Primavera, che manita alla Juve!
Uragano Berretti: 6-0 al Monza

Foto in apertura: Bertini e Ghislandi, della Berretti, esultano dopo un gol. Foto Atalanta.it

 

Il weekend appena terminato è stato ricco di soddisfazioni per il settore giovanile dell’Atalanta. Cinque sono le vittorie collezionate dalle formazioni atalantine e una sola sconfitta. Un ottimo bottino, reso imperfetto solo dall’ennesimo passo falso dell’Under 15, di cui parleremo più avanti.

Ad aprire le danze è stata la Primavera, in campo venerdì sera nel secondo anticipo della nona giornata di campionato. Allo Juventus Training Center di Vinovo i protagonisti dello show sono i gioiellini della Dea, che schiantano i padroni di casa con una prestazione sontuosa chiusa per 1-5. Il big match inizia su ritmi elevati e i ventidue in campo si danno battaglia su ogni pallone. Sono però i bianconeri ad avere la prima occasione con Petrelli che calcia alto da buona posizione. Provano invece a rendersi pericolosi con i corner i bergamaschi, che trovano un intervento provvidenziale del portiere Loria sulla conclusione a botta sicura di Cambiaghi. Gli uomini di Brambilla sembrano averne di più e al minuto 25′ confezionano un’azione magnifica: Cambiaghi si spinge in avanti, servizio al limite per Peli che premia la sovrapposizione di Kulusevski e il fantasista svedese pesca l’angolino sul secondo palo. La freschezza e la velocità dei nerazzurri mette in ginocchio la Vecchia Signora: Peli si avventura in uno slalom, apertura per Cambiaghi che di prima intenzione di mancino colpisce il palo.

 

 

La reazione dei torinesi si concretizza con Petrelli in area di rigore: cross al centro deviato verso la porta da un difensore e un colpo di reni pazzesco di Carnesecchi che nega il pareggio alla Juventus. Prima dell’intervallo c’è tempo anche per il raddoppio della capolista targato Zortea, al secondo gol consecutivo dopo quello segnato al Milan. Bellissimo inserimento centrale del terzino liberato al tiro da una sponda di Piccoli. Nella ripresa, Colpani si invola in un coast to coast impressionante, con una finta si libera facilmente di Pereira Serrao e con un bolide a incrociare firma il tris. I ragazzi di Baldini vogliono però provare a tornare in partita e il bomber Petrelli si carica la squadra sulle spalle realizzando il gol della bandiera al 17′. Dieci minuti più tardi, i bianconeri si fanno trovare scoperti sulla fascia destra, Peli sfrutta lo spazio a disposizione entrando in area e servendo al centro con un pallone teso Piccoli che a porta vuota non può sbagliare. Poco dopo, ancora Colpani porta a spasso tutta la difesa in progressione, si presenta a tu per tu con Loria e lo supera. L’uragano Atalanta, in seguito al 6-1 rifilato al Milan, si abbatte con una manita senza storia su una modesta Juventus e vola in vetta alla classifica, a più tre sulle inseguitrici.

La Berretti domenica ha giocato un altro sport a Zingonia e si è sbarazzata senza nessun problema del Monza. Il perentorio risultato tennistico di 6-0 inflitto ai brianzoli non lascia dubbi sull’andamento del match della truppa di Lorenzi. Le doppiette di Cortinovis e Kichi e le reti di Ghislandi e Bertini regalano l’ottavo successo in altrettante gare alla Dea. Ora il divario con Giana Erminio e Novara si fa sempre più ampio e gli orobici corrono in solitaria al comando della graduatoria. Grande risultato ottenuto anche dall’U16, che batte al Centro Bortolotti una delle truppe più in forma del girone B, il Padova. Il 3-1 ai danni dei biancoscudati con i sigilli di Zuccon, Rosa e Pagani regala ai ragazzi di Zanchi tre punti fondamentali che li rilanciano in classifica, infatti con il pareggio nel derby di Milano i bergamaschi si portano a meno due dalle capoliste Milan e Inter. Domenica da incorniciare per i classe 2003.

 

[Andrea Di Cintio, tecnico dell’Under 15. Foto Atalanta.it]

 

Non si può dire altrettanto dell’Under 15, unica formazione uscita sconfitta dall’ultimo weekend di novembre. L’1-0 subito tra le mura amiche contro il Padova allontana l’Atalanta dalla zona playoff, ora distante sei punti, e fa tornare a galla le difficoltà mostrate da settembre a oggi. Nonostante la pressione offensiva, la squadra di Di Cintio non è riuscita a superare il portiere avversario. Questa è la grande colpa delle giovani promesse nate nel 2004 che dovranno tornare al successo al più presto. Sabato produttivo per l’U14, che supera di misura la Pro Patria in trasferta con il gol di Orlando, tenendo il passo di Inter e Milan. Esulta anche l’U13 che travolge 7-1 la Pro Patria grazie alla doppietta di Bonanomi e alle reti di Anzuoni, Ragnoli, Mencaraglia, Riccio e Ndyaie. Nella giornata contro la violenza sulle donne (domenica 25 novembre), le ragazze nerazzurre sono scese in campo ad Azzano San Paolo nel primo torneo Regionale U17 #incapoxtutte. La compagine di Oriunto prima ha battuto il Brescia 2-1 con le marcature di Baruffaldi e Gaia Bianchi, e poi ha superato l’Inter 2-0 con i centri di Paris ed Esposito.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.