Com’è che la Curva Nord è pronta
e la Montelungo è ferma da 2 anni?

La gente se lo chiede: ma come mai la caserma Montelungo è lì ferma da anni e invece la nuova Curva Nord dello stadio in quattro e quattr’otto l’hanno tirata su? E, al di là della Curva dello stadio, possibile che le parti non di pregio della vecchia caserma siano state demolite ben due anni e mezzo fa, con grande rapidità, e che poi non sia stato fatto più nulla? Un grande polverone… Perché poi tutto si è fermato e all’orizzonte non si scorgono lavori pronti a iniziare?

 

 

È noto che alla Montelungo andranno strutture dell’università, piccoli appartamenti per studenti e docenti, il Cus, Centro universitario sportivo, altri elementi. L’accordo di programma fra Comune, Università e Cassa depositi e prestiti (che era proprietaria dell’immobile, acquistato dal demanio dello Stato) era stato firmato nel luglio del 2016, più di tre anni fa, quando la previsione era che l’università toccasse i ventimila iscritti per il 2020. Invece siamo nel 2019 e gli iscritti sono oltre 24 mila. Se le cose andassero avanti in questo modo, si potrebbe ipotizzare che fra due anni si arrivi a trentamila iscritti. Un cambio forte di prospettiva.

 

 

Nelle scorse settimane l’università di Bergamo ha considerato la questione e ha aperto un bando che si chiuderà fra pochi giorni, il 10 settembre, per reperire nuovi spazi per i suoi studenti e le sue strutture. Tutti possono avanzare proposte a Bergamo e a Dalmine, anche privati cittadini che possono mettere a disposizione eventuali appartamenti sfitti che andrebbero agli studenti. Tra i grandi luoghi che potrebbero venire interessati da questa nuova situazione anche la ex Reggiani, nella zona a monte dello stadio, e l’ex Gres, verso Colognola. Insomma, l’università sta riconsiderando la situazione alla luce di quello che sta accadendo. Ma la Montelungo? Dopo tanti anni di abbandono e dopo le demolizioni del marzo 2017 quando diventerà nuovamente un luogo importante per la città? Bisogna ricordare che la Montelungo vera e propria è costituita dagli edifici che guardano parco Suardi e vicolo San Giovanni. La parte a sud, verso la Torre del Galgario, è invece la caserma Colleoni: quest’ultima dovrebbe diventare sede…

 

Articolo completo a pagina 6 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 12 settembre. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.