Dopo Sematic, anche Heineken
vuole tagliare sessanta lavoratori

Sessanta lavoratori a casa: il rischio è concreto. Si parla dei dipendenti di Clean Service che sono addetti al carico e scarico merci e alla preparazione dei bancali nello stabilimento Heineken di Comun Nuovo. Negli scorsi giorni si era molto parlato del fatto che Filt-Cgil e Fit-Cisl fossero preoccupate: discutendo del premio economico da corrispondere ai lavoratori per il picco estivo, Clean Service si sarebbe rifiutata di dialogare con loro. Da qui le prime preoccupazioni: il contratto di appalto di carico e scarico merci, nonché della preparazione bancali, scadrà il 30 aprile. Mercoledì, Marco Sala di Filt-Cgil, ha confermato che la situazione non è rosea: «Come d’incanto, ieri (martedì, ndr) siamo stati convocati e abbiamo saputo che ci sarà una ditta subentrante a Clean Service dal primo maggio. L’appalto, dunque, non è stato rinnovato».

Cosa ne sarà, dunque, dei sessanta lavoratori? «Ora si dovrà incontrare la nuova società, che non conosco, per stipulare un accordo di subentro e tutelare l’impiego di tutti. Lunedì avrò un primo incontro. Speriamo di chiudere l’accordo prima di Pasqua. Sono presenti anche…

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 43 del BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 18 aprile. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.