Parte la stagione estiva di Astino
Enogastronomia, foto e cantieri

Gli ulteriori lavori di restauro, con investimento della Fondazione Mia per due milioni e mezzo di euro, non sono terminati: ci vorrà ancora qualche settimana. Si stanno concludendo i lavori per i camminamenti interni del chiostro; finita la sostituzione degli infissi al piano terra e ancora, come il rinnovamento degli impianti di riscaldamento e raffreddamento. Entro la fine del mese sarà invece completato il parcheggio da 150 posti auto in via Ripa Pasqualina, in lieve ritardo a causa del maltempo, con la pista ciclabile che collegherà via Astino con Ripa Pasqualina. Un mese in più, fine giugno per la ciclabile verso la Madonna del Bosco. Per l’ipotesi di ospitare una scuola di alta cucina, la nebbia è fitta: forse a fine anno ci sarò qualche comunicazione in merito.

In questo quadro tra luci e ombre, l’ex monastero di Astino apre oggi la stagione estiva con la tradizionale inaugurazione di una mostra, in questo caso «Forme del vero» di Nino Migliori, a cura di Corrado Benigni, aperta dalle 10 alle 22 nei fine settimana (da venerdì a domenica) di maggio, mentre da giugno in avanti, confidando nel meteo, tutti i giorni escluso il lunedì. Per “food and beverage” sono stati chiamati in causa di nuovo La Marianna e il Birrificio Elav…

 

Articolo completo a pagina 33 del BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 16 maggio. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.