L’Italtrans è sempre più giovane
Ciao Loca, benvenuto Dalla Porta

Laura Bertulessi, la signora Italtrans, ha già fatto sapere di essere felice e soddisfatta, e d’altra parte quando si muove lei tutto è in ordine, i dettagli non sono lasciati al caso e anche in questo nuovo lancio di Lorenzo Dalla Porta niente è casuale: «Lorenzo è un pilota giovane e talentuoso. Siamo contenti che entri a far parte della nostra famiglia: crediamo che il suo talento e la sua continua crescita permetteranno al team e a lui di raggiungere risultati importanti».

 

[A sinistra, Laura Bertulessi, la “signora Italtrans”]

 

Il 2020 per l’Italtrans sarà un anno di grandi sfide. L’avventura di quest’anno con Enea Bastianini è cominciata bene, l’infortunio di Enea non deve trarre in inganno. A Misano il Bestia ci sarà e sarà ancora una volta competitivo. Ma l’Italtrans non si ferma qui, continua nella sua opera di ricerca del talento. Che ha trovato la sua sintesi in Lorenzo Dalla Porta, 22 anni, di Prato, che sta lottando per il titolo in Moto3. È un fenomeno, un talento. Era da un po’ che quelli dell’Italtrans lo corteggiavano. C’erano già andati vicini qualche stagione fa, poi non se n’era fatto più niente. Oggi è una realtà, e dal 2020 farà coppia con il Bestia. Ne vedremo delle belle. O, come dice la Bertulessi, quello tra i due piloti è «un connubio che porta un valore aggiunto alla squadra a un anno di distanza dal progetto iniziato con Enea, che oggi è il miglior rookie di categoria e ha già conquistato un bellissimo podio. Sono certa che anche Lorenzo seguirà i suoi passi e insieme conquisteremo ottimi traguardi».

 

[Lorenzo Dalla Porta]

 

È stata lei, Laura, appassionata di motori da sempre, a dare il benvenuto a Lorenzo. Questione d’affetto, ma anche di apertura al mondo Italtrans, fatto di sacrifici e di valori. L’ingaggio di Dalla Porta si inserisce alla perfezione nel progetto espansionistico del team, sempre attento all’innovazione, ai giovani, al coraggio. Per Dalla Porta sarà il salto ufficiale nella classe di mezzo, dove alla sua età può succedere di tutto. È un altro di quelli che hanno imparato a lavorare col mestiere, la moto la conosce bene, sa come usarla, e infatti essere leader del campionato in Moto3 ha un senso…

 

Articolo completo a pagina 22 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 12 settembre. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.