Notizie su Bergamo e provincia
(19-24 dicembre 2016)

24 DICEMBRE

 

1 – Oriocenter, crolla controsoffitto. Attimi di panico, nessun ferito

Caduta una parte del controsoffitto, dietro una scala mobile, con un forte boato. Stamattina, in un Oriocenter affollato, il crollo ha generato un po’ di panico. Anche perché alla vigilia di Natale il centro era affollatissimo. Il cedimento si è verificato nell’area interessata dai lavori di ampliamento che porteranno ulteriori settantacinque nuove attività, un cinema da 14 sale, spazi per mostre e spettacoli.

2 – Gandi «beccato» in divieto di sosta. «Cosa devo dire? Sbaglio anch’io»

Le violazioni al codice della strada generano insicurezza, aveva dichiarato quando Palazzo Frizzoni inaugurò la pratica del vigile direttamente sul carro attrezzi. Ma ieri il vicesindaco Sergio Gandi il codice quel codice l’ha infranto, seppure in maniera non grave: ha lasciato l’auto in divieto di sosta, una Fiat Bravo, nella parte bassa di via Locatelli per 24 minuti mentre faceva una commissione. Lo fanno in tanti. Però lì si affaccia la redazione del Corriere della Sera Bergamo e Gandi ha dovuto fare una dichiarazione: «Motivi di negare non ne ho proprio, cosa devo dire? Ho sbagliato. Ho tempi contingentati e sbaglio anche io, dovevo fare una commissione con una certa fretta e mi sono fermato lì. Capita a tanti, è capitato anche a me. Pagherò la multa, se arriverà, come faccio sempre».

3 – Ci cerca il dna del killer. Daniela ha cercato di difendersi

C’era volontà di uccidere. Altro che rapina finita male. Questo dice l’autopsia eseguita sul corpo di Daniela Roveri, 48 anni, uccisa martedì sera nell’androne del suo palazzo a Colognola. Pare che la vittima abbia cercato di difendersi: oltre al taglio netto alla gola c’è n’è uno piccolo su una mano. Gli inquirenti sono ora alla ricerca del dna del killer: sul corpo della donna uccisa e sulla scena del delitto sono stati prelevati diversi campioni di materiale biologico.

4 – Il punto nascita di Piario verso la deroga

Una battaglia è stata vinta, non la guerra. Però ci sono buoni segnali perché si finisca verso una deroga della chiusura del punto nascita dell’ospedale di Piario e delle altre quattro strutture a rischio in Lombardia. Il governatore Maroni ha incontrato il ministro della Salute Lorenzin, e un altro incontro dovrebbe tenersi a metà gennaio.

5 – Stezzano, gli impianti sportivi rinascono in primavera

I lavori dovrebbero partiranno solo in primavera. Ma per gli impianti sportivi di Stezzano è stato deciso il da farsi, che è più importante, ieri sera. Il Consiglio comunale ha infatti affidato alla società Piscina comunale srl – che è partecipata dal Comune di Stezzano, che da settembre 2014 gestisce il centro natatorio Acqualife – la gestione anche degli impianti sportivi comunali di via Isonzo per il 2017-2020.

6 – Pensionato blocca il ladro e lo consegna ai carabinieri

Hanno acciuffato il ladro per i piedi. Roberto Donadoni, pensionato, ha visto due ladri salire sul balcone del figlio Paolo, arrampicandosi sul tubo della grondaia. Aiutato dal nipote, è sceso in giardino ed è riuscito a bloccare uno dei due malviventi, prendendolo letteralmente per i piedi. Nell’operazione si è rotto una costola. Poi sono stati chiamati i carabinieri di Zogno, che hanno portato il ladro in caserma.

 

23 DICEMBRE

 

1 – Bergamo in piazza per Capodanno. Musica e grande show in centro

Il Comune di Bergamo, con la collaborazione di Radio Number One, offre alla città un Capodanno in piazza pieno di musica, divertimento e ospiti importanti. Dalle 19 fino alle 2 si festeggia il nuovo anno con uno show che spazia dal piano solo al concerto di Grido, dei Gemelli DiVersi, dall’intrattenimento di Radio Number One alle performance acrobatiche e show luminosi. Gli ospiti della serata saranno Davide Locatelli, finalista al talent show di Rete 4 tu si que vales, che presenta il suo show La Vie en Rock. Madrina della serata sarà Luana Vollero, volto noto di TeleArena, autrice, speaker e conduttrice televisiva, che avrà il compito di accompagnare il pubblico nei numerosi momenti di spettacolo e farà da trait-d’union per tutti gli show.

2 – Prevendite boom per la prosa, più repliche al Donizetti

Più di 4mila abbonamenti vendita, con una crescita del 6 per cento rispetto allo anno scorso. E tanti biglietti singoli già prenotati. La stagione di prosa al Teatro Donizetti va forte. Tant’è che la direzione ha provveduto ad accrescere di una replica gli spettacoli No Human, sabato 14 gennaio alle ore 15,30, e Il Berretto a sonagli, sabato 18 marzo alle ore 15,30. Una replica in più anche per lo spettacolo di Altri Percorsi Furiosa Mente di Lucilla Giagnoni, che sarà ospite del Teatro Sociale mercoledì 19 e giovedì 20 aprile, anziché solo il 20 come inizialmente annunciato.

3 – Celadina, 600 firme contro il gattile: i residenti si lamentano degli odori

La nuova sede, tra Celadina e Boccaleone, è stata inaugurata solo poche settimane fa. Parliamo del gattile di via Rodegher. Ma i residenti, in particolare un musicista che abita accanto al rifugio gestito dall’Enpa (Ente nazionale protezione animali), lamentano una puzza insopportabile. Ora c’è anche una raccolta firme: 684 quelle raccolte. «Ero al corrente delle lamentele di una sola persona – replica Leyla Ciagà, assessore all’Ambiente -, ma non sapevo della raccolta firme. Ci coordineremo con gli uffici comunali per fare tutte le verifiche del caso nelle prossime settimane».

4 – Buttafuori armato di taser elettrico. Denunciato dopo una lite a Cologno

Trovato in possesso di un taser, un dissuasore elettrico, è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Urgnano a Cologno al Serio. Italiano, 46 anni, di professione addetto alla sicurezza in un locale notturno, dopo aver litigato con un cliente ha estratto l’arma impropria minacciandolo, ma senza usarla. Il taser è stato sequestrato.

5 – Dal Sentierone alla stazione in bicicletta grazie a una nuova pista ciclabile

image-1482488019471

Una nuova pista ciclabile collegherà il Sentierone alla stazione ferroviaria di Bergamo: nell’estate 2017 saranno realizzati i 505 metri (al costo di 71mila euro) del nuovo percorso ciclo-pedonale che dal Teatro Donizetti permetterà di collegarsi a piazzale Alpini e al tratto ciclo-pedonale di via Angelo Mai snodandosi tra via Galliccioli e via Taramelli (che diverrà senso unico in direzione via Angelo Mai). «Dal Teatro Donizetti sarà possibile innestarsi sulla ciclabile esistente in via Angelo Mai – spiega l’assessore alla mobilità Stefano Zenoni – e, unitamente al tratto che verrà realizzato in via Fantoni il prossimo anno, ci si connette dal centro della città direttamente alla Tram&Bike che da Borgo Palazzo consente di giungere in via Bianzana da lì al quartiere di Redona. Non solo: grazie al nuovo tratto realizziamo un collegamento tra piazzale Alpini stazione e centro città (dove storicamente è più difficile fare collegamenti di questo tipo) alternativo all’asse di viale Papa Giovanni XXIII».

6 – Scritta islamica e velo nero sul monumento dedicato a Donizetti

Una provocazione politica. Probabilmente destinata a chi si fa fautore del dialogo con le comunità musulmane sul territorio. Ignoti nella notte hanno sistemato sul monumento dedicato a Gaetano Donizetti un cartello con la scritta «Islam in Europa 2050», più un velo nero sopra la statua che raffigura la «musa del canto». Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale e la Digos.

7 – Incidente all’alba a Cividate, tre feriti di cui uno grave

Intorno alle 4 di stamattina un’auto con a bordo tre giovani di 19, 21 e 34 anni si è schiantata contro un muretto in via Guglielmo Marconi, Cividate al Piano, non lontano dall’ufficio postale del paese. Tempestivi soccorsi dei medici del 118, con tre ambulanze e un’auto medica. Uno dei tre è stato trasportato in codice rosso al Papa Giovanni di Bergamo. Feriti meno gravi per gli altri due, ricoverati agli ospedali di Chiari e di Romano di Lombardia.

8 – Tassa d’imbarco dell’aeroporto, ai Comuni la metà del dovuto

Orio fa ricorso. Perché nonostante i fondi siano triplicati, la quota della tassa d’imbarco dell’aeroporto girata ai Comuni interessati è la metà di quanto pattuito. Sono arrivati 273 mila euro a Orio al Serio, 60 mila a Seriate, 48 mila a Grassobbio e poco più di tremila euro a Bergamo. Dovevano essere il doppio, ed è dal 2005 che il ministero accumula arretrati sui rimborsi.

 

22 DICEMBRE

 

1 – Schiacciato da un muletto in aeroporto. Facchino bergamasco muore a Torino

Tragico incidente sul lavoro oggi pomeriggio all’aeroporto di Torino. Un uomo di 52 anni della Val Seriana, dipendente della cooperativa bergamasca Alpina Service (che si occupa di movimentazione e gestione magazzini), è morto schiacciato da un muletto che stava scaricando da una bisarca nel parcheggio adiacente al magazzino merci. Inutili i tentativi dei medici del 118 di rianimarlo. Da una prima ricostruzione, sembra che il muletto si sia ribaltato, non lasciando via di scampo all’uomo.

2 – Atalanta e Cristiano Doni prosciolti per il pareggio di Crotone

Tutti prosciolti gli imputati per illecito sportivo del match Crotone-Atalanta terminata 2-2 nell’aprile del 2011. Ovvero Cristiano Doni, l’Atalanta, Nicola Santoni e Gianfranco Parlato. Chiare le parole del Tribunale Federale, secondo cui «il deferimento appare carente della necessaria serie organica di elementi, e indizi gravi, precisi e concordanti, aventi una loro congruità oggettiva e generale, che consenta al giudicante di raggiungere il sereno convincimento in merito all’effettiva realizzazione di una combine, intesa quale accordo finalizzato all’alterazione dello svolgimento o del risultato di una partita».

3 – Al Parco della trucca un padiglione permanente a forma di lente

Selezionato il progetto preliminare vincitore per la realizzazione di un padiglione permanente all’interno del Parco della Trucca: è quello del gruppo capitanato dal giovane architetto Matteo Battistini, classe 1981, di Cesena. Il progetto di Battistini è stato selezionato come migliore in una rosa di ben 51 proposte pervenute e ha totalizzato 86,2 punti sui 100 previsti dal bando di concorso indetto dal Comune di Bergamo attraverso la piattaforma web concorrimi. Secondo si è classificato il progetto dell’architetto bergamasco Pietro Valicenti, terzo quello del gruppo di Matteo Casari di Treviglio. La struttura di 300mq sarà in legno e acciaio, con una grande pensilina esterna, dove sarà possibile svolgere varie attività. Il risultato è una struttura a forma di lente, che si apre ad abbracciare il parco, ingloba l’alberatura già esistente e crea una alternanza interno/esterno. A differenza degli altri parchi cittadini, vi sarà una gestione unica della struttura e del parco. Il costo di realizzazione è di 360 mila euro: sarà avviato dal Comune di Bergamo un bando rivolto agli operatori commerciali entro l’estate 2017 per la sua costruzione e la successiva gestione.

4 – Esplode una centralina dell’Enel. Paura e black-out di un’ora a Lallio

Un forte boato ieri sera verso le 22 a Lallio. Poi un black-out durato un’ora. Motivo: è esplosa una centralina Enel posizionata in via San Bernardino, per cause ancora in fase di accertamento. çe vie sono rimaste al buio. Immediato l’intervento dei i vigili del fuoco con una squadra partita da Dalmine. Nessun ferito, fortunatamente. Dopo l’intervento dei tecnici sulla centralina danneggiata, la corrente è tornata attorno alle 23.15 facendo rientrare l’allarme.

5 – Luminarie e giochi senza certificati: 3mila articoli sequestrati

Succede ogni dicembre, perché le normative sulla sicurezza di giocattoli e luminarie non tutti le rispettano. La Guardia di Finanza lo sa bene: nei giorni scorsi la Compagnia di Treviglio ha effettuato dei controlli finalizzati a verificare il rispetto della legge vigente in materia di sicurezza dei prodotti. Gli interventi hanno permesso di rinvenire e sequestrare circa 3mila articoli tra accessori per la telefonia (soprattutto cover per cellulari), giocattoli, luminarie natalizie e prodotti elettronici, risultati sprovvisti delle prescritte indicazioni e provvisti di informazioni non in lingua italiana. I titolari delle attività commerciali coinvolte, un negozio del comune di Osio Sotto e un ambulante con posteggio all’interno di un centro commerciale della Bassa Bergamasca, sono stati segnalati alla Camera di Commercio di Bergamo: saranno sanzionati.

6 – Gorle, vandali in azione nelle vie Donizetti e Martinella

Altro raid vandalico nella notte tra martedì e mercoledì a Gorle, nelle vie Donizetti e Martinella. Sono state danneggiate quattro auto, parcheggiate in parcheggi pubblici a pochi passi dal parco dei Caduti e dalla struttura dell’ex Polveriera. Sono stati rotti i finestrini con degli oggetti pesanti per rovistare all’interno alla ricerca di oggetti di un qualche valore, o denaro.

7 – Incidente all’uscita dell’A4 a Dalmine: traffico in tilt

Incidente ieri sera verso le 17.30 all’uscita dell’autostrada A4, casello di Dalmine. Un tir slovacco si è scontrato con un’auto e ha completamente bloccando il traffico nella zona, con pesanti ripercussioni anche sull’ex statale 470. L’occupante dell’auto avrebbe abbandonato la sua vettura, rallentando notevolmente le operazioni di sgombero.

8 – Chiude la storica edicola di via Tasso

Le vendite di giornali sono in calo, ma in realtà non è questo il motivo per cui la storica edicola di via Tasso chiude dal 28 dicembre. Il chiosco è stato gestito fin dal 1978 da Giuseppina Fiorenti, alla quale nel 1995 si è affiancata la sorella Elisabetta, che ha portato avanti l’attività fino ad oggi. Ora però vuole dedicarsi alla famiglia. Al nipotino, in particolare. Approfittando dell’indennizzo destinato ai commercianti che decidono di cessare l’attività, che le permetterà di arrivare alla pensione.

 

21 DICEMBRE

 

1 – Migliaia di Pacchi da Amazon. Poste bergamasche in difficoltà

È caos Amazon alle poste di Bergamo e provincia. Il contratto con il colosso del commercio elettronico rischia di mettere in ginocchio l’organizzazione della distribuzione della corrispondenza. Nel giro di pochi giorni, infatti, gli uffici postali della bergamasca sono stati letteralmente presi d’assalto dai regali acquistati on line. Solo oggi (mercoledì) 1400 a Bergamo, più di mille a Clusone, 680 a Ponte san Pietro; 180 a Sarnico, 700 a Treviglio, 450 a Dalmine, altre migliaia a pioggia su ogni ufficio, già provato dalla distribuzione a giorni alterni, dall’avvio delle ferie del personale e dalla mancata sostituzione dei portalettere assenti.

2 – Nuovo incidente nella galleria Montenegrone: chiusa

Un altro frontale nella galleria Montenegrone, che è stata chiusa nell’ora di punta, stasera verso le 18. Inevitabili le ripercussioni sul traffico: lunghe code si sono create in uscita dalla città verso Seriate e Pedrengo. Paralisi in Valle Seriana.

3 – Città Alta si accende di candele: solidarietà ad Aleppo

Manifestazione davanti al Comune, venerdì alle 17.30, e Città Alta accesa di candele sabato sera dalle 19 alle 19.30. Bergamo esprime così il proprio dolore per una strage, quella di Aleppo, che sembra non avere fine. Con tantissime morti tra i civili. L’annuncio lo ha dato il sindaco Giorgio Gori sui social.

4 – Struttura fissa al parco della Trucca: ecco chi si occuperà del progetto

Se ne parla da anni: il parco della Trucca, per bellezza, grandezza e frequentazione, merita una struttura fissa. Che possa ospitare bar e ristorazione, chiaro, ma anche altri tipi di attività. Associative, ludiche, culturali, ad esempio. Domani pomeriggio alle ore 15, nella sala Cutuli di Palazzo Frizzoni, avrà luogo la presentazione del progetto vincitore del bando di progettazione del padiglione all’interno dell’area verde. Sperando che poi i lavori possano procedere il più speditamente possibile.

5 – Dentista rapinato all’uscita dal suo studio a Osio Sotto

Lo hanno aspettato in due fuori dal suo studio per derubarlo. Brutta avventura per un dentista di Osio Sotto: i malviventi, a volto coperto, lo hanno minacciato e si sono fatti consegnare orologio e denaro in contanti. La rapina risale alla serata di lunedì. Il bottino, in totale, ammonterebbe a circa 700 euro.

6 – Qualità della ricerca scientifica, l’università fa un balzo in avanti

Ottime notizie per l’Università di Bergamo. Dal 51° posto sale al 20° in Italia nella seconda classifica nazionale di Valutazione quadriennale della ricerca (Vqr) elaborata dall’Anvur (l’Agenzia nazionale di valutazione
del sistema universitario e della ricerca). Questo, in soldoni, significa che l’ateneo riceverà una quota di finanziamenti superiore. Che verranno reinvestiti nel reclutamento dei docenti e negli standard da migliorare.

7 – «Così Piazza della Libertà è un triste luna park»

Al presidente dell’associazione «Per il museo del XX secolo», Ludovico Acerbis, il pattinaggio in piazza della Libertà proprio non piace. «Così è un triste luna park di periferia», ha detto durante un sit-in, in cui ha chiesto che il palazzo-capolavoro del Novecento che domina la piazza sia restituito alla cittadinanza. Il sindaco Gori non si scompone e risponde: «La pista di pattinaggio è una tradizione».

8 – Tram in Val Brembana, la raccolta firme va avanti: quota 2.500

Quelli più motivati sembrano i giovani. Prosegue la raccolta firme per sollecitare la realizzazione della linea T2 del tram delle valli da Bergamo a Villa d’Almè, promossa dal sindaco di Lenna, Jonathan Lobati. Ora si è arrivati a quota 2.500. L’obbiettivo è almeno 5mila. La petizione, poi, verrà depositata in Provincia e Regione, alla Teb, al ministero delle Infrastrutture.

 

 

20 DICEMBRE

 

1 – «Ospedale, la sosta sarà meno cara». Lo dice il presidente della Provincia

Annuncio bomba quello dato dal presidente della Provincia nel presentare gli obbiettivi principali di via Tasso nel 2017. Buoni propositi per l’anno nuovo, insomma. Ma concreti. «Nelle prime settimane del 2017 – ha annunciato – saremo nelle condizioni di abbassare le tariffe del parcheggio del nuovo ospedale». Visto che se ne parla da tempo, l’attesa è grande. Ma Rossi non ha potuto fornire la notizia di dettagli e cifre: «Ci stiamo ancora lavorando ma i bergamaschi se lo aspettano», ha detto, lapidario.

2 – Buone notizie per la Bergamo che pedala: ciclabili quasi triplicate

Più 178 per cento di piste ciclabili dal 2008 al 2015. Un dato davvero incoraggiante quello sottolineato dal centro ricerche Continental: è la maggiore crescita percentuale in Lombardia, quella di Bergamo. L’elaborazione è stata fatta lavorando su dati Istat: i dati si riferiscono alla media di quelli rilevati nei comuni capoluogo di provincia.

3 – Donna di Calcio indagata per riciclaggio: un giro complessivo da milioni di euro

Attività di riciclaggio per un giro complessivo da milioni di euro. È quanto portato alla luce dall’operazione «Pecunia Olet», che ha consentito di procedere al sequestro, tra Italia e Svizzera, di beni e liquidità per un ammontare di circa 10 milioni di euro. L’associazione per delinquere che gestiva questo giro era già stata disarticolata nel 2014. Ora sono emersi nuovi sviluppi: pare che l’attività di riciclaggio fosse governata da una donna di origine bergamasca, Isabella Sirani, 41 anni, residente a Calcio, imprenditrice operante nel settore dell’edilizia e attualmente residente in Svizzera.

4 – Non ce l’ha fatta la 30enne brianzola caduta in un canalone a Schilpario

Non ce l’ha fatta Stefania Caruana, la 30enne di Monza, ricoverata agli Spedali Civili di Brescia, recuperata dal soccorso alpino domenica pomeriggio sopra Schilpario, nella zona del Cimon della Bagozza. L’escursionista era rimasta ferita in seguito a una scivolata sul ghiaccio: finita in un canalone, ha sbattuto su un cumulo di neve ghiacciata, riportando un gravissimo trauma facciale. Il compagno ha subito chiamato i soccorsi. Le sue condizioni sono apparse disperate sin dall’inizio. La centrale operativa ha inviato l’eliambulanza, decollata da Brescia. Il tecnico di elisoccorso del Cnsas Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) con il verricello ha recuperato il ferito, valutato dall’èquipe medica con codice rosso, per il trasporto in ospedale.

5 – L’aereo finito fuori pista verrà smontato e spostato a gennaio

Ad agosto l’incidente del Boeing Dhl finito fuori pista, sull’ex statale Cremasca. Ora, dopo mesi di parcheggio a bordo strada, la compagnia Dhl si è rivolta a una compagnia di Grassobbio per la rimozione del velivolo. Verranno asportate le componenti elettriche, le parti in rame, in plastica e gomma; quindi si procederà a smontare le ali e la coda. Il resto verrà tagliato a pezzi. I lavori dovrebbero partire a gennaio.

6 – Ipovedente, ma tenta di rubare bici di valore: condanna a 8 mesi per furto

Da certificato medico sarebbe ipovedente. Riesce a vedere solo ombre. Questo, tuttavia, non gli ha impedito di rubare una bici del valore di 1.500 euro. Un tunisino 42enne ipovedente senza fissa dimora, fermato in via Garibaldi mentre tentava di portarsi via il mezzo, è stato ora condannato a 8 mesi. Era già noto alle forze dell’ordine per reati analoghi. «Aspettavo il bus e, dato che non ci vedo, mi sono appoggiato a un palo dove c’era anche la bici, ma senza accorgermene…», si è giustificato.

7 – Operazione «Piazza Pulita» a Zingonia, sequestrati 8 chili di droga

Al dettaglio avrebbero fruttato 100mila euro gli 8 chili di hashish, oltre a un etto di marijuana e mezzo etto di cocaina, sequestrati dai carabinieri in un appartamento di Boltiere nell’ambito dell’operazione Piazza Pulita sull’area sensibile di Zingonia. I militari hanno arrestato quattro nordafricani per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’appartamento è in uso a un egiziano 33enne regolare sul territorio nazionale. Recuperati anche circa 6.000 euro in contanti in banconote di piccolo taglio.

8 – Domani pomeriggio la firma del protocollo d’intesa per l’area ex Ote

Domani pomeriggio alle 16, nella sala Cavalli di Palazzo Frizzoni, verrà siglato il protocollo d’intesa tra Comune di Bergamo, Provincia di Bergamo, Tramvie Elettriche Bergamasche e Groupedil per la riqualificazione dell’area dismessa Ote. Si tratta del progetto Chorus Life, presentato nelle scorse settimane e che prevede la costruzione, tra l’altro, del nuovo Palasport di Bergamo. Interverranno il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori, il presidente della Provincia Matteo Rossi, il presidente di Teb Filippo Simonetti e il Cavaliere del lavoro Domenico Bosatelli.

 

19 DICEMBRE

 

1 – Batte la testa contro un compagno. Bimba di 6 anni finisce in ospedale

Batte la testa contro quella di un compagno: non sembra nulla di grave, inizialmente, anche perché di scontri così, all’ora della ricreazione, se ne vedono tanti. Un’ora dopo però si sente male in classe. Paura per una bimba di 6 anni alla scuola Papa Giovanni XXIII di Bolgare, tant’è che è stata portata immediatamente in ospedale. Le sue condizioni sarebbero serie ma non gravi.

2 – Condannata a nove anni la foreign fighter che si sposò a Treviglio

In Italia non era mai successo prima. La Corte d’Assise di Milano ha emesso la prima sentenza di condanna nei confronti di un foreign fighter. O meglio di una foreign fighter. Si tratta di Maria Giulia «Fatima» Sergio, la ragazza di 29 anni di Inzago che, convertita all’Islam, è partita alla volta della Siria – dopo essersi risposata con l’albanese Aldo Kobuzi in una moschea di Treviglio – dove si troverebbe ancora oggi per combattere al fianco di miliziani dell’Isis. I giudici l’hanno condannata a 9 anni di reclusione e, con lei, hanno condannato anche il padre Sergio Sergio (4 anni) e il marito a 10 anni.

3 – Stazione, stato di agitazione per chiedere più sicurezza per i lavoratori

Un sopralluogo congiunto tra Trenord e Rete Ferroviaria Italiana si era svolto già nel febbraio del 2015, poi, lo scorso 7 dicembre, è arrivata anche la denuncia dei rappresentanti dei lavoratori di Rfi: sulle cattive condizioni di lavoro in almeno una parte della Stazione Ferroviaria di Bergamo la Filt-Cgil provinciale, ancora una volta, vuole richiamare l’attenzione di tutti per la grave e insostenibile situazione in cui si trova a operare il personale al lavoro nello scalo per Trenord, Rfi, Serfer e Società Cooperativa Fattorini Stazioni. «Più volte negli ultimi anni abbiamo segnalato la grave situazione in cui versa l’area della stazione cittadina delimitata dal cosiddetto Binario Prima Linea fino allo scalo Binari VIII e IX vicino all’ex zona “squadra rialzo”. Quest’area è utilizzata abitualmente come bivacco da persone estranee al servizio ferroviario, per la maggior parte indigenti e tossicodipendenti. È frequente imbattersi in persone in evidente stato di alterazione psicofisica che attraversano i binari durante la movimentazione di treni e mezzi d’opera della manutenzione binari, col rischio di venire investiti. C’è poi, per i lavoratori, il rischio di trovarsi nel mezzo di colluttazioni tra bande e il disagio di lavorare tra siringhe e rifiuti sparsi ovunque -ha spiegato oggi pomeriggio Marco Sala, segretario generale della Filt-Cgil di Bergamo -. Torniamo ora a denunciare, dunque, un clima che mette a rischio la sicurezza e la salute dei lavoratori che operano lì». Il sindacato chiede di mettere in atto un «piano straordinario e strutturale che preveda una bonifica periodica dell’area, la presenza di vigilanza per scortare il personale interessato e l’installazione di una recinzione che impedisca l’accesso ai non addetti ai lavori», conclude Sala.

4 – Gravissima la 30enne precipitata in un canalone sopra Schilpario

Resta gravissima la 30enne di Monza, ricoverata agli Spedali Civili di Brescia, recuperata dal soccorso alpino ieri pomeriggio sopra Schilpario, nella zona del Cimon della Bagozza. L’escursionista è rimasta ferita in seguito a una scivolata sul ghiaccio: è finita in un canalone. In seguito alla richiesta di soccorso, la centrale operativa ha inviato l’eliambulanza, decollata da Brescia. Il tecnico di elisoccorso del Cnsas Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) con il verricello ha recuperato il ferito, valutato dall’èquipe medica con codice rosso, per il trasporto in ospedale. «I questi giorni – segnala il Cnsas – è necessario mantenere alta la guardia, soprattutto in quota: la presenza di neve e ghiaccio, in particolare nei pendii all’ombra, può essere insidiosa. Non bastano i soli ramponi a garantire una buona sicurezza, bisogna sempre avere con sé anche la piccozza, per una maggiore stabilità sul terreno».

5 – Tetto in fiamme sopra una casa di Carobbio: 300 metri quadrati in fumo

Incendio di notevole entità ieri sera a Carobbio degli Angeli, in un’abitazione di via Roma. Sono bruciati 300 metri quadrati di tetto in un’abitazione privata. Gran lavoro per le sette squadre dei vigili del fuoco – da Bergamo, Dalmine e Gazzaniga – impegnate fino alle 4.30 di stamattina. Evacuato l’edificio.

6 – Stezzano, bracieri accessi in casa: un’intera famiglia senegalese intossicata.

Un’intera famiglia senegalese intossicata dal monossido, fortunatamente in maniera non grave, tant’è che dopo un giorno sono stati dimessi dall’ospedale. Sabato sera avevano acceso in un appartamento di Stezzano, al civico 31 di via per Azzano, dei bracieri per a carbonella. La famiglia Tine ne ha respirato il fumo: tutti e nove i componenti sono stati trasportati in ospedale.

7 – Rapina con pistola e bastone a Zingonia: paura al market

Hanno fatto sdraiare a terra tutti i dipendenti sotto la minaccia di pistola e bastone. Poi si son fatti aprire la cassaforte dal direttore, hanno arraffato i soldi e sono fuggiti. Un assalto senza scrupoli quello di tre rapinatori, sabato sera verso le 20, a Zingonia, ai danni del supermercato Superstore Sigma che si affaccia su corso Europa. Erano a volto coperto e hanno fatto irruzione dal portone posteriore. Il bottino ammonterebbe a circa 5mila euro.

8 – Atb, 23mila multe all’anno, ovvero circa 70 al giorno

Circa 400mila persone controllate ogni anno su bus e tram. Lavorano alacramente i 30 controllori abilitati dell’Atb: 1.500 ogni giorno le persone controllate e 70 le sanzioni elevate. «L’evasione è passata dall’8% degli anni passati a meno del 6%», sottolinea il direttore Gianni Scarfone. Tradotto in cifre significa che all’azienda di trasporti, a causa dei mancati introiti da tariffa, vengono meno 800 mila euro all’anno. Ci sono anche casi di avasori seriali: una ragazza è stata pizzicata per ben 42 volte e ha un debito di 12mila 600 euro.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.