Domenica 18, ore 12.30: tutti su Sky
Orobica-AtalantaMozzanica, derby!

Domenica 18 novembre, alle ore 12.30, al campo sportivo di Cologno al Serio si gioca il derby bergamasco di Serie A femminile tra Orobica Calcio e AtalantaMozzanica. Il match (che sarà anche trasmesso in diretta su Sky) rappresenta una sfida salvezza per le due formazioni, partite non certo alla grandissima quest’anno. Abbiamo intervistato le capitane delle due formazioni, Chiara Poeta e Daniela Stracchi, per presentare la sfida.

 

Chiara Poeta

In casa Orobica, la fascia di capitano è sul braccio di Chiara Poeta, centrocampista classe 1992 che alterna l’attività calcistica a quella di commessa part-time in un centro commerciale. «Ho iniziato a giocare a calcio piuttosto tardi – racconta Poeta, che compirà 26 anni il prossimo 12 dicembre -. I primi passi li ho mossi a 14 anni nelle giovanili dell’ex Atalanta (il club che disputava gli incorni interni ad Almenno San Salvatore, ndr), con cui ho debuttato in A. Poi, con lo scioglimento della società, mi sono trasferita all’Orobica, che ai tempi giocava ad Azzano San Paolo, il mio paese di residenza».

Come mai ha intrapreso così tardi l’attività?
«Perché i miei genitori erano contrari, ma ho sempre praticato calcio a scuola e all’oratorio. Poi mio zio mi fece fare un provino a 14 anni, andò bene e anche i genitori si convinsero».

Come valuta questo inizio di stagione?
«Fortunatamente anche altre squadre hanno fatto passi falsi e siamo in scia. Una vittoria ci consentirebbe di fare un salto in avanti. È stato un inizio traumatico, poi una lunga sosta e cinque match molto vicini. Fisicamente è stato difficile, ma vincere con l’Hellas è stato veramente importante».

Come arrivate a questo derby?
«Molto cariche, perché veniamo da due stop e c’è della sana rivalità sportiva. Cercheremo i tre punti perché ne abbiamo bisogno. Poi, non avendo mai vinto con loro…».

Inoltre sarà il vostro primo match trasmesso da Sky.
«Questo sarà un motivo in più per fare bene. Molte persone ci guarderanno, vogliamo…

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 25 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 22 novembre. In versione digitale, qui.

 

Daniela Stracchi

Nelle fila dell’AtalantaMozzanica, lei è la veterana. Daniela Stracchi, classe 1983, è colei cui è stato attribuito il compito di prendere per mano la squadra cercando di sfruttare tutta l’esperienza di una centrocampista che in passato ha vestito anche le maglie di Fiammamonza e Torres. «Non so se ho ereditato la passione del calcio da papà, ma sin da piccola avevo sempre la palla fra i piedi – ricorda la capitana delle nerazzurre -. Ho iniziato nel Fiammamonza quando avevo 8 anni perché lì esistevano già squadre completamente femminili. Ho fatto la trafila delle giovanili, poi il debutto in prima squadra e oggi sono qui».

Quest’anno non è stato un avvio troppo positivo.
«Siamo partite a rilento. Non siamo una rosa da quattro punti in classifica, valiamo di più. Questo ci deve far pensare. Jordan? A vederla in campo è un ottimo elemento e ci potrà dare una mano».

Domenica ci sarà l’importante derby contro l’Orobica.
«Arriviamo determinate e con la consapevolezza che dobbiamo portare a casa i tre punti, senza fare troppi giri di parole. Abbiamo bisogno di migliorare la nostra classifica».

Con l’Italia intera pronta a guardarvi su Sky. Emozionata?
«Speriamo di offrire uno spettacolo piacevole. Fa anche piacere che a Sky ci sia uno staff tutto al femminile a seguirci. Viva le donne!».

Come potrebbe sbloccarsi il match?
«La porterà a casa chi delle due avrà più fame di vittoria, più grinta e più voglia di ottenere i tre punti. Loro si trovano più o meno nella nostra situazione di classifica e quindi con la necessità di vincere. Sarà una gara…

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 25 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 22 novembre. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.