Fuoricasello, altro che autogrill
(e più di Camionisti in trattoria)

Come avviene da 13 anni, all’inizio dell’estate viene presentata la guida “Fuoricasello”, utile per chi viaggia in autostrada e non vuole fermarsi negli autogrill, ma cerca nei pressi di un casello un ristorante adatto per le sue esigenze. La guida – come scrive il giornalista Bruno Pizzul nella introduzione – «è una intuizione geniale, di palmare utilità, bisogna subito trovarle un posto nell’abitacolo della macchina, un guaio dimenticarla a casa quando ci si mette in viaggio».

Ventuno bergamaschi. Su un totale di 828 ristoranti segnalati lungo tutta la rete autostradale italiana, sono 21 i bergamaschi, compresi quelli lungo la nuova autostrada Brebemi. Sedici (l’anno scorso erano 14) sono segnalati nei pressi di un casello della Milano-Venezia: “Osteria da Mualdo” e “Al Dopolavoro” a Crespi d’Adda (uscita Capriate), il “Kanton” a Capriate; poi “Osteria del Conte” di Dalmine, Trattoria Taiocchi di Curno e Tre Noci di Spirano (uscita Dalmine). All’uscita di Bergamo città sono segnalati “Porta Osio”, “Arti”, “Ol Giopì e la Margì”, “Osteria Bacco Matto”; all’uscita di Seriate “Il Fiore dell’Oste” a Brusaporto, “Da Giò” e “Vertigo” a Seriate; all’uscita di Grumello-Telgate “Al Vigneto” e “Cascina dei Filagni”, entrambi a Grumello del Monte, oltre al “Leone d’Oro” che è a Telgate. Altri cinque ristoranti sono lungo la Brebemi: “Ravecca” all’uscita Romano di Lombardia, il “Convento dei Neveri” uscita Bariano, “Gambero d’oro” uscita Caravaggio, “l’Usteria” e “Enotavola Pietrasanta”uscita Treviglio.

 

 

Partiti per gioco. All’inizio sembrava un gioco per i fratelli Longo, titolari della “Longo un Mondo di Specialità”, con sede a San Giorgio su Legnano, alle porte di Milano. Loro, costretti a viaggiare tutto l’anno in autostrada per visitare fornitori e clienti (parliamo di una delle più grandi aziende italiane specializzate in regalistica alimentare di qualità), avevano deciso di mettere per iscritto i ristoranti e trattorie dove, uscendo dall’autostrada, si fermavano più volentieri per una pausa gustosa ma anche veloce e contenuta nel prezzo.

Una buona compagna. Fuoricasello, ormai universalmente conosciuta, è diventata insostituibile compagna di viaggio: oltre a vantare il primato nella distribuzione, il suo fascino cresce grazie a continui aggiornamenti. L’indicazione delle caratteristiche del locale è stata arricchita e facilitata: per un’informazione più esplicita, i prezzi sono riferiti al costo di un primo e di un secondo piatto. Molti sono anche i locali che propongono l’ormai classico menù del mezzogiorno: anche questo costo viene indicato. La guida si acquista online sul sito www.fuoricasello.it o in libreria. Costa 20 euro.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.