marzo è stato arrestato e denunciato per tentato furto aggravato mentre stava compiendo un colpo in un’abitazione di via Colombo a Urgnano. Le forze dell’ordine sono intervenute in seguito alla segnalazione di alcuni vicini di casa, che avevano notato movimenti sospetti nell’abitazione. Giunti sul posto, gli agenti hanno colpo il 25enne sul fatto. Quest’ultimo ha tentato la fuga disperata rompendo una finestra e ferendosi anche alla mano, ma è stato comunque fermato. Ora le forze dell’ordine stanno cercando di capire se possono essere ricondotti all’arrestato anche altri furti commessi nella zona negli ultimi mesi.

 

8 MARZO 

 

1 – Focolaio di aviaria nella Bassa. Subito abbattuti 135mila capi

I tecnici del Dipartimento di prevenzione veterinaria dell’Ats Bergamo hanno confermato un focolaio di influenza aviaria ad alta patogenicità da virus H5N8 in un allevamento di galline ovaiole da consumo a Martinengo, ma l’allarme coinvolge tutta la Bassa Bergamasca. Immediate sono scattate le operazioni di abbattimento eutanasico delle circa 95mila galline ovaiole coinvolte e di distruzione delle carcasse in una ditta specializzata della provincia di Bergamo e di pulizia e disinfezione dell’allevamento sede di focolaio. Contemporaneamente, su richiesta dai competenti Uffici della Regione Lombardia ed autorizzazione dal Ministero della Salute, sono stati abbattuti circa 40mila pulcini di tacchino in due allevamenti nelle immediate vicinanze del focolaio.

2 – Cane intrappolato su uno sperone di roccia: soccorritori in campo

Una task force in azione per salvare un cane intrappolato a Sarnico. È rimasto prigioniero per giorni su uno sperone roccioso fronte lago, ma i vigili del fuoco del Saf, il nucleo regionale Speleo alpino fluviale di Darfo Boario Terme, sono riusciti a raggiungerlo.

3 – Tumori ai polmoni, in Bergamasca 600 morti all’anno

Presentati i dati del tumore al polmone nella Bergamasca. Il fumo sarebbe la prima causa: sono circa 600 i decessi annui. «In Provincia di Bergamo – spiega Giuseppe Sampietro, Servizio Epidemiologico di Ats Bergamo – si registrano mediamente ogni anno 434 decessi tra i maschi e 181 tra le femmine».

4 – Firenze, diecimila persone in piazza per l’ultimo saluto a Davide Astori

A Firenze, nella basilica di Santa Croce, stamattina si sono svolti i funerali del capitano della Fiorentina, il bergamasco Davide Astori, morto improvvisamente domenica scorsa in uno hotel a Udine. Migliaia le persone in piazza per l’ultimo saluto. «Siamo qui a pregare per Davide, in questa basilica che l’Italia ha voluto fosse il sacrario degli uomini più illustri che l’hanno onorata, e che custodisce le virtù più alte del nostro popolo». Lo ha affermato il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, aprendo la cerimonia funebre. «Queste virtù noi riconosciamo in Davide – ha aggiunto – e per questo lo salutiamo in questo luogo». Il padre di Francesca Fioretti, compagna di Davide Astori, ha accusato un malore mentre era nella basilica: starebbe meglio e le sue condizioni non desterebbero preoccupazione. Presenti Diego e Andrea della Valle, Matteo Renzi, il sindaco Dario Nardella e il presidente del Consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani. Tantissimi i calciatori presenti: delegazioni dell’Inter, della Juventus, dell’Atalanta e di tante altre squadre di serie A e B. Oggi la salma arriva a San Pellegrino, nella chiesa parrocchiale, dove alle 20.30 si terrà un momento di preghiera. Venerdì 9 marzo alle 10 corteo dalla parrocchiale verso il cimitero, dove sarà seppellito. Per consentire a coloro che lo desiderano di portare il loro saluto d Astori, la chiesa oggi rimarrà aperta fino alle 23; riaprirà il 9 marzo alle 7.30.

5 – Possibilità per l’ex Matto Matteo: nuovo servizio online di Esselunga

L’area dell’ex Matto Matteo, abbandonata da dieci anni e ormai covo di sbandati e senzatetto, potrebbe tornare produttiva. L’ipotesi la anticipa oggi il Corriere della Sera Bergamo. A fianco dell’autostrada, a Stezzano, dovrebbe arrivare un nuovo sistema di fare la spesa firmato Esselunga, il Clicca e vai, che si prenota online o con una app. Poi ci si muove solo per andare a ritirarla, la spesa. Il servizio è già attivo da un anno a Varedo e dallo scorso novembre anche a Milano Certosa.

6 – Audi nera, presa l’auto dei ladri (e spunta il kit da scasso)

I carabinieri della stazione di Zingonia sono finalmente riusciti a «intercettare» e così a sequestrare l’autovettura, un’Audi A4 di colore scuro, associata a una banda di topi d’appartamento che da giorni sta imperversando nella Bassa. Si trovava in un parcheggio di Ciserano, abbandonata. Risulta rubata in provincia di Milano lo scorso dicembre è stata individuata dopo giorni di ricerche e segnalazioni su tutto il territorio della Pianura fatte al 112. A bordo del veicolo è stato trovato un kit per lo scasso: torce, guanti, cacciaviti, torce, radiotrasmittenti e non solo. Ora gli investigatori cercheranno di rilevare eventuali impronte, anche latenti, per poter così risalire agli utilizzatori del mezzo e degli arnesi atti allo scasso. Un importante contributo d’indagine verrà probabilmente fornito dalle telecamere di videosorveglianza distribuite nel territorio.

7 – L’ex Lupini Targhe venduta a un bergamasco per tre milioni e 400mila euro

Quei 12.740 metri quadrati di capannoni su un terreno di 21 mila in via delle Gere, a Pognano, hanno fatto gola a tre acquirenti. Alla fine, con un rialzo dalla base d’asta (di 2 milioni e 650mila euro) fino a 3 milioni e 400mila euro, l’ha spuntata un imprenditore bergamasco intenzionato a utilizzare il complesso per un’attività industriale. Ha dato disposizioni di non rivelare la propria identità, per il momento. In questo modo forse potranno trovare un nuovo posto alcuni dei 240 dipendenti della Lupini, fallita nel 2013 con tanto di crac da 60 milioni.

8 – Altro arresto per spaccio da parte della Polizia Locale nel pomeriggio di ieri in via Quarenghi

Continua il giro di vite della Polizia Locale per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti negli spazi pubblici della città: dodicesimo arresto nel pomeriggio di ieri in questo scampolo di 2018 da parte degli agenti del Comune di Bergamo. Attenzione alta ancora nell’area compresa tra il centro città e la stazione ferroviaria: dopo il fermo in via Bonomelli di martedì pomeriggio, ieri gli uomini del Comando di via Coghetti sono intervenuti in via Quarenghi fermando per detenzione ai fini dello spaccio un trentacinquenne, B.H., 35 anni, senza fissa dimora, con precedenti, sorpreso mentre vendeva hashish a un giovane. Sono stati sequestrati 45 grammi di hashish, 35 euro ed 1 telefono cellulare.

 

7 MARZO

 

1 – Corteo di tifosi fiorentini per Astori. E domani il ritorno a San Pellegrino

File di tifosi e di gente comune, uomini e donne, persone di ogni età, le sciarpe viola al collo o i fiori in mano. Oggi alle 16.30 a Coverciano è stata aperta la camera ardente del bergamasco Davide Astori, capitano della Fiorentina e difensore azzurro, morto nella sua camera d’albergo a Udine nella notte tra sabato e domenica. A rendere omaggio alla sua memoria una folla enorme di persone. E domani San Pellegrino potrà riabbracciare Davide: dopo i funerali a Firenze nella Basilica di Santa Croce, la salma verrà trasferita nella chiesa parrocchiale del centro della Val Brembana, dove alle ore 20.30 si terrà un momento di preghiera. Venerdì 9 marzo alle 10 corteo dalla parrocchiale verso il cimitero, dove sarà seppellito. Per consentire a coloro che lo desiderano di portare il loro saluto d Astori, la chiesa rimarrà aperta nella giornata di giovedì 8 fino alle ore 23 e riaprirà il 9 marzo alle 7.30.

2 – Maxi sequestro di marijuana a Comun Nuovo: 50 chili, un arrestato

Ieri sera gli uomini del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Bergamo hanno portato a termine uno dei sequestri di marijuana più ingenti di sempre, in provincia. Un uomo è arrestato  Comun Nuovo perché trovato in possesso di 50 chilogrammi di «erba». L’auto dello spacciatore è stata individuata in una zona isolata e buia del paese. I baschi verdi nel bagagliaio hanno scovato l’ingente quantitativo di sostanza stupefacente, nascosta in sacchi neri. L’uomo, italiano, di origine meridionale e residente fuori provincia, riforniva l’intera zona della Bassa Bergamasca.

3 – «Compra in negozio» per la Festa della Donna: fioristi contro l’abusivismo

Il gruppo Fioristi di Ascom Bergamo rinnova il suo impegno nel contrastare l’abusivismo e ripropone anche quest’anno la campagna «Compra i fiori in negozio». Lo slogan mette a confronto i maestri del fiore con la loro professionalità e i venditori abusivi «portatori» di evasione «e collaboratori del racket» e pone la domanda: «Tu chi scegli?». La locandina della campagna è stata distribuita ai fioristi associati e compare in numerose vetrine della città e della provincia. «Come ogni anno, con l’arrivo in particolare della Festa della donna e della mamma si moltiplicano le vendite abusive di fiori e piante nelle strada e nelle piazze – spiega Adriano Vacchelli, presidente del gruppo – È un fenomeno che si acuisce sempre di più ed oggi, a causa del perdurare della crisi, la nostra categoria è in grave difficoltà e tanti piccoli negozi, che illuminano i centri storici, sono costretti a chiudere. Certamente chi vende abusivamente fiori in strada è vittima e colpevole involontario del racket, ma l’illegalità e le sue conseguenze ricadono su tutti. Non si parla solo di sfruttamento ma anche di evasione di imposte e tasse». Per rafforzare la lotta all’abusivismo, il Gruppo Fioristi ha rivolto un invito anche alle amministrazioni e alle forze dell’ordine locali perché aumentino i controlli e intensifichino le azioni a contrasto del fenomeno.

4 – Nembro, il caso delle mail spiate. Impiegata condannata a tre anni

Spiava e divulgava mail di colleghi e amministratori del Comune di Nembro. Una dipendente «infedele», impiegata, è stata condannata a tre anni e un mese, a fronte di una richiesta di 15 mesi con la condizionale. Una pena pesante per «fatti gravi» nei confronti di G.T., 53 anni, di Ranica. La donna, attualmente in servizio alla biblioteca comunale, è stata anche condannata alla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni (provvedimento che sarò effettivo solo in caso di conferma della Cassazione). Dovrà pagare anche 113mila euro. Si sarebbe introdotta abusivamente nel sistema informatico. Una sua ammissione parziale c’era stata: la donna aveva spiegando che l’aveva fatto per raccogliere elementi per la causa che ha intentato davanti al giudice del lavoro contro il Comune, che la donna accusa di mobbing e demansionamento.

5 – Senza reddito ma con 60mila euro in valigia, denunciato

La Guardia di Finanza, in stretta collaborazione con la locale Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha intensificato l’attività investigativa sui flussi di capitali non dichiarati dai passeggeri in transito presso l’aeroporto di Orio al Serio, sulla scorta di specifiche indicazioni operative contenute in recenti circolari del Comando Generale del Corpo. I risultati lo testimoniano. Nello scorso fine settimana, sono stati intercettati 60 mila euro nascosti nel bagaglio di un passeggero ghanese in partenza per Atene. Gli immediati accertamenti alle banche dati in uso ai finanzieri hanno permesso di verificare che l’uomo, residente da tempo in Italia, non presentava dichiarazioni dei redditi dal 2013 e non era in grado di fornire una valida giustificazione sulla provenienza del grosso importo di denaro contante nascosto nel suo bagaglio. L’intera somma è stata così sequestrata per l’ipotesi di autoriciclaggio e il viaggiatore denunciato alla locale Procura della Repubblica.

6 – Fermato un 22enne senza fissa dimora con 37 minidosi di marijuana

Undici arresti in poco più di 2 mesi da parte della Polizia Locale nell’area sensibile dello spaccio di sostanze stupefacenti in città: dopo un 2017 record per quello che riguarda gli arresti (ben 28) da parte del Comando di via Coghetti, continua ad essere alta l’attenzione sulla sicurezza tanto che il numero di arresti sta già avvicinando quello dell’intero 2016 (quando furono 14). Ieri pomeriggio, intorno alle ore 16.30 circa, all’altezza del civico 13 di Via Bonomelli, gli agenti del Comune di Bergamo, durante il normale e routinario controllo della zona, hanno notato due persone sospette. Non appena hanno visto gli agenti, i due individui sono fuggiti: uno di loro ha cercato di sbarazzarsi di una bottiglietta di plastica. Nella bottiglietta c’erano ben 37 piccole confezioni di marijuana in custodie di cellophane, in tutto oltre 60 grammi di marijuana. La Polizia Locale ha raggiunto e arrestato l’uomo, O.E., un 22enne con precedenti e senza fissa dimora. Gl sono stati sequestrati anche 20 euro e due telefoni cellulari. Rilasciato invece dopo gli accertamenti del caso l’altro individuo.

7 – Cividate: fuori strada con l’Ape, ferito un 77enne

Stava percorrendo via Romano, in direzione di Cortenuova, quando all’improvviso ha perso il controllo della sua Ape, pare a causa di un tamponamento ed è finito contro una Lancia che proveniva dal senso opposto. È stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Chiari B.M, classe 1941, la vittima dell’incidente avvenuto questa mattina lungo la strada che collega Cividate a Cortenuova e Romano. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente. L’uomo risiede a Cividate. Di certo nello schianto contro l’auto l’Ape ha avuto la peggio ed è finita fuori strada in un piccolo fossato. Sul posto un’ambulanza della Croce rossa di Romano, con i vigili del fuoco volontari di Romano e la Polizia locale di Cividate. Avrebbe riportato dei gravi traumi alla schiena. È stato trasportato in ospedale in codice giallo.

8 – I 4 ristoranti di Alessandro Borghese: vince l’Ambulatori gastronomico

È andata in onda ieri la puntata di 4 ristoranti di Alessandro Borghese dedicata a Bergamo. A vincere, grazie ai giudizi dei colleghi, l’Ambulatorio gastronomico dei fratelli Benigni – Andrea ai fornelli e Paolo in sala – che in via San Tomaso, nei pressi dell’Accademia Carrara, propongono una cucina innovativa, fatta di tante influenze internazionali. Concordi i titolari degli altri tre ristoranti chiamati in causa: Lalimentari di Paolo e Simona Chiari, a luglio in via Tassis ma oggi trasferito in Piazza Vecchia; La Tana dei fratelli Roberto e Alessandro Rodeschini, in via San Lorenzo; l’Osteria Tre Gobbi di via Broseta, guidata da Marco Ceruti e Marco Carminati. Il voto di Borghese non ha ribaltato il risultato, come avvenuto altre volte, ma neppure l’ha confermato: il superbonus, lo chef, l’ha dato a Lalimentari.

 

6 MARZO

 

1 – Primo senatore di colore d’Italia. È Toni Iwobi, leghista di Spirano

Se è vero che la Lega ha fatto il botto, la sezione del Carroccio spiranese con i suoi Giovanni Malanchini e Toni Iwobi, ha proprio fatto l’en plein. È un risultato storico in particolare quello che vede protagonista il candidato leghista al Senato, Toni Iwobi, 60 anni e imprenditore informatico, di origini nigeriane, che da poche ore è divenuto il primo senatore di colore della Repubblica italiana. Seppure il militi da oltre 20 anni nella Lega, in molti sono rimasti incuriositi dal fatto che un africano sia convinto sostenitore del Carroccio, le cui opinioni in tema di immigrazione non sono certo un mistero. Eppure è stato lo stesso segretario federale Matteo Salvini, nel 2014, a nominarlo responsabile del Dipartimento per la sicurezza e l’immigrazione per il partito di via Bellerio. «Quando ho appreso la notizia di essere diventato senatore sono rimasto molto sorpreso – ha dichiarato emozionato il neo senatore Iwobi –. Subito dopo però ho avvertito una grande responsabilità e penso che dovrò prepararmi mentalmente a questa nuova e importante carica». E a chi gli chiede quali saranno gli obiettivi che perseguirà all’interno di Palazzo Madama, Iwobi risponde senza esitazioni: «Al momento ho un unico obiettivo, ed è quello di dedicare anima e corpo al mio territorio, alle persone che mi hanno dato fiducia e che sono state fondamentali al coronamento di questo sogno, diventato realtà. Io appartengo a questa terra», ha aggiunto. Dopo un quarto di secolo speso all’interno di quella che ormai lui stesso definisce «la famiglia della Lega», Iwobi ha dichiarato: «I miei ringraziamenti vanno a Matteo Salvini, che ha portato la Lega a diventare la prima forza di centrodestra del Paese, il mio segretario nazionale Paolo Grimoldi, il mio ormai ex segretario provinciale e nuovo deputato Daniele Belotti, tutta la squadra del dipartimento per il lavoro svolto in questi anni, i militanti della grande Lega e tutti gli amici per il loro sostegno – e ha concluso – Non posso dimenticare poi la mia famiglia, senza di loro non sarei arrivato fino a qui oggi, perché non hanno mai smesso di supportarmi e di starmi vicino».

2 – Frode fiscale da 25 milioni di euro, arrestati commercialista e clienti

False fatture e crediti inesistenti per 25 milioni di euro. Maxi operazione della Guardia di Finanza a Gallarate con 17 indagati, due direttamente in carcere, due ai domiciliari. La Procura ha ottenuto anche il sequestro di beni per due milioni di euro tra Varese, Bergamo e Brescia: sono stati coinvolti anche imprenditori della nostra provincia, infatti. L’operazione è stata chiamata Factotum, perché il commercialista gestiva l’intera trafila, nei diversi passaggi, per conto dei clienti, che comunque erano consapevoli – secondo gli elementi raccolti – delle operazioni illecite compiute.

3 – Rinnovate quasi duemila tessere elettorali tra sabato e domenica

Sono state 2.688, in totale: è il dato record di tessere elettorali rinnovate in un’unica settimana negli uffici elettorali del Comune di Bergamo. Uffici che hanno registrato un superlavoro in occasione della tornata elettorale dello scorso fine settimana, rimanendo aperti in orario continuato e garantendo fino a 8 sportelli aperti nelle giornate di sabato e domenica. E proprio nel fine settimana l’affluenza a Palazzo Uffici è stata davvero straordinaria: quasi 1900 tessere elettorali sono state rinnovate o rilasciate, 497 sabato e ben 1378 domenica. Insomma, i cittadini che all’ultimo minuto si sono accorti di non avere o di aver completato la propria tessera elettorale hanno causato code – soprattutto in mattinata – allo sportello di Piazza Matteotti. Per questo motivo i servizi demografici del Comune di Bergamo hanno risposto impiegando tutti gli operatori disponibili, in modo da ridurre il più possibile i tempi di attesa e garantire almeno sette sportelli aperti lungo tutto l’arco della giornata.

4 – Un incendio alle torri di Zingonia. Viene evacuato l’intero palazzo

Un incendio alle torri di Zingonia, stanotte, ha reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco che hanno evacuato l’intero palazzo. Ieri sera sul tardi una colonna di fumo nero ha iniziato a levarsi dal tetto della torre Anna 2. Un appartamento al 7° piano, occupato da abusivi, è andato a fuoco per cause ancora da chiarire. In quel momento in casa non c’era nessuno, forse a causare l’incendio la stufa lasciata accesa. Sul posto due camion dei vigili del fuoco. I pompieri hanno subito fatto evacuare tutto il palazzo. Poi sono riusciti a domare le fiamme e le persone sono rientrate in casa.

5 – Bomba sotto l’auto di un professore del serale al Quarenghi

Sgomento per quanto accaduto lunedì sera verso le 23 nel parcheggio dell’istituto per geometri Quarenghi, in via Europa (traversa di via Gavazzeni). Un ordigno è stato fatto esplodere sotto l’auto di un professore del serale. Nessun ferito ma solo danni alla vettura. In quel momento il docente era in classe: si tratta di un siciliano residente a Bergamo. Sul caso indaga la questura cittadina. Pare che l’ordigno consistesse in una bomba carta con dinamite.

6 – Scappa dopo il furto ad Albino, giovane muore in un canale

Aveva appena rubato un cellulare a un coetaneo e stava cercando di scappare da un gruppetto di inseguitori. Quando ormai avevano desistito, la tragedia: un 24enne marocchino, senza fissa dimora, è caduto in un canale ed è morto sul colpo. Il cadavere è stato trovato ieri sera dai vigili del fuoco lungo la ciclabile del Serio, ad Albino.

7 – Furto all’oratorio di Piario, svuotata la cassa

Un furto nella notte tra lunedì 5 e martedì 6 marzo all’oratorio di Piario, in Alta Val Seriana. Dopo aver rotto una finestra e due porte, i malviventi si sono introdotti nella struttura con l’obbiettivo chiaro di scassinare la cassaforte, che conteneva centinaia di euro. A dare l’allarme è stato il Parroco, che ha notato una luce accesa all’interno del bar verso la mezzanotte. Sul caso stanno indagando i Carabinieri di Clusone.

8 – Un milione e mezzo per la riasfaltatura in città: in estate mano al rondò delle Valli

L’intervento è necessario, e ne gioverà la sicurezza. Però saranno inevitabili i disagi per la serie di interventi di riasfaltatura messi in conto dal Comune di Bergamo, che ha stanziato 1,5 milioni per 30 mila metri quadrati di superficie. L’intervento clou sarà sulla circonvallazione, perché bisogna mettere mano al rondò delle Valli, snodo decisivo della viabilità bergamasca. I lavori in estate.

 

5 MARZO 

 

1 – I 4 ristoranti bergamaschi in tv. Domani la sfida in onda su Sky

Se ne parla da mesi, della sfida tra ristoranti bergamaschi all’interno del programma condotto da Alessandro Borghese, 4 ristoranti. È finalmente domani sera, martedì 6 marzo, alle 21.10, la puntata girata nel luglio scorsa andrà in onda su Sky 1, poi in replica successivamente in chiaro su Tv8. Sul ring Lalimentari, La Tana, l’Ambulatorio gastronomico e la Trattoria dei Tre Gobbi, a contendersi la palma del vincitore a suon di menù, servizio e conto. Ma l’ultima parola spetta allo chef-conduttore, come è noto.

2 – La ministra Valeria Fedeli di Treviglio silurata a Pisa

L’anno scorso aveva (di nuovo) riportato Treviglio agli onori delle cronache nazionali per via dello scandalo sulla sua laurea mai ottenuta. Ora la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, nata a Treviglio, è rimasta fuori dal Parlamento. L’ex sindacalista entrata nel Partito democratico e divenuta titolare dell’Istruzione era candidata all’uninominale di Pisa per il Pd. Un collegio considerato sicuro, che invece è stato conquistato a sorpresa dal centrodestra, che candidava  Rosellina Sbrana. Il Pd si è fermato al 28,85%, la coalizione al 30%. Il centro destra invece è arrivato al 32,75%, con la Lega Nord al 19,4%.

3 – La corsa di Brembo è senza freni: crescono utili e fatturato

Il Gruppo Brembo continua a battere nuovi record. Nel 2017 l’utile netto è arrivato a quota 263,4 milioni (più 9,5%). I ricavi netti consolidati ammontano a 2.463,6 milioni di euro, in aumento dell’8,1% rispetto al 2016. La società è di gran lunga quella con il più alto fatturato della provincia di Bergamo.

4 – Monossido killer uccide pensionato. Al figlio: «Ciao Luca, sto morendo»

Monossido killer uccide un pensionato a Pontirolo. Il 79enne aveva tolto gli sportelli della vecchia stufa a legna e si è addormentato, lo ha ritrovato il figlio ma ormai era troppo tardi. Ha tentato l’impossibile per salvarlo, ma gli è morto davanti agli occhi. È morto così sabato sera Ferdinando Vagni, ex agricoltore residente al civico 3 di via Cà Arcene. Stando a quanto emerso, l’uomo avrebbe respirato per circa due ore il gas proveniente da una stufa  lasciata aperta durante la notte. Sono bastate due ore per ucciderlo. Dopo aver passato la serata in salotto, era andato a dormire, e solo i suoi colpi di tosse hanno svegliato uno dei due figli che vivono con lui, Luca, ma non c’è stato nulla da fare. «Ha lasciato spegnere il fuoco ma ha tolto gli sportelli della stufa prima di coricarsi»,  ha raccontato con gli occhi lucidi l’uomo, ancora sconvolto. «Io dormo nella stanza accanto e intorno alle 23.15 ho sentito dei colpi di tosse, così mi sono alzato a vedere se  stesse male. Ma appena ho aperto la porta mi è arrivato come un pugno in faccia: il monossido aveva invaso la casa e sono svenuto». Ripresosi dal malore, il figlio si è trascinato in ginocchio ad aprire la porta d’ingresso della casa in modo da far uscire il gas, poi ha prestato soccorso al padre. «Stava male, chiudeva gli occhi e non riusciva a respirare», ha raccontato. “In due minuti è morto… Se non mi fossi alzato saremmo morti anche io e mio fratello… per fortuna le porte delle nostre camere erano chiuse. Ha fatto tre sospiri e mi ha detto ‘Mettimi sul divano, sto morendo… Luca ciao». Luca ha tentato il tutto per tutto per salvare il padre, ma non c’è stato nulla da fare. «Gli ho praticato il massaggio cardiaco e fatto la respirazione bocca a bocca, ma non è servito, aveva respirato troppo gas. Mi è preso il panico e non sono riuscito nemmeno a telefonare a mia sorella che vive a un chilometro da qui, così ho inforcato la bicicletta e sono andato da lei». Una volta raggiunta, la sorella ha immediatamente avvertito il 118 e sul posto sono arrivate un’autoambulanza e una squadra di pompieri. «Ormai papà era morto. Se ci penso impazzisco… Se non avesse tolto gli sportelli sarebbe ancora vivo, anche se soffriva di cuore stava bene. La mamma è mancata tre anni fa, anche allora l’aveva trovata io, a terra, stroncata da un infarto… Ora il papà. Mio fratello è disabile e adesso tutto dipende solo da me”.

5 – «Chiamami col tuo nome», girato nella Bergamasca, vince l’Oscar

Questa notte alla fine è arrivata l’Oscar per Chiamami col tuo nome, girato nel Cremasco e in parte nella Bergamaca.  Il film del regista italiano Luca Guadagnino era candidato in quattro categorie. Miglior film, migliore attore protagonista, miglior canzone e migliore sceneggiatura non originale. L’ultima categoria è andata bene. A ritirare il premio lo sceneggiatore James Ivory, 90 anni, che ha trasformato in un film il romanzo omonimo di Andrè Aciman. Tema del romanzo, e del film, un amore omosessuale vissuto nell’Italia degli anni ’80.

6 – I parcheggi fanno bene alle casse . Nel 2017 gettito da 900mila euro

La previsione era di incassare nel 2017 650mila euro dai parcheggi a pagamento in città. Invece Palazzo Frizzoni si ritrova con 250mila euro in più: un totale di 900mila euro, in sostanza, dai parcheggi blu (e da quelli gialli per i residenti, visto che ora si paga una quota annuale). Decisiva la sosta straordinaria degli avventori del centro per lo shopping natalizio, visto che dicembre ha dato una spinta in più al totale.

7 – Il maltempo non ferma Creattiva: 47mila presenze

Altro che Caterpillar e spazzaneve: le donne che hanno un hobby da coltivare alla fiera delle arti manuali più famosa d’Italia, Creattiva, sono più forti della neve. Sessanta i pullman arrivati alla Fiera di Bergamo per mettersi all’opera su ricami, bigiotteria, decoupage, e tutto quanto può nascere dall’inventiva. Lieve flessione di presenze solo il giovedì e il venerdì, ma sabato e domenica il gap è stato recuperato. Totale: 47mila presenza.

8 – Il Comune cerca soggetti per un Centro prima infanzia nel Parco del Galgario

Il Comune di Bergamo cerca soggetti per avviare un Centro prima infanzia e gestire lo spazio gioco all’interno della casetta nel parco del Galgario: l’Amministrazione comunale ha quindi pubblicato un avviso pubblico sul proprio sito web per raccogliere l’interesse di associazioni ed enti, che potranno presentare domanda entro le ore 12 del prossimo 30 marzo. Il progetto deve puntare anche a costruire condizioni per il coinvolgimento di realtà aggregative di genitori stimolando il protagonismo e l’autorganizzazione e il mutuo aiuto nella gestione degli spazi. Sarà necessario presentare un piano economico che evidenzi capacità di autofinanziamento nell’ambito della prospettiva temporale di durata del contratto.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.