Ecco finalmente Le Cucine di Curno
Un mare di gente sotto la cupola

Una grande piazza ovale costruita e concepita secondo le più attuali ed ecosostenibili tendenze, sormontata da una luminosa cupola alta 17 metri, che ospita 17 ristoranti con 600 posti a sedere. Queste sono “Le Cucine di Curno”, un’area scenografica ed elegante, dove la varietà e la moltitudine di offerte si sposano alla perfezione formando un collage gastronomico di qualità.

 

È una folla vastissima quella che invaso la piazza per assistere al taglio del nastro effettuato dal vicesindaco Vito Conti. «Questo è il mio territorio e questo è un passo per consolidarne sicurezza e futuro. Il primo di una serie. Succederanno altre cose, perché questo processo di riqualificazione e di qualità è appena cominciato. Adesso è il momento di usare, vivere e fruire questo fantastico posto che è stato realizzato».

Un luogo di convivialità e di aggregazione, per lavorare, per giocare con i bambini, con spazi per i cani, video e schermi. Per trascorrere del tempo libero di qualità e in totale sicurezza. La struttura è poi stata benedetta da don Angelo, parroco di Curno: «Voglio che la benedizione raggiunga ciascuna delle vostre famiglie e che questo possa diventare un luogo dove si costruisce e si migliora la qualità della vita sul nostro territorio. Perché tutti quelli che entrano qui non solo trovino del buon cibo e una grande varietà, ma qualità umane di relazione, di incontro e di convivialità. Allora anche la fatica che è stata fatta per realizzarlo avrà ancor più significato».

Ma cosa ne pensa la gente? Abbiamo sentito Luisella di Zanica: «È bellissimo. Ci voleva una cosa totalmente diversa dalle solite. Poi avere tutte queste proposte gastronomiche in una sola zona, penso sia ottimale. Di solito vengo qua a fare la spesa, e oggi sono venuta per vederlo finito, mi è piaciuto tantissimo. Speriamo che possano lavorare bene e che abbiano successo». Benedetta, 19 anni, ci dice: «Lo pensavo più grande, ma è molto bello. I ristoranti ci stanno, più o meno li…

 

Articolo completo a pagina 34 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 5 dicembre. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.