15 maggio 2019: più di una partita
Bergamo è già tutta nerazzurra

Nei 112 anni della sua storia, poche volte era mai successo che l’Atalanta, da squadra di calcio, si trasformasse in atmosfera, in aria che si respira ovunque, in euforia collettiva, in evento storico. Ma alla vigilia di due avventure straordinarie quali la finale di Coppa Italia e la possibilità di accedere alla Champions League, Bergamo e la Bergamasca intera respirano nerazzurro.

 

 

Sono tante le manifestazioni di passione che si possono incontrare camminando nelle vie della città, ad esempio. Uno degli “abiti” cuciti su misura per la Dea che colpisce maggiormente è senza dubbio l’allestimento di Zenzero Fiori, in via Baschenis. Centinaia di strisce di stoffa nere e azzurre formano una sorta di arco che introduce nel negozio, dove, appese al soffitto, possiamo ammirare le maglie della squadra autografate da diversi calciatori del passato e del presente. I titolari spiegano che «la vicinanza alla squadra del cuore di Bergamo è dovuta principalmente al nostro spirito di aggregazione nei confronti della nostra città. Zenzero, infatti, non è solo un negozio di fiori, ma un contenitore di passioni. Molti dei nostri clienti ci trasmettono questo entusiasmo e tra di essi ci sono anche alcuni giocatori della squadra stessa».

 

 

A Boccaleone, sulla facciata più ampia dei Magazzini Generali, è ormai pronto invece il murale voluto dalla Lega di Serie A per festeggiare una delle due finaliste della Coppa Italia. L’opera d’arte, perché di opera d’arte si tratta, è stata realizzata dai writers Rosk&Loste che, in una decina di giorni, sono riusciti a completare il lavoro. Sulla parte destra dell’opera è ritratto Gasperini in un’espressione concentrata e piena di energia. Sulla sinistra, invece, tre dei principali protagonisti della squadra: Gomez, Zapata e Iličić. In questa cornice di celebrazione artistica, i nerazzurri delle meraviglie diventano il simbolo di un progetto vincente che da ormai tre anni sta contagiando di euforia la città.

 

 

La passione sportiva che da sempre ha accompagnato le vicende della nostra Atalanta è ormai diventata passione civile. La Dea, come società ma anche per stile di gioco e mentalità, è diventata specchio dei grandi valori storici e tradizionali della bergamaschità e, insieme, quasi modello di comportamento e di vita, nel senso di una tensione positiva al raggiungimento dell’obiettivo, della vittoria, del gettare l’anima oltre l’ostacolo senza lasciarsi mai sopraffare dalle sconfitte e dalla paura. Le oltre ventimila sciarpe che ondeggeranno tra le mani dei tifosi presenti all’Olimpico per la finale diventeranno il segno del cuore grande di una città e di una provincia che si riconoscono nella propria squadra di calcio, ormai simbolo tra i più belli ed entusiasmanti.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.